Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Oscar del packaging: sul podio bottiglie e scatole che azzerano il polistirolo:

Oscar del packaging: sul podio bottiglie e scatole che azzerano il polistirolo

maggio 16, 2013 Aziende, Pratiche, Prodotti, Prodotti

Sul podio otto packaging, premiati come involucri più green.  L’edizione 2013 dedicata all’ambiente dell’Oscar dell’imballaggio – organizzata dall’Istituto Italiano Imballaggio in collaborazione con il Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi) – ha premiato chi ha risparmiato in materia prima e ottimizzato la logistica. Vincitori l’incarto richiudibile per affettati Big Paper Green,  la bottiglia da 5 litri dal peso di soli 60,4 grammi e il 50% di Pet riciclato realizzato da P.E.T. Engineering, il flacone per detersivo a marchio General di Henkel Italia dalla forma semplificata, che mantiene stabilità e handling per il consumatore, il delivery system che elimina le protezioni in polistirolo, a fronte di una riprogettazione dell’imballo in cartone, con appositi rinforzi laterali nato dalla collaborazione tra il fornitore Saica SpA e il produttore di cappe Elica SpA. Nella sezione speciale un sistema di confezionamento composto da due vaschette separate per pasta e sugo, monomateriale, e da un cartoncino esterno, firmato Barilla per il mercato estero; Goglio ha creato uno stand up interamente biodegradabile, per prodotti granulari come il caffè, Biopolimero, biovalvola e bioadesivi sono i componenti del pack. Sempre in questa sezione gamma di bottiglie fortemente sgrammate con inalterate prestazioni tecniche, realizzata da Verallia Saint Gobain e un progetto di compensazione della Co₂ prodotta dalla linea di produzione, chiaramente comunicata sulle etichette e il fardello da 6 bottiglie. Il progetto prevede anche l’utilizzo di PET riciclato su alcune tipologie di bottiglie.

La giuria, presieduta da Edo Ronchi, ha valutato gli imballaggi a concorso in base a precisi criteri, quali il risparmio di materia prima (diminuzione di grammatura, spessore e dimensioni di una o più componenti del sistema imballo), l’utilizzo di materiale riciclato, l’ottimizzazione della logistica, (azioni innovative che migliorino immagazzinamento ed esposizione, ottimizzino carichi sui pallet e sui mezzi di trasporto e perfezionino il rapporto tra imballaggio primario, secondario e terziario, riducendone, inoltre, l’impatto rispetto alle emissioni in atmosfera). E come ultimo criterio è stata considerata la facilitazione dell’attività di riciclo, che si esprime attraverso azioni come la realizzazione di imballaggi monomateriali, la semplificazione componentistica e l’eliminazione di sostanze non ecocompatibili. I packaging che hanno sommato il maggior numero di azioni sono stati eletti vincitori. Anche nell’attribuzione dei premi speciali Quality Design, Tecnologia e Comunicazione, la giuria ha ritenuto che i packaging prescelti dovessero essere stati progettati tenendo conto di  azioni di prevenzione.

I vincitori spaziano in diversi campi di applicazione, dal food e beverage, settori sempre preponderanti tra le nuove soluzioni presentate al concorso, alla detergenza, fino al trasporto e movimentazione. La massiccia presenza di imballaggi per prodotti alimentari e bevande si spiega facilmente, considerando che oltre il 70% del packaging prodotto in Italia viene utilizzato complessivamente in questi due settori. L’Italia, con un fatturato di circa 28,6 miliardi di Euro nel 2011, rappresenta il 6% della produzione mondiale, collocandosi tra i dieci paesi maggiori produttori di packaging.

“Verdi” i principi che hanno ispirato la progettazione della confezione per affettati Big Paper Green, costituita da carta 100% riciclata e film biodegradabile e compostabile. La confezione è richiudibile.
L’innovazione combinata della progettazione della preforma e del disegno della bottiglia 5LW permette un risparmio di 17,6 g di PET per ciascun contenitore, quasi il 22.5% rispetto alla media del peso dei contenitori cinque litri attualmente in commercio. 5WL è prodotto con il 50% di PET riciclato.

Il flacone per detersivo liquido Eco general è stato progettato all’insegna della semplificazione e del risparmio, sia in termini di costi che di materie prime utilizzate. Sono stati applicati i 4 requisiti previsti: minor quantità di materiale, uso del riciclato, ricadute sulla logistica e facilitazione delle attività di riciclo. Rispetto al flacone precedente -41% in peso. Un’adeguata progettazione della scatola in cartone ondulato Skin Pack, con particolari rinforzi laterali, ha permesso di eliminare le protezioni in polistirolo espanso, a favore di un semplice involucro protettivo. Meno materiale, materie prime seconde e ricadute positive in termini di logistica sono le conseguenze, con una riduzione del volume ingombro imballo del 32%  e una saturazione dei mezzi di trasporto maggiore del 36%. Il packaging della linea “Ready Meals” di Barilla esprime qualità di dettaglio e offre plus di servizio al consumatore. Il sistema di vaschette a incastro consente di mantenere separati la pasta e il sugo durante la vita di scaffale. Una volta aperta la confezione, è molto agevole condire la pietanza, separando le vaschette con un semplice gesto. La fascia di cartoncino esterno riporta con chiarezza le informazioni riferite al prodotto e le istruzioni per il suo consumo. Interessante è il packaging per caffè interamente costituito solo da materiali e componenti biodegradabili. Biolaminato, e valvola potranno essere gettati congiuntamente nel bidone dell’umido e si biodegraderanno nell’arco di circa 180 giorni.

La gamma di bottiglie Ecovà, è realizzata con l’85% di vetro riciclato e vanta una riduzione del peso dei contenitori dal 10 al 30%, con un risparmio di circa 20.000 tonnellate di materia prima all’anno. Mentre la linea “Eco Green” di Acqua Minerale San Benedetto è caratterizzata da una forte identità “verde”, che differenzia il prodotto e lo rende riconoscibile a scaffale e una comunicazione che contribuisce a sensibilizzare i consumatori verso le questioni ambientali.
I messaggi veicolati dal fardello e dal sistema di etichette valorizzano tutti gli interventi che l’azienda mette in campo per una maggiore sostenibilità degli imballaggi utilizzati, dalla compensazione del 100% delle emissioni di CO₂, all’utilizzo fino al 30% di RPET sul formato da litro.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende