Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Pubblica Amministrazione »Servizi » Recupero, depurazione, stoccaggio: processi e impianti per salvare l’”oro blu”:

Recupero, depurazione, stoccaggio: processi e impianti per salvare l’”oro blu”

La fine del mese di ottobre è arrivata e sulla maggior parte del territorio italiano continua a non piovere. La siccità e gli incendi di quest’anno hanno messo a dura prova l’agricoltura, i boschi e gli acquedotti, ma soprattutto hanno riportato prepotentemente l’attenzione su una risorsa sempre più preziosa e la sua gestione: l’acqua.

E’ormai evidente, infatti, che non potrà più essere percorribile, nel futuro prossimo, il modello del consumo senza recupero, ma servirà sempre più affidarsi ad impianti e tecnologie di recupero e stoccaggio delle acque piovanedepurazione di ogni tipo di scarico liquido, sia in ambito civile che industriale. Ovvero: mai buttare via una goccia e ripulire tutto il recuperabile, anche per evitare di inquinare le falde e i corsi d’acqua.

Ad oggi esistono già precisi obblighi di legge per alcuni settori produttivi, così come per gli insediamenti urbani o extraurbani e numerose soluzioni disponibili sul mercato. Si tratta di impianti “di prima pioggia” per il recupero e lo stoccaggio delle acque meteoriche, depuratori per acque di scarico civili, fosse biologiche, vasche di filtrazione e disoleatori per autofficine, autolavaggi ecc. Impianti e prodotti che devono essere accompagnati da marcatura CE e, preferibilmente, da certificazioni di qualità del produttore, come le norme UNI della serie ISO 900o.

I depuratori per acque di scarico civili, ad esempio, sono indicati per la depurazione delle acque reflue domestiche, cioè per il trattamento epurativo di tutte quelle acque scaricate da insediamenti di persone, che provengono dai servizi igienici, dai bagni o dalle cucine. E’ il caso delle abitazioni, ma anche delle attività professionali come alberghi, ristoranti, scuole, campings e villaggi turistici, negozi, uffici, teatri, ecc. Se ben fabbricati questi depuratori consentono numerosi vantaggi: innanzitutto possono essere completamente interrati (non alterando quindi il paesaggio), richiedono una manutenzione minima e minimi costi di esercizio (consumano cioè pochissima energia elettrica).

Uno dei sistemi biologici epurativi più efficaci per la depurazione delle acque reflue civili è quello a “fanghi attivi in aerazione prolungata”. In questo processo il liquame grezzo, dopo aver subito i pretrattamenti (come la separazione dei grassi reflui provenienti dai lavelli delle cucine) viene convogliato in un bacino di aerazione dove, mediante l’insufflazione di una quantità di aria, si favorisce la formazione di masse di microrganismi (fanghi attivi) che assorbendo le sostanze inquinanti contenute nell’acqua le eliminano poi sotto forma di composti ossidati semplici (acqua, anidride carbonica, ecc.). Successivamente i fanghi attivi vengono separati dal liquido per decantazione: mentre l’acqua depurata effluisce, i fanghi attivi decantati vengono inviati nuovamente alla vasca di aerazione in maniera che in quest’ultima la massa di fanghi biologicamente attivi (i distruttori della sostanza organica inquinante) sia sempre in eccesso rispetto al liquame.

Anche gli impianti di depurazione delle acque reflue industriali per industrie agricole, alimentari ed allevamenti sono simili, per conformazione, agli impianti usati negli scarichi domestici. Ma la progettazione di questi impianti necessita di un accurato studio preliminare del tipo e della quantità giornaliera del liquame da trattare e del carico inquinante provocato.

Gli impianti di trattamento delle “acque di prima pioggia” per piazzali di rifornimento carburanti o aree di stoccaggio di materiali inquinanti, invece, vengono impiegati per la depurazionee lo smaltimento programmato delle acque di origine meteorica, precipitate nel periodo iniziale dell’evento meteorico. Con il termine “acque di prima pioggia” vengono infatti definite le quantità di acqua piovana precipitata nei primi 15 minuti dell’evento meteorico. Per decantazione, dalle acque di prima pioggia verranno separate sabbie, terricci e tutte le altre materie sedimentabili trascinate dall’acqua, le quali si accumuleranno sul fondo vasca. Questo procedimento programmato di trattamento e smaltimento delle acque è necessario affinché i cosiddetti ricettori finali (le canalizzazioni di acque bianche, ecc.) abbiano il tempo di ricevere tutte le quantità derivanti dalle precipitazioni meteoriche del luogo – sempre maggiori a causa delle “bombe d’acqua” legate ai cambiamenti climatici – che nell’assieme simultaneo risulterebbero, al contrario, superiori alla loro potenzialità di recepimento e smaltimento.

Esistono poi diverse soluzioni di stoccaggio, dalle vasche antincendio, impiegate, in ambito industriale, per stoccare acqua da utilizzare in situazioni di emergenza, alle “vasche semplici”  che possono essere impiegate come serbatoi di stoccaggio dell’acqua per irrigazioni, sia in ambito agricolo che per giardini di abitazioni.

Le tecnologie dunque non mancano, serve ora un progressivo “adattamento culturale”, per preservare sempre più e sempre meglio le risorse idriche. Fino all’ultima goccia.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende