Home » Eventi »Prodotti »Prodotti »Smart City » Non per moda, ma per necessità: elogio dell’auto elettrica:

Non per moda, ma per necessità: elogio dell’auto elettrica

giugno 5, 2012 Eventi, Prodotti, Prodotti, Smart City

“Sì, ma a quanto va?”. Era la classica domanda che, fino a qualche anno fa, ogni venditore di auto si sentiva immancabilmente porre dal cliente di turno. Interrogativo che, anche si fosse trattato della più economica delle utilitarie, celava un prevedibile sottotesto: quanto posso andare vicino a sentirmi come Michael Schumacher, pigiando sull’acceleratore del mio nuovo fiammante acquisto?

Be’, con buona pace dei novelli piloti, pare proprio che l’era della “potenza su strada” stia volgendo al termine. «È bene oggi che l’automobile sia ricondotta alla sua funzione: un mezzo per andare da un punto A a un punto B. Sarebbe da immaturi continuare a pensare all’auto come a uno status symbol. La potenza piuttosto mettiamola nel cervello e nell’intelligenza delle scelte di consumo che facciamo ogni giorno». Così ha esordito Luca Mercalli, intervenendo, la scorsa settimana, a Eco Mobility Event, la giornata di promozione della mobilità sostenibile organizzata dalla Fondazione Telios in occasione dello Smart City Festival di Torino. In mezzo alla parata di veicoli elettrici esposti nella storica piazza San Carlo – dalla compatta a due posti da città alla scintillante e aerodinamica Tesla – Mercalli, da tempo convinto sostenitore di un radicale cambiamento di abitudini nel nostro modo di vivere e consumare, si è fatto testimonial del necessario cambio di rotta anche in tema di trasporto privato.

Con il petrolio alle stelle, le emissioni di CO2 da ridurre drasticamente e le polveri sottili che avvelenano l’aria delle città, le domande da fare prima di comprare un’auto sono oggi di un altro tenore: quanto consuma? cosa? e con quali conseguenze sull’ambiente? Tutte questioni a cui una vettura elettrica può dare risposte più intelligenti di una a benzina. I veicoli elettrici a batteria sono infatti a zero impatto ambientale locale, ovvero non producono sostanze inquinanti durante il loro utilizzo. Certo, bisogna considerare da dove proviene l’energia per la ricarica, ma ragionando in prospettiva, con le fonti rinnovabili in continua crescita, si potrebbe arrivare a una buona percentuale di mobilità con reale impatto zero “dal pozzo alla ruota”. Per la Peugeot di Luca Mercalli, ad esempio, è già così: tra i primi a dotarsi, con il Conto Energia del 2006, di un impianto fotovoltaico privato, il meteorologo ha infatti da poco installato nuovi pannelli per la carica della macchina, rendendosi così completamente autosufficiente anche dal punto di vista del trasporto. E per chi non ha un impianto privato, «il prezzo di mercato di una carica completa è di circa 3,20 euro – spiega Mercalli – Insomma, 100 km al costo di un kebab».

I limiti di un’auto elettrica sono semmai di altro genere: l’autonomia e il prezzo d’acquisto. Una vettura elettrica media può fare poco più di un centinaio di chilometri prima di esaurire la carica e, se è vero che l’autonomia cresce con la potenza delle batterie, lievita però anche il prezzo di listino. «Sono auto adatte al trasporto urbano – precisa Umberto Novarese, presidente della Fondazione Telios – In città sono l’ideale, basta metterle in carica la sera a casa oppure individuare un punto fisso di ricarica, ad esempio vicino al luogo di lavoro. Certo la diffusione delle colonnine consentirebbe di usarle anche per tragitti più lunghi e sarebbe un bell’incentivo. Ma bisognerà aspettare ancora un po’…».

In ogni caso, il fattore che più scoraggia la diffusione delle auto elettriche è al momento il prezzo di vendita, che si aggira sui 30mila euro, circa il doppio di una city car a benzina. Cifra giustificata dall’alto costo delle batterie al litio, che incidono per circa il 30%, ma soprattutto dagli ingenti investimenti in ricerca e sperimentazione fatti negli ultimi anni dalle case automobilistiche, che adesso sperano in un ritorno economico. Va detto però che le elettriche non pagano il bollo, hanno ancora costi di assicurazione molto bassi e necessitano di pochissima manutenzione: niente frizione e cambio marce, niente olio e filtri da sostituire periodicamente, e niente vibrazioni che usurano il veicolo. Inoltre, è in discussione in Parlamento, proprio in questi giorni, l’approvazione di un piano di incentivi per la mobilità sostenibile, che prevede bonus fino a 5.000 euro per l’acquisto di auto elettriche.

Una volta che il consumo avrà preso piede, le economie di scala dovrebbero poi fare il resto, abbassando i prezzi alla portata di tutte le tasche. Così come del resto è sempre avvenuto per ogni nuova tecnologia introdotta sul mercato.
Adesso si tratta più che altro di superare lo scoglio delle abitudini. «Cambiarle è sempre faticoso – osserva Mercalli – e, nel mercato delle automobili, ci sono cento anni di consuetudini acquisite da rimettere in discussione. In questo caso però il cambio di mentalità non è una moda o un vezzo, ma una necessità: il petrolio sta finendo e l’elevato livello di CO2 nell’atmosfera porterà i governi a imporre vincoli sempre più severi. Allora è meglio cominciare subito ad adattarsi gradualmente, prima di ritrovarsi obbligati dagli eventi».

Giorgia Marino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende