Home » Campioni d'Italia »Prodotti »Prodotti »Rubriche » Spiru Farm: la startup della spirulina, l’alga che nutre come una bistecca:

Spiru Farm: la startup della spirulina, l’alga che nutre come una bistecca

Mangiare non solo per nutrirsi, non solo per il piacere del palato, non solo come strumento per socializzare, ma per stare bene. Cibo come medicina. Questa la filosofia della “nutraceutica”, neologismo che viene da nutrizione e farmaceutica – che sta riscuotendo sempre più successo in Italia e nel mondo con lo studio di alimenti con funzioni benefiche sulla salute.

Su questo nuovo settore, con una interpetazione più naturale che famaceutica, ha puntato le sue carte il ricercatore Antonio Ida che ha dedicato gli ultimi 10 anni della sua vita allo studio delle alghe. Un percorso che è sbocciato nella creazione di una start up che ha preso il nome di Spiru Farm e conquistato gli esperti del concorso “Coltiva l’idea giusta!” – indetto da Make a Change e UBI Banca per promuovere l’imprenditorialità sociale nel settore agroalimentare.

Spiru Farm, infatti, sposa sostenibilità ambientale e responsabilità sociale, coinvolgendo soggetti svantaggiati, con l’obiettivo di tagliare il traguardo della sostenibilità economica. Ma cosa produce Spira Farm? “La spirulina, un’alga che presenta eccellenti proprietà integrative proteiche naturali“. Questa la sintesi del ricercatore, oggi neo imprenditore, che crede nelle potenzialità ecologiche ed economiche di questo integratore alimentare naturale. “Ho dedicato il mio percorso di ricerca alle alghe, ho maturato un’idea di progetto e alla fine ho trovato fertile contaminazione nell’incontro con Stefano Lanzoni“. Un ricercatore e un imprenditore agricolo – coltiva sia ortaggi che mais in un’azienda a Casalbuttano in provincia di Cremona – che hanno messo insieme competenze e voglia di fare e sperimentare. ” Il progetto si caratterizza per il risparmio energetico nella produzione della spirulina e per raggiungere questo obiettivo si avvale di un impianto innovativo che si basa su un concetto di economia circolare che sfrutta gli output termici dell’impianto di biogas presente in azienda, da energia normalmente inutilizzata. Output che diventano vantaggio competitivo e risorsa a costo zero per la produzione dell’alga”.

Insomma la spirulina fa bene e si produce ad impatto energetico quasi pari a zero. Antonio ci tiene a sottolineare: “utilizziamo energia termica che andava dispersa. Uno spreco! Ora viene veicolata in una serra dove si coltiva la spirulina”. Chiaro dunque il risparmio energetico, ma c’è anche un beneficio economico perché si abbattono i costi di produzione e si diventa competitivi sul mercato.”La spirulina che viene commercializzata in Italia arriva per oltre il 90% dall’estero. Il fabbisogno nazionale è pari a 100 quintali e solo 5 sono prodotti qui”, spiega il neoimprenditore. “Il deficit di prodotto viene colmato dalle importazioni dalla Cina, che rappresentano quasi il 90%, e il restante da India e America. Noi intendiamo coltivare tutto l’anno, rispetto alle altre aziende”.

Non è solo un problema di petrolio bruciato nel trasporto e della mancanza, quindi, di una filiera corta, ma pure di sicurezza. “In quei paesi non c’è una cultura della certificazione così come in Italia“. Non bastano le proprietà del prodotto, ma sono importanti anche i metodi di produzione. “Noi siamo una delle poche aziende bio e questo è un valore aggiunto per la sicurezza del consumatore”. I vantaggi per l’ambiente sono molteplici a iniziare da un minore consumo delle risorse necessarie per la produzione dell’alga :”Per la FAO è l’ingrediente del futuro. Ha 3 volte l’apporto proteico di una bistecca con l’aggiunta di vitamine e sali minerali. E si produce con minori risorse“. In altri termini non impoverisce la terra così come si misura nel confronto con l’allevamento intensivo. Non a caso la NASA e l’Agenzia Spaziale Europea hanno pensato di sperimentare la coltivazione durante le missioni spaziali di lunga durata. Ovvero eco space food.

Oltre all’alta concentrazione di vitamine la spirulina è ben valutata perché ha delle proprietà utili al trattamento delle allergie. Un problema molto sentito nelle società occidentali dove c’è un vero e proprio boom di alimenti per celiaci – allergici al glutine – e per altre categorie di consumatori che soffrono di intolleranze alimentari. Non a caso – basta una semplice ricerca su Google Immagini – la spirulina viene confezionata come un farmaco. Un “look” che non invoglia all’acquisto i consumatori e anche su questo aspetto si è concentrato il progetto di Antonio e Stefano ” E’ venduta come una pillolina, noi vogliamo invece far risaltare il suo essere un prodotto naturale. Una gran parte delle altre aziende si sono concentrate sulla distribuzione nei canali dei prodotti nutraceutici, con più alto valore di mercato, ma così viene identificato dal consumatore come un farmaco“. Immagine che non fa percepire l’alga come prodotto naturale ed agricolo-alimentare, allontanando dal consumo un pubblico più ampio. Va bene il metodo bio, ma serve anche un immagine genuina per conquistare il mercato!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende