Home » Campioni d'Italia »Idee »Prodotti »Rubriche »Servizi » Lei è un velocipede, qui non può circolare!:

Lei è un velocipede, qui non può circolare!

VeloLeo, Courtesy of Gianluigi BaroneSul blog satirico più in voga degli ultimi anni, Spinoza.it, a proposito dell’emergenza inquinamento a Pechino, qualcuno postò nel 2008 questo magnifico paradosso: “Olimpiadi a rischio: si teme che lo smog possa contrastare i benefici del doping”.

Si sa, la satira ha il dovere di essere cinica, così come gli amministratori e i politici dovrebbero farsi guidare dal desiderio di fare buone azioni – possibilmente efficaci.

Prendiamo le famose domeniche pedonali, indette da solerti amministrazioni in chiave antismog: si tratta sicuramente di iniziative che rendono un buon servizio (occasionale) ai cittadini e al loro benessere fisico e sociale, ma è altrettanto noto che non hanno mai scoraggiato né tantomeno risolto il problema dell’inquinamento cittadino da PM10, le temibili polveri sottili. Semmai, si sono concentrate sul classico effetto tampone, quello che “metti la polvere sotto il tappeto, e sembrerà che la casa risplenda”…

Eppure, basterebbe incoraggiare qualche piccola innovazione, farla diventare cultura diffusa ed eliminare qualche anacronistico vincolo normativo. Un esempio?

Gianluigi Barone, è amministratore delegato della Ri-Show, la società che distribuisce in Italia i VeloLeo, speciali tricicli a pedalata assistita elettricamente, che sonio l’evoluzione moderna dei risciò orientali, utilizzabili dai turisti per visitare le città oppure per lo shopping nei centri cittadini.

Nulla di nuovo sotto il sole dunque. “Sono silenziosi, non inquinano, hanno un costo minimo e promettono di creare nuova occupazione, che in questo momento non è poco”, scherza Barone, “dando anche la possibilità di fare un lavoro divertente e all’aria aperta”.

Nel mondo i VeloLeo esistono già in 53 paesi e circolano per le strade di 120 città, “come Berlino, Madrid, Barcellona, Londra, Parigi, Amsterdam, Tokyo e Kyoto”, spiega Barone. Nel resto del mondo però – e qui veniamo al punto – si chiamano “velo-taxi”, ma “qui mi hanno consigliato di cambiare nome per evitare reazioni antipatiche…”. I velo-taxi hanno infatti il tremendo inconveniente (dal punto di vista della casta dei taxisti) di costare poco (2,5 euro a persona per il primo chilometro e 1,5 euro dal secondo in poi), tanto che i sindaci di Berlino e di altre città in cui sono diffusi, hanno invitato a “semplificare le normative e diffondere il servizio”.

Ma qui siamo in Italia e per non incorrere in problemi – che si sono presentati ugualmente - il termine “taxi”, Gianluigi Barone l’ha sostituto con un più poetico “Leo”: nome latino della costellazione del Leone. “Ogni volta che usciamo, grazie alla sponsorizzazione di aziende che hanno compreso e condiviso le qualità ecologiche dei VeloLeo e la loro forza di comunicazione, i turisti ci chiedono la possibilità di prenotarne uno per il giorno successivo”. Eppure…

Eppure tutto “rema contro”: burocrazia e regolamenti farraginosi ne impediscono la diffusione. A causa di un cavillo giuridico: il Codice della Strada, all’articolo 85, non li considera tricicli (tali sono considerati unicamente i veicoli a motore), ma velocipedi per l’appunto, con la conseguenza che sono esclusi dall’unica attività per cui potrebbero risultare utili alla riduzione dell’inquinamento: quella di noleggio con conducente.

Ma se andiamo a leggere, dice Barone, la tabella delle revisioni obbligatorie a cui tutti i veicoli a motore devono sottoporsi ogni due e quattro anni e che riporta tutte le tipologie di veicolo, guarda caso, non esiste il triciclo: se ne deduce che la stessa tabella non li considera come veicoli a motore: “Un’anomalia assurda e un’interpretazione del Codice quantomeno sui generis”…

Questo l’inghippo. Ma si tratta, con ogni evidenza, di qualcosa di molto più strutturato e difficile da fronteggiare, che anche Barone fa fatica a spiegarsi. Lui, che da anni lotta contro un’esasperante sequela di reazioni entusiaste, di consensi frettolosi o, sulle prime, spacciati come tali, ha dovuto abituarsi al nulla: capisci? non una risposta negativa, che già sarebbe qualcosa, proprio nessun risposta!“.

Paradossale, dal momento che “il beneficio in termini di occupazione è evidente, magari con un’offerta rivolta ai più giovani”, e “questo tipo di trasporto potrebbe anche essere ideale per chi soffre di problemi fisici o per chi è anziano”. Si tratta dunque di un servizio che, più e meglio di tanti altri, potrebbe legittimamente candidarsi a “ricevere finanziamenti pubblici e anche il patrocinio dei comuni”, visto che è in grado di offrire un servizio realmente di pubblico interesse.

“I VeloLeo possono circolare in tutte le strade in cui può farlo una bicicletta e hanno un raggio di cinque chilometri”. “Per intenderci”, spiega Barone, “noi non saremo mai concorrenti dei taxi, piuttosto, della carrozza a cavalli!”.

Cosa manca allora perché le istituzioni accettino la scommessa? La volontà “politica”, prima di tutto, con il rischio di turbare una casta in periodo elettorale: “Oltretutto, secondo una precisa direttiva europea, alle regioni è fatto obbligo di sperimentare nuove forme di mobilità sostenibile”.

La Ri-Show guarda comunque lontano e ha presentato alle istituzioni lombarde, al Provveditorato delle Carceri della Regione e all’Expo 2015, il progetto “VeloLeo a Milano, da e verso Expo 2015”, che prevede la messa su strada di 50 tricicli elettrici, a partire dall’anno prossimo fino al 2015, termine dell’Expo. I velocipedi saranno guidati da “persone socialmente svantaggiate” – carcerati selezionati direttamente dal Provveditorato – e da studenti delle facoltà di Sociologia e Psicologia, “che saranno istruiti attraverso una serie di corsi di formazione”. Si tratta, sottolinea Barone, “del primo progetto che coinvolge le carceri senza utilizzare i fondi messi a disposizione dal Ministero della Giustizia, ma che, viceversa, si auto-remunera”.

Certo è che, in Italia, liberalizzare è attività che deve stancare davvero tanto, benché da destra a sinistra passando per il centro si dicano tutti concordi a sostenere l’innovazione. Siamo un Paese per vecchi? “Io non mi arrendo”, risponde Barone, “anche se tutto sembra un non-senso, non penso minimamente ad andare via di qui”.“Piuttosto, credo di aver trovato una soluzione temporanea: in un parcheggio, a Milano, metteremo i VeloLeo a disposizione dei cittadini. E affiggeremo un cartello con la scritta testuale: Visto che le istituzioni italiane non permettono di offrirvi questo servizio, la nostra società e i suoi sponsor ve lo offrono ugualmente, gratis. Si accettano mance”.

Anche questa è innovazione: la più raffinata. Quella che utilizza soluzioni creative quando la realtà è bloccata.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende