Home » Progetti »Rassegna Stampa » Dieci associazioni unite per far luce sulle “navi dei veleni”:

Dieci associazioni unite per far luce sulle “navi dei veleni”

febbraio 17, 2010 Progetti, Rassegna Stampa

nave veleniA distanza di mesi, la controversa vicenda della nave dei veleni torna a far parlare di sé.

- Un “cartello” creato da 10 associazioni, per sollecitare governo, magistratura e parlamento sulla “rete di trafficanti delle navi dei veleni”. E’ l’ ‘Osservatorio per un Mediterraneo libero da veleni’, presentato oggi e costituito da Agci-Agrital, Cittadinanza Attiva, Comitato Civico Natale De Grazia Amantea, Greenpeace, Lega Pesca, Slow Food italia, Società chimica italiana, Wwf e Adesso ammazzateci tutti-movimento antimafie. “Si tratta di disinnescare la bomba ad orologeria per i danni dell’ambiente e alla salute dei cittadini – ha detto Stefano Lenzi del Wwf – rappresentata dalle ‘navi a perdere’”. L’Osservatorio seguirà otto filoni di attività: la creazione di un rapporto organico tra i tre organismi parlamentari interessati con potere di indagine (Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie), la creazione di un coordinamento tra le Procure coinvolte nelle indagini, la convocazione da parte del ministero dell’Interno di un tavolo con le forze dell’ordine che indagano sulle ‘navi dei veleni’, l’istituzione di una struttura ad hoc al ministero dell’Ambiente per una mappatura del fenomeno, l’ attivazione del ministero della Salute per la raccolta delle segnalazioni dalle Asl, la predisposizione di azioni di bonifica dei relitti, lo stanziamento di fondi per le indagini e l’accertamento delle responsabilità penali, non solo per i comandanti ma anche per gli armatori e i proprietari delle navi. “Il nuovo cartello – hanno spiegato gli organizzatori – rappresenta una convergenza tra ragioni ambientali, socio-sanitarie e economiche, coinvolte nel pericolo rappresentato dal possibile inquinamento di catene alimentari”Dieci associazioni A distanza di mesi, la controversa vicenda della nave dei veleni torna a far parlare di sé.

Nella giornata di ieri, Agci-Agrital, Cittadinanza Attiva, Comitato Civico Natale De Grazia Amantea, Greenpeace, Lega Pesca, Slow Food italia, Società chimica italiana, Wwf e Adesso ammazzateci tutti-movimento antimafie hanno infatti presentato l’“Osservatorio per un Mediterraneo libero da veleni”: una sorta di cartello per sollecitare governo, magistratura e parlamento a fare luce sulla rete di trafficanti delle “navi a perdere”.

“Il nuovo cartello – hanno spiegato gli organizzatori – rappresenta una convergenza tra ragioni ambientali, socio-sanitarie e economiche, coinvolte nel pericolo rappresentato dal possibile inquinamento di catene alimentari”. Mentre il Wwf aggiunge in una nota: “A circa quindici anni da quando sono emerse le prime evidenze sulle navi a perdere e dopo ventidue anni dall’emergenza internazionale delle navi dei veleni, L’Osservatorio chiede che il nostro Paese finalmente interrompa questi traffici criminali, esercitando pienamente la propria sovranità sulle sue acque territoriali.

L’Osservatorio seguirà otto filoni di attività. Innanzi tutto, si cercherà di creare un rapporto organico tra i tre organismi parlamentari interessati con potere di indagine (Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie) e di stabilire un coordinamento tra le Procure coinvolte nelle indagini. Verrà poi convocato da parte del Ministero dell’Interno un tavolo con le forze dell’ordine che indagano sulle ‘navi dei veleni’, istituita una struttura ad hoc al ministero dell’Ambiente per una mappatura del fenomeno e richiesto il contributo del ministero della Salute per la raccolta delle segnalazioni dalle Asl. Infine, saranno predisposte azioni di bonifica dei relitti, lo stanziamento di fondi per le indagini e l’accertamento delle responsabilità penali, non solo per i comandanti ma anche per gli armatori e i proprietari delle navi

Al di là degli aspetti procedurali, dalle dieci associazioni arriva anche una perplessità non da poco: gli organizzatori infatti avanzano “forti dubbi sulla possibilità che il relitto a largo di Cetraro sia effettivamente il ‘Catania‘, come sostiene il ministero dell’Ambiente”. I dati forniti dopo le ricerche effettate dalla nave ‘Mare Oceano’ per conto del ministero, infatti, non fornirebbero elementi sufficienti per chiudere la questione.

In primo luogo, secondo Alessandro Giannì, direttore delle campagna di Greenpeace, “la qualità delle immagini fornite dal ministero è molto scarsa, mentre risultano più chiare le immagini divulgate sul primo rilevamento. Perché sono state affidate a questa nave le ricerche se non si potevano ottenere dati decenti?”. La nave ‘Catania’, poi, secondo il ministero sarebbe affondata nel 1917, “quando le paratie delle navi erano tenute insieme da bulloni – prosegue Giannì – mentre dalle immagini si vedono paratie lisce, saldate, pratica introdotta negli anni Trenta”. Dalle immagini si “vedono chiaramente dei fusti metallici, non in uso nel 1917″, mentre “il responsabile dell’inchiesta, il viceprocuratore della Dda di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, in una conferenza stampa ha dichiarato che le stive erano vuote, diversamente da quanto affermato dal pilota del ROV della ‘Copernaut Franca’ nel primo rilevamento che ha parlato di due stive piene”.

Infine, non è chiara la localizzazione della nave. “Perché é stata usata dalla Geolab, incaricata della ricerca dal ministero, una vecchia mappa dell’esercito tedesco? - si domanda Giannì – E poi, secondo una nota dell’Ufficio idrografico del Regno Unito, il ‘Catania’ starebbe a 3,5 miglia di distanza dal relitto individuato dalla Regione Calabria, al punto che supponiamo si tratti di due navi diverse“.

La questione, quindi, resta ancora una volta aperta.

Giulia Novajra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende