Home » Idee »Prodotti »Servizi » Wiser, il social network della sostenibilità ambientale:

Wiser, il social network della sostenibilità ambientale

settembre 5, 2012 Idee, Prodotti, Servizi

Nel mondo ci sono milioni di persone impegnate per la sostenibilità ambientale, ma lavorano spesso sconnesse tra di loro, tenendo contatti solo con le persone vicine e già conosciute. Perché – si sono detti qualche anno fa i volontari dell’associazione statunitense WiserEarth -  non creare uno strumento per far incontrare e dialogare tutti coloro che sono interessati alle questioni cruciali del nostro tempo, dai cambiamenti climatici alla giustizia sociale, dallo spreco dell’acqua al rispetto dei diritti umani? “Connettere le persone, condividere le conoscenze e costruire alleanze è la missione di WiserEarth”, sintetizzano i responsabili dell’organizzazione.

È nato così Wiser.org, un social network che oggi conta quasi 72.000 iscritti nel mondo. Sicuramente pochi rispetto ai milioni di utenti “generici” di Facebook e Twitter, ma una nicchia piuttosto motivata e in costante crescita. Tutto inizia nel 2004, quando un ristretto gruppo di tecnici e informatici inizia a lavorare a quello che all’inizio è solo una lista di migliaia di organizzazioni non governative, una specie di elenco telefonico della sostenibilità. L’idea viene al direttore esecutivo dell’ong Natural Capital Institute (l’antenata di WiserEarth) Paul Hawken, che stava lavorando al suo libro “Blessed Unrest: How the Largest Movement in the World Came into Being, and Why No One Saw It Coming“, (nella versione italiana “Moltitudine inarrestabile. Come è nato il più grande movimento al mondo e perché nessuno se ne è accorto”).  “Capii che se potessimo conoscere le connessioni esistenti e visualizzare l’ampiezza degli sforzi globali per la giustizia sociale e ambientale, riconosceremmo il più grande movimento che il mondo abbia mai visto. Wiser è il luogo in cui questo movimento può iniziare a guardare sé stesso”. Nella visione di Hawken, giornalista, scrittore e imprenditore nei settori della sostenibilità, la società civile è oggi “una forza con cui dover fare i conti” e al centro delle dinamiche sociali c’è sempre più la comunità. Locale ma anche, proprio grazie a strumenti come Wiser, globale. “Esistono più di un milione di organizzazioni e siamo complessivamente svariati milioni di persone nel mondo che si danno da fare per la sostenibilità ecologica, la giustizia economica, la protezione dei diritti umani, la responsabilità politica e la pace, problemi che sono sistematicamente interconnessi tra loro. Quello che fino ad oggi è mancato è una mappa della nostra rete che includesse le risorse per la comunicazione e la cooperazione; essenzialmente, un’infrastruttura attraverso la quale coordinare i nostri sforzi. WiserEarth fornisce questa infrastruttura. Fornisce uno strumento per meglio collegarci e rendere più efficiente il nostro lavorare insieme”, riflette il team direttivo dell’associazione.

Dopo anni di lavoro, da semplice lista di contatti Wiser diventa un vero e proprio social network, lanciato nell’aprile del 2007, in occasione dell’Earth Day. I primi finanziatori hanno supportato la fase critica di costruzione della piattaforma, popolato il sito con una base di contenuti, ed ascoltato le necessità dei partners e dei membri della comunità. Dalla primavera del 2008, è anche open source ed il suo codice sorgente è disponibile per chiunque voglia usarlo per altri progetti. “Dal giorno del suo lancio, le funzionalità e gli strumenti di WiserEarth si sono evoluti al passo dei bisogni dei suoi utenti. Nato come un elenco di organizzazioni non governative, ora offre agli individui la possibilità, e gli strumenti del social network, di creare connessioni e gruppi per lavorare in collaborazione con altri intorno a specifiche aree tematiche”, spiegano i responsabili dell’associazione.

Tra le diverse sezioni del sito, c’è anche un’area con annunci di lavoro e un’altra che raccoglie soluzioni testate ed efficaci per i problemi ambientali. Dal punto di vista tecnico, per una precisa scelta dei suoi ideatori, questo social network consente a tutti i tipi di connessioni, anche a quelle molto lente tipiche delle aree marginali, di accedere alle informazioni e agli strumenti messi a disposizione sul portale.

E per essere coerente con lo spirito di sostenibilità che anima il progetto, Wiser sta anche cercando di limitare l’impronta di carbonio della propria sede di Sausalito, in California: oltre a puntare sugli acquisti verdi, negli ultimi anni ha ridotto i server necessari e ha favorito il telelavoro e gli spostamenti dei dipendenti in bici o con i mezzi pubblici.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende