Home » Campioni d'Italia »Prodotti »Prodotti »Rubriche » Spiru Farm: la startup della spirulina, l’alga che nutre come una bistecca:

Spiru Farm: la startup della spirulina, l’alga che nutre come una bistecca

Mangiare non solo per nutrirsi, non solo per il piacere del palato, non solo come strumento per socializzare, ma per stare bene. Cibo come medicina. Questa la filosofia della “nutraceutica”, neologismo che viene da nutrizione e farmaceutica – che sta riscuotendo sempre più successo in Italia e nel mondo con lo studio di alimenti con funzioni benefiche sulla salute.

Su questo nuovo settore, con una interpetazione più naturale che famaceutica, ha puntato le sue carte il ricercatore Antonio Ida che ha dedicato gli ultimi 10 anni della sua vita allo studio delle alghe. Un percorso che è sbocciato nella creazione di una start up che ha preso il nome di Spiru Farm e conquistato gli esperti del concorso “Coltiva l’idea giusta!” – indetto da Make a Change e UBI Banca per promuovere l’imprenditorialità sociale nel settore agroalimentare.

Spiru Farm, infatti, sposa sostenibilità ambientale e responsabilità sociale, coinvolgendo soggetti svantaggiati, con l’obiettivo di tagliare il traguardo della sostenibilità economica. Ma cosa produce Spira Farm? “La spirulina, un’alga che presenta eccellenti proprietà integrative proteiche naturali“. Questa la sintesi del ricercatore, oggi neo imprenditore, che crede nelle potenzialità ecologiche ed economiche di questo integratore alimentare naturale. “Ho dedicato il mio percorso di ricerca alle alghe, ho maturato un’idea di progetto e alla fine ho trovato fertile contaminazione nell’incontro con Stefano Lanzoni“. Un ricercatore e un imprenditore agricolo – coltiva sia ortaggi che mais in un’azienda a Casalbuttano in provincia di Cremona – che hanno messo insieme competenze e voglia di fare e sperimentare. ” Il progetto si caratterizza per il risparmio energetico nella produzione della spirulina e per raggiungere questo obiettivo si avvale di un impianto innovativo che si basa su un concetto di economia circolare che sfrutta gli output termici dell’impianto di biogas presente in azienda, da energia normalmente inutilizzata. Output che diventano vantaggio competitivo e risorsa a costo zero per la produzione dell’alga”.

Insomma la spirulina fa bene e si produce ad impatto energetico quasi pari a zero. Antonio ci tiene a sottolineare: “utilizziamo energia termica che andava dispersa. Uno spreco! Ora viene veicolata in una serra dove si coltiva la spirulina”. Chiaro dunque il risparmio energetico, ma c’è anche un beneficio economico perché si abbattono i costi di produzione e si diventa competitivi sul mercato.”La spirulina che viene commercializzata in Italia arriva per oltre il 90% dall’estero. Il fabbisogno nazionale è pari a 100 quintali e solo 5 sono prodotti qui”, spiega il neoimprenditore. “Il deficit di prodotto viene colmato dalle importazioni dalla Cina, che rappresentano quasi il 90%, e il restante da India e America. Noi intendiamo coltivare tutto l’anno, rispetto alle altre aziende”.

Non è solo un problema di petrolio bruciato nel trasporto e della mancanza, quindi, di una filiera corta, ma pure di sicurezza. “In quei paesi non c’è una cultura della certificazione così come in Italia“. Non bastano le proprietà del prodotto, ma sono importanti anche i metodi di produzione. “Noi siamo una delle poche aziende bio e questo è un valore aggiunto per la sicurezza del consumatore”. I vantaggi per l’ambiente sono molteplici a iniziare da un minore consumo delle risorse necessarie per la produzione dell’alga :”Per la FAO è l’ingrediente del futuro. Ha 3 volte l’apporto proteico di una bistecca con l’aggiunta di vitamine e sali minerali. E si produce con minori risorse“. In altri termini non impoverisce la terra così come si misura nel confronto con l’allevamento intensivo. Non a caso la NASA e l’Agenzia Spaziale Europea hanno pensato di sperimentare la coltivazione durante le missioni spaziali di lunga durata. Ovvero eco space food.

Oltre all’alta concentrazione di vitamine la spirulina è ben valutata perché ha delle proprietà utili al trattamento delle allergie. Un problema molto sentito nelle società occidentali dove c’è un vero e proprio boom di alimenti per celiaci – allergici al glutine – e per altre categorie di consumatori che soffrono di intolleranze alimentari. Non a caso – basta una semplice ricerca su Google Immagini – la spirulina viene confezionata come un farmaco. Un “look” che non invoglia all’acquisto i consumatori e anche su questo aspetto si è concentrato il progetto di Antonio e Stefano ” E’ venduta come una pillolina, noi vogliamo invece far risaltare il suo essere un prodotto naturale. Una gran parte delle altre aziende si sono concentrate sulla distribuzione nei canali dei prodotti nutraceutici, con più alto valore di mercato, ma così viene identificato dal consumatore come un farmaco“. Immagine che non fa percepire l’alga come prodotto naturale ed agricolo-alimentare, allontanando dal consumo un pubblico più ampio. Va bene il metodo bio, ma serve anche un immagine genuina per conquistare il mercato!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende