Home » Aziende »Pratiche »Progetti » 12 luglio: L’Oréal porta i dipendenti per strada:

12 luglio: L’Oréal porta i dipendenti per strada

luglio 12, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti

“Chi sono quei ragazzi col cappellino giallo sotto la nostra redazione? E la signora vestita di rosa?”, mi chiede il direttore. I primi sono dipendenti della L’Oreal e la seconda è la loro direttrice del personale. Oggi un dipendente su due di L’Oréal Italia non è andato al lavoro, perché il 12 luglio è la giornata che la multinazionale francese ha scelto di dedicare alle attività di volontariato: i manager, gli impiegati e i lavoratori della linea produttiva che lo vogliono, possono partecipare a una delle iniziative per contribuire al benessere della comunità in cui lavorano. Tra le quali la pulizia di parchi, piazze e aree protette, in collaborazione con Legambiente.

“Nel 2009 – spiega Filippo De Caterina, Direttore della Comunicazione Istituzionale, da noi contattato – abbiamo festeggiato, in tutto il mondo, i 100 anni dalla fondazione dell’azienda con una serie di iniziative. Dopo quell’esperienza, il direttore generale del gruppo ha pensato di dedicare ogni anno quella giornata ad attività che mettessero in primo piano i nostri valori. L’Oréal crede molto nel dovere di buona cittadinanza nei confronti delle comunità in cui si trovano le nostre sedi”.  Che in Italia sono tre: uffici a Milano e Torino, e  uno stabilimento a Settimo Torinese.

Così, dall’anno scorso, è nata la collaborazione con Legambiente, per una specie di “Puliamo il mondo” in piccolo: “Quest’anno ci stiamo dedicando a pulire la zona dei Murazzi a Torino, il parco dell’ex ospedale psichiatrico di Milano e l’area dei Molini di Gurone a Varese”, continua De Caterina, che mentre ci parla è impegnato nell’impacchettamento dei cibi al magazzino milanese del Banco Alimentare, la seconda delle attività proposte per la giornata di oggi. A cui si aggiungono altre iniziative per il decoro dei monumenti, in collaborazione con il Fai: “Oggi saremo anche al Castello di Masino, in provincia di Torino, e a Villa della Porta Bozzolo, vicino a Varese. L’anno scorso abbiamo ripulito e ritinteggiato una parte della Villa Panza di Biumo, sempre a Varese”.

In tutto sono circa 300, quasi il 50%, i dipendenti L’Oréal che oggi hanno lasciato scrivanie e linee produttive per lavorare, fianco a fianco, a progetti di pubblica utilità: “I nostri collaboratori sono entusiasti delle iniziative, comprendono benissimo il valore della buona cittadinanza nei confronti delle comunità. Hanno tutti apprezzato la possibilità di lavorare fianco a fianco con colleghi di altre funzioni o altri livelli per raggiungere risultati importanti e condivisi. Un’esperienza che senza dubbio contribuisce anche a creare gruppi di lavoro più coesi”.

Ma l’impegno per la sostenibilità del colosso mondiale della cosmesi, presente in 130 paesi con un fatturato di 20,34 miliardi di euro nel 2011,  non si ferma alla pulizia di monumenti e spazi pubblici. Il gruppo, nel 2005, si è assunto l’impegno di dimezzare, entro il 2015, le emissioni di gas serra, il consumo d’acqua e i rifiuti generati per unità di prodotto finito. Il processo, che porterà a una riqualificazione anche delle sedi italiane, sta andando avanti e, assicura il Direttore Comunicazione, “siamo già al 70% del cammino”. Esempio virtuoso di questa strategia è lo stabilimento di Settimo Torinese, che si avvia a diventare il “primo impianto industriale di grosse dimensioni a emissioni zero”. Già a novembre 2011, continua De Caterina, “l’edificio ha ridotto del 35% le proprie emissioni grazie all’allacciamento alla rete di teleriscaldamento e teleraffrescamento del Comune di Settimo”. Entro la fine del prossimo anno, in collaborazione con la Energy Saving Company municipalizzata Pianeta, saranno realizzati due impianti per produrre energia rinnovabile: uno solare termodinamico, su un innovativo brevetto del CNR, e uno alimentato a biomasse locali. La combinazione di queste tre fonti energetiche garantirà, spiega l’azienda, “energia verde all’impianto senza interruzioni, anche la notte e in giornate in assenza di sole. Inoltre, l’autonomia dai combustibili fossili consentirà allo stabilimento di pianificare al meglio le proprie risorse e aumentare la produttività. Nel complesso, l’impatto ambientale positivo in favore della comunità locale e del territorio  ‐ stimabile in termini di ‘mancata emissione in atmosfera’ ‐ è pari a 7.800 tonnellate/anno in meno di CO2”, spiega L’Oréal. Un risultato significativo, se si considera che lo stabilimento, attivo da oltre cinquant’anni, è il più importante del gruppo, con 400 dipendenti e circa 300 milioni di pezzi prodotti all’anno tra shampoo, balsamo e polveri cosmetiche. Il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini l’ ha definito “uno dei casi più interessanti di investimento in buone pratiche industriali e ambientali, simbolo della green economy, che ormai è economy a tutti gli effetti”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende