Home » Idee »Progetti »Recensioni » “Ferrovie delle meraviglie”: amarcord tra i binari dimenticati della penisola:

“Ferrovie delle meraviglie”: amarcord tra i binari dimenticati della penisola

luglio 3, 2013 Idee, Progetti, Recensioni

La prima cosa che viene in mente è la piccola stazione di Piovarolo, fantomatico paesello della provincia rurale padana, in cui uno zelante Totò ferroviere veniva spedito al confino dopo essere arrivato ultimo ad un concorso pubblico. A Piovarolo arrivava un solo treno al giorno, e neanche si fermava. Ma almeno passava. Nelle stazioni e negli scali ferroviari ritratti in “Ferrovie delle meraviglie”, invece, da anni non si sente il fischio di un treno.

Nonostante il titolo dal vago sapore futurista possa far pensare a un elogio della velocità e dello sviluppo del trasporto ferrato, il volume fotografico edito da Co.Mo.Do (Confederazione Mobilità Dolce) è un viaggio un po’ malinconico tra le stazioni fantasma e i binari morti del Bel Paese. Tratti di strada ferrata che affiorano dalla campagna siciliana, semi-cancellati dalla terra polverosa che li fa assomigliare quasi a vestigia elleniche; nomi di paese arrugginiti insieme alle insegne che segnalavano l’arrivo a destinazione; viadotti diroccati tra le campagne dell’Appennino; tetti sfondati, sale d’attesa invase dalle erbacce; tunnel e ponti che si inerpicano tra le rocce dolomitiche, a ricordare di quando lo sferragliare arrivava fin nei paesini di montagna, spersi tra i boschi delle Alpi.

Sono, ad oggi, 6400 i chilometri di rete ferroviaria dismessi in Italia. «La previsione è di arrivare a 10mila nel 2020 – scrive Albano Marcarini, presidente di Co.Mo.Do e curatore del libro insieme a Massimo Bottini – Di fronte alle chiusure un tempo si reagiva con grandi manifestazioni che chiamavano a corteo intere cittadinanze, sindaci in testa, proteste e articoli di giornali a fiotti. Oggi quasi non se ne parla. Soprattutto pochi reagiscono, a parte qualche associazione di appassionati. C’è rassegnazione, o peggio, indifferenza».
Eppure una linea ferroviaria, oltre ad essere un sistema di trasporto ben più ecologico e sostenibile di quello su gomma, è parte del paesaggio e della storia del luogo. Così, per contrastare l’indifferenza, è nata nel 2008 la Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate, attraverso cui Co.Mo.Do ha riunito e censito le varie associazioni, locali e nazionali, che si occupano di conservare o recuperare stazioni e tratti di ferrovia abbandonati.

“Ferrovie delle meraviglie” è il primo risultato di questo censimento. A una quindicina di associazioni – tra cui Greenways, Club Alpino Italiano, Italia Nostra, Legambiente e WWF – è stato chiesto di contribuire al volume con fotografie dei tratti ferroviari “adottati” e con un breve testo che ne tracciasse la storia, lo stato di salute e i possibili interventi di riqualificazione. Se riportare i treni a correre su questi binari deserti appare nella maggior parte dei casi un sogno irrealizzabile, emergono però una serie di progetti legati alla mobilità dolce e al turismo sostenibile, capaci di dare nuova vita ai tracciati dismessi recuperando le infrastrutture esistenti. Si va da idee già in via di realizzazione, come la pista ciclabile che collegherà i laghi di Como e di Lugano sfruttando la linea Menaggio-Porlezza, ad altre che si stanno pianificando, come la greenway fra Santarcangelo di Romagna e San Leo, un suggestivo percorso da affrontare a piedi, in bici o a cavallo attraverso lo splendido paesaggio delle colline romagnole; per arrivare a disegni decisamente più ambiziosi o visionari, come il treno turistico speciale che faccia il giro dei castelli e delle aziende vinicole delle Langhe sulla linea Bra-Mondovì, o le “draisines” – i carrellini a pedali per quattro passeggeri – che si vorrebbero far circolare sul tratto Polla-Petina, sull’Appennino campano.

Tra ieri, oggi e domani, la prospettiva dunque si capovolge, e dall’amarcord nostalgico si passa ad immaginare un futuro riuso, che strappi le strade ferrate dimenticate alle ortiche per riconsegnarle al territorio e alla comunità.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende