Home » Eventi »Prodotti »Prodotti » L’aiuto dell’informatica per la certificazione dei green building:

L’aiuto dell’informatica per la certificazione dei green building

marzo 22, 2011 Eventi, Prodotti, Prodotti

bimIn attesa  del salone delle costruzioni per eccellenza, il SAIE International Building Exhibition 2011, che si terrà a Bologna dal 5 all’8 ottobre, si è tenuta a Torino una conferenza dal titolo “Sostenibilità e sistemi informatici”, per introdurre due di quelli che saranno i temi  caldi del prossimo salone: “Energia, sostenibilità e green building” e “Servizi e software per le costruzioni”.

Parte di un percorso di incontri organizzato da SAIE, in collaborazione con GBC Italia, questo convegno ha fissato infatti la propria attenzione sul contributo dei sistemi informatici alla costruzione di edifici sostenibili, dall’analisi dell’efficienza energetica alla gestione e manutenzione finale.

Vogliamo approfondire e legare due concetti che oggi più che mai ci stanno a cuore, ha detto Matteo Bo, ingegnere e moderatore dell’incontro: sostenibilità e informatica”, dove il primo è un impegno morale di chi, per lavoro, progetta e modella l’ambiente di domani e il secondo vuole essere uno strumento perché questa “progettazione etica” sia possibile.

Quasi a rasentare la riflessione filosofica, Marco Ravone, del Competence Center – Nemetscheck, ha introdotto  il BIM – Building Information Modeling, un sistema-contenitore che vede l’oggetto architettonico nella sua totalità e complessità, come insieme di tanti aspetti, quello energetico, quello degli impianti, dei costi, dei materiali ecc, in cui nessuno di questi può prescindere dall’altro, ma, anzi, è necessario che tutti siano in relazione. “Possiamo fare l’esempio del corpo umano”, spiega il giovane Ravone: “tutti gli organi lavorano per il corretto funzionamento del nostro organismo; allo stesso modo tutte le specializzazioni e professionalità coinvolte nell’intero ciclo di vita del progetto devono comunicare e collaborare”. Ecco allora che il BIM si fa strumento di raccolta dati, di lavoro congiunto e integrato e di rappresentazione. “Il BIM è la modellazione di un edificio; è un processo di rappresentazione basato su dati reali”.

Diverso dallo strumento di progettazione, questo software è una piattaforma aperta –e quindi continuamente aggiornabile- che permette a tutti i professionisti di integrare e leggere i dati di ogni aspetto, formato, campo, settore della costruzione. “Il BIM, interviene Edoardo Accettulli di Autodesk Italia, segue tutto il ciclo di vita della struttura, dal concept alla realizzazione, dalla progettazione su carta alla ristrutturazione o demolizione”. Uno strumento molto utile per i professionisti perché rende più facile e ordinata la consultazione di dati, il loro confronto o calcolo e può fare la differenza in gara d’appalto, perché la rappresentazione in 2D o 3D dell’ “organismo architettonico risultante è davvero completa, scientifica e garantita e può essere decisiva per la resa e vendita del progetto. “Ma il BIM, continua Accettulli, è un modello utile anche per la ditta di costruzioni che grazie ai dati raccolti dal sistema è in grado di fare preventivi e pianificare i lavori (di costruzione, ma anche di manutenzione della struttura e degli impianti)”.

È chiaro che la condivisione dei saperi, la loro messa in rete e la simulazione dei comportamenti portano all’ottimizzazione di forma, costo e prestazione: questo il beneficio principale.

Complementare al BIM, esiste un altro software dedicato all’analisi delle performance energetiche e ambientali degli edifici: IES Virtual Environment rappresenta uno strumento innovativo per i progettisti che affrontano oggi la sfida dell’architettura sostenibile e che lavorano con protocolli di certificazione internazionali quali LEED, BREEAM e Green Star.

IES Virtual Environment, spiega Alberto Altavilla, responsabile Edilizia di E++, è una famiglia di software che  permette la simulazione dinamica delle prestazioni  degli edifici, passaggio fondamentale per avere le informazioni preliminari necessarie a portare avanti la scelta migliore. Lobiettivo è quello di raggiungere livelli crescenti di prestazioni energetiche dell’edificio (superiori ai valori minimi richiesti dalla normativa), così da ridurre gli impatti economico-ambientali associati all’uso eccessivo di energia, ”. Grazie a questo strumento è possibile cioé calcolare l’energia utilizzata e le emissioni di CO2 su base annualeprevedere il comportamento della struttura e eseguire una simulazione dinamica avanzata, tenendo conto del clima e della location così come di fattori quali la luce, gli ombreggiamenti, la ventilazione, l’energia, i costi del ciclo di vita, la sicurezza degli occupanti e altri parametri economici.

Analizzare i consumi e le caratteristiche, fare una previsione di costo e pensare a una serie di ipotesi (di forma, posizione, orientamento) permette al professionista di individuare i parametri “anomali” e di disturbo e di valutare e scegliere la soluzione ideale, ottimizzando consumi e costi. “Il software, che consente di eseguire in maniera immediata le simulazioni dinamiche avanzate,  in conformità con la certificazione LEED, continua Altavilla, è molto diffuso in Inghilterra e Stati Uniti. E++ sta cercando di promuoverne l’utilizzo anche in Italia, soprattutto nella fase di progettazione: spesso infatti le analisi dei consumi e dei comportamenti vengono sviluppate troppo tardi – a progetto concluso - mentre solo la previsione in fase preliminare permette il reale risparmio energetico e di costi”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende