Home » Prodotti »Servizi » O&M, il nuovo mercato della manutenzione e fine vita degli impianti fotovoltaici:

O&M, il nuovo mercato della manutenzione e fine vita degli impianti fotovoltaici

luglio 21, 2014 Prodotti, Servizi

L’Italia, con 550.000 impianti fotovoltaici installati (per una potenza pari a 18 GW) e oltre 90 milioni di moduli posati, inizia a fare i conti con il problema della manutenzione per gestire l’efficienza e aumentare le prestazioni degli impianti. Prende dunque piede, anche nel nostro Paese, il business dei servizi O&M, Operation&Mainteinance, ovvero la manutenzione degli impianti già esistenti.

Nel 2013 in Italia i servizi O&M hanno determinato un volume d’affari di 358 milioni di euro. La parte più consistente del mercato è rappresentata dai grandi impianti tra 500 kW e 1 MW (circa il 60% del volume totale). Per questi servizi, l’Italia costituisce un terreno di affari appetibile, basti pensare che nel 2012 circa 1,6 GW di impianti installati tra il 2009 e il 2010 ha superato la scadenza dei due anni di garanzia; 5GW sono andati oltre nel 2013 e per quest’anno saranno altri 2 GW gli impianti da manutenere. Finora, il 2013 ha rappresentato l’anno in cui lo stock più ampio di impianti  ha raggiunto il termine del periodo della garanzia contrattuale.

A innescare questo nuovo business nel nostro Paese sono state due cause, secondo il Solar Energy Report redatto dall’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano:  da una parte la contrazione del mercato dei grandi impianti e delle centrali, rispettivamente in calo del 40 e dell’87%  e il raggiungimento, da parte di uno stock considerevole di impianti installati nel corso degli anni scorsi, della scadenza degli anni di contratto di assistenza normalmente sottoscritto con il soggetto che ha curato lo sviluppo e l’installazione dell’impianto.

A margine (e al termine) dei servizi O&M esiste poi la questione dello smaltimento dei moduli. Con i decreti ministeriali del 5 maggio 2011 e del 5 luglio 2012, si impone al produttore o all’importatore la responsabilità di smaltimento a fine vita del prodotto (norma valida per gli impianti in esercizio dal 1° luglio 2012) tramite un certificato, attestante l’adesione del medesimo a un Sistema o Consorzio europeo che garantisca il riciclo dei moduli al termine della loro vita utile. Tale certificato andrà inoltre inviato dal soggetto responsabile dell’impianto al GSE per poter beneficiare delle tariffe incentivanti. Inoltre, il Decreto Legislativo 49/2014, in recepimento della Direttiva Europea 19/2012  ha esteso ai pannelli fotovoltaici le regole che valgono da tempo per la gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Produttori, importatori e rivenditori sono quindi ora tenuti a finanziare e organizzare la raccolta dei moduli fotovoltaici da “rottamare” e il loro conferimento in strutture attrezzate per separare le componenti riciclabili da quelle da smaltire in sicurezza perché nocive o dannose per l’ambiente.

Il pannello fotovoltaico è infatti riciclabile per l’80%, in quanto composto da celle realizzate con silicio cristallino, policristallino o amorfo, sigillate tra due lastre di materiali plastici, di solito EVA (acetato vinil-etilenico) che le proteggono dall’umidità e dagli agenti atmosferici. Il tutto è ulteriormente inserito tra una lastra di vetro e una speciale pellicola protettiva composta di materiali polimeri e tedlar. Il tutto viene  quindi scaldato in un forno a circa 100° C, procedimento che permette ai componenti di sigillarsi tra loro, mentre il foglio di EVA passa da traslucido a trasparente e l’aria residua interna viene eliminata. Silicio, vetro, rame e alluminio una volta separati sono facilmente riciclabili e utilizzabili per realizzare altri pannelli o oggetti di diversa natura. Il riciclo del pannello fotovoltaico permette di recuperare 15 kg di vetro (rivestimento, copertura del modulo, vetro di altissima qualità), 2,8 kg di plastica (supporto del modulo, viene riciclata in vasi o altro), 2 kg di alluminio (della cornice), 1 kg di polvere di silicio (celle fotovoltaiche vere e proprie) e 0,14 kg di rame (connessioni elettriche tra celle).

Il mercato economico che i principali operatori del fotovoltaico stimano in Italia, legato alla gestione del fine vita dei moduli, è di almeno 20 milioni di euro. Anche in questo caso, considerando una rete nazionale di dimensioni rilevanti, come quella italiana, che dovrà essere prima o poi trattata, si apre un nuovo mercato per il nostro Paese, anche se con tempi più dilatati rispetto ai servizi O&M. Prima del 2025 non è previsto infatti un volume di moduli dismessi significativo, poiché la vita di un impianto è di circa 20 anni e i primi a essere entrati in esercizio sono stati quelli del 2005. Per portarsi però, in tempi utili, nella posizione di poter competere con il mercato estero dello smaltimento, l’Italia dovrà essere in grado (almeno sulla carta) di individuare strutture dove depositare gli oltre 5 milioni di metri cubi di moduli che sono installati su tetti e terreni.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende