Home » Prodotti »Prodotti »Progetti » Materiali ecosostenibili: lunga vita al bamboo:

Materiali ecosostenibili: lunga vita al bamboo

aprile 11, 2011 Prodotti, Prodotti, Progetti

Dal 12 al 17 aprile si terrà, alla fiera Rho-Pero di Milano, l’edizione 2011 del Salone Internazionale del Mobile. Greenews.info accompagnerà questo importante evento con alcuni approfondimenti sul design e i materiali ecosostenibili. Oggi la nostra corrispondente dal sud est asiatico Marcella Segre, ci parla del bamboo. 

Un prodotto totalmente biologico sviluppato recentemente sembra avere il potenziale per permettere al bamboo di vivere ancora piu’ a lungo. Se si rivelasse veramente efficace, consentirà di impiegare maggiormente questo materiale tradizionale per la costruzione di mobili ed edifici e alleviare cosi’ la tensione sulle foreste, ormai stremati polmoni della terra.

Materiale molto abbondante e di facile crescita, in Indonesia il bamboo e’ da sempre utilizzato per la costruzione di mobili da interno e da esterno, oltre che nell’edilizia. Nella ricerca di un’alternativa al legno massiccio (causa di deforestazione galoppante), da circa una ventina d’anni numerosi architetti internazionali e designer di interni hanno inoltre riscoperto le incredibili qualita’ estetiche e funzionali di questa pianta. Ma la vulnerabilita’ del bamboo a parassiti e agenti atmosferici ne ha finora impedito la longevita’ e quindi l’uso su larga scala.

Il primo nemico del bamboo e’ infatti il clima:  il sole e la pioggia dei tropici mettono a dura prova i mobili e gli edifici costruiti con questo materiale. A questa latitudine, le due stagioni si susseguono alternando ogni sei mesi sedute di sole bruciante a sedute di pioggia battente. I lunghi periodi di esposizione ad agenti atmosferici cosi’ violenti fanno perdere al bamboo le sue qualita’ funzionali piu’ rapidamente che a un tipo di legno dalla resistenza maggiore.

“Una delle soluzioni ecologiche per ovviare l’effetto di essiccazione provocato dal calore, e’ l’applicazione regolare di olio di Tung, un olio ricavato da un albero di origine cinese. Per il problema degli effetti dell’umidita’ che fa marcire il bamboo e attira i funghi si puo’ invece utilizzare un antifunghicida a base di cannella, ma per prevenire i funghi bisogna soprattutto evitare di mettere il bamboo a diretto contatto con la terra.” spiega Thierry Cayot, costruttore di mobili ecosostenibili ed esperto di prodotti ecologici per il legno.

“Altri nemici pericolosi”, informa Thierry, “sono gli insetti xilofagi come i vermi del legno e le termiti, parassiti che si trovano gia’ all’interno del tronco quando il bamboo viene tagliato.”

Il metodo tradizionale per eliminare le termiti era immergere il bamboo nell’acqua di mare per un mese, ma oggi in Indonesia il metodo piu’ utilizzato e’ il cherosene che, oltre ad essere un prodotto tossico, e’ inoltre molto caro e il suo effetto dura solo due anni. Un altro prodotto impiegato nella lotta ai parassiti e’ il borace ma anche questo ha un effetto limitato nel tempo.

Consapevole delle potenzialita’ del bamboo e delle problematiche della deforestazione Asali Bali, un’azienda di mobili sostenibili franco-indonesiana, ha dunque sovvenzionato le ricerche per la messa a punto di un prodotto naturale che protegga il bamboo dagli attacchi dei parassiti e contro le intemperie. Il gruppo di chimici sostenuti dall’azienda ha sviluppato un trattamento biologico e naturale chiamato Freemite che garantisce la protezione del bamboo per oltre vent’anni. Il prodotto e’ stato sviluppato migliorando l’effetto del borace tramite l’aggiunta di olio di neem, e combinandolo con la canfora, anti-ruggine naturale. Il trattamento, iniettato in profondita’ nelle fibre, agisce da repellente per gli insetti e allo stesso  tempo protegge  il legno, creando una patina che gli da’ piu’ resistenza.

Freemite e’ attualmente sotto esame presso la Sucofindo, la  Superintending Company of Indonesia, per valutarne doti, effetti e conseguenze. In caso di esito positivo, il prodotto potra’ essere commercializzato al pubblico internazionale e il bamboo potrebbe di fatto costituire una valida opzione nella costruzione di mobili ed edifici sostenibili; un’innovazione che oltre a soddisfare gusti estetici ed esigenze economiche e funzionali contrasta il saccheggio delle foreste pluviali.

Marcella Segre

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende