Home » Progetti » AERA: la cooperazione europea passa per la qualità dell’aria:

AERA: la cooperazione europea passa per la qualità dell’aria

aprile 18, 2013 Progetti

Nonostante l’Europa stia facendo grandi passi avanti nel contrastare e ridurre le emissioni, nonostante la Commissione europea stia migliorando costantemente e mettendo in pratica una strategia congiunta settoriale relativa all’inquinamento, secondo le analisi dell’Agenzia Europea per l’Ambiente un’importante fetta della popolazione è ancora esposta a concentrazioni troppo alte di inquinanti e polveri sottili, dannose per la salute e spesso causa di malattie e morti premature.

Per questo, sono diversi i progetti europei sull’argomento. Si è appena chiuso AERA, finanziato dal bando di cooperazione transfrontaliera Alcotra, che ha coinvolto le Regioni Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Rhône Alpes e Provence Alpes Côte d’Azur per affrontare le problematiche legate alla tutela della qualità dell’aria a livello condiviso.Gli obiettivi erano studiare la situazione attuale e costruire e potenziare strumenti per aumentare l’efficacia dei piani sulla qualità dell’aria già previsti dalla normativa europea

Il territorio coinvolto -109.184 Kmq caratterizzati  dalla presenza dell’arco alpino che degrada bruscamente verso la pianura padana in Italia, verso zone di altipiani in Francia e verso il mare a sud- presenta caratteri simili dal punto di vista delle emissioni, delle fonti di inquinamento e della localizzazione: per questo è emersa l’esigenza di mettere in comunicazione le cabine di regia delle diverse regioni, in modo da condividere sperimentazioni, numeri  e problemi in vista di un miglioramento complessivo.

“Il risultato principale – spiega Alessandro Bertello, referente di progetto per la Provincia di Torinoè stata la messa in comune di una piattaforma di dati e contenuti e degli inventari delle emissioni dei singoli territori, indispensabili per capire bene il problema a livello più ampio e per svolgere gli studi di modellistica in modo sempre più realistico, efficiente e fedele”. Sono cioè raccolte sistematicche dei dati relativi ai principali inquinanti emessi in una determinata area geografica da attività e processi di origine sia antropica che naturale. Gli inventari presentano anche stime quantitative delle emissioni di sostanze inquinanti ripartita per attività (produzione di energia elettrica, trasporti, allevamenti), unità territoriale, periodo di tempo, combustibile utilizzato, tipo di inquinantee tipo di emissione. Conoscere i dati dei vicini di casa permette di avere una fotografia più precisa sulla qualità dell’aria che respiriamo.

“Questi tre anni di progetto, che si è concluso a Torino con il seminario finale di pochi giorni fa, hanno consentito un aggiornamento dei dati e un’approfondita analisi di contesto, a cui ha seguito una fase di scambio sui provvedimenti per il miglioramento della qualità dell’aria: in realtà, però, non ci si è concentrati tanto sull’individuazione di un piano condiviso e comune perché esiste già una programmazione europea a cui gli stati membri devono attenersi con misure specifiche alle esigenze e caratteristiche del singolo territorio”. Gli strumenti, quindi, già esistevano, ma è stata la messa in rete della piattaforma la vera innovazione di questa iniziativa.

Dagli studi fatti (i dati si riferiscono al 2008) è risultato, per esempio, che il Piemonte e la regione Rhône-Alpes hanno le stesse caratteristiche, solo che la nostra regione è circondata dalle montagne su tre lati (motivo per cui le emissioni inquinanti faticano a disperdersi e l’inquinamento risulta piuttosto alto su tutta la pianura), mentre la qualità dell’aria nella regione Rhône-Alpes è variabile da una zona all’altra a causa di un geografia piuttosto varia e di attività industriali concentrate soprattutto attorno alle grandi agglomerazioni urbane.

La Provincia di Torino si occupata di aggiornare, ricostruire e approfondire l’inventario regionale. “Il lavoro fatto in questi anni era indispensabile in una fase preliminare di studio e analisi, perché la precisione dei dati è fondamentale per capire come agire e per individuare le misure più efficaci e a basso costo, costruite sulla specificità di un contesto e su un problema reale”, continua Bertello. Il progetto, come spesso accade per la cooperazione frontaliera finanziata dall’Ue, “è stato un’occasione importante per svolgere uno studio che difficilmente in altro  modo sarebbe stato portato avanti in modo così approfondito”.

Dedicato principalmente a tecnici e operatori di settore, AERA è stato più tecnico che politico o educativo: qualche incontro nelle scuole, seminari e qualche azione di comunicazione, ma principalmente dati, numeri, scenari su cui costruire in futuro ipotesi e politiche. E adesso che il progetto è concluso? “Gli strumenti di piattaforma e condivisione sono stati pensati per essere aggiornati periodicamente. Quelli consultabili e messi in rete oggi si riferiscono al 2008 e il prossimo aggiornamento si rifarà ai dati 2010. Tutti i partner si sono impegnati a portare avanti questo sistema di coordinamento”. E ora  che la fotografia della nostra aria è completa, aggiornata e precisa, anche la politica avrà qualche scusa in meno.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende