Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Pubblica Amministrazione »Servizi » Recupero, depurazione, stoccaggio: processi e impianti per salvare l’”oro blu”:

Recupero, depurazione, stoccaggio: processi e impianti per salvare l’”oro blu”

La fine del mese di ottobre è arrivata e sulla maggior parte del territorio italiano continua a non piovere. La siccità e gli incendi di quest’anno hanno messo a dura prova l’agricoltura, i boschi e gli acquedotti, ma soprattutto hanno riportato prepotentemente l’attenzione su una risorsa sempre più preziosa e la sua gestione: l’acqua.

E’ormai evidente, infatti, che non potrà più essere percorribile, nel futuro prossimo, il modello del consumo senza recupero, ma servirà sempre più affidarsi ad impianti e tecnologie di recupero e stoccaggio delle acque piovanedepurazione di ogni tipo di scarico liquido, sia in ambito civile che industriale. Ovvero: mai buttare via una goccia e ripulire tutto il recuperabile, anche per evitare di inquinare le falde e i corsi d’acqua.

Ad oggi esistono già precisi obblighi di legge per alcuni settori produttivi, così come per gli insediamenti urbani o extraurbani e numerose soluzioni disponibili sul mercato. Si tratta di impianti “di prima pioggia” per il recupero e lo stoccaggio delle acque meteoriche, depuratori per acque di scarico civili, fosse biologiche, vasche di filtrazione e disoleatori per autofficine, autolavaggi ecc. Impianti e prodotti che devono essere accompagnati da marcatura CE e, preferibilmente, da certificazioni di qualità del produttore, come le norme UNI della serie ISO 900o.

I depuratori per acque di scarico civili, ad esempio, sono indicati per la depurazione delle acque reflue domestiche, cioè per il trattamento epurativo di tutte quelle acque scaricate da insediamenti di persone, che provengono dai servizi igienici, dai bagni o dalle cucine. E’ il caso delle abitazioni, ma anche delle attività professionali come alberghi, ristoranti, scuole, campings e villaggi turistici, negozi, uffici, teatri, ecc. Se ben fabbricati questi depuratori consentono numerosi vantaggi: innanzitutto possono essere completamente interrati (non alterando quindi il paesaggio), richiedono una manutenzione minima e minimi costi di esercizio (consumano cioè pochissima energia elettrica).

Uno dei sistemi biologici epurativi più efficaci per la depurazione delle acque reflue civili è quello a “fanghi attivi in aerazione prolungata”. In questo processo il liquame grezzo, dopo aver subito i pretrattamenti (come la separazione dei grassi reflui provenienti dai lavelli delle cucine) viene convogliato in un bacino di aerazione dove, mediante l’insufflazione di una quantità di aria, si favorisce la formazione di masse di microrganismi (fanghi attivi) che assorbendo le sostanze inquinanti contenute nell’acqua le eliminano poi sotto forma di composti ossidati semplici (acqua, anidride carbonica, ecc.). Successivamente i fanghi attivi vengono separati dal liquido per decantazione: mentre l’acqua depurata effluisce, i fanghi attivi decantati vengono inviati nuovamente alla vasca di aerazione in maniera che in quest’ultima la massa di fanghi biologicamente attivi (i distruttori della sostanza organica inquinante) sia sempre in eccesso rispetto al liquame.

Anche gli impianti di depurazione delle acque reflue industriali per industrie agricole, alimentari ed allevamenti sono simili, per conformazione, agli impianti usati negli scarichi domestici. Ma la progettazione di questi impianti necessita di un accurato studio preliminare del tipo e della quantità giornaliera del liquame da trattare e del carico inquinante provocato.

Gli impianti di trattamento delle “acque di prima pioggia” per piazzali di rifornimento carburanti o aree di stoccaggio di materiali inquinanti, invece, vengono impiegati per la depurazionee lo smaltimento programmato delle acque di origine meteorica, precipitate nel periodo iniziale dell’evento meteorico. Con il termine “acque di prima pioggia” vengono infatti definite le quantità di acqua piovana precipitata nei primi 15 minuti dell’evento meteorico. Per decantazione, dalle acque di prima pioggia verranno separate sabbie, terricci e tutte le altre materie sedimentabili trascinate dall’acqua, le quali si accumuleranno sul fondo vasca. Questo procedimento programmato di trattamento e smaltimento delle acque è necessario affinché i cosiddetti ricettori finali (le canalizzazioni di acque bianche, ecc.) abbiano il tempo di ricevere tutte le quantità derivanti dalle precipitazioni meteoriche del luogo – sempre maggiori a causa delle “bombe d’acqua” legate ai cambiamenti climatici – che nell’assieme simultaneo risulterebbero, al contrario, superiori alla loro potenzialità di recepimento e smaltimento.

Esistono poi diverse soluzioni di stoccaggio, dalle vasche antincendio, impiegate, in ambito industriale, per stoccare acqua da utilizzare in situazioni di emergenza, alle “vasche semplici”  che possono essere impiegate come serbatoi di stoccaggio dell’acqua per irrigazioni, sia in ambito agricolo che per giardini di abitazioni.

Le tecnologie dunque non mancano, serve ora un progressivo “adattamento culturale”, per preservare sempre più e sempre meglio le risorse idriche. Fino all’ultima goccia.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende