Home » Eventi »Prodotti » L’interazione auto-rete elettrica nella città del futuro:

L’interazione auto-rete elettrica nella città del futuro

gennaio 26, 2011 Eventi, Prodotti

Da sinistra Ing. Livio Gallo, Ing. Federico Golla, Dott. Vittorio Braguglia, Courtesy of Matteo BovioCome saranno le città di domani? Quali soluzioni e strumenti innovativi possono contribuire a migliorare la qualità della vita? Innanzitutto la riconquista dello spazio pubblico come luogo di incontro e  mobilità elettrica.

Così Siemens, Enel e Smart hanno fatto il punto della situazione, ieri a Milano, per rimarcare le linee guida di un trasporto urbano più sostenibile. Una nuova scossa per dare vita a un piano congiunto di mobilità elettrica che porta il nome di e-mobility Italy e vede interagire le competenze delle tre aziende.

Il progetto prevede la diffusione di 100 vetture elettriche alimentate da 400 punti di ricarica, pubblici e privati, messi a disposizione da Enel. Siemens Italia sarà invece partner tecnologico per la realizzazione del sistema di connessione alla rete delle auto elettriche, i contratti, i servizi, compresi quelli dedicati agli utenti e il controllo della rete. “A mio avviso in fatto di mobilità elettrica in Italia abbamo un vantaggio importante, che deriva dalla forte spinta sull’innovazione delle utilities e di aziende che stanno investendo in risorse preziose”, ha affermato in apertura dei lavori Federico Golla, amministratore delegato di Siemens Italia, che ha presentato l’Operation Center, ovvero l’infrastruttura di connessione.

Nella fase sperimentale, nei primi mesi del 2010, il team congiunto di ricercatori Siemens e specialisti Enel ha messo a punto il software. Ma tutto ha avuto inizio con un accordo stipulato a Bologna nel dicembre 2008 tra Smart ed Enel. La vettura protagonista del progetto e-mobility Italy è ora la Smart Fortwo Electric Drive, una vettura a trazione elettrica completamente fedele, nel design e nel comfort alla versione originale.

Enel fornirà un’infrastruttura di ricarica intelligente, in grado di dialogare con le vetture, di riconoscerle e di permettere a coloro che guideranno le smart fortwo electric drive di usare i punti di ricarica dedicati al progetto. Una rete al momento unica al mondo che consente un rapporto costante con i clienti e che prevede funzioni innovative per la gestione della ricarica.
I primi “electric drivers” che assaporeranno l’energia di questa nuova vettura vivono a Roma, Milano e Pisa. Tre città che rappresentano stili di mobilità diversi e possibilità quindi di sperimentare le varie potenzialità della smart electric drive.

Le previsioni al 2020 stimano un numero di auto elettriche variabile tra 1 e 4 milioni, circa il 10% del parco installato. Gli osservatori sono concordi che molto dipenderà dal prezzo del petrolio, dagli incentivi governativi e dall’innovazione tecnologica. Andando verso una mobilità sostenibile, l’utilizzo dell’elettricità sembra comunque rappresentare la soluzione migliore, garantendo efficienza e sicurezza.

L’efficienza energetica di un’auto elettrica, infatti, è due volte superiore a quella di un veicolo che utilizza un motore a combustione. Inoltre si tratta di energia che può essere prodotta a basse o nulle emissioni di enidride carbonica, da centrali eoliche o impianti solari. Utilizzando le proprie batterie come riserve temporanee di energia, le auto elettriche potrebbero risolvere inoltre il problema delle fonti di energia rinnovabile, che forniscono elettricità in modo discontinuo, anche quando non è necessaria, come di notte. Le batterie dell’auto potrebbero, infatti, essere ricaricate con questo eccesso di energia e più tardi, quando la domanda decresce, re-immettere energia nella rete.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende