Home » Pratiche »Prodotti »Servizi » Teleriscaldamento come soluzione? Dipende dalla fonte:

Teleriscaldamento come soluzione? Dipende dalla fonte

marzo 1, 2013 Pratiche, Prodotti, Servizi

Torino è la città più teleriscaldata d’Italia e una delle prime in Europa per diffusione di questa tecnologia. Un sistema che a fine 2012 ha compiuto trent’anni. La rete di trasporto del calore dalle centrali di cogenerazione della multiutility Iren alle abitazioni è lunga 450 chilometri e raggiunge  550.000 cittadini, circa il 60% della popolazione. Il compleanno è stato festeggiato ieri, a qualche mese di distanza, con la pubblicazione di un libro e numeri di tutto rispetto. A partire dai dati sull’impatto ambientale: “Ogni anno, grazie alla cogenerazione abbinata al teleriscaldamento, gli impianti di Iren Energia consentono di evitare la produzione di oltre 890.000 tonnellate di CO2 e permettono un risparmio di energia primaria pari a quasi 300.000 tonnellate equivalenti di petrolio, che si possono immaginare come 11.000 autobotti con rimorchio piene di idrocarburi”, spiega l’AD della multiutility Roberto Garbati.

Il gruppo guarda al futuro con nuovi progetti, dall’utilizzo del calore per il teleraffrescamento estivo all’espansione ulteriore della rete attuale per la diffusione di calore: “Entro dieci anni il 75% della città sarà raggiunta dal teleriscaldamento, puntiamo ad allargarci all’area Nord-Est. Per le zone più difficili da servire come il centro, invece, si sta già pensando a impianti di microcogenerazione. In più, ci stiamo espandendo anche nell’area metropolitana, ad esempio grazie all’energia prodotta dal termovalorizzatore del Gerbido potremo servire i comuni limitrofi: da Grugliasco a Orbassano a Collegno”.

Va detto: i sistemi di teleriscaldamento sono spesso collegati a centrali che non hanno niente di “sostenibile” dal punto di vista ambientale. A Torino, oltre all’inceneritore che dovrebbe entrare in funzione tra un paio di mesi, a fornire il calore sono tre impianti di cogenerazione ad alta efficienza installati in due centrali termoelettriche alimentate a gas o olio combustibile. In un’ottica di green economy, è sicuramente auspicabile che questi impianti vengano in futuro sostituiti da altri che utilizzino fonti rinnovabili,  ma nel frattempo il teleriscaldamento offre un vantaggio ambientale innegabile, consentendo di recuperare quel calore che altrimenti andrebbe sprecato, e facendo quindi risparmiare le emissioni inquinanti che deriverebbero da altri sistemi di riscaldamento.

In altre città dove Iren opera, da Reggio Emilia a Parma, da Piacenza a Genova, la situazione è simile a quella torinese, con reti più corte. Anche a Mantova, dove il primo impianto pilota è stato realizzato nel lontano 1978, la rete di distribuzione (in tutto 32 km per circa 35.000 abitanti serviti) diffonde il calore recuperato da diverse centrali e dalla raffineria petrolifera della IES. La speranza, è vero, è di liberarsi dalla dipendenza dal petrolio, ma visto che non sembra poter succedere in un arco di tempo troppo breve, lo stesso Protocollo di Kyoto guarda al teleriscaldamento come uno degli strumenti più efficaci, nell’immediato, per la riduzione delle emissioni di Co2.

I sistemi di teleriscaldamento a biomasse, come quelle legnose, usate in molte zone delle Alpi, o gli impianti che producono biogas dai rifiuti organici, hanno comunque un impatto ambientale minore. Nel 2000 sono state avviate le tre centrali di Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, tre paesi in provincia di Sondrio tra Valtellina, Valchiavenna e Valcamonica, alimentate con materiale di scarto prodotto dalla lavorazione del legno, potatura del verde urbano, dalla manutenzione dei boschi, o da coltivazioni ad hoc. “Operando nel pieno rispetto ambientale, i fumi della combustione della biomassa sono continuamente monitorati, tanto che le emissioni in atmosfera risultano estremamente contenute, inferiori a quelle prodotte da una singola centrale alimentata con sistema tradizionale”, spiega la società Tcvvv, che gestisce i tre impianti. In dieci anni, dal 2000 al 2010, il teleriscaldamento nelle tre valli lombarde, che conta una rete 54 chilometri e circa 1.146 edifici allacciati, ha consentito di risparmiare quasi 52 milioni di litri di gasolio, evitato più di 150.000 tonnellate di CO2. Secondo l’ultimo dossier Comuni rinnovabili di Legambiente, Tirano, con una rete di oltre 30 chilometri, grazie all’impianto a biomassa in cogenerazione è tra i 23 comuni italiani che possono contare per il 100% del loro fabbisogno su energie pulite. Sondalo, con 19 chilometri di rete, figura invece tra i primi 20 comuni 100% rinnovabili termici. Nel campo degli impianti basati sulla fermentazione dei rifiuti organici, invece, un esempio virtuoso è rappresentato da Pinerolo: la multiutility locale, Acea Pinerolese, utilizza il biogas così ottenuto per produrre energia elettrica utilizzata dall’azienda e energia termica per riscaldare una parte della città.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende