Home » Campioni d'Italia »Prodotti »Prodotti »Rubriche » Spiru Farm: la startup della spirulina, l’alga che nutre come una bistecca:

Spiru Farm: la startup della spirulina, l’alga che nutre come una bistecca

Mangiare non solo per nutrirsi, non solo per il piacere del palato, non solo come strumento per socializzare, ma per stare bene. Cibo come medicina. Questa la filosofia della “nutraceutica”, neologismo che viene da nutrizione e farmaceutica – che sta riscuotendo sempre più successo in Italia e nel mondo con lo studio di alimenti con funzioni benefiche sulla salute.

Su questo nuovo settore, con una interpetazione più naturale che famaceutica, ha puntato le sue carte il ricercatore Antonio Ida che ha dedicato gli ultimi 10 anni della sua vita allo studio delle alghe. Un percorso che è sbocciato nella creazione di una start up che ha preso il nome di Spiru Farm e conquistato gli esperti del concorso “Coltiva l’idea giusta!” – indetto da Make a Change e UBI Banca per promuovere l’imprenditorialità sociale nel settore agroalimentare.

Spiru Farm, infatti, sposa sostenibilità ambientale e responsabilità sociale, coinvolgendo soggetti svantaggiati, con l’obiettivo di tagliare il traguardo della sostenibilità economica. Ma cosa produce Spira Farm? “La spirulina, un’alga che presenta eccellenti proprietà integrative proteiche naturali“. Questa la sintesi del ricercatore, oggi neo imprenditore, che crede nelle potenzialità ecologiche ed economiche di questo integratore alimentare naturale. “Ho dedicato il mio percorso di ricerca alle alghe, ho maturato un’idea di progetto e alla fine ho trovato fertile contaminazione nell’incontro con Stefano Lanzoni“. Un ricercatore e un imprenditore agricolo – coltiva sia ortaggi che mais in un’azienda a Casalbuttano in provincia di Cremona – che hanno messo insieme competenze e voglia di fare e sperimentare. ” Il progetto si caratterizza per il risparmio energetico nella produzione della spirulina e per raggiungere questo obiettivo si avvale di un impianto innovativo che si basa su un concetto di economia circolare che sfrutta gli output termici dell’impianto di biogas presente in azienda, da energia normalmente inutilizzata. Output che diventano vantaggio competitivo e risorsa a costo zero per la produzione dell’alga”.

Insomma la spirulina fa bene e si produce ad impatto energetico quasi pari a zero. Antonio ci tiene a sottolineare: “utilizziamo energia termica che andava dispersa. Uno spreco! Ora viene veicolata in una serra dove si coltiva la spirulina”. Chiaro dunque il risparmio energetico, ma c’è anche un beneficio economico perché si abbattono i costi di produzione e si diventa competitivi sul mercato.”La spirulina che viene commercializzata in Italia arriva per oltre il 90% dall’estero. Il fabbisogno nazionale è pari a 100 quintali e solo 5 sono prodotti qui”, spiega il neoimprenditore. “Il deficit di prodotto viene colmato dalle importazioni dalla Cina, che rappresentano quasi il 90%, e il restante da India e America. Noi intendiamo coltivare tutto l’anno, rispetto alle altre aziende”.

Non è solo un problema di petrolio bruciato nel trasporto e della mancanza, quindi, di una filiera corta, ma pure di sicurezza. “In quei paesi non c’è una cultura della certificazione così come in Italia“. Non bastano le proprietà del prodotto, ma sono importanti anche i metodi di produzione. “Noi siamo una delle poche aziende bio e questo è un valore aggiunto per la sicurezza del consumatore”. I vantaggi per l’ambiente sono molteplici a iniziare da un minore consumo delle risorse necessarie per la produzione dell’alga :”Per la FAO è l’ingrediente del futuro. Ha 3 volte l’apporto proteico di una bistecca con l’aggiunta di vitamine e sali minerali. E si produce con minori risorse“. In altri termini non impoverisce la terra così come si misura nel confronto con l’allevamento intensivo. Non a caso la NASA e l’Agenzia Spaziale Europea hanno pensato di sperimentare la coltivazione durante le missioni spaziali di lunga durata. Ovvero eco space food.

Oltre all’alta concentrazione di vitamine la spirulina è ben valutata perché ha delle proprietà utili al trattamento delle allergie. Un problema molto sentito nelle società occidentali dove c’è un vero e proprio boom di alimenti per celiaci – allergici al glutine – e per altre categorie di consumatori che soffrono di intolleranze alimentari. Non a caso – basta una semplice ricerca su Google Immagini – la spirulina viene confezionata come un farmaco. Un “look” che non invoglia all’acquisto i consumatori e anche su questo aspetto si è concentrato il progetto di Antonio e Stefano ” E’ venduta come una pillolina, noi vogliamo invece far risaltare il suo essere un prodotto naturale. Una gran parte delle altre aziende si sono concentrate sulla distribuzione nei canali dei prodotti nutraceutici, con più alto valore di mercato, ma così viene identificato dal consumatore come un farmaco“. Immagine che non fa percepire l’alga come prodotto naturale ed agricolo-alimentare, allontanando dal consumo un pubblico più ampio. Va bene il metodo bio, ma serve anche un immagine genuina per conquistare il mercato!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende