Home » Aziende »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » ANAB: la ricostruzione in Emilia deve partire dall’ecosostenibilità:

ANAB: la ricostruzione in Emilia deve partire dall’ecosostenibilità

Ricostruzione e transizione, un percorso condiviso per progettare interventi sostenibili“. A questi temi ANAB (Associazione Nazionale Architettura BioEcologica) ha dedicato, quest’anno, il convegno nazionale, tenutosi pochi giorni fa a Finale Emilia. Un luogo in grado di evocare le diverse questioni in campo nella ricostruzione sostenibile post-terremoto, partendo da una riflessione sui modelli insediativi per scongiurare gli errori del passato, sia a livello urbanistico che tecnico.

Tra i relatori, Alessandro Fassi, autore del libro “L’isolamento ecoefficiente“, e Olver Zaccanti, uno dei massimi esperti dell’uso edile della canapa in Italia, insieme al Segretario Nazionale ANAB Mario Veronese. Ospiti di eccezione, Franco La Cecla, docente di Antropologia culturale presso l’Università di Bologna ‒ che nei suoi lavori ha affrontato a più riprese il tema dell’organizzazione dello spazio contemporaneo tra localismo e globalizzazione ‒  e Cristiano Bottone, responsabile di Transition Italia, organizzazione che diffonde le idee del movimento della transizione, nato in Inghilterra nel 2006 e meglio conosciuto come movimento delle Transition Towns.

La ricostruzione, hanno spiegato i relatori, deve far riferimento a modelli dell’architettura naturale, dall’adozione delle tecniche della neo-edilizia, da una architettura della post-sostenibilità. Costruire in modo ecosostenibile significa limitare il consumo di risorse non rinnovabili e, utilizzando materiali non nocivi ed ecologici, ridurre al minimo l’impatto su salute e ambiente.

Partendo dal presupposto che costruire è sempre e comunque “un atto di violenza sulla natura”, è facile intuire che l’edilizia sia una delle attività umane a più alto impatto ambientale. L’industria delle costruzioni e tutto l’enorme settore produttivo collegato rappresentano, nei loro diversi aspetti, un fattore di elevatissimo rischio ecologico. Diviene allora fondamentale la riduzione dei consumi (e dei relativi costi ambientali), migliorando da un lato l’efficienza dei processi costruttivi e dall’altro la corretta relazione tra l’abitare e l’ambiente.

Evitare l’uso di materiali inquinanti (con cui i nostri fabbricati sono per lo più realizzati e che creano enormi problemi proprio durante le fasi critiche, come il crollo conseguente ad un evento sismico) è soltanto la prima fase di un percorso di riqualificazione.  Per rendere sostenibile il processo edilizio si devono ad esempio reintrodurre alcuni materiali della tradizione, reinterpretati con un utilizzo moderno, quali la calce, la canapa (in particolare il canapulo, la componente legnosa della pianta), il legno, la canna, la terra cruda e la paglia. Proprio questi materiali, che nelle fasi del terremoto hanno resistito meglio di tanti prodotti industriali, sono dimenticati dalle istituzioni e spesso esclusi dagli interventi di ricostruzione.

La certificazione dei materiali per la bioedilizia è un passo importante in questa direzione: obiettivo è quello di migliorare la qualità riducendo le emissioni nocive, utilizzando piuttosto risorse rinnovabili durante le fasi di pre-produzione, produzione e post-produzione, nel rispetto dell’ambiente, della salute e della sicurezza dei lavoratori e degli utilizzatori.

Si pongono così al centro del progetto di ricostruzione l’essere umano e le sue esigenze, si riconosce un particolare valore alla salute psicofisica degli ospiti di un luogo, si rivaluta e rielabora il rapporto tra persona e ambiente sia a livello locale (il giardino, il quartiere, la città), sia a livello globale ed ecosistemico (il territorio, l’aria, l’acqua, l’energia, le risorse).

L’ambiente in cui cresciamo è un elemento determinante per la qualità della nostra vita sociale e per una crescita equilibrata del nostro senso civico. Se si riuscisse a capire che l’eco-architettura ha come scopo il miglioramento del benessere e della qualità della vita, senza particolari costi aggiuntivi iniziali e con qualche accorgimento per ridurre l’inquinamento e i consumi, l’uomo troverebbe una risposta efficace alla ricerca di qualità della vita, ormai perduta nella congestione delle città moderne. D’altronde, come notava Winston Churchill, “Cambiare non sempre porta un miglioramento, ma per migliorare bisogna cambiare”.

Valentina Burgassi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende