Home » Idee »Prodotti »Provati per voi »Recensioni »Servizi » LeaveOn, il messaggio digitale che non lascia segni sugli alberi:

LeaveOn, il messaggio digitale che non lascia segni sugli alberi

Un’ App che permette di lasciare, nei luoghi del mondo, un segno del proprio passaggio senza sporcare i muri o incidere gli alberi. Appena ci è stata segnalata ci ha incuriosito e abbiamo voluto testarla. Si chiama LeavOn ed è stata sviluppata per sistemi iPhone e Android dalla Unitstyle, un’agenzia di Verona, raggiungendo in poco tempo il 18° posto della classifica dei social network, nella categoria “Più richieste” di iTunes. Un caso più unico che raro per un social italiano su un mercato di quasi 3.000 presenti sullo store.

LeaveOn è un application gratuita e può facilmente essere scaricata da Apple Store o Google Play. Attraverso questa simpatica e, per certi versi, geniale App, si possono lasciare messaggi virtuali chiamati “Balloons”, geolocalizzati, attraverso la funzione GPS, nell’esatto punto in cui ci si trova e visibili solo lì, da chiunque abbia scaricato l’applicazione. Un’intelligente alternativa digitale dell’incidere un messaggio su un’albero o scrivere su un muro, con in più la possibilità di lasciare una foto oltre al testo.

LeaveOn, raccontano gli inventori, “cambia in questo modo gli schemi degli attuali social network che inchiodano l’utente davanti al computer, stimolandoli  invece ad uscire fuori dalle mura domestiche” e a diventare una versione geek del Walden di Thoreau. Chi ama la privacy può anche lasciare dei “balloons” privati ad una persona presente nei propri contatti. LeaveOn, precisano ancora gli sviluppatori, “non è infatti un social network aggressivo, dove tutto è visibile a tutti e dove vieni assalito da decine di comunicazioni”. Al contrario, il destinatario stesso del messaggio privato riceve una notifica e, se vuole vedere il messaggio, dovrà recarsi fisicamente nel posto in cui è stato lasciato, facendo magari un po’ di sano moto, a piedi o in bicicletta – a conferma che non tutto (per fortuna) si può avere online.

Attraverso il sito web leaveon.com è possibile inoltre accedere, in modo sicuro e riservato, e vedere i propri balloons su una mappa, posizionati esattamente dove sono stati lasciati, ovunque nel mondo. I messaggi non possono essere commentati né privatamente né pubblicamente e la lista degli amici non è visibile da nessuno, nemmeno dagli amici stessi. Per questo gli utilizzi sono i più disparati: lasciare messaggi d’amore, commentare ristoranti, alberghi o i servizi degli uffici pubblici, oppure lasciare un messaggio al posto di un dannoso graffito su un muro o su un albero, senza intaccare l’ambiente, ma durando comunque “per sempre”.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende