Home » Progetti »Smart City » A Brescia un percorso per imparare ad abitare smart:

A Brescia un percorso per imparare ad abitare smart

maggio 14, 2013 Progetti, Smart City

“Proibito è non toccare”, si legge nella presentazione delle attività e degli allestimenti che AmbienteParco crea e ricrea all’interno del Parco dell’Acqua di Brescia, con il grande obiettivo di sensibilizzare e educare unendo scienza e comunicazione nuova, accessibile, fresca.

Rispetto per l’ambiente, vivere in modo partecipe, scelte quotidiane sostenibili sono i messaggi che il parco vuole lanciare fuori dall’impostazione dei soliti laboratori, rifacendosi invece al modello dei parchi scientifici del Nord Europa, in cui il linguaggio è importante tanto quanto il contenuto. “Questo è un museo fisico – spiega Marco Caffi di Intertecnica Group Srl, una delle aziende socie di AmbienteParco - che propone installazioni di lunga durata (di 5 anni molto spesso) per dare l’opportunità ad un pubblico dagli 8 agli 80 anni di vedere le trasformazioni, di riconoscere le differenze, di consapevolizzare le scelte nei processi avviati”.

Anche in Abitare Smart la componente ludica si sposa con la valenza scientifica: è l’ultima esposizione inaugurata dal parco circa un mese fa sul tema dell’abitare sostenibile, approcciato sia dal punto di vista strutturale dell’edificio e dell’involucro che da quello comportamentale e delle scelte quotidiane dell’uomo.

Il percorso si apre con il Villaggio degli Eco.cubi, cinque casette colorate (dal rosso al verde come i colori della scala della classe energetica) di un metrocubo ciascuna, esposte in sequenza in un crescendo di attenzione ai consumi, alle tecnologie e ai comfort dell’abitare. Modellini prototipi di abitazioni costruite secondo scelte più o meno smart, i consumi vengono misurati e monitorati nel tempo e i risultati, insieme ai concetti scientifici e tecnici che li determinano, sono raccontati in modo chiaro anche per i visitatori più piccoli: è la storia del lupo e dei tre porcellini che viene riscritta, qui, dove tutti insieme collaborano per cercare soluzioni intelligenti “per vivere bene, passando dalla casa in paglia senza finestre alla casa di mattoni e serramenti ben coibentati. Abitare smart vuol dire anche essere buoni”.

La sensibilizzazione e l’educazione al rispetto per l’ambiente tra le pareti di casa prosegue con la Casa Eco.logica, un vero e proprio edificio a due piani di 50 mq ciascuno che propone un abitare sostenibile al secondo piano e tecnologie tradizionali al primo. “Il paragone dei consumi e delle scelte – continua Caffi, che è anche il referente del progetto per AmbienteParco – è immediato quando si parla di appartamenti assolutamente identici, con la stessa superficie, la stessa esposizione, lo stesso tempo di vita. I consumi vengono registrati  da computer e sensori per riuscire a tracciare nel tempo l’andamento delle spese e degli sprechi di risorse sia economiche che naturali nelle due diverse condizioni”. Consumo dell’acqua a tempo, pannelli solari per illuminazione, raffrescamento e riscaldamento, illuminazione artificiale a basso consumo, elettrodomestici classe A+ e arredamento naturale; ma anche e soprattutto la Casa Eco.logica racconta lo scarto dei consumi che si genera dalle buone o cattive abitudini del vivere di tutti i giorni, quindi nella scelta di detersivi, alimenti, detergenti “perché tutto ciò che è contenuto nelle nostre case può essere fonte di sprechi e cattiva gestione o al contrario di rispetto e cura dell’ambiente”.

Un confronto immediato e facilitato ancora grazie ad animazioni, simulazioni e vignette che intendono cogliere e rendere la “sensazione” dell’abitare confortevole e vantaggioso più che gli aspetti prettamente tecnici e scientifici delle soluzioni smart adottate. Quindi la vignetta della donna che si lamenta di non poter aprire la finestra per eliminare gli odori del fritto e quella del ragazzo che si gode una birretta raffreddata grazie a sistemi innovativi; e si può interagire con sistemi e comportamenti di simulazione che permettono un reale confronto tra i due piani e i due modelli di abitare.

Il progetto, che ha ricevuto il patrocinio di Regione Lombardia, del Comune di Brescia e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore -sede di Brescia- e realizzato grazie al sostegno di numerosi partner scientifici e commerciali, ha promosso, oltre alle visite guidate dedicate principalmente alle famiglie e alle scuole ma non solo, un convegno scientifico sull’abitare sostenibile e proporrà nell’autunno un corso di progettazione di edifici intelligenti, aperto ai professionisti del settore. Inoltre, all’interno di Abitare Smart saranno ritagliati momenti dedicati alle aziende, che nei momenti dedicati potranno presentare soluzioni e tecnologie innovative per la casa, sia dal punto di vista scientifico che commerciale.

AmbienteParco nasce da professionalità diverse –  conclude Marco Caffi – da esperti di ingegneria, ambiente, economia, comunicazione e intende mantenere la sinergia di tutte queste competenze”; per questo motivo da una parte si apre a professionalità varie e a studenti e stagisti dalle diverse facoltà, e dall’altra si propone di essere punto di riferimento e interlocutore di un pubblico e di un’utenza varia che include le scuole e le famiglie, ma anche i professionisti, i commercianti, i tecnici”. Perché le belle esperienze sono ancora più importanti quando arrivano a tutti e tutte.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende