Home » Eventi »Progetti » A Milano sfila la moda sostenibile:

A Milano sfila la moda sostenibile

settembre 26, 2011 Eventi, Progetti

Anche la moda scommette sull’ecosostenibilità. Lo testimoniano le creazioni presentate alla Settimana della Moda di Milano: pezzi unici, perché completamente artigianali, ma soprattutto prodotti a basso impatto ambientale e rispettosi della dignità delle persone che li realizzano.

Nella vetrina più prestigiosa del fashion di lusso, le borse di Ilaria Venturini Fendi e i vestiti del Consorzio Goel per Cangiari sono l’esempio più eclatante di come il bello possa essere sostenibile e conveniente. “Credo davvero che la moda etica possa diventare un modello di business imprenditoriale”, spiega a Greenews.info Ilaria Venurini Fendi.

Figlia di Anna, nel 2006 Ilaria ha creato Carmina Campus, un brand che utilizza materiali di riciclo, ma che soprattutto fa del rispetto per l’ambiente una filosofia aziendale e un modo di vivere (lei stessa vive in un’azienda agricola nel Parco di Veio, dove alleva animali e coltiva secondo il metodo biodinamico). Da acuni anni Ilaria ha scelto di collaborare con l’Itc, agenzia nata dalla collaborazione dell’Onu e del Wto per promuovere il lavoro in Africa. È nata così la collezione “100% made in Africa”, borse realizzate con scarti di coperte militari e tende da safari, con inserti di tessuti colorati della tradizione locale, come i kanga e gli shukas, i drappi a disegni tartan indossati dai guerrieri Masai. Su un lato della borsa, la scritta Not Charity Just Work (“non beneficenza ma lavoro”) che sintetizza la filosofia di Carmina Campus: assicurare dignità e condizioni lavorative eque a tutti coloro che fanno parte del progetto.

“100% made in Africa” è una linea colorata, vivace, adatta a una donna giovane che vuole distinguersi. È più economica della linea “100% made in Italy”, borse realizzate con i più svariati materiali di riciclo: zanzariere, tappezzerie delle automobili o degli aerei, corde da montagna o reti di pallavolo, maniglie di cassetti, cinte militari o vintage, cannucce e perfino fondine di pistole, mentre i manici sono creati riutilizzando le cinghie delle tapparelle. E poi gli accessori: i bracciali vengono confezionati con scarti di pentolame e per i fermagli da capelli si usano i cavi a spirale del telefono. “Sono materiali – prosegue la stilista – che raccontano una storia e che testimoniano come anche il lusso possa essere ecologico. Credo che questo concetto vada spiegato e diffuso: dentro ogni nostra borsa o accanto a ogni accessorio, è inserito un ‘passaporto’, un documento cioè che spiega come nasce il prodotto e tutte le sue fasi di lavorazione, rimarcando il nostro concept: save waste, from waste, salvare i rifiuti dallo spreco”.

A sostenere l’idea del lusso sostenibile sono anche le collezioni Cangiari, il marchio di alta moda etica e sociale che ha portato l’artigianato calabrese nelle migliori boutiques d’Italia. Cangiari – tutorato dall’imprenditore Santo Versace con la collaborazione di Carlo Rivetti - è il nuovo brand di moda nato all’interno del Consorzio Sociale Goel, che raggruppa nella Locride cooperative attive in vari settori per la liberazione delle comunità locali dalla mafia. Il claim “Beauty is different è una provocazione che aiuta a riflettere sulle potenzialità della dignità delle persone, del rispetto per l’ambiente e dell’equità socio-economica nella creazione del bello oltre che del giusto.

“L’unicità dei nostri capi – spiega a Greenews.info Vincenzo Linarello, presidente di Goel – è data dalle applicazioni di artigianalità tessile d’eccellenza: ricami a mano e tessuti al telaio artigianale, realizzati secondo le antichissime tradizioni calabresi, rivisitati e attualizzati”. Naturale nelle tinte e originale negli inserti, Cangiari predilige la versione biologica dei tessuti utilizzati, unendo ricerca e innovazione al massimo rispetto per l’ecosistema: uniche le preziose varianti “limited edition” di capi contenenti inserti di seta prodotta senza l’uccisione del baco, o di tessuto di ginestra dell’Aspromonte cardata, filata e tessuta rigorosamente a mano. I colori predominanti sono quelli del Mediterraneo: il rosso dell’alba jonica, il blu del cielo, l’avorio di una terra calda e seducente.

“La moda etica – aggiunge Linarello – deve sempre di più essere non solo giusta, ma anche efficace, per offrire un vantaggio competitivo alle imprese. I nostri prodotti vengono acquistati prima di tutto perché piacciono; spesso, i clienti scoprono soltanto a casa la filosofia che c’è dietro ad ogni capo: per essere concorrenziale, deve essere di qualità”. Perché, quanto più lontano da un indulgente e generico buonismo, il fashion sostenible è il vero business del futuro.

Agnese Pellegrini

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende