Home » Prodotti »Progetti »Servizi » RECOIL: come l’olio della friggitrice può creare energia, calore e green jobs:

RECOIL: come l’olio della friggitrice può creare energia, calore e green jobs

novembre 17, 2011 Prodotti, Progetti, Servizi

Ciò che è noto, è che l’olio esausto inquina e causa problemi all’ecosistema. Ciò che, invece, ancora non si sa, è che tramite l’olio esausto è possibile creare energia elettrica e termica. E’ questo l’obiettivo del progetto RECOIL, RECovered waste cooking OIL for combined heat and power production, ovvero: olio vegetale esausto recuperato per la produzione combinata di energia elettrica e termica.

Il progetto, presentato lo scorso 11 novembre alla fiera Ecomondo di Rimini, vede come partner AzzeroCO2, CONOE (il Consorzio Obbligatorio Nazionale di raccolta e trattamento oli e grassi vegetali e animali esausti),  Legambiente, Kyoto Club e CID Software, sarà finanziato per circa il 50% dell’intero ammontare dalla Commissione Europea, nell’ambito del programma LIFE+ e durerà fino a giugno 2015.

Quello degli oli esausti scaricati nell’ambiente, è un problema ancora irrisolto che causa danni per il buon funzionamento degli impianti di trattamento dell’acqua e quindi all’ecosistema in generale. I settori colpiti dallo smaltimento sono diversi. Primo fra tutti, quello dell’efficienza energetica e delle risorse, in particolare l’acqua. il processo di discarica di tali oli prevede infatti un trattamento particolare per separare gli oli e le materie grasse da quelle liquide, che preve un utilizzo massiccio di acqua e di energia. Quando invece gli impianti non sono adeguati, l’olio rischia di finire nei fiumi, provocando la morte della fauna e della flora subacquea. In questi casi, poiché l’olio è più leggero dell’acqua, forma una patina di grasso che si deposita sulle superfici di acqua, non permettendo il normale scambio di ossigeno tra aria e acqua, e contribuendo alla distruzione dell’ecosistema. 

Gli stessi effetti devastanti, si verificano se gli oli vengono dispersi nel sottosuolo. In questo caso, rischiano di inquinare le falde acquifere, rendendo l’acqua inutilizzabile, sia per gli usi agricoli che per quelli domestici.

Il progetto RECOIL intende perciò realizzare un sistema ottimizzato per la raccolta porta a porta dell’olio vegetale esausto, per ottenere due risultati: limitare i danni derivanti dalla sua dispersione nell’ambiente e la produzione energetica.

Per l’implementazione del progetto, sono stati scelti due comuni pilotaCastell’Azzara (Gr) e Forlimpopoli (Fc). In entrambi i comuni sarà pianificato un sistema di raccolta porta a porta dell’olio usato e un sistema informativo innovativo di monitoraggio e tracciabilità dell’intera filiera di raccolta. L’olio esausto raccolto, dopo un trattamento esclusivamente meccanico in cui verranno eliminate le impurità, sarà utilizzato come combustibile per produrre energia elettrica e termica. Seguendo questo meccanismo, oltre a produrre energia pulita, sarà eliminato anche il processo chimico di conversione degli oli esausti, il quale provocava danni all’ambiente.

Secondo i dati del consorzio CONOE, nel 2010 sono state 43 mila le tonnellate di oli vegetali esausti raccolti e riciclati, un dato destinato ad aumentare nei prossimi anni. La raccolta domestica per ora è limitata solo ad alcuni Comuni e potrà essere diffusa in maniera sistematica soltanto con la modifica della legge attuale. Questa prevede oggi che gli oli usati in cucina (frittura e assimilati) debbano essere recuperati in contenitori metallici o in plastica e conferiti in apposi centri di raccolta (organizzati dal Comune di residenza). Successivamente, imprese affiliate al CONOE provvedono al ritiro per poi avviare il processo di riciclo e smaltimento. Il Consorzio, in assenza di direttive comunali, deve essere contattato direttamente per concordare il ritiro personalizzato. Con un simile funzionamento, è evidente quanto possa essere dunque importante l’attività di sensibilizzazione che sarà sperimentata nel progetto RECOIL. Come ha dichiarato Stefano Ciafani, responsabile scientifico e project manager per Legambiente, “l’attività di informazione  e sensibilizzazione è basilare per coinvolgere direttamente i cittadini nella gestione sostenibile  dei rifiuti e, nello specifico, nella raccolta domiciliare porta a porta degli oli vegetali usati”. Saranno anche implementati corsi specifici di formazione per i tecnici comunali che saranno impegnati nella gestione del sistema di raccolta.

Ancora una volta il duplice obiettivo della sostenibilità ambientale e dell’efficienza energetica è accompagnato anche da ricadute economiche positive: la creazione di nuovi green jobs.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende