Home » Progetti »Rassegna Stampa » Dieci associazioni unite per far luce sulle “navi dei veleni”:

Dieci associazioni unite per far luce sulle “navi dei veleni”

febbraio 17, 2010 Progetti, Rassegna Stampa

nave veleniA distanza di mesi, la controversa vicenda della nave dei veleni torna a far parlare di sé.

- Un “cartello” creato da 10 associazioni, per sollecitare governo, magistratura e parlamento sulla “rete di trafficanti delle navi dei veleni”. E’ l’ ‘Osservatorio per un Mediterraneo libero da veleni’, presentato oggi e costituito da Agci-Agrital, Cittadinanza Attiva, Comitato Civico Natale De Grazia Amantea, Greenpeace, Lega Pesca, Slow Food italia, Società chimica italiana, Wwf e Adesso ammazzateci tutti-movimento antimafie. “Si tratta di disinnescare la bomba ad orologeria per i danni dell’ambiente e alla salute dei cittadini – ha detto Stefano Lenzi del Wwf – rappresentata dalle ‘navi a perdere’”. L’Osservatorio seguirà otto filoni di attività: la creazione di un rapporto organico tra i tre organismi parlamentari interessati con potere di indagine (Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie), la creazione di un coordinamento tra le Procure coinvolte nelle indagini, la convocazione da parte del ministero dell’Interno di un tavolo con le forze dell’ordine che indagano sulle ‘navi dei veleni’, l’istituzione di una struttura ad hoc al ministero dell’Ambiente per una mappatura del fenomeno, l’ attivazione del ministero della Salute per la raccolta delle segnalazioni dalle Asl, la predisposizione di azioni di bonifica dei relitti, lo stanziamento di fondi per le indagini e l’accertamento delle responsabilità penali, non solo per i comandanti ma anche per gli armatori e i proprietari delle navi. “Il nuovo cartello – hanno spiegato gli organizzatori – rappresenta una convergenza tra ragioni ambientali, socio-sanitarie e economiche, coinvolte nel pericolo rappresentato dal possibile inquinamento di catene alimentari”Dieci associazioni A distanza di mesi, la controversa vicenda della nave dei veleni torna a far parlare di sé.

Nella giornata di ieri, Agci-Agrital, Cittadinanza Attiva, Comitato Civico Natale De Grazia Amantea, Greenpeace, Lega Pesca, Slow Food italia, Società chimica italiana, Wwf e Adesso ammazzateci tutti-movimento antimafie hanno infatti presentato l’“Osservatorio per un Mediterraneo libero da veleni”: una sorta di cartello per sollecitare governo, magistratura e parlamento a fare luce sulla rete di trafficanti delle “navi a perdere”.

“Il nuovo cartello – hanno spiegato gli organizzatori – rappresenta una convergenza tra ragioni ambientali, socio-sanitarie e economiche, coinvolte nel pericolo rappresentato dal possibile inquinamento di catene alimentari”. Mentre il Wwf aggiunge in una nota: “A circa quindici anni da quando sono emerse le prime evidenze sulle navi a perdere e dopo ventidue anni dall’emergenza internazionale delle navi dei veleni, L’Osservatorio chiede che il nostro Paese finalmente interrompa questi traffici criminali, esercitando pienamente la propria sovranità sulle sue acque territoriali.

L’Osservatorio seguirà otto filoni di attività. Innanzi tutto, si cercherà di creare un rapporto organico tra i tre organismi parlamentari interessati con potere di indagine (Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie) e di stabilire un coordinamento tra le Procure coinvolte nelle indagini. Verrà poi convocato da parte del Ministero dell’Interno un tavolo con le forze dell’ordine che indagano sulle ‘navi dei veleni’, istituita una struttura ad hoc al ministero dell’Ambiente per una mappatura del fenomeno e richiesto il contributo del ministero della Salute per la raccolta delle segnalazioni dalle Asl. Infine, saranno predisposte azioni di bonifica dei relitti, lo stanziamento di fondi per le indagini e l’accertamento delle responsabilità penali, non solo per i comandanti ma anche per gli armatori e i proprietari delle navi

Al di là degli aspetti procedurali, dalle dieci associazioni arriva anche una perplessità non da poco: gli organizzatori infatti avanzano “forti dubbi sulla possibilità che il relitto a largo di Cetraro sia effettivamente il ‘Catania‘, come sostiene il ministero dell’Ambiente”. I dati forniti dopo le ricerche effettate dalla nave ‘Mare Oceano’ per conto del ministero, infatti, non fornirebbero elementi sufficienti per chiudere la questione.

In primo luogo, secondo Alessandro Giannì, direttore delle campagna di Greenpeace, “la qualità delle immagini fornite dal ministero è molto scarsa, mentre risultano più chiare le immagini divulgate sul primo rilevamento. Perché sono state affidate a questa nave le ricerche se non si potevano ottenere dati decenti?”. La nave ‘Catania’, poi, secondo il ministero sarebbe affondata nel 1917, “quando le paratie delle navi erano tenute insieme da bulloni – prosegue Giannì – mentre dalle immagini si vedono paratie lisce, saldate, pratica introdotta negli anni Trenta”. Dalle immagini si “vedono chiaramente dei fusti metallici, non in uso nel 1917″, mentre “il responsabile dell’inchiesta, il viceprocuratore della Dda di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, in una conferenza stampa ha dichiarato che le stive erano vuote, diversamente da quanto affermato dal pilota del ROV della ‘Copernaut Franca’ nel primo rilevamento che ha parlato di due stive piene”.

Infine, non è chiara la localizzazione della nave. “Perché é stata usata dalla Geolab, incaricata della ricerca dal ministero, una vecchia mappa dell’esercito tedesco? - si domanda Giannì – E poi, secondo una nota dell’Ufficio idrografico del Regno Unito, il ‘Catania’ starebbe a 3,5 miglia di distanza dal relitto individuato dalla Regione Calabria, al punto che supponiamo si tratti di due navi diverse“.

La questione, quindi, resta ancora una volta aperta.

Giulia Novajra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende