Home » Progetti »Rassegna Stampa » Dieci associazioni unite per far luce sulle “navi dei veleni”:

Dieci associazioni unite per far luce sulle “navi dei veleni”

febbraio 17, 2010 Progetti, Rassegna Stampa

nave veleniA distanza di mesi, la controversa vicenda della nave dei veleni torna a far parlare di sé.

- Un “cartello” creato da 10 associazioni, per sollecitare governo, magistratura e parlamento sulla “rete di trafficanti delle navi dei veleni”. E’ l’ ‘Osservatorio per un Mediterraneo libero da veleni’, presentato oggi e costituito da Agci-Agrital, Cittadinanza Attiva, Comitato Civico Natale De Grazia Amantea, Greenpeace, Lega Pesca, Slow Food italia, Società chimica italiana, Wwf e Adesso ammazzateci tutti-movimento antimafie. “Si tratta di disinnescare la bomba ad orologeria per i danni dell’ambiente e alla salute dei cittadini – ha detto Stefano Lenzi del Wwf – rappresentata dalle ‘navi a perdere’”. L’Osservatorio seguirà otto filoni di attività: la creazione di un rapporto organico tra i tre organismi parlamentari interessati con potere di indagine (Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie), la creazione di un coordinamento tra le Procure coinvolte nelle indagini, la convocazione da parte del ministero dell’Interno di un tavolo con le forze dell’ordine che indagano sulle ‘navi dei veleni’, l’istituzione di una struttura ad hoc al ministero dell’Ambiente per una mappatura del fenomeno, l’ attivazione del ministero della Salute per la raccolta delle segnalazioni dalle Asl, la predisposizione di azioni di bonifica dei relitti, lo stanziamento di fondi per le indagini e l’accertamento delle responsabilità penali, non solo per i comandanti ma anche per gli armatori e i proprietari delle navi. “Il nuovo cartello – hanno spiegato gli organizzatori – rappresenta una convergenza tra ragioni ambientali, socio-sanitarie e economiche, coinvolte nel pericolo rappresentato dal possibile inquinamento di catene alimentari”Dieci associazioni A distanza di mesi, la controversa vicenda della nave dei veleni torna a far parlare di sé.

Nella giornata di ieri, Agci-Agrital, Cittadinanza Attiva, Comitato Civico Natale De Grazia Amantea, Greenpeace, Lega Pesca, Slow Food italia, Società chimica italiana, Wwf e Adesso ammazzateci tutti-movimento antimafie hanno infatti presentato l’“Osservatorio per un Mediterraneo libero da veleni”: una sorta di cartello per sollecitare governo, magistratura e parlamento a fare luce sulla rete di trafficanti delle “navi a perdere”.

“Il nuovo cartello – hanno spiegato gli organizzatori – rappresenta una convergenza tra ragioni ambientali, socio-sanitarie e economiche, coinvolte nel pericolo rappresentato dal possibile inquinamento di catene alimentari”. Mentre il Wwf aggiunge in una nota: “A circa quindici anni da quando sono emerse le prime evidenze sulle navi a perdere e dopo ventidue anni dall’emergenza internazionale delle navi dei veleni, L’Osservatorio chiede che il nostro Paese finalmente interrompa questi traffici criminali, esercitando pienamente la propria sovranità sulle sue acque territoriali.

L’Osservatorio seguirà otto filoni di attività. Innanzi tutto, si cercherà di creare un rapporto organico tra i tre organismi parlamentari interessati con potere di indagine (Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie) e di stabilire un coordinamento tra le Procure coinvolte nelle indagini. Verrà poi convocato da parte del Ministero dell’Interno un tavolo con le forze dell’ordine che indagano sulle ‘navi dei veleni’, istituita una struttura ad hoc al ministero dell’Ambiente per una mappatura del fenomeno e richiesto il contributo del ministero della Salute per la raccolta delle segnalazioni dalle Asl. Infine, saranno predisposte azioni di bonifica dei relitti, lo stanziamento di fondi per le indagini e l’accertamento delle responsabilità penali, non solo per i comandanti ma anche per gli armatori e i proprietari delle navi

Al di là degli aspetti procedurali, dalle dieci associazioni arriva anche una perplessità non da poco: gli organizzatori infatti avanzano “forti dubbi sulla possibilità che il relitto a largo di Cetraro sia effettivamente il ‘Catania‘, come sostiene il ministero dell’Ambiente”. I dati forniti dopo le ricerche effettate dalla nave ‘Mare Oceano’ per conto del ministero, infatti, non fornirebbero elementi sufficienti per chiudere la questione.

In primo luogo, secondo Alessandro Giannì, direttore delle campagna di Greenpeace, “la qualità delle immagini fornite dal ministero è molto scarsa, mentre risultano più chiare le immagini divulgate sul primo rilevamento. Perché sono state affidate a questa nave le ricerche se non si potevano ottenere dati decenti?”. La nave ‘Catania’, poi, secondo il ministero sarebbe affondata nel 1917, “quando le paratie delle navi erano tenute insieme da bulloni – prosegue Giannì – mentre dalle immagini si vedono paratie lisce, saldate, pratica introdotta negli anni Trenta”. Dalle immagini si “vedono chiaramente dei fusti metallici, non in uso nel 1917″, mentre “il responsabile dell’inchiesta, il viceprocuratore della Dda di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, in una conferenza stampa ha dichiarato che le stive erano vuote, diversamente da quanto affermato dal pilota del ROV della ‘Copernaut Franca’ nel primo rilevamento che ha parlato di due stive piene”.

Infine, non è chiara la localizzazione della nave. “Perché é stata usata dalla Geolab, incaricata della ricerca dal ministero, una vecchia mappa dell’esercito tedesco? - si domanda Giannì – E poi, secondo una nota dell’Ufficio idrografico del Regno Unito, il ‘Catania’ starebbe a 3,5 miglia di distanza dal relitto individuato dalla Regione Calabria, al punto che supponiamo si tratti di due navi diverse“.

La questione, quindi, resta ancora una volta aperta.

Giulia Novajra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende