Home » Eventi »Progetti » A Milano sfila la moda sostenibile:

A Milano sfila la moda sostenibile

settembre 26, 2011 Eventi, Progetti

Anche la moda scommette sull’ecosostenibilità. Lo testimoniano le creazioni presentate alla Settimana della Moda di Milano: pezzi unici, perché completamente artigianali, ma soprattutto prodotti a basso impatto ambientale e rispettosi della dignità delle persone che li realizzano.

Nella vetrina più prestigiosa del fashion di lusso, le borse di Ilaria Venturini Fendi e i vestiti del Consorzio Goel per Cangiari sono l’esempio più eclatante di come il bello possa essere sostenibile e conveniente. “Credo davvero che la moda etica possa diventare un modello di business imprenditoriale”, spiega a Greenews.info Ilaria Venurini Fendi.

Figlia di Anna, nel 2006 Ilaria ha creato Carmina Campus, un brand che utilizza materiali di riciclo, ma che soprattutto fa del rispetto per l’ambiente una filosofia aziendale e un modo di vivere (lei stessa vive in un’azienda agricola nel Parco di Veio, dove alleva animali e coltiva secondo il metodo biodinamico). Da acuni anni Ilaria ha scelto di collaborare con l’Itc, agenzia nata dalla collaborazione dell’Onu e del Wto per promuovere il lavoro in Africa. È nata così la collezione “100% made in Africa”, borse realizzate con scarti di coperte militari e tende da safari, con inserti di tessuti colorati della tradizione locale, come i kanga e gli shukas, i drappi a disegni tartan indossati dai guerrieri Masai. Su un lato della borsa, la scritta Not Charity Just Work (“non beneficenza ma lavoro”) che sintetizza la filosofia di Carmina Campus: assicurare dignità e condizioni lavorative eque a tutti coloro che fanno parte del progetto.

“100% made in Africa” è una linea colorata, vivace, adatta a una donna giovane che vuole distinguersi. È più economica della linea “100% made in Italy”, borse realizzate con i più svariati materiali di riciclo: zanzariere, tappezzerie delle automobili o degli aerei, corde da montagna o reti di pallavolo, maniglie di cassetti, cinte militari o vintage, cannucce e perfino fondine di pistole, mentre i manici sono creati riutilizzando le cinghie delle tapparelle. E poi gli accessori: i bracciali vengono confezionati con scarti di pentolame e per i fermagli da capelli si usano i cavi a spirale del telefono. “Sono materiali – prosegue la stilista – che raccontano una storia e che testimoniano come anche il lusso possa essere ecologico. Credo che questo concetto vada spiegato e diffuso: dentro ogni nostra borsa o accanto a ogni accessorio, è inserito un ‘passaporto’, un documento cioè che spiega come nasce il prodotto e tutte le sue fasi di lavorazione, rimarcando il nostro concept: save waste, from waste, salvare i rifiuti dallo spreco”.

A sostenere l’idea del lusso sostenibile sono anche le collezioni Cangiari, il marchio di alta moda etica e sociale che ha portato l’artigianato calabrese nelle migliori boutiques d’Italia. Cangiari – tutorato dall’imprenditore Santo Versace con la collaborazione di Carlo Rivetti - è il nuovo brand di moda nato all’interno del Consorzio Sociale Goel, che raggruppa nella Locride cooperative attive in vari settori per la liberazione delle comunità locali dalla mafia. Il claim “Beauty is different è una provocazione che aiuta a riflettere sulle potenzialità della dignità delle persone, del rispetto per l’ambiente e dell’equità socio-economica nella creazione del bello oltre che del giusto.

“L’unicità dei nostri capi – spiega a Greenews.info Vincenzo Linarello, presidente di Goel – è data dalle applicazioni di artigianalità tessile d’eccellenza: ricami a mano e tessuti al telaio artigianale, realizzati secondo le antichissime tradizioni calabresi, rivisitati e attualizzati”. Naturale nelle tinte e originale negli inserti, Cangiari predilige la versione biologica dei tessuti utilizzati, unendo ricerca e innovazione al massimo rispetto per l’ecosistema: uniche le preziose varianti “limited edition” di capi contenenti inserti di seta prodotta senza l’uccisione del baco, o di tessuto di ginestra dell’Aspromonte cardata, filata e tessuta rigorosamente a mano. I colori predominanti sono quelli del Mediterraneo: il rosso dell’alba jonica, il blu del cielo, l’avorio di una terra calda e seducente.

“La moda etica – aggiunge Linarello – deve sempre di più essere non solo giusta, ma anche efficace, per offrire un vantaggio competitivo alle imprese. I nostri prodotti vengono acquistati prima di tutto perché piacciono; spesso, i clienti scoprono soltanto a casa la filosofia che c’è dietro ad ogni capo: per essere concorrenziale, deve essere di qualità”. Perché, quanto più lontano da un indulgente e generico buonismo, il fashion sostenible è il vero business del futuro.

Agnese Pellegrini

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende