Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Materiali “slow” e a impatto nullo: ecco la bioedilizia 2.0:

Materiali “slow” e a impatto nullo: ecco la bioedilizia 2.0

ottobre 19, 2012 Aziende, Pratiche, Prodotti, Prodotti

Bioedilizia 2.0. Se da anni si parla del costruire sostenibile, la novità del 2012 è un cambio di approccio: sono sempre di più infatti le aziende che dalla natura non prendono solo le materie prime (rinnovabili), ma anche le tecniche, con processi produttivi sempre più a impatto ridotto, e i tempi, con ritmi di produzione più lenti e più vicini ai cicli naturali, rispetto a quelli industriali classici. Basta fare due passi nei padiglioni di MADE Expo, la fiera dell’edilizia milanese che si chiude domani, per farsene un’idea.

Negli stand si scoprono prodotti semplici e innovativi al tempo stesso, privi di sostanze chimiche dannose, e  facili da smaltire, alla fine del loro ciclo di vita. Prendiamo per esempio i blocchi Editerra, nati dalla creatività di Edilana, azienda sarda ideatrice di pannelli di lana di pecora per l’isolamento termo-acustico. “Si tratta di una fibra molto leggera realizzata con un processo a freddo, unendo alla terra cruda paglia, lana e piante della famiglia della malva. Miele, nocciolino d’olivo e olio di mare fanno stare insieme tutto e aiutano l’asciugatura. Editerra è pensato per una casa passiva, perché ne rallenta i processi di riscaldamento in estate e raffreddamento in inverno”, racconta Daniela Ducato, fondatrice dell’azienda, premiata già nove volte per la sostenibilità dei prodotti. La stagionatura viene fatta al sole, e dura alcuni mesi. “Il punto di partenza sono stati i vecchi mattoni di terra e paglia, a cui abbiamo unito processi innovativi studiati con i giovani ricercatori che collaborano con noi”. Un prodotto che non crea problemi in fase di smaltimento: “Basta interrarlo”, restituendo così le materie all’ecosistema.

Sono nati da una concezione slow dell’edilizia anche i Biomattoni, i tavolati e i pannelli in canapa e calce dell’azienda comasca Equilibrium. Con un processo abbastanza semplice, unendo la pianta essiccata – prodotta a Carmagnola, in provincia di Torino, da Assocanapa – alla calce naturale, si ottengono prodotti dalle molte qualità: “Sono ottimi isolanti, ed hanno la capacità di assorbire l’umidità e di sanificare l’aria degli ambienti interni sterilizzando il vapore attraverso la calce, che è un disinfettante naturale”, racconta il consulente tecnico Egidio Malighetti. “Bisogna solo avere pazienza e tenere conto dei tempi di essicazione della calce”, aggiunge il responsabile della produzione Luca Fratus. La fase di smaltimento è a impatto zero: “Il Biomattone è biodegradabile e totalmente riciclabile: basta frantumarlo e reimpastarlo con acqua e calce”. Nello spazio Green Home Design, l’architetto Aldo Cibic ne dà un’interpretazione di utilizzo magistrale, con il progetto “Coltivare una casa“, in scala 1-1.

Dalla paglia alla canapa, dal sughero al legno: Adp è un’impresa toscana che distribuisce pavimenti e rivestimenti da parete con la corteccia di querce da sughero certificate FSC: “Oltre ad essere ecologici, i pannelli in sughero permettono di non usare colle e altre sostanze chimiche per il fissaggio, perché aderiscono facilmente al pavimento”, spiega l’azienda. Anche qui, come per la canapa, un unico rimpianto: dove è finita la produzione italiana? Il 70% della materia prima mondiale (anche per i tappi) ormai arriva dal Portogallo, leader indiscusso che ha saputo mantenere in vita la filiera. Almeno sul legno ci difendiamo ancora. La trevigiana Itlas produce da diversi anni un parquet a chilometro zero con legni provenienti dal bosco del Cansiglio, certificato PEFC e FSC. “I pavimenti – spiega l’azienda – sono prodotti senza utilizzare solventi, e sono trattati con cere, oli naturali e vernici all’acqua, mentre l’emissione di formaldeide si attiene ai rigorosi standard giapponesi”. Inoltre, “tutta l’energia necessaria per la produzione viene dai pannelli fotovoltaici installati sul tetto dello stabilimento, che hanno permesso di ridurre del 45% le emissioni di Co2; mentre la segatura vergine viene utilizzata per alimentare la caldaia per l’essiccazione”.

Sono solo alcune delle suggestioni che si possono raccogliere in questa caleidoscopica rassegna dei materiali per l’edilizia che è MADE 2012. Chi volesse rendersi pienamente conto dell’evoluzione della ricerca in questo settore può fermarsi a contemplare la library di Material Connexion, una sorprendente banca dati dei materiali innovativi e sostenibili (oggi la più completa al mondo), nata a New York nel 1997 e presente, dal 2002, anche a Milano. Tra le chicche della Material Boxcampionario venduto in promozione in fiera e ai nuovi abbonati online – un derivato della carta riciclata che, pressato e lavorato, diventa una superficie rigida ed estremamente resistente per arredi di interior design completamente biodegradabili.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende