Home » Prodotti »Servizi » SANA 2015: è biologico il Made in Italy da record:

SANA 2015: è biologico il Made in Italy da record

settembre 14, 2015 Prodotti, Servizi

Il “biologico” sembra essere uscito dalla nicchia: ha oggi un valore di 2 miliardi e mezzo di euro, con un fatturato che cresce a doppia cifra ogni anno e una platea di 18,4 milioni di famiglie consumatrici. Il settore del biologico italiano, fotografato da una ricerca Nielsen per Assobio, è in mostra alla 27° edizione del Sana (Bologna, 12-15 settembre). Un settore che, per Coldiretti, rappresenta ormai il 2,5% dei nostri consumi alimentari, con le regioni del Sud (Sicilia, Puglia e Calabria) in testa per produzioni biologiche. A sostenerne le vendite, oltre ai canali tradizionali e di e-commerce anche quello delle vendite dirette dei produttori agricoli come la rete delle fattorie e dei mercati degli agricoltori di Campagna Amica, ormai presente in molti centri e che conta su circa diecimila punti vendita.

La manifestazione fieristica organizzata da Bolognafiere, nell’anno dell’Expo milanese, ha dunque buon gioco a sottolineare il ruolo fondamentale dell’agricoltura biologica per il futuro del Pianeta. Ma il bio Made in Italy di successo non è solo food. Dai padiglioni della fiera le perfomances sono tutte di segno positivo e registrano un’affermazione consolidata: la domanda di prodotti a marchio bio (alimentari, cosmetici, nutraceutici, integratori, ecc.) cresce ininterrottamente dal 2005, trainando le vendite, che aumentano del 91% dal 2008 al 2014.

“E’ indubbiamente un mercato in piena salute” commenta Francesco Giardina, del Sinab, il Sistema d’informazione sul biologico del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali. Con un incremento  del 5,8% di operatori del settore, “l’Italia è il primo paese europeo per numero di operatori impiegati nel biologico”. In crescita anche altri indicatori: oltre le superfici coltivate con metodo biologico, che hanno raggiunto nel 2014 quota 1,4 milioni di ettari (+5,4% rispetto all’anno precedente), aumentano del 15 % anche i maiali allevati biologicamente ed il pollame (+14%). In aumento anche i punti vendita della distribuzione e della ristorazione. Solo nel Bolognese, per avere un’idea, le imprese biologiche certificate sono 3.876 (+510 aziende dal 2009).

Fabio Del Bravo, di Ismea, annuncia dati sorprendenti: “Il biologico registra una crescita del 20% nel primo semestre del 2015”. Un record motivato soprattutto dalla ricerca di sicurezza e qualità alimentare: “Il carrello della spesa degli Italiani è sempre più orientato a scelte di benessere” fa notare Del Bravo.

Secondo i risultati dell’Osservatorio Sana 2015, curato da Nomisma su un campione di 150 imprese agroalimentari certificate – in mancanza di una classificazione di codici doganali per i prodotti biologici certificati non c’è una rilevazione continuativa dei flussi di import-export- , anche il bioexport è in forte crescita. “La vendita dell’agricoltura biologica italiana fuori dai confini cresce a doppia cifra” sottolinea Silvia Zucconi di Nomisma. Nel 2014, le vendite all’estero di prodotti agroalimentari italiani certificati bio sono state pari a 1,4 miliardi di euro. “I punti di forza dei nostri prodotti sono la qualità e l’apprezzamento di garanzie legate al Made in Italy”: non a caso, tra i prodotti più ricercati domina l’ortofrutta, seguita da pasta, carne fresca e lavorata. La Germania, paese che detiene il primato del biologico, rappresenta il primo mercato per i prodotti bio del Belpaese: lì finisce il 24% della produzione agroalimentare biologica nostrana.

Una caratteristica delle imprese bio è proprio la capacità di essere presenti sui mercati internazionali: l’80% delle imprese ha realizzato vendite all’estero nel corso del 2014.

L’attitudine all’internazionalizzazione dei produttori o delle aziende distributrici del biologico ha premiato. Come nel caso di Probios, partita nel 1978 a Firenze con prodotti macrobiotici e oggi presente in 48 Paesi, con un fatturato di gruppo di oltre 30 milioni di euro (+12% rispetto all’anno precedente). Pur mantenendo l’85% dei fornitori italiani (con il 70% delle materie prime coltivate in Italia), nel 2014 Probios ha servito circa 4.200 punti vendita, dal Vecchio Continente al Nord Africa, fino in Australia. Oltre 300 i prodotti senza glutine commercializzati (di cui più di 130 mutuabili dal Sistema Sanitario Italiano), e oltre 100 i prodotti senza latte.

All’apertura della manifestazione, il viceministro alle Politiche Agricole con delega al Biologico, Andrea Olivero, ha sottolineato il legame tra SANA ed Expo, che ospita il biologico e le imprese bio italiane nel Padiglione del Biologico e del Naturale all’interno del Parco della Biodiversità, l’area tematica progettata e realizzata da BolognaFiere. Proprio in questa area avrà luogo, il 29 settembre, la Festa del Bio che coinvolgera’ tutta l’esposizione milanese, per un “dibattito internazionale sull’alimentazione e sul cibo che rende ancora più protagonista il bio e il naturale”.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende