Home » Nazionali »Politiche »Prodotti »Servizi » La RAI cancella dal palinsesto anche “Ambiente Italia”. FIMA: “quale futuro per informazione ambientale?”:

La RAI cancella dal palinsesto anche “Ambiente Italia”. FIMA: “quale futuro per informazione ambientale?”

settembre 13, 2016 Nazionali, Politiche, Prodotti, Servizi

Dopo la decisione di non dare più spazio alla terza edizione del programma “Scala Mercalli“, per audience considerato insufficiente, la RAI cancella ora dai palinsesti anche una testata storica come ”Ambiente Italia. La trasmissione, a cura di Beppe Rovera e Battista Gardoncini, andava in onda dagli studi di Torino dal settembre 1990, su RAI 3 nazionale. Per oltre vent’anni aveva occupato la striscia dalle 14.50 alle 15.50, per poi subire un primo ridimensionamento con lo spostamento dalle 13 alle 14 (in competizione con i TG di mezza giornata), e infine una riduzione di durata alla sola mezz’ora nell’ultimo anno.

Scompare così l’ultimo spazio del servizio pubblico dedicato alle storie dell’ambiente italiano, con le sue innovazioni e le sue eccellenze, ma anche con i suoi problemi. “Ambiente Italia – scriveva Aldo Grasso nella “Enciclopedia della televisione” edita da Garzanti – è una delle poche rubriche che possono vantare il marchio di garanzia del servizio pubblico. In onda dal 1990, si propone di raccontare agli italiani come sta un Paese troppo spesso minacciato dall’incuria e dal malaffare, ma anche ricco di uno straordinario patrimonio naturale e culturale, che merita di essere difeso e valorizzato“.

“Si tratta di un nuovo grave colpo all’informazione ambientale“, ha commentato Mario Salomone, presidente della FIMA, la Federazione Italiana Media Ambientali. “Chiediamo alla RAI e alla Commissione Parlamentare di Vigilanza cosa c’è nei palinsesti per il futuro dell’informazione ambientale. Si cancella e si cancella, ma cosa si costruisce? Qual è la visione della Rai su questi temi? E perché queste soppressioni? Il mondo dell’informazione e soprattutto i cittadini attendono risposte”. Il presidente della FIMA ricorda  inoltre che “la trasmissione ha da sempre risposto alle esigenze di servizio pubblico che la TV pubblica deve dare in materia di ambiente, sostenibilità, di qualità della vita e di salubrità (o meno) del nostro paese”.

Anche il giornalista di Repubblica Antonio Cianciullo ha commentato la notizia nel suo blog, ricordando un articolo del 3 giugno scorso del collega Ilvo Diamanti, dal titolo “Vincono ambiente e internet, giù la politica”: una “mappa” delle parole del nostro tempo che sanciva, attraverso interviste di Demos-Coop, il crescente interesse degli italiani per i temi ambientali. “Assieme alla crisi economica, al terrorismo e al problema immigrazione – scrive Cianciullo - l’ambiente è in cima alla classifica dei temi considerati più interessanti. Ci sono dunque almeno tre buoni motivi per cui il servizio pubblico dedicato all’informazione dovrebbe occuparsi di ambiente. Il primo è che interessa. Il secondo è che la questione ambientale è fortemente intrecciata all’innovazione e può perciò aiutare a rendere il paese più competitivo, con un effetto traino sull’economia. Il terzo è la valenza etica del tema e le ripercussioni dell’inquinamento sulla nostra salute”. “La nuova RAI, quella presentata come moderna, lontana dai partiti – prosegue il giornalista di Repubblica – sta riducendo lo spazio per le trasmissioni che si occupano di ambiente… Far pagare con sistemi antievasione (vedi bollette) il servizio pubblico è giusto, ma bisogna anche fornirne uno adeguato”.

Greenews.info si unisce all’appello della FIMA perché la RAI riveda le proprie strategie nell’ambito dell’informazione ambientale e conferma la stima nei confronti della redazione di Ambiente Italia, che già nel 2011, di propria iniziativa, aveva individuato e segnalato ai propri telespettatori la nostra testata e la nascente Associazione Greencommerce, contribuendo, anche in quell’occasione, a raccontare una storia di impegno a favore dell’ambiente e della green economy da parte di una realtà indipendente.

Redazione Greenews.info

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende