Home » Idee »Internazionali »Nazionali »Politiche »Prodotti » Ritorno al futuro: declino e rilancio della canapa, la coltivazione “più pulita”:

Ritorno al futuro: declino e rilancio della canapa, la coltivazione “più pulita”

Olio, tisane, birra, mangimi per animali, gelati, integratori alimentari, profumi, medicine. Tessuti, corde, pannelli isolanti, tappeti, materassi, scarpe, arredamento. Vernici, inchiostri, carta, combustibili, imbottiture per automobili, materiali edilizi, esplosivi. Persino i pannolini e la lettiera per il gatto… “Per fare tutto ci vuole un fiore”, cantava Sergio Endrigo negli anni Settanta. Be’, quel fiore miracoloso esiste davvero e si chiama canapa.

Incredibilmente produttiva e utilizzata per decine di scopi diversi in quasi ogni settore, la canapa è una delle poche piante coltivate sin dall’antichità, sia in Oriente che in Occidente. Cresce rapidamente su ogni tipo di terreno, si può coltivare fino a 1.500 metri di altitudine ed essendo un diserbante naturale (la sua presenza “soffoca” le erbe infestanti) non ha praticamente bisogno di concimi né di pesticidi, aggiudicandosi così la palma di coltura “più ecologica”. Eppure per oltre sessant’anni la canapa ha subito una sorta di embargo globale che ne ha fatto decadere l’utilizzo e la coltivazione, interrompendo filiere locali consolidate. Perché?

Il motivo a cui subito si pensa è la “cattiva reputazione”, legata all’utilizzo della varietà cannabis indica come droga. Fu il Marihuana Tax Act, firmato nel 1937 dal presidente Roosevelt, a dare il via negli Stati Uniti (e poi in molti altri paesi del mondo) al proibizionismo contro la canapa, esteso immediatamente, senza tanti distinguo, anche alla varietà sativa, la più diffusa per usi tessili e industriali. In realtà, però, il declino era già cominciato, prima per la concorrenza del cotone e poi per quella decisamente più aggressiva del petrolio e di tutte le fibre sintetiche derivate. L’aspetto paradossale – fa notare Cesare Pasini, autore del blog usidellacanapa.it – è che “a conti fatti, l’unico proibizionismo che ha davvero funzionato è stato quello nei confronti della canapa ad uso industriale”, a tutto beneficio, neanche a dirlo, del settore petrolifero.

Così oggi, a fronte di un crescente movimento di opinione che sta rivalutando i vantaggi, soprattutto ambientali, della canapa e vorrebbe sdoganarne l’utilizzo anche in campo medico (alcuni stati americani ne hanno autorizzato persino l’uso “ricreativo”), le maggiori difficoltà per un rilancio in grande scala si incontrano sul piano logistico: si sono persi i processi di lavorazione, i metodi, gli impianti. Insomma, è necessario ricostruire da capo la filiera produttiva di quella che, per secoli, è stata una delle più diffuse coltivazioni al mondo.

«È questo anche da noi, più della burocrazia o della legalità, il problema principale per chi vuole coltivare la cannabis», assicura Felice Giraudo, ex sindaco di Carmagnola (in provincia di Torino) e presidente di Assocanapa, l’associazione che dal 1998 è diventata un punto di riferimento per il rilancio della canapa in Italia. «Fino agli anni Cinquanta il nostro paese era uno dei maggiori produttori mondiali di canapa, con 100mila ettari di coltivazioni sul territorio nazionale», racconta Giraudo. Il Canavese, in Piemonte, secondo una tradizione popolare prende il nome proprio dalla coltura che un tempo ne era la maggior fonte di reddito. «Poi sono arrivate le fibre sintetiche, e coltivare la canapa ha smesso di essere così redditizio… Oggi si contano, per lo più in Piemonte, Veneto e Puglia, circa 400 ettari di colture, che speriamo di vedere raddoppiati entro il prossimo anno. Ma di certo siamo ben lontani dai traguardi di un tempo». L’ostacolo principale al momento sono gli alti costi di trasporto, dovuti alla mancanza di impianti di prima trasformazione per separare la fibra dal “canapolo”, operazione che un tempo si eseguiva a mano. «Attualmente l’unico impianto in Italia è quello di Assocanapa a Carmagnola – spiega ancora Giraudo – ma presto ne entrerà in funzione un secondo a Taranto. Il nostro obiettivo è quello di averne almeno uno per ogni regione: senza il ripristino di una filiera produttiva, infatti, non potrà mai esserci un vero rilancio del settore».

I filoni su cui oggi punta Assocanapa sono quello tecnico-edilizio e quello alimentare. «Il filone tessile purtroppo subisce l’accanita concorrenza cinese. – precisa l’ex sindaco di Carmagnola – Mentre per il settore medico-farmacologico cominciano ad aprirsi degli spiragli». Qui il problema diventa però di ordine legale: secondo la normativa italiana e comunitaria, le varietà di cannabis coltivabili devono infatti avere un tenore di THC (tetraidrocannabinolo, composto stupefacente con proprietà antidolorifiche ed euforizzanti) inferiore allo 0,2%. Troppo basso perché possa avere una qualche utilità in campo farmaceutico. Insomma, malgrado l’uso della cannabis indica sia consentito in alcune terapie del dolore e ci siano medici e associazioni che si battono per una ricerca in tal senso, la strada sembra ancora lunga, ben radicati i pregiudizi da abbattere e ancora tanti i dubbi da fugare.

Non ci sono dubbi, invece, sui vantaggi ambientali che il rilancio industriale della canapa comporterebbe. Oltre ad essere, rispetto ai suoi concorrenti, una coltivazione “pulita” (il cotone, ad esempio, richiede moltissimi pesticidi), ha la proprietà di riequilibrare le qualità organolettiche del terreno, produce più ossigeno degli alberi e ha una resa altissima in termini di biomassa: una coltivazione di tre mesi e mezzo ne produce una quantità quattro volte maggiore della stessa superficie di bosco in un anno. Anche se si guarda ai prodotti finiti, i vantaggi saltano subito agli occhi. L’olio di canapa, ad esempio, è ricco di grassi insaturi e quindi ottimo per prevenire le malattie cardiocircolatorie; le vernici, oltre a non essere inquinanti, sono di qualità superiore rispetto a quelle derivate dal petrolio e la plastica ricavata dalla canapa, buona per imballaggi e isolanti, è ovviamente del tutto biodegradabile. La lavorazione della carta, poi, diventerebbe molto meno costosa e inquinante, sia per la maggiore produttività in termini di cellulosa rispetto al legno degli alberi, sia per la possibilità di evitare acidi e sbiancanti al cloro altamente nocivi.

C’è infine da considerare il largo uso che se ne potrebbe fare nel campo dell’isolamento termico e del risparmio energetico. «In Italia – ricorda Giraudo – il 60% dell’energia si utilizza per climatizzare le abitazioni. Ma mentre un ettaro di mais produce energia per la casa di 9 persone per un anno, con un ettaro di canapa si ha tanto materiale isolante sufficiente per climatizzare le abitazioni di 12 persone per 50 anni».

Produttività, risparmio energetico, riduzione dell’inquinamento, qualità e salubrità dei prodotti: la canapa, dunque sembra avere tutte le carte in regola per diventare la materia prima del futuro. E da questo punto di vista anche la nuova PAC (Politica Agricola Comunitaria) attesa per il 2014, più attenta delle versioni precedenti alla difesa ambientale, potrebbe avere un occhio di riguardo per questa cenerentola del settore agricolo. Allora, forse, anche in Italia i coltivatori di canapa non dovranno più subire i controlli della polizia, come fossero pericolosi spacciatori.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende