Home » Progetti »Rassegna Stampa » Dieci associazioni unite per far luce sulle “navi dei veleni”:

Dieci associazioni unite per far luce sulle “navi dei veleni”

febbraio 17, 2010 Progetti, Rassegna Stampa

nave veleniA distanza di mesi, la controversa vicenda della nave dei veleni torna a far parlare di sé.

- Un “cartello” creato da 10 associazioni, per sollecitare governo, magistratura e parlamento sulla “rete di trafficanti delle navi dei veleni”. E’ l’ ‘Osservatorio per un Mediterraneo libero da veleni’, presentato oggi e costituito da Agci-Agrital, Cittadinanza Attiva, Comitato Civico Natale De Grazia Amantea, Greenpeace, Lega Pesca, Slow Food italia, Società chimica italiana, Wwf e Adesso ammazzateci tutti-movimento antimafie. “Si tratta di disinnescare la bomba ad orologeria per i danni dell’ambiente e alla salute dei cittadini – ha detto Stefano Lenzi del Wwf – rappresentata dalle ‘navi a perdere’”. L’Osservatorio seguirà otto filoni di attività: la creazione di un rapporto organico tra i tre organismi parlamentari interessati con potere di indagine (Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie), la creazione di un coordinamento tra le Procure coinvolte nelle indagini, la convocazione da parte del ministero dell’Interno di un tavolo con le forze dell’ordine che indagano sulle ‘navi dei veleni’, l’istituzione di una struttura ad hoc al ministero dell’Ambiente per una mappatura del fenomeno, l’ attivazione del ministero della Salute per la raccolta delle segnalazioni dalle Asl, la predisposizione di azioni di bonifica dei relitti, lo stanziamento di fondi per le indagini e l’accertamento delle responsabilità penali, non solo per i comandanti ma anche per gli armatori e i proprietari delle navi. “Il nuovo cartello – hanno spiegato gli organizzatori – rappresenta una convergenza tra ragioni ambientali, socio-sanitarie e economiche, coinvolte nel pericolo rappresentato dal possibile inquinamento di catene alimentari”Dieci associazioni A distanza di mesi, la controversa vicenda della nave dei veleni torna a far parlare di sé.

Nella giornata di ieri, Agci-Agrital, Cittadinanza Attiva, Comitato Civico Natale De Grazia Amantea, Greenpeace, Lega Pesca, Slow Food italia, Società chimica italiana, Wwf e Adesso ammazzateci tutti-movimento antimafie hanno infatti presentato l’“Osservatorio per un Mediterraneo libero da veleni”: una sorta di cartello per sollecitare governo, magistratura e parlamento a fare luce sulla rete di trafficanti delle “navi a perdere”.

“Il nuovo cartello – hanno spiegato gli organizzatori – rappresenta una convergenza tra ragioni ambientali, socio-sanitarie e economiche, coinvolte nel pericolo rappresentato dal possibile inquinamento di catene alimentari”. Mentre il Wwf aggiunge in una nota: “A circa quindici anni da quando sono emerse le prime evidenze sulle navi a perdere e dopo ventidue anni dall’emergenza internazionale delle navi dei veleni, L’Osservatorio chiede che il nostro Paese finalmente interrompa questi traffici criminali, esercitando pienamente la propria sovranità sulle sue acque territoriali.

L’Osservatorio seguirà otto filoni di attività. Innanzi tutto, si cercherà di creare un rapporto organico tra i tre organismi parlamentari interessati con potere di indagine (Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica e Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie) e di stabilire un coordinamento tra le Procure coinvolte nelle indagini. Verrà poi convocato da parte del Ministero dell’Interno un tavolo con le forze dell’ordine che indagano sulle ‘navi dei veleni’, istituita una struttura ad hoc al ministero dell’Ambiente per una mappatura del fenomeno e richiesto il contributo del ministero della Salute per la raccolta delle segnalazioni dalle Asl. Infine, saranno predisposte azioni di bonifica dei relitti, lo stanziamento di fondi per le indagini e l’accertamento delle responsabilità penali, non solo per i comandanti ma anche per gli armatori e i proprietari delle navi

Al di là degli aspetti procedurali, dalle dieci associazioni arriva anche una perplessità non da poco: gli organizzatori infatti avanzano “forti dubbi sulla possibilità che il relitto a largo di Cetraro sia effettivamente il ‘Catania‘, come sostiene il ministero dell’Ambiente”. I dati forniti dopo le ricerche effettate dalla nave ‘Mare Oceano’ per conto del ministero, infatti, non fornirebbero elementi sufficienti per chiudere la questione.

In primo luogo, secondo Alessandro Giannì, direttore delle campagna di Greenpeace, “la qualità delle immagini fornite dal ministero è molto scarsa, mentre risultano più chiare le immagini divulgate sul primo rilevamento. Perché sono state affidate a questa nave le ricerche se non si potevano ottenere dati decenti?”. La nave ‘Catania’, poi, secondo il ministero sarebbe affondata nel 1917, “quando le paratie delle navi erano tenute insieme da bulloni – prosegue Giannì – mentre dalle immagini si vedono paratie lisce, saldate, pratica introdotta negli anni Trenta”. Dalle immagini si “vedono chiaramente dei fusti metallici, non in uso nel 1917″, mentre “il responsabile dell’inchiesta, il viceprocuratore della Dda di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, in una conferenza stampa ha dichiarato che le stive erano vuote, diversamente da quanto affermato dal pilota del ROV della ‘Copernaut Franca’ nel primo rilevamento che ha parlato di due stive piene”.

Infine, non è chiara la localizzazione della nave. “Perché é stata usata dalla Geolab, incaricata della ricerca dal ministero, una vecchia mappa dell’esercito tedesco? - si domanda Giannì – E poi, secondo una nota dell’Ufficio idrografico del Regno Unito, il ‘Catania’ starebbe a 3,5 miglia di distanza dal relitto individuato dalla Regione Calabria, al punto che supponiamo si tratti di due navi diverse“.

La questione, quindi, resta ancora una volta aperta.

Giulia Novajra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende