Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Materiali “slow” e a impatto nullo: ecco la bioedilizia 2.0:

Materiali “slow” e a impatto nullo: ecco la bioedilizia 2.0

ottobre 19, 2012 Aziende, Pratiche, Prodotti, Prodotti

Bioedilizia 2.0. Se da anni si parla del costruire sostenibile, la novità del 2012 è un cambio di approccio: sono sempre di più infatti le aziende che dalla natura non prendono solo le materie prime (rinnovabili), ma anche le tecniche, con processi produttivi sempre più a impatto ridotto, e i tempi, con ritmi di produzione più lenti e più vicini ai cicli naturali, rispetto a quelli industriali classici. Basta fare due passi nei padiglioni di MADE Expo, la fiera dell’edilizia milanese che si chiude domani, per farsene un’idea.

Negli stand si scoprono prodotti semplici e innovativi al tempo stesso, privi di sostanze chimiche dannose, e  facili da smaltire, alla fine del loro ciclo di vita. Prendiamo per esempio i blocchi Editerra, nati dalla creatività di Edilana, azienda sarda ideatrice di pannelli di lana di pecora per l’isolamento termo-acustico. “Si tratta di una fibra molto leggera realizzata con un processo a freddo, unendo alla terra cruda paglia, lana e piante della famiglia della malva. Miele, nocciolino d’olivo e olio di mare fanno stare insieme tutto e aiutano l’asciugatura. Editerra è pensato per una casa passiva, perché ne rallenta i processi di riscaldamento in estate e raffreddamento in inverno”, racconta Daniela Ducato, fondatrice dell’azienda, premiata già nove volte per la sostenibilità dei prodotti. La stagionatura viene fatta al sole, e dura alcuni mesi. “Il punto di partenza sono stati i vecchi mattoni di terra e paglia, a cui abbiamo unito processi innovativi studiati con i giovani ricercatori che collaborano con noi”. Un prodotto che non crea problemi in fase di smaltimento: “Basta interrarlo”, restituendo così le materie all’ecosistema.

Sono nati da una concezione slow dell’edilizia anche i Biomattoni, i tavolati e i pannelli in canapa e calce dell’azienda comasca Equilibrium. Con un processo abbastanza semplice, unendo la pianta essiccata – prodotta a Carmagnola, in provincia di Torino, da Assocanapa – alla calce naturale, si ottengono prodotti dalle molte qualità: “Sono ottimi isolanti, ed hanno la capacità di assorbire l’umidità e di sanificare l’aria degli ambienti interni sterilizzando il vapore attraverso la calce, che è un disinfettante naturale”, racconta il consulente tecnico Egidio Malighetti. “Bisogna solo avere pazienza e tenere conto dei tempi di essicazione della calce”, aggiunge il responsabile della produzione Luca Fratus. La fase di smaltimento è a impatto zero: “Il Biomattone è biodegradabile e totalmente riciclabile: basta frantumarlo e reimpastarlo con acqua e calce”. Nello spazio Green Home Design, l’architetto Aldo Cibic ne dà un’interpretazione di utilizzo magistrale, con il progetto “Coltivare una casa“, in scala 1-1.

Dalla paglia alla canapa, dal sughero al legno: Adp è un’impresa toscana che distribuisce pavimenti e rivestimenti da parete con la corteccia di querce da sughero certificate FSC: “Oltre ad essere ecologici, i pannelli in sughero permettono di non usare colle e altre sostanze chimiche per il fissaggio, perché aderiscono facilmente al pavimento”, spiega l’azienda. Anche qui, come per la canapa, un unico rimpianto: dove è finita la produzione italiana? Il 70% della materia prima mondiale (anche per i tappi) ormai arriva dal Portogallo, leader indiscusso che ha saputo mantenere in vita la filiera. Almeno sul legno ci difendiamo ancora. La trevigiana Itlas produce da diversi anni un parquet a chilometro zero con legni provenienti dal bosco del Cansiglio, certificato PEFC e FSC. “I pavimenti – spiega l’azienda – sono prodotti senza utilizzare solventi, e sono trattati con cere, oli naturali e vernici all’acqua, mentre l’emissione di formaldeide si attiene ai rigorosi standard giapponesi”. Inoltre, “tutta l’energia necessaria per la produzione viene dai pannelli fotovoltaici installati sul tetto dello stabilimento, che hanno permesso di ridurre del 45% le emissioni di Co2; mentre la segatura vergine viene utilizzata per alimentare la caldaia per l’essiccazione”.

Sono solo alcune delle suggestioni che si possono raccogliere in questa caleidoscopica rassegna dei materiali per l’edilizia che è MADE 2012. Chi volesse rendersi pienamente conto dell’evoluzione della ricerca in questo settore può fermarsi a contemplare la library di Material Connexion, una sorprendente banca dati dei materiali innovativi e sostenibili (oggi la più completa al mondo), nata a New York nel 1997 e presente, dal 2002, anche a Milano. Tra le chicche della Material Boxcampionario venduto in promozione in fiera e ai nuovi abbonati online – un derivato della carta riciclata che, pressato e lavorato, diventa una superficie rigida ed estremamente resistente per arredi di interior design completamente biodegradabili.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende