Home » Progetti » AERA: la cooperazione europea passa per la qualità dell’aria:

AERA: la cooperazione europea passa per la qualità dell’aria

aprile 18, 2013 Progetti

Nonostante l’Europa stia facendo grandi passi avanti nel contrastare e ridurre le emissioni, nonostante la Commissione europea stia migliorando costantemente e mettendo in pratica una strategia congiunta settoriale relativa all’inquinamento, secondo le analisi dell’Agenzia Europea per l’Ambiente un’importante fetta della popolazione è ancora esposta a concentrazioni troppo alte di inquinanti e polveri sottili, dannose per la salute e spesso causa di malattie e morti premature.

Per questo, sono diversi i progetti europei sull’argomento. Si è appena chiuso AERA, finanziato dal bando di cooperazione transfrontaliera Alcotra, che ha coinvolto le Regioni Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhône Alpes e Provence Alpes Côte d’Azur per affrontare le problematiche legate alla tutela della qualità dell’aria a livello condiviso.Gli obiettivi erano studiare la situazione attuale e costruire e potenziare strumenti per aumentare l’efficacia dei piani sulla qualità dell’aria già previsti dalla normativa europea

Il territorio coinvolto -109.184 Kmq caratterizzati  dalla presenza dell’arco alpino che degrada bruscamente verso la pianura padana in Italia, verso zone di altipiani in Francia e verso il mare a sud- presenta caratteri simili dal punto di vista delle emissioni, delle fonti di inquinamento e della localizzazione: per questo è emersa l’esigenza di mettere in comunicazione le cabine di regia delle diverse regioni, in modo da condividere sperimentazioni, numeri  e problemi in vista di un miglioramento complessivo.

“Il risultato principale – spiega Alessandro Bertello, referente di progetto per la Provincia di Torinoè stata la messa in comune di una piattaforma di dati e contenuti e degli inventari delle emissioni dei singoli territori, indispensabili per capire bene il problema a livello più ampio e per svolgere gli studi di modellistica in modo sempre più realistico, efficiente e fedele”. Sono cioè raccolte sistematicche dei dati relativi ai principali inquinanti emessi in una determinata area geografica da attività e processi di origine sia antropica che naturale. Gli inventari presentano anche stime quantitative delle emissioni di sostanze inquinanti ripartita per attività (produzione di energia elettrica, trasporti, allevamenti), unità territoriale, periodo di tempo, combustibile utilizzato, tipo di inquinantee tipo di emissione. Conoscere i dati dei vicini di casa permette di avere una fotografia più precisa sulla qualità dell’aria che respiriamo.

“Questi tre anni di progetto, che si è concluso a Torino con il seminario finale di pochi giorni fa, hanno consentito un aggiornamento dei dati e un’approfondita analisi di contesto, a cui ha seguito una fase di scambio sui provvedimenti per il miglioramento della qualità dell’aria: in realtà, però, non ci si è concentrati tanto sull’individuazione di un piano condiviso e comune perché esiste già una programmazione europea a cui gli stati membri devono attenersi con misure specifiche alle esigenze e caratteristiche del singolo territorio”. Gli strumenti, quindi, già esistevano, ma è stata la messa in rete della piattaforma la vera innovazione di questa iniziativa.

Dagli studi fatti (i dati si riferiscono al 2008) è risultato, per esempio, che il Piemonte e la regione Rhône-Alpes hanno le stesse caratteristiche, solo che la nostra regione è circondata dalle montagne su tre lati (motivo per cui le emissioni inquinanti faticano a disperdersi e l’inquinamento risulta piuttosto alto su tutta la pianura), mentre la qualità dell’aria nella regione Rhône-Alpes è variabile da una zona all’altra a causa di un geografia piuttosto varia e di attività industriali concentrate soprattutto attorno alle grandi agglomerazioni urbane.

La Provincia di Torino si occupata di aggiornare, ricostruire e approfondire l’inventario regionale. “Il lavoro fatto in questi anni era indispensabile in una fase preliminare di studio e analisi, perché la precisione dei dati è fondamentale per capire come agire e per individuare le misure più efficaci e a basso costo, costruite sulla specificità di un contesto e su un problema reale”, continua Bertello. Il progetto, come spesso accade per la cooperazione frontaliera finanziata dall’Ue, “è stato un’occasione importante per svolgere uno studio che difficilmente in altro  modo sarebbe stato portato avanti in modo così approfondito”.

Dedicato principalmente a tecnici e operatori di settore, AERA è stato più tecnico che politico o educativo: qualche incontro nelle scuole, seminari e qualche azione di comunicazione, ma principalmente dati, numeri, scenari su cui costruire in futuro ipotesi e politiche. E adesso che il progetto è concluso? “Gli strumenti di piattaforma e condivisione sono stati pensati per essere aggiornati periodicamente. Quelli consultabili e messi in rete oggi si riferiscono al 2008 e il prossimo aggiornamento si rifarà ai dati 2010. Tutti i partner si sono impegnati a portare avanti questo sistema di coordinamento”. E ora  che la fotografia della nostra aria è completa, aggiornata e precisa, anche la politica avrà qualche scusa in meno.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende