Home » Aziende »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » ANAB: la ricostruzione in Emilia deve partire dall’ecosostenibilità:

ANAB: la ricostruzione in Emilia deve partire dall’ecosostenibilità

Ricostruzione e transizione, un percorso condiviso per progettare interventi sostenibili“. A questi temi ANAB (Associazione Nazionale Architettura BioEcologica) ha dedicato, quest’anno, il convegno nazionale, tenutosi pochi giorni fa a Finale Emilia. Un luogo in grado di evocare le diverse questioni in campo nella ricostruzione sostenibile post-terremoto, partendo da una riflessione sui modelli insediativi per scongiurare gli errori del passato, sia a livello urbanistico che tecnico.

Tra i relatori, Alessandro Fassi, autore del libro “L’isolamento ecoefficiente“, e Olver Zaccanti, uno dei massimi esperti dell’uso edile della canapa in Italia, insieme al Segretario Nazionale ANAB Mario Veronese. Ospiti di eccezione, Franco La Cecla, docente di Antropologia culturale presso l’Università di Bologna ‒ che nei suoi lavori ha affrontato a più riprese il tema dell’organizzazione dello spazio contemporaneo tra localismo e globalizzazione ‒  e Cristiano Bottone, responsabile di Transition Italia, organizzazione che diffonde le idee del movimento della transizione, nato in Inghilterra nel 2006 e meglio conosciuto come movimento delle Transition Towns.

La ricostruzione, hanno spiegato i relatori, deve far riferimento a modelli dell’architettura naturale, dall’adozione delle tecniche della neo-edilizia, da una architettura della post-sostenibilità. Costruire in modo ecosostenibile significa limitare il consumo di risorse non rinnovabili e, utilizzando materiali non nocivi ed ecologici, ridurre al minimo l’impatto su salute e ambiente.

Partendo dal presupposto che costruire è sempre e comunque “un atto di violenza sulla natura”, è facile intuire che l’edilizia sia una delle attività umane a più alto impatto ambientale. L’industria delle costruzioni e tutto l’enorme settore produttivo collegato rappresentano, nei loro diversi aspetti, un fattore di elevatissimo rischio ecologico. Diviene allora fondamentale la riduzione dei consumi (e dei relativi costi ambientali), migliorando da un lato l’efficienza dei processi costruttivi e dall’altro la corretta relazione tra l’abitare e l’ambiente.

Evitare l’uso di materiali inquinanti (con cui i nostri fabbricati sono per lo più realizzati e che creano enormi problemi proprio durante le fasi critiche, come il crollo conseguente ad un evento sismico) è soltanto la prima fase di un percorso di riqualificazione.  Per rendere sostenibile il processo edilizio si devono ad esempio reintrodurre alcuni materiali della tradizione, reinterpretati con un utilizzo moderno, quali la calce, la canapa (in particolare il canapulo, la componente legnosa della pianta), il legno, la canna, la terra cruda e la paglia. Proprio questi materiali, che nelle fasi del terremoto hanno resistito meglio di tanti prodotti industriali, sono dimenticati dalle istituzioni e spesso esclusi dagli interventi di ricostruzione.

La certificazione dei materiali per la bioedilizia è un passo importante in questa direzione: obiettivo è quello di migliorare la qualità riducendo le emissioni nocive, utilizzando piuttosto risorse rinnovabili durante le fasi di pre-produzione, produzione e post-produzione, nel rispetto dell’ambiente, della salute e della sicurezza dei lavoratori e degli utilizzatori.

Si pongono così al centro del progetto di ricostruzione l’essere umano e le sue esigenze, si riconosce un particolare valore alla salute psicofisica degli ospiti di un luogo, si rivaluta e rielabora il rapporto tra persona e ambiente sia a livello locale (il giardino, il quartiere, la città), sia a livello globale ed ecosistemico (il territorio, l’aria, l’acqua, l’energia, le risorse).

L’ambiente in cui cresciamo è un elemento determinante per la qualità della nostra vita sociale e per una crescita equilibrata del nostro senso civico. Se si riuscisse a capire che l’eco-architettura ha come scopo il miglioramento del benessere e della qualità della vita, senza particolari costi aggiuntivi iniziali e con qualche accorgimento per ridurre l’inquinamento e i consumi, l’uomo troverebbe una risposta efficace alla ricerca di qualità della vita, ormai perduta nella congestione delle città moderne. D’altronde, come notava Winston Churchill, “Cambiare non sempre porta un miglioramento, ma per migliorare bisogna cambiare”.

Valentina Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende