Home » Aziende »Pratiche »Prodotti » L’acqua secondo Alberto Bertone:

L’acqua secondo Alberto Bertone

novembre 23, 2009 Aziende, Pratiche, Prodotti

Alberto Bertone, Courtesy of Fonti di Vinadio SpAQuando lo abbiamo intervistato la scorsa settimana il Decreto Ronchi sulla “privatizzazione dell’acqua” era ancora in attesa di approvazione alla Camera, ma Alberto Bertone, amministratore delegato di Fonti di Vinadio SpA (Acqua Sant’Anna), sembra aver sempre avuto le idee chiare a riguardo. “Non si è mai visto un servizio efficiente ed economico in regime di monopolio”, ci conferma infatti al termine dell’intervista che, per attualità del tema, vi proponiamo ribaltata, partendo dalla fine.

Da un imprenditore come Bertone, pragmatico e intraprendente, che a 29 anni decide di lanciarsi nel business dell’acqua (apparentemente saturo e dominato dalle multinazionali) e in 10 anni diventa uno dei leader sul mercato italiano, è difficile sentire una lode dei servizi pubblici – o pubblicamente finanziati – sinonimo, troppo spesso, di inefficienza, burocrazia e spreco di risorse.

Con il suo stabilimento ha intrapreso esattamente la strada opposta: investimenti oggi per essere all’avanguardia domani, anche dal punto di vista della sostenibilità: struttura dell’edificio in pietra e legno per inserirsi nel contesto di montagna, logistica su rotaia per il trasporto dai magazzini di Cuneo e Torino al resto d’Italia, movimentazione gestita da robot elettrici ricaricabili (e non a gasolio), formato quadrato delle bottiglie per ottenere un risparmio di spazio nel trasporto, canalizzazione del calore prodotto dai macchinari per riscaldare gli uffici, fasciatori automatizzati che consentono di risparmiare il 50% della plastica negli imballaggi e, dulcis in fundo, la Sant’Anna Bio Bottle, la prima bottiglia in “plastica” vegetale (ricavata dal mais) che non utilizza petrolio e si biodegrada completamente in 80 giorni nei siti di compostaggio. Questi gli accorgimenti che rendono lo stabilimento di Vinadio un caso di studio internazionale.

Sant'Anna Bio Bottle, Courtesy of Fonti di VinadioIntendiamoci, nonostante l’aura religiosa del brand (derivante dal luogo di produzione e dal vicino santuario) Bertone non ambisce alla beatificazione, ma ricorda di essere un imprenditore e – come tale – interessato a far quadrare i conti e, dove possibile, risparmiare. Il punto è che si può risparmiare in maniera intelligente, conciliando economia ed ecologia, come già hanno testimoniato molti lungimiranti imprenditori da noi intervistati.

D) Cosa pensa della cosiddetta “privatizzazione dell’acqua” in discussione alla Camera [Decreto Ronchi, poi approvato, n.d.r.]?  

R) La gestione portata avanti fino ad oggi dall’ente pubblico è stata pessima e così non può funzionare. I privati che devono stare sul mercato e scontrarsi su un tetto di tariffe sicuramente possono migliorare l’efficienza degli acquedotti e della distribuzione, investendo – e non solamente aumentando le tariffe, come si teme. L’importante è monitorare i costi, stabilendo, zona per zona, che l’acqua in quel luogo debba essere venduta entro un tetto massimo di prezzo. Il concetto è: io ente pubblico ti dò questo bene in concessione con questo vincolo, tu impresa cerca di essere efficiente per poter rientrare nel tetto stabilito. I monopoli pubblici non hanno mai sviluppato tecnologia nè portato nulla di buono, sono carrozzoni che sono sempre serviti a metter dentro amici dei politici di turno. Ma se lei oggi chiede un allacciamento non ha molta scelta – non c’è concorrenza.

D) Ci convinca che non sta tirando l’acqua al suo mulino: meglio l’acqua minerale o l’acqua del rubinetto?    

R) Sono due prodotti molto diversi tra loro, nonstante si voglia spesso far credere il contrario. Pensi all’indagine in corso da parte del procuratore Guariniello: noi abbiamo sempre sostenuto la dannosità dei filtri. E’come spostare un delicato procedimento industriale in casa. La corretta gestione di quei filtri è costosissima e molto laboriosa. E poi ricordiamoci, per fare un esempio locale, che l’acqua di Torino si prende a Settimo Torinese o nel Po, alla confluenza del Sangone (dove c’è la Smat). L’acqua pura del Pian della Mussa non arriva più nemmeno ad Ala di Stura! Se uno vuole bere l’acqua del Po trattata col cloro può farlo tranquillamente, però non mi si dica che sono due prodotti uguali. Per estremizzare: lasciando la conegrina aperta un anno la puzza scompare, ma se la bevo è sempre conegrina. Così il cloro nell’acqua trattata.  

D) Torniamo all’impegno di Sant’Anna nella sostenibilità ambientale. Pensa che questo impegno sia stato premiato dai consumatori?

R) E’molto difficile misurare la quota di mercato che può essere stata spostata grazie alla consapevolezza, nel consumatore, delle nostre iniziative per minimizzare l’impatto ambientale. Credo però che la nostra coerenza e l’aver sempre dedicato sforzi e investimenti in questa direzione abbia fatto apprezzare Sant’Anna come una delle società di acque più attente all’ambiente in Italia. Nel nostro caso (come in quello della Ferrero) si percepisce inoltre “la famiglia” dietro all’azienda e questo aiuta a dare un volto e ad acquisire fiducia, anche perchè siamo molto legati al territorio. Questo forse spiega come siamo diventati il primo player italiano [i capitali sono ancora oggi interamente piemontesi, n.d.r.] contro tutte le multinazionali del settore. 

D) Voi non imbottigliate nel vetro, come mai?

R) Il vetro è il miglior prodotto se lo si considera usa-e-getta, il peggiore, dal punto di vista dell’igiene e della qualità dell’acqua, se lo si rilava e riutilizza. Le bottigile vengono rilavate alla velocità di 100.000 all’ora utilizzando anche la soda caustica, che è più inquinante della plastica. Non dimentichiamo poi i camion che vanno avanti e indietro per raccogliere i vuoti e distribuire le bottiglie rilavate e riempite. La Bio-bottle ha la capacità di conservare l’acqua in un modo molto simile al vetro, senza cioè trasferire in alcun modo (nemmeno esposta al sole) elementi derivanti dal petrolio – proprio perchè non li contiene. Il PET ben conservato non da alcun tipo di problema, ma con il PLA [la "plastica" di mais, n.d.r.] la sicurezza è totale, per questo la vedo come una vera e propria alternativa al vetro, più ancora che alla plastica tradizionale. La bottiglia in PLA può poi essere riciclata, non solo meccanicamente, ma anche attraverso gli appositi siti di compostaggio. La bio-bottle può tranquillamente essere buttata nell’umido. L’unico elemento di plastica rimane attualmente il tappo, ma appena i numeri saranno tali da garantirne l’economia riusciremo a sostituire anche quello con il PLA, che attualmente costa 4/5 volte tanto.

D) Durante un recente evento internazionale (di cui eravate sponsor) Gunter Pauli, il fondatore di Zero Emissions Research Initiative, ha gettato dal tavolo (non so quanto consapevolmente) una vostra bottiglia invitando il pubblico a diffidare di quanto fanno molte aziende. Come commenta questo gesto?             

R) Noi siamo statti attaccati in tutti i modi per il PLA, anche portati in tribunale (dove finora abbiamo sempre vinto), per cui siamo abituati a scrivere e dire unicamente ciò che è vero e dimostrabile. Se il professor Pauli mi dice esattamente cosa sbagliamo sono ben disponibile a discuterne. Se qualcuno ha dubbi sul fatto che sia realmente biodegradabile abbiamo tutte le analisi che lo possono confermare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende