Home » Progetti »Smart City » A Brescia un percorso per imparare ad abitare smart:

A Brescia un percorso per imparare ad abitare smart

maggio 14, 2013 Progetti, Smart City

“Proibito è non toccare”, si legge nella presentazione delle attività e degli allestimenti che AmbienteParco crea e ricrea all’interno del Parco dell’Acqua di Brescia, con il grande obiettivo di sensibilizzare e educare unendo scienza e comunicazione nuova, accessibile, fresca.

Rispetto per l’ambiente, vivere in modo partecipe, scelte quotidiane sostenibili sono i messaggi che il parco vuole lanciare fuori dall’impostazione dei soliti laboratori, rifacendosi invece al modello dei parchi scientifici del Nord Europa, in cui il linguaggio è importante tanto quanto il contenuto. “Questo è un museo fisico – spiega Marco Caffi di Intertecnica Group Srl, una delle aziende socie di AmbienteParco - che propone installazioni di lunga durata (di 5 anni molto spesso) per dare l’opportunità ad un pubblico dagli 8 agli 80 anni di vedere le trasformazioni, di riconoscere le differenze, di consapevolizzare le scelte nei processi avviati”.

Anche in Abitare Smart la componente ludica si sposa con la valenza scientifica: è l’ultima esposizione inaugurata dal parco circa un mese fa sul tema dell’abitare sostenibile, approcciato sia dal punto di vista strutturale dell’edificio e dell’involucro che da quello comportamentale e delle scelte quotidiane dell’uomo.

Il percorso si apre con il Villaggio degli Eco.cubi, cinque casette colorate (dal rosso al verde come i colori della scala della classe energetica) di un metrocubo ciascuna, esposte in sequenza in un crescendo di attenzione ai consumi, alle tecnologie e ai comfort dell’abitare. Modellini prototipi di abitazioni costruite secondo scelte più o meno smart, i consumi vengono misurati e monitorati nel tempo e i risultati, insieme ai concetti scientifici e tecnici che li determinano, sono raccontati in modo chiaro anche per i visitatori più piccoli: è la storia del lupo e dei tre porcellini che viene riscritta, qui, dove tutti insieme collaborano per cercare soluzioni intelligenti “per vivere bene, passando dalla casa in paglia senza finestre alla casa di mattoni e serramenti ben coibentati. Abitare smart vuol dire anche essere buoni”.

La sensibilizzazione e l’educazione al rispetto per l’ambiente tra le pareti di casa prosegue con la Casa Eco.logica, un vero e proprio edificio a due piani di 50 mq ciascuno che propone un abitare sostenibile al secondo piano e tecnologie tradizionali al primo. “Il paragone dei consumi e delle scelte – continua Caffi, che è anche il referente del progetto per AmbienteParco – è immediato quando si parla di appartamenti assolutamente identici, con la stessa superficie, la stessa esposizione, lo stesso tempo di vita. I consumi vengono registrati  da computer e sensori per riuscire a tracciare nel tempo l’andamento delle spese e degli sprechi di risorse sia economiche che naturali nelle due diverse condizioni”. Consumo dell’acqua a tempo, pannelli solari per illuminazione, raffrescamento e riscaldamento, illuminazione artificiale a basso consumo, elettrodomestici classe A+ e arredamento naturale; ma anche e soprattutto la Casa Eco.logica racconta lo scarto dei consumi che si genera dalle buone o cattive abitudini del vivere di tutti i giorni, quindi nella scelta di detersivi, alimenti, detergenti “perché tutto ciò che è contenuto nelle nostre case può essere fonte di sprechi e cattiva gestione o al contrario di rispetto e cura dell’ambiente”.

Un confronto immediato e facilitato ancora grazie ad animazioni, simulazioni e vignette che intendono cogliere e rendere la “sensazione” dell’abitare confortevole e vantaggioso più che gli aspetti prettamente tecnici e scientifici delle soluzioni smart adottate. Quindi la vignetta della donna che si lamenta di non poter aprire la finestra per eliminare gli odori del fritto e quella del ragazzo che si gode una birretta raffreddata grazie a sistemi innovativi; e si può interagire con sistemi e comportamenti di simulazione che permettono un reale confronto tra i due piani e i due modelli di abitare.

Il progetto, che ha ricevuto il patrocinio di Regione Lombardia, del Comune di Brescia e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore -sede di Brescia- e realizzato grazie al sostegno di numerosi partner scientifici e commerciali, ha promosso, oltre alle visite guidate dedicate principalmente alle famiglie e alle scuole ma non solo, un convegno scientifico sull’abitare sostenibile e proporrà nell’autunno un corso di progettazione di edifici intelligenti, aperto ai professionisti del settore. Inoltre, all’interno di Abitare Smart saranno ritagliati momenti dedicati alle aziende, che nei momenti dedicati potranno presentare soluzioni e tecnologie innovative per la casa, sia dal punto di vista scientifico che commerciale.

AmbienteParco nasce da professionalità diverse –  conclude Marco Caffi – da esperti di ingegneria, ambiente, economia, comunicazione e intende mantenere la sinergia di tutte queste competenze”; per questo motivo da una parte si apre a professionalità varie e a studenti e stagisti dalle diverse facoltà, e dall’altra si propone di essere punto di riferimento e interlocutore di un pubblico e di un’utenza varia che include le scuole e le famiglie, ma anche i professionisti, i commercianti, i tecnici”. Perché le belle esperienze sono ancora più importanti quando arrivano a tutti e tutte.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende