Home » Internazionali »Politiche »Prodotti »Prodotti » Quale futuro per il silicio? Intervista a Ugo Bardi:

Quale futuro per il silicio? Intervista a Ugo Bardi

In questi giorni si sta svolgendo a Berlino la Solar Terawatt-hours Conference Series, un importante momento di confronto tra gli operatori del settore, organizzato da PHOTON Academy, per fare il punto della situazione sull’industria del fotovoltaico - tra problemi di approvvigionamento delle materie prime e miglioramento tecnologico

L’incontro vede la partecipazione di esperti e studiosi della materia, ma soprattutto delle aziende produttrici di moduli e celle fotovoltaiche e di inverters (apparecchi che assicurano la trasformazione della corrente da continua ad alternata), nonché di investitori e rappresentanti delle società di assicurazione.

Già perchè l’industria fotovoltaica, più di altre, muove ingenti aspetti finanziari, speculativi, assicurativi e politici, oltre che tecnologici. Ne è un esempio paradigmatico la conferenza dedicata al silicio, il materiale con cui, in prevalenza, si fabbricano i pannelli fotovoltaici. L’aumento del prezzo del silicio, infatti, potrebbe avere delle ripercussioni significative, considerando gli attuali ritmi di crescita – che hanno visto l’ingresso di molte nuove aziende nel remunerativo mercato del fotovoltaico e della produzione di pannelli – e le previsioni di sviluppo futuro.

A Berlino ci si è chiesti pertanto se l’offerta di materie prime sia in grado di soddisfare la crescente domanda  e se la recente penuria nell’approvvigionamento di silicio sia solo un problema temporaneo o strutturale. 

Greenews.info ha girato la domanda al professor Ugo Bardi, docente presso il dipartimento di chimica dell’Università di Firenze e presidente di Aspo Italia l’Associazione per lo Studio del Picco Petrolifero, che ha fatto proprie le teorie sull’esaurimento dei giacimenti petroliferi del geologo statunitense M.K Hubbert, promuovendo di conseguenza il ricorso alle fonti rinnovabili di energia e cercando di sensibilizzare sull’urgenza del tema politici e cittadini, così che la transizione dalle fonti fossili a quelle rinnovabili possa essere gestita con oculatezza.

D) Professore, come si è arrivati a questo picco di richiesta del silicio? 

R) Inizialmente veniva usato quello non più necessario alle aziende di produzione di apparecchi elettronici ed informatici. Ma i successivi miglioramenti tecnologici hanno permesso una lavorazione autonoma e, quindi, una produzione di silicio destinata esclusivamente all’industria del fotovoltaico. La produzione è adesso fiorente ed abbondante, ma in grado comunque di soddisfare le richieste per molti anni a venire.

D) Possiamo dunque essere rassicurati circa la disponibilità futura di questa materia prima?

R) Anche se al momento non ci poniamo ancora il problema (visto che i pannelli fotovoltaici sono destinati a durare dai venti ai trent’anni), ricordo che il silicio può essere riciclato. Anche altri materiali, con cui in minima parte si fabbricano i pannelli fotovoltaici, potrebbero essere riciclati. Penso in questo caso a materiali ben più rari, come tellurio e cadmio, per i quali il riciclo, data la loro scarsezza, è necessario anche da un punto di vista industriale. Bisogna rammentare, inoltre, che sono materiali inerti per cui, per essere correttamente smaltiti, non devono comunque essere destinati agli inceneritori di rifiuti.

D) L’industria fotovoltaica può dunque continuare a crescere. Ma secondo quale modello?

R) Il modello tedesco di incentivazione per chi produce energia elettrica da fotovoltaico è un modello intelligente, che andrebbe sicuramente esportato in Italia. E’ vero che in Germania quello stesso modello ha avuto delle critiche, ma sono arrivate dai rappresentanti dell’economia tradizionale, quella del petrolio. Il fotovoltaico in Germania ha dimostrato di soddisfare pienamente il consumo di elettricità, e questo ha messo in un angolo i produttori tradizionali. Il sistema tedesco non finanzia  in conto capitale, bensì in conto produzione, cioè l’elettricità effettivamente immessa in rete dall’impianto fotovoltaico: così si privilegiano gli impianti che producono di più, i più efficienti ed innovativi. Il che porta ad investire di più nello sviluppo delle nuove tecnologie.

D) E in Italia ? Hanno ragione gli ambientalisti, quando dicono che il Decreto Romani vuole segnare una battuta d’arresto delle rinnovabili per favorire il nucleare?

R) Secondo me gli ambientalisti si preoccupano troppo e sbagliano quando credono che saranno costruite le centrali nucleari, un’operazione  puramente velleitaria. Le centrali non si faranno semplicemente perché non ci sono i soldi. In ogni caso non bisogna farsi ingannare da certi dati: il fotovoltaico produce e non è un costo per gli italiani. Grazie al fotovoltaico potremo liberarci dai problemi legati all’approvvigionamento del petrolio, basti pensare agli attuali sconvolgimenti del mondo arabo.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende