Home » Aziende »Eventi »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Solarexpo: fiera ridotta all’osso, ma le imprese italiane puntano ancora sull’innovazione:

Solarexpo: fiera ridotta all’osso, ma le imprese italiane puntano ancora sull’innovazione

maggio 10, 2013 Aziende, Eventi, Pratiche, Prodotti, Prodotti

La decisione tanto attesa dagli operatori del fotovoltaico, alla fine è arrivata: secondo fonti dell’Ue, la Commissione avrebbe stabilito di imporre alle aziende cinesi esportatrici di moduli in Europa dazi antidumping in percentuale variabile, da un minimo del 36% a un massimo del 68%. Nel 2012, per la prima volta in più di un decennio, il mercato del fotovoltaico nel vecchio continente ha visto diminuire il proprio fatturato rispetto all’anno prima. Solo in Italia, dicono diversi studi, il calo è stato del 60%. E secondo il rapporto dell’Epia (Associazione europea delle industrie fotovoltaiche) “Global Market Outlook“, presentato a Milano in apertura di Solarexpo, “il futuro del mercato europeo nei prossimi anni è incerto” e “le prospettive a breve termine, nella migliore delle ipotesi, sono stabili o in declino”. Se oggi il fotovoltaico copre il 2,6% della domanda di elettricità in Europa, l’Epia prevede che nel 2020 esso arriverà a soddisfare una fetta variabile tra il 4% e il 12%, in base alle politiche che verranno attuate nei singoli stati membri.

Ma se le difficoltà non mancano (basti vedere il numero di espositori alla fiera del fotovoltaico, quest’anno approdata alla fiera di Milano dopo molto tempo a Verona,  crollati a 400 dai 1.230 del 2012 e i 1.400 del 2011), le imprese italiane del settore continuano a innovare. Così, accanto ai grandi nomi del fotovoltaico, i padiglioni della fiera di Rho ospitano tante piccole e medie imprese, molte ancora giovani, decise a sfidare la congiuntura  con investimenti in ricerca, consapevoli delle proprie potenzialità. Puntando sulla qualità e il made in Italy.

Il simbolo di questo spirito è Generich, un’impresa familare nata a Mirandola (Modena) nel 2006 dalla IT Solar e specializzata in gestione dell’energia prodotta da fonti rinnovabili. “Dopo il sisma dell’anno scorso abbiamo rifatto il tetto dello stabilimento, sostituendo una grande trave in cemento con diverse travi più piccole in legno. E’ stato un momento difficile, le immagini del nostro capannone danneggiato sono andate in onda nei telegiornali, ma siamo ancora qui”, racconta il titolare Michele Malavasi. Dalla ricerca costante, in cui viene investito l’80% del fatturato, è nata, dopo quattro anni di lavoro, la stazione Domus Free Energy, una piccola centrale che immagazzina energia e la fornisce all’abitazione quando c’è bisogno: “Trasforma l’energia solare, eolica e, se presente, quella fornita dall’idrogeno, in energia elettrica e, grazie ai suoi accumulatori, è poi in grado di erogarla per un periodo prolungato, sostituendosi in sostanza alla rete”. Una macchina prodotta completamente in Emilia Romagna, nel bacino di 30 chilometri dalla sede della Generich, che oggi, grazie alla sua capacità di interfacciarsi con le diverse utenze domestiche e la rete, “rimane unica sul mercato italiano”.

Anche Valenia, azienda vicentina produttrice di inverter per impianti residenziali, è nata sfruttando il know how dell’impresa madre, la Telwin, leader da 25 anni nel settore degli inverter per la saldatura. A Milano l’azienda presenta la nuova funzione Energy Maximizer delle proprie macchine che, spiega la responsabile marketing Silvia Spillere, “consente di massimizzare i livelli di autoconsumo dell’energia prodotta dal proprio impianto fotovoltaico, potendo così accedere agli incentivi ad hoc previsti dal Quinto Conto Energia”. L’inverter, 100% made in Italy, può essere per esempio collegato a un boiler o a una pompa di calore, che vengono attivati quando c’è disponibilità di energia e nessuno in casa che la sta utilizzando. “Se siamo fuori casa, possiamo chiedere che il boiler entri in funzione usando l’energia autoprodotta”, ma le possibilità sono tante e vanno dall’attivazione degli impianti di domotica all’alimentazione di sistemi per lo stoccaggio di energia.

Uno dei settori più gettonati è quello del monitoraggio degli impianti fotovoltaici. Sinapsi, azienda nata a Bastia Umbra (Perugia) nel 2004, dopo aver mosso i primi passi nella domotica ha iniziato a dedicarsi alla realizzazione di software per il campo delle’energia. “Sei anni fa, tra i primi in Italia, abbiamo lanciato un dispositivo per rilevare e prevedere in base al meteo la quantità di energia prodotta e gli incentivi, ed avere segnalazioni di eventuali malfunzionamenti. Oggi è venduto in tutto il mondo, dalla Cina agli Stati Uniti”, spiega l’ad Massimo Valerii. A Solarexpo, l’impresa presenta Equobox, “un sistema per la contabilizzazione dell’energia e delle risorse di un edificio, prodotto interamente in Italia, pensato per gli amministratore di condominio, ma anche per gli Energy manager che vogliano avere dati precisi sui consumi energetici, anche per individuare gli sprechi”.

Sono tante anche le aziende che, in questo momento di difficoltà, decidono di collaborare in modo stretto, mettendo in comune competenze e processi produttivi. A Milano, per esempio, le aziende abruzzesi Soave Energia e Dimatek, l’una specializzata in progettazione di impianti fotovoltaici e l’altra in pensiline, hanno lanciato E-parking: una pensilina fotovoltaica integrata con una colonnina di ricarica per mezzi elettrici, alimentata a energia solare. “E’ adatta per la copertura di posti auto o bici, in città, ma anche in altri contesti, come per esempio i villaggi vacanze. Abbiamo puntato a ottenere un oggetto bello anche da vedere, curando molto il design, in modo che potesse integrarsi bene nell’ambiente urbano”, racconta Armando Pasquarelli, amministratore di Soave Energia.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende