Home » Idee »Progetti »Recensioni » “Ferrovie delle meraviglie”: amarcord tra i binari dimenticati della penisola:

“Ferrovie delle meraviglie”: amarcord tra i binari dimenticati della penisola

luglio 3, 2013 Idee, Progetti, Recensioni

La prima cosa che viene in mente è la piccola stazione di Piovarolo, fantomatico paesello della provincia rurale padana, in cui uno zelante Totò ferroviere veniva spedito al confino dopo essere arrivato ultimo ad un concorso pubblico. A Piovarolo arrivava un solo treno al giorno, e neanche si fermava. Ma almeno passava. Nelle stazioni e negli scali ferroviari ritratti in “Ferrovie delle meraviglie”, invece, da anni non si sente il fischio di un treno.

Nonostante il titolo dal vago sapore futurista possa far pensare a un elogio della velocità e dello sviluppo del trasporto ferrato, il volume fotografico edito da Co.Mo.Do (Confederazione Mobilità Dolce) è un viaggio un po’ malinconico tra le stazioni fantasma e i binari morti del Bel Paese. Tratti di strada ferrata che affiorano dalla campagna siciliana, semi-cancellati dalla terra polverosa che li fa assomigliare quasi a vestigia elleniche; nomi di paese arrugginiti insieme alle insegne che segnalavano l’arrivo a destinazione; viadotti diroccati tra le campagne dell’Appennino; tetti sfondati, sale d’attesa invase dalle erbacce; tunnel e ponti che si inerpicano tra le rocce dolomitiche, a ricordare di quando lo sferragliare arrivava fin nei paesini di montagna, spersi tra i boschi delle Alpi.

Sono, ad oggi, 6400 i chilometri di rete ferroviaria dismessi in Italia. «La previsione è di arrivare a 10mila nel 2020 – scrive Albano Marcarini, presidente di Co.Mo.Do e curatore del libro insieme a Massimo Bottini – Di fronte alle chiusure un tempo si reagiva con grandi manifestazioni che chiamavano a corteo intere cittadinanze, sindaci in testa, proteste e articoli di giornali a fiotti. Oggi quasi non se ne parla. Soprattutto pochi reagiscono, a parte qualche associazione di appassionati. C’è rassegnazione, o peggio, indifferenza».
Eppure una linea ferroviaria, oltre ad essere un sistema di trasporto ben più ecologico e sostenibile di quello su gomma, è parte del paesaggio e della storia del luogo. Così, per contrastare l’indifferenza, è nata nel 2008 la Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate, attraverso cui Co.Mo.Do ha riunito e censito le varie associazioni, locali e nazionali, che si occupano di conservare o recuperare stazioni e tratti di ferrovia abbandonati.

“Ferrovie delle meraviglie” è il primo risultato di questo censimento. A una quindicina di associazioni – tra cui Greenways, Club Alpino Italiano, Italia Nostra, Legambiente e WWF – è stato chiesto di contribuire al volume con fotografie dei tratti ferroviari “adottati” e con un breve testo che ne tracciasse la storia, lo stato di salute e i possibili interventi di riqualificazione. Se riportare i treni a correre su questi binari deserti appare nella maggior parte dei casi un sogno irrealizzabile, emergono però una serie di progetti legati alla mobilità dolce e al turismo sostenibile, capaci di dare nuova vita ai tracciati dismessi recuperando le infrastrutture esistenti. Si va da idee già in via di realizzazione, come la pista ciclabile che collegherà i laghi di Como e di Lugano sfruttando la linea Menaggio-Porlezza, ad altre che si stanno pianificando, come la greenway fra Santarcangelo di Romagna e San Leo, un suggestivo percorso da affrontare a piedi, in bici o a cavallo attraverso lo splendido paesaggio delle colline romagnole; per arrivare a disegni decisamente più ambiziosi o visionari, come il treno turistico speciale che faccia il giro dei castelli e delle aziende vinicole delle Langhe sulla linea Bra-Mondovì, o le “draisines” – i carrellini a pedali per quattro passeggeri – che si vorrebbero far circolare sul tratto Polla-Petina, sull’Appennino campano.

Tra ieri, oggi e domani, la prospettiva dunque si capovolge, e dall’amarcord nostalgico si passa ad immaginare un futuro riuso, che strappi le strade ferrate dimenticate alle ortiche per riconsegnarle al territorio e alla comunità.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende