Home » Idee »Prodotti »Servizi » Wiser, il social network della sostenibilità ambientale:

Wiser, il social network della sostenibilità ambientale

settembre 5, 2012 Idee, Prodotti, Servizi

Nel mondo ci sono milioni di persone impegnate per la sostenibilità ambientale, ma lavorano spesso sconnesse tra di loro, tenendo contatti solo con le persone vicine e già conosciute. Perché – si sono detti qualche anno fa i volontari dell’associazione statunitense WiserEarth -  non creare uno strumento per far incontrare e dialogare tutti coloro che sono interessati alle questioni cruciali del nostro tempo, dai cambiamenti climatici alla giustizia sociale, dallo spreco dell’acqua al rispetto dei diritti umani? “Connettere le persone, condividere le conoscenze e costruire alleanze è la missione di WiserEarth”, sintetizzano i responsabili dell’organizzazione.

È nato così Wiser.org, un social network che oggi conta quasi 72.000 iscritti nel mondo. Sicuramente pochi rispetto ai milioni di utenti “generici” di Facebook e Twitter, ma una nicchia piuttosto motivata e in costante crescita. Tutto inizia nel 2004, quando un ristretto gruppo di tecnici e informatici inizia a lavorare a quello che all’inizio è solo una lista di migliaia di organizzazioni non governative, una specie di elenco telefonico della sostenibilità. L’idea viene al direttore esecutivo dell’ong Natural Capital Institute (l’antenata di WiserEarth) Paul Hawken, che stava lavorando al suo libro “Blessed Unrest: How the Largest Movement in the World Came into Being, and Why No One Saw It Coming“, (nella versione italiana “Moltitudine inarrestabile. Come è nato il più grande movimento al mondo e perché nessuno se ne è accorto”).  “Capii che se potessimo conoscere le connessioni esistenti e visualizzare l’ampiezza degli sforzi globali per la giustizia sociale e ambientale, riconosceremmo il più grande movimento che il mondo abbia mai visto. Wiser è il luogo in cui questo movimento può iniziare a guardare sé stesso”. Nella visione di Hawken, giornalista, scrittore e imprenditore nei settori della sostenibilità, la società civile è oggi “una forza con cui dover fare i conti” e al centro delle dinamiche sociali c’è sempre più la comunità. Locale ma anche, proprio grazie a strumenti come Wiser, globale. “Esistono più di un milione di organizzazioni e siamo complessivamente svariati milioni di persone nel mondo che si danno da fare per la sostenibilità ecologica, la giustizia economica, la protezione dei diritti umani, la responsabilità politica e la pace, problemi che sono sistematicamente interconnessi tra loro. Quello che fino ad oggi è mancato è una mappa della nostra rete che includesse le risorse per la comunicazione e la cooperazione; essenzialmente, un’infrastruttura attraverso la quale coordinare i nostri sforzi. WiserEarth fornisce questa infrastruttura. Fornisce uno strumento per meglio collegarci e rendere più efficiente il nostro lavorare insieme”, riflette il team direttivo dell’associazione.

Dopo anni di lavoro, da semplice lista di contatti Wiser diventa un vero e proprio social network, lanciato nell’aprile del 2007, in occasione dell’Earth Day. I primi finanziatori hanno supportato la fase critica di costruzione della piattaforma, popolato il sito con una base di contenuti, ed ascoltato le necessità dei partners e dei membri della comunità. Dalla primavera del 2008, è anche open source ed il suo codice sorgente è disponibile per chiunque voglia usarlo per altri progetti. “Dal giorno del suo lancio, le funzionalità e gli strumenti di WiserEarth si sono evoluti al passo dei bisogni dei suoi utenti. Nato come un elenco di organizzazioni non governative, ora offre agli individui la possibilità, e gli strumenti del social network, di creare connessioni e gruppi per lavorare in collaborazione con altri intorno a specifiche aree tematiche”, spiegano i responsabili dell’associazione.

Tra le diverse sezioni del sito, c’è anche un’area con annunci di lavoro e un’altra che raccoglie soluzioni testate ed efficaci per i problemi ambientali. Dal punto di vista tecnico, per una precisa scelta dei suoi ideatori, questo social network consente a tutti i tipi di connessioni, anche a quelle molto lente tipiche delle aree marginali, di accedere alle informazioni e agli strumenti messi a disposizione sul portale.

E per essere coerente con lo spirito di sostenibilità che anima il progetto, Wiser sta anche cercando di limitare l’impronta di carbonio della propria sede di Sausalito, in California: oltre a puntare sugli acquisti verdi, negli ultimi anni ha ridotto i server necessari e ha favorito il telelavoro e gli spostamenti dei dipendenti in bici o con i mezzi pubblici.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende