Home » Idee »Prodotti » Al supermercato con Mr.PET:

Al supermercato con Mr.PET

aprile 21, 2010 Idee, Prodotti

riciclo plastica, Courtesy of Ponentevarazzino.comSi può guadagnare buttando una bottiglia di plastica nel posto giusto? La risposta a questa domanda – tutt’altro che bizzarra - si chiama Mr. Pet. Nasce da una sinergia italo-francese, cervello operativo e sede commerciale a Racconigi. Obiettivo: premiare, in denaro, i cittadini che fanno correttamente la raccolta differenziata delle bottiglie in plastica.

E’ già da tempo una realtà in in Normandia, in Francia (nel Midi-Pirenei e nei dintorni di Parigi) e in tre regioni d’Italia (Piemonte, Valle d’Aosta e Sardegna). Ma è pronta a conquistare l’intero Stivale. Grazie all’accordo con due grandi catene commerciali, Sisa e Carrefour, Mr. Pet ha già installato, fuori da alcuni supermercati, le sue “banche” della plastica: grandi e colorati contenitori piazzati nei parcheggi o all’interno dei centri commerciali. Ci si avvicina con il proprio cumulo di bottiglie in PET, una semplice guida insegna come inserire il prodotto vuoto ed ecco che inizia la filiera del riciclo. Saltati tutti i passaggi della discarica, siamo noi, con i nostri “vuoti a rendere”, gli attori principali della riconversione della plastica.

Ad ogni bottiglia un punto (“punti amici dell’ambiente”), accumulato su una card personale ritirata gratuitamente al supermercato, che permette di avere sconti alla cassa quando si fa la spesa. Il cliente si fidelizza al punto vendita che promuove una logica “green” e viene ricompensato in modo semplice, comodo, utile. Della serie: più contenitori vuoti dell’acqua o delle bibite gasate, marchiati dall’insegna P.E.T. (polietilene tereftalato), porto da riciclare alla macchina – operando una preziosa prima selezione - più i miei punti crescono.

Perchè “di plastica non ne esiste un solo tipo, ma almeno 5 o 6, le bottiglie son diverse dallo shampoo, dai bicchierini del caffè, dalla confezione del tonno. E tutti richiedono un processo diverso di differenziazione nei centri di smistamento dei rifiuti“, spiega Michelangelo Bergia, presidente della Compagnia di Finanza Etica, animatore del progetto. “Un processo che si può risparmiare se a farlo sono gli stessi cittadini, nelle loro case”.

Con Mr. Pet, dunque, la bottiglia non diventa un rifiuto, ma una risorsa. Il vantaggio è triplo: i Comuni risparmiano sulla differenziata, i cittadini sono ricompensati in denaro, i centri commerciali fidelizzano il cliente. Il grosso dei nostri rifiuti, infatti, sono proprio gli involucri in polietilene. Tutti dotati di un codice a barre. “Con un sistema di lettura di questo codice – continua Bergia – immagazziniamo immondizia di altissima qualità per molte prestazioni di riciclo. Pensiamo cosa si può fare con 15 miliardi di bottiglie che ogni anno svuotiamo, solo di acqua, senza contare i soft drinks. Superata la logica dei bidoni, insegniamo a riciclare direttamente, con le nostre mani, senza fatica. Per incentivare diamo in cambio il denaro con il sistema a punti, in accordo con i supermercati e le amministrazioni locali”. Le macchinette Mr. Pet possono raccogliere fino a 10.000 bottiglie al giorno, un volume pari a 30 cassonetti che sarebbero riempiti dalla nostra plastica.

Diventare più sensibili verso l’ambiente non è più, dunque, solo questione etica ed ecologica. Da oggi c’è anche un incentivo economico. La plastica, si sa, se non è ben smaltita ha una vita lunga anche 400 anni. In questo modo invece, attivata con Mr. Pet, la filiera del ricilo ad hoc, è capace di rivivere in molti modi.

Ad esempio diventando carrello o cestino della spesa. Come suggeriscono gli stessi iniziatori del progetto (che già coinvolge con successo punti vendita in tutto il mondo) molti supermarket di Torino e dell’hinterland torinese (Collegno, Nichelino, Leinì, Pinerolo, Savigliano), recentemente avviato anche in Sardegna (Alghero, Cagliari, Porto Torres, Ozieri), in Val d’Aosta, in Francia. Li hanno chiamati “Eko-Logic Shop to Shop”. Sono prodotti al 100% dalla plastica ben riciclata, cioè dalle scaglie di Pet: ergonomici e colorati cestelli da supermercato e non solo, che mandano in pensione il vecchio sacchetto di plastica, proteggendo l’ambiente senza riunciare alla comodità. Da Eataly, a Torino, i primi prototipi di questi carrelli “verdi”.

 Ekoquick, Courtesy of KeoprojectMa le potenzialità del cestino Ekoquick e della  borsa Keobox keo box, Courtesy of keoproject sono ben più ampie. Appartenenti alla linea eko-logic Shop to Home, dedicata agli utenti finali, sono fatti ad incastro, smontabili e trasportabili come comode borsette da braccio: questi contenitori sostituiscono in tutto e per tutto le poco ecologiche buste in polietilene, che molte amministrazioni stanno via via mettendo fuori legge. Come i sacchetti, si possono portare sempre con sé: appendere al carrello Eko-Logic Shop to Shop e portare fino all’auto per caricare la spesa. Il tutto senza inutili e dannosi sprechi di plastica.

Da 23 bottiglie in Pet, trasformate in uno di questi cestini, si risparmiano 2 kg di petrolio e 5,2 kg di Co2. Un carrello, invece, è presto fatto con 250 bottiglie d’acqua, per un totale di 100 kg di Co2 in meno nell’atmosfera.

Insomma, tutti felici. Tranne i produttori di Pet. E su questa nota dolente Bergia puntualizza: “In Italia c’è un vuoto normativo sul riciclo della plastica. Noi colmiamo questo vuoto. Che senso ha, infatti, che i consorzi di smistamento dei rifiuti siano gestiti dagli stessi produttori di materie prime, vetro e plastica in primis? Prendiamo lo smaltimento del vetro: da noi la legge ci insegna a demolirlo. Andiamo alle campane e rompiamo le bottiglie. Questo è vetro sprecato. Bene fanno Germania o Repubblica Ceca che lo lasciano intero, riutilizzabile sotto forma di bottiglie per 10 anni. Da noi un contenitore di birra dura il tempo di una bevuta, con buona pace di chi lo produce. Lo stesso discorso per la plastica: molti lo considerano un rifiuto ingombrante, noi gli diamo in fretta una seconda vita”.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Torino i veicoli elettrici ora entrano gratis nella ZTL

giugno 29, 2017

A Torino i veicoli elettrici ora entrano gratis nella ZTL

A Torino, i possessori di veicoli dotati di alimentazione elettrica pura potranno richiedere e ottenere il permesso ZTL Blu-A a titolo gratuito, anche se non rientrano nelle categorie attualmente autorizzate. Sono i frutti di un “provvedimento ponte” approvato martedì 27 giugno dalla giunta di Chiara Appendino, nel quadro di una revisione generale delle modalità di accesso alla ZTL [...]

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende