Home » Aziende »Pratiche »Progetti » 12 luglio: L’Oréal porta i dipendenti per strada:

12 luglio: L’Oréal porta i dipendenti per strada

luglio 12, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti

“Chi sono quei ragazzi col cappellino giallo sotto la nostra redazione? E la signora vestita di rosa?”, mi chiede il direttore. I primi sono dipendenti della L’Oreal e la seconda è la loro direttrice del personale. Oggi un dipendente su due di L’Oréal Italia non è andato al lavoro, perché il 12 luglio è la giornata che la multinazionale francese ha scelto di dedicare alle attività di volontariato: i manager, gli impiegati e i lavoratori della linea produttiva che lo vogliono, possono partecipare a una delle iniziative per contribuire al benessere della comunità in cui lavorano. Tra le quali la pulizia di parchi, piazze e aree protette, in collaborazione con Legambiente.

“Nel 2009 – spiega Filippo De Caterina, Direttore della Comunicazione Istituzionale, da noi contattato – abbiamo festeggiato, in tutto il mondo, i 100 anni dalla fondazione dell’azienda con una serie di iniziative. Dopo quell’esperienza, il direttore generale del gruppo ha pensato di dedicare ogni anno quella giornata ad attività che mettessero in primo piano i nostri valori. L’Oréal crede molto nel dovere di buona cittadinanza nei confronti delle comunità in cui si trovano le nostre sedi”.  Che in Italia sono tre: uffici a Milano e Torino, e  uno stabilimento a Settimo Torinese.

Così, dall’anno scorso, è nata la collaborazione con Legambiente, per una specie di “Puliamo il mondo” in piccolo: “Quest’anno ci stiamo dedicando a pulire la zona dei Murazzi a Torino, il parco dell’ex ospedale psichiatrico di Milano e l’area dei Molini di Gurone a Varese”, continua De Caterina, che mentre ci parla è impegnato nell’impacchettamento dei cibi al magazzino milanese del Banco Alimentare, la seconda delle attività proposte per la giornata di oggi. A cui si aggiungono altre iniziative per il decoro dei monumenti, in collaborazione con il Fai: “Oggi saremo anche al Castello di Masino, in provincia di Torino, e a Villa della Porta Bozzolo, vicino a Varese. L’anno scorso abbiamo ripulito e ritinteggiato una parte della Villa Panza di Biumo, sempre a Varese”.

In tutto sono circa 300, quasi il 50%, i dipendenti L’Oréal che oggi hanno lasciato scrivanie e linee produttive per lavorare, fianco a fianco, a progetti di pubblica utilità: “I nostri collaboratori sono entusiasti delle iniziative, comprendono benissimo il valore della buona cittadinanza nei confronti delle comunità. Hanno tutti apprezzato la possibilità di lavorare fianco a fianco con colleghi di altre funzioni o altri livelli per raggiungere risultati importanti e condivisi. Un’esperienza che senza dubbio contribuisce anche a creare gruppi di lavoro più coesi”.

Ma l’impegno per la sostenibilità del colosso mondiale della cosmesi, presente in 130 paesi con un fatturato di 20,34 miliardi di euro nel 2011,  non si ferma alla pulizia di monumenti e spazi pubblici. Il gruppo, nel 2005, si è assunto l’impegno di dimezzare, entro il 2015, le emissioni di gas serra, il consumo d’acqua e i rifiuti generati per unità di prodotto finito. Il processo, che porterà a una riqualificazione anche delle sedi italiane, sta andando avanti e, assicura il Direttore Comunicazione, “siamo già al 70% del cammino”. Esempio virtuoso di questa strategia è lo stabilimento di Settimo Torinese, che si avvia a diventare il “primo impianto industriale di grosse dimensioni a emissioni zero”. Già a novembre 2011, continua De Caterina, “l’edificio ha ridotto del 35% le proprie emissioni grazie all’allacciamento alla rete di teleriscaldamento e teleraffrescamento del Comune di Settimo”. Entro la fine del prossimo anno, in collaborazione con la Energy Saving Company municipalizzata Pianeta, saranno realizzati due impianti per produrre energia rinnovabile: uno solare termodinamico, su un innovativo brevetto del CNR, e uno alimentato a biomasse locali. La combinazione di queste tre fonti energetiche garantirà, spiega l’azienda, “energia verde all’impianto senza interruzioni, anche la notte e in giornate in assenza di sole. Inoltre, l’autonomia dai combustibili fossili consentirà allo stabilimento di pianificare al meglio le proprie risorse e aumentare la produttività. Nel complesso, l’impatto ambientale positivo in favore della comunità locale e del territorio  ‐ stimabile in termini di ‘mancata emissione in atmosfera’ ‐ è pari a 7.800 tonnellate/anno in meno di CO2”, spiega L’Oréal. Un risultato significativo, se si considera che lo stabilimento, attivo da oltre cinquant’anni, è il più importante del gruppo, con 400 dipendenti e circa 300 milioni di pezzi prodotti all’anno tra shampoo, balsamo e polveri cosmetiche. Il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini l’ ha definito “uno dei casi più interessanti di investimento in buone pratiche industriali e ambientali, simbolo della green economy, che ormai è economy a tutti gli effetti”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende