Home » Prodotti »Servizi » O&M, il nuovo mercato della manutenzione e fine vita degli impianti fotovoltaici:

O&M, il nuovo mercato della manutenzione e fine vita degli impianti fotovoltaici

luglio 21, 2014 Prodotti, Servizi

L’Italia, con 550.000 impianti fotovoltaici installati (per una potenza pari a 18 GW) e oltre 90 milioni di moduli posati, inizia a fare i conti con il problema della manutenzione per gestire l’efficienza e aumentare le prestazioni degli impianti. Prende dunque piede, anche nel nostro Paese, il business dei servizi O&M, Operation&Mainteinance, ovvero la manutenzione degli impianti già esistenti.

Nel 2013 in Italia i servizi O&M hanno determinato un volume d’affari di 358 milioni di euro. La parte più consistente del mercato è rappresentata dai grandi impianti tra 500 kW e 1 MW (circa il 60% del volume totale). Per questi servizi, l’Italia costituisce un terreno di affari appetibile, basti pensare che nel 2012 circa 1,6 GW di impianti installati tra il 2009 e il 2010 ha superato la scadenza dei due anni di garanzia; 5GW sono andati oltre nel 2013 e per quest’anno saranno altri 2 GW gli impianti da manutenere. Finora, il 2013 ha rappresentato l’anno in cui lo stock più ampio di impianti  ha raggiunto il termine del periodo della garanzia contrattuale.

A innescare questo nuovo business nel nostro Paese sono state due cause, secondo il Solar Energy Report redatto dall’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano:  da una parte la contrazione del mercato dei grandi impianti e delle centrali, rispettivamente in calo del 40 e dell’87%  e il raggiungimento, da parte di uno stock considerevole di impianti installati nel corso degli anni scorsi, della scadenza degli anni di contratto di assistenza normalmente sottoscritto con il soggetto che ha curato lo sviluppo e l’installazione dell’impianto.

A margine (e al termine) dei servizi O&M esiste poi la questione dello smaltimento dei moduli. Con i decreti ministeriali del 5 maggio 2011 e del 5 luglio 2012, si impone al produttore o all’importatore la responsabilità di smaltimento a fine vita del prodotto (norma valida per gli impianti in esercizio dal 1° luglio 2012) tramite un certificato, attestante l’adesione del medesimo a un Sistema o Consorzio europeo che garantisca il riciclo dei moduli al termine della loro vita utile. Tale certificato andrà inoltre inviato dal soggetto responsabile dell’impianto al GSE per poter beneficiare delle tariffe incentivanti. Inoltre, il Decreto Legislativo 49/2014, in recepimento della Direttiva Europea 19/2012  ha esteso ai pannelli fotovoltaici le regole che valgono da tempo per la gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Produttori, importatori e rivenditori sono quindi ora tenuti a finanziare e organizzare la raccolta dei moduli fotovoltaici da “rottamare” e il loro conferimento in strutture attrezzate per separare le componenti riciclabili da quelle da smaltire in sicurezza perché nocive o dannose per l’ambiente.

Il pannello fotovoltaico è infatti riciclabile per l’80%, in quanto composto da celle realizzate con silicio cristallino, policristallino o amorfo, sigillate tra due lastre di materiali plastici, di solito EVA (acetato vinil-etilenico) che le proteggono dall’umidità e dagli agenti atmosferici. Il tutto è ulteriormente inserito tra una lastra di vetro e una speciale pellicola protettiva composta di materiali polimeri e tedlar. Il tutto viene  quindi scaldato in un forno a circa 100° C, procedimento che permette ai componenti di sigillarsi tra loro, mentre il foglio di EVA passa da traslucido a trasparente e l’aria residua interna viene eliminata. Silicio, vetro, rame e alluminio una volta separati sono facilmente riciclabili e utilizzabili per realizzare altri pannelli o oggetti di diversa natura. Il riciclo del pannello fotovoltaico permette di recuperare 15 kg di vetro (rivestimento, copertura del modulo, vetro di altissima qualità), 2,8 kg di plastica (supporto del modulo, viene riciclata in vasi o altro), 2 kg di alluminio (della cornice), 1 kg di polvere di silicio (celle fotovoltaiche vere e proprie) e 0,14 kg di rame (connessioni elettriche tra celle).

Il mercato economico che i principali operatori del fotovoltaico stimano in Italia, legato alla gestione del fine vita dei moduli, è di almeno 20 milioni di euro. Anche in questo caso, considerando una rete nazionale di dimensioni rilevanti, come quella italiana, che dovrà essere prima o poi trattata, si apre un nuovo mercato per il nostro Paese, anche se con tempi più dilatati rispetto ai servizi O&M. Prima del 2025 non è previsto infatti un volume di moduli dismessi significativo, poiché la vita di un impianto è di circa 20 anni e i primi a essere entrati in esercizio sono stati quelli del 2005. Per portarsi però, in tempi utili, nella posizione di poter competere con il mercato estero dello smaltimento, l’Italia dovrà essere in grado (almeno sulla carta) di individuare strutture dove depositare gli oltre 5 milioni di metri cubi di moduli che sono installati su tetti e terreni.

Marta Rossi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende