Home » Idee »Progetti » Anche il franchising diventa sostenibile con i caffè “green”:

Anche il franchising diventa sostenibile con i caffè “green”

settembre 15, 2011 Idee, Progetti

Il modello di business del franchising è spesso associato a grandi catene multinazionali con prodotti industriali standardizzati e scarso legame sul territorio. Ma non sempre è così e forse non lo sarà più. Stanno infatti nascendo, anche in Italia, progetti di bar, caffè e bistrot per la distribuzione di prodotti biologici e a basso impatto ambientale, magari con annesso un punto vendita dove trovare diverse categorie di prodotto, dall’abbigliamento ai mobili e oggetti per la casa.

E’il caso dei Greencommerce Cafè, un progetto di ibridazione tra il negozio e il locale di somministrazione, dove convivono alimentari, caffè e vini biologici con pezzi di ecodesign, cosmetici naturali e libri in carta riciclata, tutto rigorosamente Made in Italy, per incentivare la crescita di una filiera nazionale della green economy. Presentato al Sana di Bologna pochi giorni fa il progetto Greencommerce Cafè è l’estensione, nel mondo reale, di quanto selezionato dal sito di shopping on line Greencommerce.it, con l’intenzione – spiega l’associazione omonima – di «massimizzare “l’esperienza di prodotto” del consumatore» consentendogli di degustare il cibo e le bevande in un ambiente allestito e arredato con gli altri prodotti del catalogo Greencommerce».

Il progetto dei Greencommerce Cafè, nasce infatti anche per far fronte, in modo creativo, ai problemi che la vendita tramite e-commerce ancora patisce nel nostro paese, per la scarsa fiducia che gli italiani nutrono nei pagamenti on-line con carta di credito, i costi di trasporto troppo elevati, che incidono sui prezzi, e l’impossibilità di toccare con mano i prodotti. Per questo i Greencommerce Cafè sono stati pensati per offrire «un’esperienza sensoriale, informativa e di utilizzo diretta, come se si fosse nella cucina o nel salotto di casa propria», spiega l’Associazione di Torino, che ha affidato l’allestimento ad Arcangelo Favata, giovane designer siciliano del laboratorio Alicucio. L’idea progettuale è quella di armonizzare la “localizzazione” e la contestualizzazione nella storia dei territori in cui verranno aperti i Cafè, con quel livello minimo di standardizzazione necessario a un progetto di franchising, che deve poter essere replicabile sul territorio nazionale. In concreto: una base di materiali lignei riciclati e recuperati per tutti, ma pietra di Luserna nei pavimenti piemontesi e pietra lavica dell’Etna nei locali siciliani. Il tutto, con un investimento “a pacchetto”, per il franchisee, di 55.000 euro, che include anche la comunicazione, la gestione delle forniture, la consulenza di impatto ambientale di Puraction e non prevede royalties, per consentire una maggiore redditività al gestore.

Se Greenecommerce Cafè è l’ultima novità, il primo progetto italiano di bio bar in franchising è stato invece quello di Alce Nero Mielizia. Il primo Alce Nero Caffè Bio ( un «mix tra il negozio biologico, caffè e ristorante, con un’ampia offerta di menu per colazioni, brunch, aperitivi e pranzi») ha aperto a Cesena un anno fa, e a gennaio 2011 è stato inaugurato il secondo a Bologna, a due passi dalla zona universitaria. Un’attenzione particolare è posta alla sostenibilità della gestione: agli avventori viene servita rigorosamente acqua comunale, ulteriormente filtrata dai residui, e i carrelli della spesa sono realizzati con plastica riciclata. L’offerta del ristorante e della caffetteria spazia dal Menù Libera (con prodotti bio delle cooperative che lavorano le terre confiscate alla criminalità) al Menù vegetariano; dalle brioches da farcire al momento con tante di confetture e mieli ai cappuccini di latte vaccino, ma anche con latte di soia o latte di riso.

Sempre in Emilia-Romagna, Euzone, società modenese specializzata nella creazione di format di carattere europeo per il turismo e il tempo libero, ha lanciato il Chlorophylle Natural Bar. Il primo ha aperto proprio a Modena nel novembre 2010 e raccoglie in un unico spazio diverse offerte “salutistiche”: caffetteria e bar, gelateria, frutteria, insalateria e zupperia, cocktail. La quasi totalità delle materie prime impiegate è di provenienza certificata biologica, dal caffè, alle bibite, frutta, verdure e gelati. Per preparare insalate e bevande, spiegano da Euzone, si usano «alimenti freschi e di stagione, integrali, poco manipolati o lavorati in modo che non perdano i principi nutritivi». Tra le tante proposte, ci sono cocktail e aperitivi con frutta e vini bio, in modo da attirare anche la clientela più giovane.

In fase di sviluppo è anche il format Ecoffee, presentato da Desita (la società di Norman Cescut specializzata nella creazione di concept store) lo scorso ottobre. «La Caffetteria, primo concept-store by Ecoffee, – spiega Desita –  sarà progettata a completa eco-sostenibilità, con utilizzo di materiali per lo più rigenerati o che, come in caso del legno (massiccio, impiallacciato, compensato o multistrato) rispettino i requisiti di selvicoltura minimi. Il protocollo prevede inoltre il totale riciclaggio dei rifiuti prodotti, l’utilizzo di energie rinnovabili per coprire il fabbisogno del locale, l’utilizzo solo di caffè di produzione etica e responsabile “UTZ certified”, di materie prime a km 0, e comunque provenienti da filiera produttiva controllata, e molto altro ancora».

Sul fronte dei punti vendita senza somministrazione, la catena di negozi biologici più diffusa resta invece senza dubbio CuoreBio, (B’io fino al 2010), nata nel 2002 da un’idea di Ecor, colosso della distribuzione italiana nel settore dei prodotti biologici e biodinamici che si è fuso da alcuni anni con i supermercati NaturaSì. Oggi il marchio raccoglie 280 negozi specializzati in prodotti biologici in tutta Italia. Punti vendita di varie dimensioni, ma più piccoli rispetto ai supermercati, dove oltre agli alimentari si possono trovare anche detersivi, cosmetici e prodotti erboristici.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende