Home » Idee »Prodotti » Al supermercato con Mr.PET:

Al supermercato con Mr.PET

aprile 21, 2010 Idee, Prodotti

riciclo plastica, Courtesy of Ponentevarazzino.comSi può guadagnare buttando una bottiglia di plastica nel posto giusto? La risposta a questa domanda – tutt’altro che bizzarra - si chiama Mr. Pet. Nasce da una sinergia italo-francese, cervello operativo e sede commerciale a Racconigi. Obiettivo: premiare, in denaro, i cittadini che fanno correttamente la raccolta differenziata delle bottiglie in plastica.

E’ già da tempo una realtà in in Normandia, in Francia (nel Midi-Pirenei e nei dintorni di Parigi) e in tre regioni d’Italia (Piemonte, Valle d’Aosta e Sardegna). Ma è pronta a conquistare l’intero Stivale. Grazie all’accordo con due grandi catene commerciali, Sisa e Carrefour, Mr. Pet ha già installato, fuori da alcuni supermercati, le sue “banche” della plastica: grandi e colorati contenitori piazzati nei parcheggi o all’interno dei centri commerciali. Ci si avvicina con il proprio cumulo di bottiglie in PET, una semplice guida insegna come inserire il prodotto vuoto ed ecco che inizia la filiera del riciclo. Saltati tutti i passaggi della discarica, siamo noi, con i nostri “vuoti a rendere”, gli attori principali della riconversione della plastica.

Ad ogni bottiglia un punto (“punti amici dell’ambiente”), accumulato su una card personale ritirata gratuitamente al supermercato, che permette di avere sconti alla cassa quando si fa la spesa. Il cliente si fidelizza al punto vendita che promuove una logica “green” e viene ricompensato in modo semplice, comodo, utile. Della serie: più contenitori vuoti dell’acqua o delle bibite gasate, marchiati dall’insegna P.E.T. (polietilene tereftalato), porto da riciclare alla macchina – operando una preziosa prima selezione - più i miei punti crescono.

Perchè “di plastica non ne esiste un solo tipo, ma almeno 5 o 6, le bottiglie son diverse dallo shampoo, dai bicchierini del caffè, dalla confezione del tonno. E tutti richiedono un processo diverso di differenziazione nei centri di smistamento dei rifiuti“, spiega Michelangelo Bergia, presidente della Compagnia di Finanza Etica, animatore del progetto. “Un processo che si può risparmiare se a farlo sono gli stessi cittadini, nelle loro case”.

Con Mr. Pet, dunque, la bottiglia non diventa un rifiuto, ma una risorsa. Il vantaggio è triplo: i Comuni risparmiano sulla differenziata, i cittadini sono ricompensati in denaro, i centri commerciali fidelizzano il cliente. Il grosso dei nostri rifiuti, infatti, sono proprio gli involucri in polietilene. Tutti dotati di un codice a barre. “Con un sistema di lettura di questo codice – continua Bergia – immagazziniamo immondizia di altissima qualità per molte prestazioni di riciclo. Pensiamo cosa si può fare con 15 miliardi di bottiglie che ogni anno svuotiamo, solo di acqua, senza contare i soft drinks. Superata la logica dei bidoni, insegniamo a riciclare direttamente, con le nostre mani, senza fatica. Per incentivare diamo in cambio il denaro con il sistema a punti, in accordo con i supermercati e le amministrazioni locali”. Le macchinette Mr. Pet possono raccogliere fino a 10.000 bottiglie al giorno, un volume pari a 30 cassonetti che sarebbero riempiti dalla nostra plastica.

Diventare più sensibili verso l’ambiente non è più, dunque, solo questione etica ed ecologica. Da oggi c’è anche un incentivo economico. La plastica, si sa, se non è ben smaltita ha una vita lunga anche 400 anni. In questo modo invece, attivata con Mr. Pet, la filiera del ricilo ad hoc, è capace di rivivere in molti modi.

Ad esempio diventando carrello o cestino della spesa. Come suggeriscono gli stessi iniziatori del progetto (che già coinvolge con successo punti vendita in tutto il mondo) molti supermarket di Torino e dell’hinterland torinese (Collegno, Nichelino, Leinì, Pinerolo, Savigliano), recentemente avviato anche in Sardegna (Alghero, Cagliari, Porto Torres, Ozieri), in Val d’Aosta, in Francia. Li hanno chiamati “Eko-Logic Shop to Shop”. Sono prodotti al 100% dalla plastica ben riciclata, cioè dalle scaglie di Pet: ergonomici e colorati cestelli da supermercato e non solo, che mandano in pensione il vecchio sacchetto di plastica, proteggendo l’ambiente senza riunciare alla comodità. Da Eataly, a Torino, i primi prototipi di questi carrelli “verdi”.

 Ekoquick, Courtesy of KeoprojectMa le potenzialità del cestino Ekoquick e della  borsa Keobox keo box, Courtesy of keoproject sono ben più ampie. Appartenenti alla linea eko-logic Shop to Home, dedicata agli utenti finali, sono fatti ad incastro, smontabili e trasportabili come comode borsette da braccio: questi contenitori sostituiscono in tutto e per tutto le poco ecologiche buste in polietilene, che molte amministrazioni stanno via via mettendo fuori legge. Come i sacchetti, si possono portare sempre con sé: appendere al carrello Eko-Logic Shop to Shop e portare fino all’auto per caricare la spesa. Il tutto senza inutili e dannosi sprechi di plastica.

Da 23 bottiglie in Pet, trasformate in uno di questi cestini, si risparmiano 2 kg di petrolio e 5,2 kg di Co2. Un carrello, invece, è presto fatto con 250 bottiglie d’acqua, per un totale di 100 kg di Co2 in meno nell’atmosfera.

Insomma, tutti felici. Tranne i produttori di Pet. E su questa nota dolente Bergia puntualizza: “In Italia c’è un vuoto normativo sul riciclo della plastica. Noi colmiamo questo vuoto. Che senso ha, infatti, che i consorzi di smistamento dei rifiuti siano gestiti dagli stessi produttori di materie prime, vetro e plastica in primis? Prendiamo lo smaltimento del vetro: da noi la legge ci insegna a demolirlo. Andiamo alle campane e rompiamo le bottiglie. Questo è vetro sprecato. Bene fanno Germania o Repubblica Ceca che lo lasciano intero, riutilizzabile sotto forma di bottiglie per 10 anni. Da noi un contenitore di birra dura il tempo di una bevuta, con buona pace di chi lo produce. Lo stesso discorso per la plastica: molti lo considerano un rifiuto ingombrante, noi gli diamo in fretta una seconda vita”.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende