Home » Progetti » A Grugliasco le piante viaggiano nella macchina del tempo:

A Grugliasco le piante viaggiano nella macchina del tempo

giugno 14, 2010 Progetti
Albicocche, Courtesy of Flickr.comNon siamo sul set di Ritorno al Futuro 5, ma nel campus Agroinnova della Facoltà di Agraria di Grugliasco, alle porte di Torino, dove martedì 8 giugno è stata presentata ANT – Agri New Tech, il nuovo spin-off dell’Università di Torino che si occuperà di biotecnologie applicate all’agricoltura e all’ambiente, con l’obiettivo di trasferire al mondo delle imprese i risultati di anni di ricerche svolte a livello internazionale.
 
Come la laboriosa formichina della favola di Esopo (ant, in inglese), i docenti, i ricercatori e i borsisiti del centro di innovazione hanno infatti sviluppato, negli ultimi anni, studi e brevetti di notevole interesse applicativo, in particolare nell’ambito della valorizzazione dei rifiuti organici e della difesa delle colture.
Grazie ad una selezione di microrganismi brevettati e ad una metodologia di analisi all’avanguardia per la valutazione della qualità dei compost (il meteriale frutto della decomposizione e dell’umificazione di materiali organici, come potature, sfalci d’erba, rifiuti dell’industria agroalimentare ecc.), ANT ha sviluppato tecniche di cura delle piante sostenibili e a basso impatto ambientale, in grado di proporre alle aziende valide alternative ai tradizionali rimedi di natura chimica. 
 
Il compost infatti, pur essendo principalmente utilizzato come fertilizzante, grazie alla ricca microflora che contiene può, in molti casi avere un concomitante effetto di contenimento dei parassiti delle piante, comportandosi come un efficace agrofarmaco naturale che rende le piante più sane e resistenti.   
Queste metodologie, trasformate in servizi di supporto tecnico e scientifico, vengono ora offerte da AgriNewTech alle imprese, sia del settore agroalimentare e vitivinicolo che del settore sportivo e ornamentale. Per comprenderne le ricadute commerciali ed economiche basti pensare all’importanza, per le aziende produttrici, di preservare le cosiddette insalate “di IV gamma“ (quelle nei sacchetti, pronte all’uso, diventate un prodotto di punta nei supermercati), o al peso in alcune regioni italiane, come il Piemonte, del settore vitivinicolo (33% dell’export agroalimentare) o ancora al comparto dei tappeti erbosi per uso sportivo (campi da calcio e da golf), che coprono oggi 744.000 ettari di terreno.
La sperimentazione di queste frontiere dell’innovazione avviene, oltre che nei consueti laboratori di ricerca di cui dispongono le università, negli avveniristici fitotroni, le “macchine del tempo” che hanno particolarmente colpito la nostra immaginazione e che hanno indubbiamente favorito la selezione del centro di Grugliasco – da parte del Comitato di esperti nominato dal ministro Brunetta – per partecipare alla manifestazione L’Italia degli Innovatori, che si terrà nel mese di agosto nel contesto dell’ Expo di Shanghai 2010.    
Si tratta delle più grandi celle climatiche di questo genere a livello nazionale, costruite da ANT - insieme ad un’azienda italiana e con tecnologie inglesi e tedesche - per svolgere ricerche sull’effetto dei cambiamenti climatici sulle colture e sulle malattie delle piante. Le dimensioni di questi prototipi - che costano 100.000 € l’uno e coinvolgono 3 ricercatori a tempo pieno - sono tali che al loro interno, oltre a insalate e piantine varie, si possono allevare addirittura arbusti o piccoli alberi, come i pioppi.
In ogni fitotrone è possibile, in sostanza, ricreare le condizioni ambientali che meglio si adattano alle esigenze di ricerca, non solo in termini di temperatura, umidità e intensità luminosa, ma soprattutto in termini di concentrazione di anidride carbonica. All’interno delle celle è infatti possibile mantenere una concentrazione di CO2 fino a 2.000 ppm, per effettuare esperimenti che aiutino a capire come l’incremento di anidride carbonica potrà influenzare lo sviluppo delle piante in futuro.
L’unico elemento preoccupante di tutto ciò è l’assunto stesso su cui si fonda l’utilità di queste sperimentazioni: attualmente l’atmosfera terrestre ha infatti circa 380 ppm (parti per milione) di CO2, ma il monitoraggio dei ricercatori dimostra che questa concentrazione è costantemente in aumento…

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende