Home » Aziende »Pratiche »Prodotti »Prodotti » Tra le lenzuola (organiche) di George Clooney. Intervista a Giorgio Pertile:

Tra le lenzuola (organiche) di George Clooney. Intervista a Giorgio Pertile

novembre 2, 2010 Aziende, Pratiche, Prodotti, Prodotti

I copriletto della Tessitura PertileMangiar sano e bio è ormai riconosciuta, piuttosto universalmente, come una delle pratiche per prevenire malattie e allergie. Ma il corpo subisce invisibili minacce quotidiane anche dall’esterno. Oltre alle più note, dovute principalmente all’inquinamento atmosferico, pensate ai vestiti a contatto con la nostra pelle o alle lenzuola nelle quali dormiamo. Di che materiale sono fatti, da dove provengono e come vengono lavorati i tessuti? Oggi questa è una domanda che ancora pochi si pongono, per distrazione o perché rimediare ha costi apparentemente superiori rispetto all’alimentare. Ma è poi così vero? Dormire tra lenzuola in cotone organico è un lusso che si possono permettere solo i George Clooney e i Keith Richards?

Lo abbiamo domandato a Giorgio Pertile, amministratore delegato della Tessitura Pertile di Chieri, in provincia di Torino, che di molti divi hollywoodiani è diventata fornitrice abituale.

D) Signor Pertile, il timore del prezzo, per chi voglia passare a tessuti più sostenibili, è fondato?

R) E’innegabile che questi prodotti siano più cari. Sostenibilità però vuol anche dire durare 10 o 20 anni, come le lenzuola che costituivano i corredi di un tempo. Pensi alla durata delle Timberland, rispetto ad altre scarpe “usa e getta”… Nel nostro caso il prezzo è dato principalmente dalla materia prima, perché coltivare cotone organico richiede maggiori attenzioni e costi di produzione, che si ribaltano sul filato. In questo momento, tra l’altro, c’è una grande scarsezza di cotone e seta sul mercato, con un aumento vertiginoso dei prezzi, dovuto probabilmente a raccolti non andati a buon fine. Ci sono poi altri fattori, più complessi, indipendenti dalla nostra volontà: se la Cina compra dall’Egitto enormi partite di cotone questo va a incidere sui prezzi.

D) In termini pratici, che differenza di prezzo ci può essere tra un set di lenzuola tradizionali e uno in cotone organico?

R) Indicativamente del 30-40%, fino al 50%. Stiamo ancora parlando di una nicchia. Inizialmente abbiamo avuto un boom di vendite in mercati maturi come quello americano, trainato dai divi hollywoodiani e dove un prodotto analogo al nostro set costa tre volte tanto (circa 700 dollari), poi c’è stato un assestamento dovuto alla crisi del 2008. Non dimentichiamo però che, oltre a essere più sano, il nostro prodotto ha anche l’ambizione di essere decisamente più bello, ovvero qualitativamente superiore. Gli spazi di crescita di questo mercato sono, a nostro avviso, ancora molto ampi. Ci auguriamo che dormire in lenzuola di cotone organico diventi un’esperienza quotidiana, così come indossare un bel paio di scarpe: non ha senso pagarle care e poi tenerle nell’armadio e guardarle solamente!

D) Come è nata la scelta di produrre una linea in cotone organico certificato?

R) Nei primi anni ’90 abbiamo iniziato a lavorare, per alcune ditte clienti, su una linea unicamente in tessuti naturali, come cotone egiziano, lino e seta…

D) Perdoni l’ignoranza, ma cos’ha di diverso il cotone egiziano rispetto agli altri tipi di cotone?

R) Il cotone egiziano è il migliore al mondo perché ha una fibra più lunga e particolari caratteristiche igroscopiche, ovvero la capacità di assorbire e rilasciare umidità. Da qui la maggiore capacità di “respirare” di un lenzuolo o di un vestito in cotone egiziano rispetto ad altri. Qualità che si ritrovano anche nella morbidezza al tatto e nella resistenza. Il cotone egiziano è coltivato sulle sponde del Nilo, in diverse valli, a seconda della conformazione che assume il fiume da un anno all’altro. Per mantenere costante la qualità del cotone noi lo acquistiamo, di volta in volta, nella valli favorite dalle condizioni climatiche di quell’anno. Addirittura l’India, che è un grande produttore, compra dall’Egitto questo cotone.  

D) Torniamo al percorso che vi ha portati alla scelta di certificare un prodotto in cotone organico…

R) Come le spiegavo, abbiamo abbinato la scelta di materiali naturali alla capacità, da sempre, di lavorare sul jacquard, ovvero con macchine capaci di creare disegni sulla tela. Dal 1954 ci occupiamo sia di biancheria da letto che di tessuti per l’arredamento, come tendaggi, copridivano ecc. Mentre però è ormai uno “standard”, praticamente in tutto il mondo, avere lenzuola in cotone (e non materiali sintetici), è molto raro trovare tessuti per l’arredamento in materiali naturali. Noi abbiamo deciso di percorrere questa strada. Nel 2005 abbiamo poi richiesto la certificazione per il cotone organico, che è arrivata, nel 2006, da ICEA, l’Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale, che verifica l’intera filiera a monte, a partire dalla coltivazione, per passare alla filatura e alla tessitura.

D) Da dove proviene principalmente il cotone organico?

R) Ci sono diverse aree produttive nel mondo, ad esempio il Texas. Gli Stati Uniti sono oggi il principale produttore di cotone biologico. Questo poi viene filato in loco o, molto spesso, già in Europa. A noi arriva sottoforma di filato e su queste partite eseguiamo ulteriori controlli di qualità.  

D) Passiamo a valle della selezione: cosa avviene per quanto riguarda la tintura?

R) Tutti i prodotti della linea Naturalia, sono stati fatti sin dall’inizio senza tinture, nei colori greggi. Ne abbiamo poi realizzate anche delle versioni tinte con metodi tradizionali, in filo o in pezza (solitamente in filo, dalla nostra tessitura), che non contengono però elementi nocivi per la salute.

D) Perché non è possibile ricorrere unicamente a forme di tintura naturale?

R) Ci sono piccolissime realtà che riescono ad utilizzare unicamente tinture naturali, ma su scala industriale sarebbe oggi molto complesso garantire una perfetta riproducibilità e così oneroso da portare il prodotto fuori mercato. Ribadisco però che i metodi di tintura che attualmente utilizziamo, sia sul tessuto organico che su quello naturale, sono testati e rispettano una filiera dalla quale sono esclusi elementi dannosi per la salute.

D) Veniamo a questo aspetto, che è il più importante. In che modo questi prodotti tutelano la salute?

R) Non stiamo parlando solo di evitare o prevenire allergie, ma anche di escludere elementi potenzialmente cancerogeni che sono presenti in alcune tinture tradizionali. Ecco perché è importante conoscere da dove arriva il prodotto. In alcuni paesi lontani questa garanzia non esiste…

D) Sta pensando alla Cina?

R) Esattamente, ma non solo. Io comunque “ci metto la pelle”, perché ho avuto, in passato, grandi problemi di allergie e ormai da tempo uso solo più questo tipo di tessuti. La nostra azienda non usa paraffine o altri elementi sintetici spesso utilizzati nelle tessiture e questo lo si sente anche nella naturalità dell’odore:  annusandolo il prodotto profuma di cotone.    

Benedetta Musso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Canapa Expo: una vetrina a 360° su un settore in crescita costante

novembre 21, 2019

Canapa Expo: una vetrina a 360° su un settore in crescita costante

Al via venerdì 22 novembre la seconda edizione di Canapa Expo presso il Parco Esposizioni Novegro a Milano. Centinaia di espositori e professionisti da Italia, Spagna, Germania, Danimarca, Svizzera e Paesi Bassi saranno a disposizione di famiglie, appassionati, curiosi, addetti ai lavori, medici e scienziati con migliaia di prodotti, sevizi e informazione per raccontare a 360° un settore che, complessivamente, si stima in crescita, al 2025, a 146 miliardi di dollari di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende