Home » Progetti » Alla scoperta del Delta del Po:

Alla scoperta del Delta del Po

maggio 20, 2011 Progetti

Mare, montagna, lago: le destinazioni più amate dai vacanzieri, che iniziano a vedere la luce dell’estate al fondo del lungo tunnel lavorativo invernale. Ma anche il fiume ha il suo fascino. Il messaggio arriva chiaro dall’Unione Europea, che con il progetto DATOURWAY finanzia uno straordinario esempio di cooperazione transnazionale finalizzato allo sviluppo del turismo fluviale.

Per incentivare una reale valorizzazione del fiume, considerando il turismo fluviale nella sua totalità e nel suo stretto legame con il territorio, DELTA 2000, insieme ai partner romeni ERDF PP3 – NIRDT ed ERDF PP4 – INCDT Urban Proiect, ha elaborato il Progetto Pilota “PiP4 Deltas – Eco friendly tourism – development of river deltas per portare avanti una politica di promozione e valorizzazione comune, almeno tra vicini di casa.

Dopo una prima parte di studio e analisi, specifica per ogni area di riferimento, il progetto prevede ora una fase operativa.

In Italia, DELTA 2000 ha coinvolto gli enti pubblici e amministrativi attraversati dal Po di Volano (uno degli affluenti del Po Grande nell’area del Delta), la Provincia di Ferrara e le Organizzazioni ed associazioni che operano sul territorio, al fine di incentivare nuove forme di turismo fluviale e collegamenti intermodali con le più importanti mete storiche, naturalistiche e architettoniche dell’area, cercando di creare una rete facilmente fruibile.

Particolare attenzione è stata rivolta dal progetto alla mobilità: oltre ad essere promosso l’utilizzo di mezzi di trasporto sostenibili (barche eco-compatibili per gli spostamenti in acqua e percorsi a piedi o in bicicletta per gli spostamenti su terra), gran parte dello studio preliminare si è dedicato alla navigazione delle acque interne, per analizzare lo stato di fatto relativo alla navigazione lungo l’asse del Po di Volano, evidenziando le criticità, gli ostacoli e le possibili soluzioni, utili per pensare e organizzare nuove forme di turismo fluviale sostenibili e rispettose.

Così nascono i due itinerari sperimentali che verranno presentati e testati durante la manifestazione annuale Primavera Slow, un appuntamento consolidato nel Parco del Delta del Po Emilia-Romagna che ogni anno presenta un ricco calendario di eventi, escursioni, laboratori, mostre e molto altro all’insegna della natura e delle vacanza all’aria aperta, con un riguardo particolare alle forme di turismo slow.

All’interno dell’iniziativa “Navigare e pedalare è speciale: nuovi itinerari lungo il Po di Volano”, verranno sperimentati due itinerari lungo l’asta fluviale del Po di Volano e del Po Grande: il 21 e 22 maggio il percorso partirà da Codigoro e approderà a Goro, mentre il 28 e 29 maggio si viaggerà da Ferrara a Massa Fiscaglia, Migliaro e Migliarino, alla scoperta dei suggestivi centri e con l’opportunità di conoscere i prodotti enogastronomici dei territori visitati.

Proprio alla darsena di Massa Fiscaglia, nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 maggio, si terrà la Festa del Fiume, con animazione, attività sportive e ricreative, espositori del settore nautico fluviale e mezzi di trasporto eco-sostenibili, stand gastronomici e barche elettriche per sperimentare la navigazione sul fiume in completa autonomia, canoe e vogatori alla veneta per dimostrazioni e prove di tecnica, stand gastronomici, senza dimenticare i numerosi laboratori pensati appositamente per i più piccoli.

Ma un itinerario turistico non può escludere il palato. Il fine settimana del 28 e 29 maggio avrà luogo Tappe gustose: le 17 perle del Ferrarese in tour lungo il Po di Volano, che prevede la degustazione di menù speciali presso i ristoranti delle località tra Ferrara e Massa Fiscaglia. I tour guidati in bicicletta a Ferrara, al complesso della quattrocentesca Villa Mensa, a Tresigallo, Città del ‘900, saranno accompagnati da degustazioni presso aziende agro-turistiche, una gara di pesca all’Oasi Vallicella di Migliarino e un’escursione che abbina musica e cucina dalla darsena di Migliarino alla darsena di S. Paolo a Ferrara, con lo chef Mauro Spadoni.

Un esempio delle iniziative che, a livello internazionale, si stanno realizzando grazie al contributo del programma europeo, per la promozione e valorizzazione, in chiave eco-sostenibile, di realtà e territori, purtroppo, spesso ancora sconosciuti.

Alfonsa Sabatino

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende