Home » Eventi »Prodotti »Prodotti »Smart City » Non per moda, ma per necessità: elogio dell’auto elettrica:

Non per moda, ma per necessità: elogio dell’auto elettrica

giugno 5, 2012 Eventi, Prodotti, Prodotti, Smart City

“Sì, ma a quanto va?”. Era la classica domanda che, fino a qualche anno fa, ogni venditore di auto si sentiva immancabilmente porre dal cliente di turno. Interrogativo che, anche si fosse trattato della più economica delle utilitarie, celava un prevedibile sottotesto: quanto posso andare vicino a sentirmi come Michael Schumacher, pigiando sull’acceleratore del mio nuovo fiammante acquisto?

Be’, con buona pace dei novelli piloti, pare proprio che l’era della “potenza su strada” stia volgendo al termine. «È bene oggi che l’automobile sia ricondotta alla sua funzione: un mezzo per andare da un punto A a un punto B. Sarebbe da immaturi continuare a pensare all’auto come a uno status symbol. La potenza piuttosto mettiamola nel cervello e nell’intelligenza delle scelte di consumo che facciamo ogni giorno». Così ha esordito Luca Mercalli, intervenendo, la scorsa settimana, a Eco Mobility Event, la giornata di promozione della mobilità sostenibile organizzata dalla Fondazione Telios in occasione dello Smart City Festival di Torino. In mezzo alla parata di veicoli elettrici esposti nella storica piazza San Carlo – dalla compatta a due posti da città alla scintillante e aerodinamica Tesla – Mercalli, da tempo convinto sostenitore di un radicale cambiamento di abitudini nel nostro modo di vivere e consumare, si è fatto testimonial del necessario cambio di rotta anche in tema di trasporto privato.

Con il petrolio alle stelle, le emissioni di CO2 da ridurre drasticamente e le polveri sottili che avvelenano l’aria delle città, le domande da fare prima di comprare un’auto sono oggi di un altro tenore: quanto consuma? cosa? e con quali conseguenze sull’ambiente? Tutte questioni a cui una vettura elettrica può dare risposte più intelligenti di una a benzina. I veicoli elettrici a batteria sono infatti a zero impatto ambientale locale, ovvero non producono sostanze inquinanti durante il loro utilizzo. Certo, bisogna considerare da dove proviene l’energia per la ricarica, ma ragionando in prospettiva, con le fonti rinnovabili in continua crescita, si potrebbe arrivare a una buona percentuale di mobilità con reale impatto zero “dal pozzo alla ruota”. Per la Peugeot di Luca Mercalli, ad esempio, è già così: tra i primi a dotarsi, con il Conto Energia del 2006, di un impianto fotovoltaico privato, il meteorologo ha infatti da poco installato nuovi pannelli per la carica della macchina, rendendosi così completamente autosufficiente anche dal punto di vista del trasporto. E per chi non ha un impianto privato, «il prezzo di mercato di una carica completa è di circa 3,20 euro – spiega Mercalli – Insomma, 100 km al costo di un kebab».

I limiti di un’auto elettrica sono semmai di altro genere: l’autonomia e il prezzo d’acquisto. Una vettura elettrica media può fare poco più di un centinaio di chilometri prima di esaurire la carica e, se è vero che l’autonomia cresce con la potenza delle batterie, lievita però anche il prezzo di listino. «Sono auto adatte al trasporto urbano – precisa Umberto Novarese, presidente della Fondazione Telios – In città sono l’ideale, basta metterle in carica la sera a casa oppure individuare un punto fisso di ricarica, ad esempio vicino al luogo di lavoro. Certo la diffusione delle colonnine consentirebbe di usarle anche per tragitti più lunghi e sarebbe un bell’incentivo. Ma bisognerà aspettare ancora un po’…».

In ogni caso, il fattore che più scoraggia la diffusione delle auto elettriche è al momento il prezzo di vendita, che si aggira sui 30mila euro, circa il doppio di una city car a benzina. Cifra giustificata dall’alto costo delle batterie al litio, che incidono per circa il 30%, ma soprattutto dagli ingenti investimenti in ricerca e sperimentazione fatti negli ultimi anni dalle case automobilistiche, che adesso sperano in un ritorno economico. Va detto però che le elettriche non pagano il bollo, hanno ancora costi di assicurazione molto bassi e necessitano di pochissima manutenzione: niente frizione e cambio marce, niente olio e filtri da sostituire periodicamente, e niente vibrazioni che usurano il veicolo. Inoltre, è in discussione in Parlamento, proprio in questi giorni, l’approvazione di un piano di incentivi per la mobilità sostenibile, che prevede bonus fino a 5.000 euro per l’acquisto di auto elettriche.

Una volta che il consumo avrà preso piede, le economie di scala dovrebbero poi fare il resto, abbassando i prezzi alla portata di tutte le tasche. Così come del resto è sempre avvenuto per ogni nuova tecnologia introdotta sul mercato.
Adesso si tratta più che altro di superare lo scoglio delle abitudini. «Cambiarle è sempre faticoso – osserva Mercalli – e, nel mercato delle automobili, ci sono cento anni di consuetudini acquisite da rimettere in discussione. In questo caso però il cambio di mentalità non è una moda o un vezzo, ma una necessità: il petrolio sta finendo e l’elevato livello di CO2 nell’atmosfera porterà i governi a imporre vincoli sempre più severi. Allora è meglio cominciare subito ad adattarsi gradualmente, prima di ritrovarsi obbligati dagli eventi».

Giorgia Marino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende