Home » Aziende »Pratiche »Progetti » 12 luglio: L’Oréal porta i dipendenti per strada:

12 luglio: L’Oréal porta i dipendenti per strada

luglio 12, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti

“Chi sono quei ragazzi col cappellino giallo sotto la nostra redazione? E la signora vestita di rosa?”, mi chiede il direttore. I primi sono dipendenti della L’Oreal e la seconda è la loro direttrice del personale. Oggi un dipendente su due di L’Oréal Italia non è andato al lavoro, perché il 12 luglio è la giornata che la multinazionale francese ha scelto di dedicare alle attività di volontariato: i manager, gli impiegati e i lavoratori della linea produttiva che lo vogliono, possono partecipare a una delle iniziative per contribuire al benessere della comunità in cui lavorano. Tra le quali la pulizia di parchi, piazze e aree protette, in collaborazione con Legambiente.

“Nel 2009 – spiega Filippo De Caterina, Direttore della Comunicazione Istituzionale, da noi contattato – abbiamo festeggiato, in tutto il mondo, i 100 anni dalla fondazione dell’azienda con una serie di iniziative. Dopo quell’esperienza, il direttore generale del gruppo ha pensato di dedicare ogni anno quella giornata ad attività che mettessero in primo piano i nostri valori. L’Oréal crede molto nel dovere di buona cittadinanza nei confronti delle comunità in cui si trovano le nostre sedi”.  Che in Italia sono tre: uffici a Milano e Torino, e  uno stabilimento a Settimo Torinese.

Così, dall’anno scorso, è nata la collaborazione con Legambiente, per una specie di “Puliamo il mondo” in piccolo: “Quest’anno ci stiamo dedicando a pulire la zona dei Murazzi a Torino, il parco dell’ex ospedale psichiatrico di Milano e l’area dei Molini di Gurone a Varese”, continua De Caterina, che mentre ci parla è impegnato nell’impacchettamento dei cibi al magazzino milanese del Banco Alimentare, la seconda delle attività proposte per la giornata di oggi. A cui si aggiungono altre iniziative per il decoro dei monumenti, in collaborazione con il Fai: “Oggi saremo anche al Castello di Masino, in provincia di Torino, e a Villa della Porta Bozzolo, vicino a Varese. L’anno scorso abbiamo ripulito e ritinteggiato una parte della Villa Panza di Biumo, sempre a Varese”.

In tutto sono circa 300, quasi il 50%, i dipendenti L’Oréal che oggi hanno lasciato scrivanie e linee produttive per lavorare, fianco a fianco, a progetti di pubblica utilità: “I nostri collaboratori sono entusiasti delle iniziative, comprendono benissimo il valore della buona cittadinanza nei confronti delle comunità. Hanno tutti apprezzato la possibilità di lavorare fianco a fianco con colleghi di altre funzioni o altri livelli per raggiungere risultati importanti e condivisi. Un’esperienza che senza dubbio contribuisce anche a creare gruppi di lavoro più coesi”.

Ma l’impegno per la sostenibilità del colosso mondiale della cosmesi, presente in 130 paesi con un fatturato di 20,34 miliardi di euro nel 2011,  non si ferma alla pulizia di monumenti e spazi pubblici. Il gruppo, nel 2005, si è assunto l’impegno di dimezzare, entro il 2015, le emissioni di gas serra, il consumo d’acqua e i rifiuti generati per unità di prodotto finito. Il processo, che porterà a una riqualificazione anche delle sedi italiane, sta andando avanti e, assicura il Direttore Comunicazione, “siamo già al 70% del cammino”. Esempio virtuoso di questa strategia è lo stabilimento di Settimo Torinese, che si avvia a diventare il “primo impianto industriale di grosse dimensioni a emissioni zero”. Già a novembre 2011, continua De Caterina, “l’edificio ha ridotto del 35% le proprie emissioni grazie all’allacciamento alla rete di teleriscaldamento e teleraffrescamento del Comune di Settimo”. Entro la fine del prossimo anno, in collaborazione con la Energy Saving Company municipalizzata Pianeta, saranno realizzati due impianti per produrre energia rinnovabile: uno solare termodinamico, su un innovativo brevetto del CNR, e uno alimentato a biomasse locali. La combinazione di queste tre fonti energetiche garantirà, spiega l’azienda, “energia verde all’impianto senza interruzioni, anche la notte e in giornate in assenza di sole. Inoltre, l’autonomia dai combustibili fossili consentirà allo stabilimento di pianificare al meglio le proprie risorse e aumentare la produttività. Nel complesso, l’impatto ambientale positivo in favore della comunità locale e del territorio  ‐ stimabile in termini di ‘mancata emissione in atmosfera’ ‐ è pari a 7.800 tonnellate/anno in meno di CO2”, spiega L’Oréal. Un risultato significativo, se si considera che lo stabilimento, attivo da oltre cinquant’anni, è il più importante del gruppo, con 400 dipendenti e circa 300 milioni di pezzi prodotti all’anno tra shampoo, balsamo e polveri cosmetiche. Il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini l’ ha definito “uno dei casi più interessanti di investimento in buone pratiche industriali e ambientali, simbolo della green economy, che ormai è economy a tutti gli effetti”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende