Home » Aziende »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Arca: il primo sistema di certificazione per la casa di legno:

Arca: il primo sistema di certificazione per la casa di legno

Tutto è iniziato nel 2007 da un edificio in legno di sette piani, diventato famoso in tutto il mondo per aver resistito a un terremoto di magnitudo 7,2 della scala Richter e a un incendio di oltre un’ora, simulati in Giappone. La casa era stata realizzata dall’Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree (Ivalsa) del CNR, con il sostegno della Provincia di Trento, nell’ambito del progetto Sofie (Sistema costruttivo Fiemme). Da quello che sembrava un punto di arrivo è iniziato un lungo percorso per la valorizzazione della filiera del legno trentina e la creazione di un vero e proprio sistema di certificazione per edifici in legno. Arca (Architettura Comfort Ambiente), presentato all’ultima edizione di Made Expo a Milano, è stato il primo protocollo – e ad oggi l’unico – pensato ad hoc per costruzioni con struttura portante in legno. Con un’altra particolarità: è gestito da una società pubblica nata in seno all’Agenzia Trentina per lo Sviluppo, facente capo alla Provincia.

“Per metterlo a punto – spiega Mauro Casotto, amministratore di Arca Casa Legno Srl – ci siamo rifatti al sistema LEED, adottato dalla Provincia per la costruzione degli edifici pubblici, aggiungendo altri elementi, per esempio la possibilità di avere crediti aggiuntivi se il legname proviene da non più di 350 chilometri dal luogo di costruzione della casa. Per quanto riguarda gli aspetti relativi alle performance sismiche, energetiche e acustiche, abbiamo fatto riferimento alla normativa vigente, cercando però di alzare un po’ l’asticella: il nostro obiettivo è quello di certificare le ‘Ferrari’ dell’edilizia in legno”.

I marchi Arca sono quattro, e rappresentano altrettante diverse fasce qualitative: Green, Silver, Gold, Platinum. Per ottenere la certificazione, l’edificio deve rispettare nove prerequisiti obbligatori, raggruppati in tre categorie: prestazioni tecniche (sicurezza antisismica, resistenza al fuoco, efficienza energetica, isolamento acustico, permeabilità all’aria), gestione dell’edificio (regole della qualità costruttiva, piano di manutenzione), sostenibilità (legno certificato, programma di progettazione integrata). Ad essi si aggiungono una serie di caratteristiche facoltative, che danno all’edificio un credito aggiuntivo: ventilazione meccanica controllata, polizza assicurativa postuma decennale, materiali basso emissivi (obbligatori se la costruzione è di tipo scolastico o medico/sanitario). A ognuno dei tredici indicatori è associato un punteggio massimo: per avere il marchio Green è sufficiente raggiungere 31 punti (36 nel caso di scuole, ambulatori e ospedali), mentre per raggiungere il Platinum bisogna arrivare almeno a 80. “Certifichiamo anche singole componenti, come serramenti, porte, pannelli, e presto scale e tetti”, aggiunge Casotto.

“Ad oggi – continua l’amministratore di Arca Casa Legno – abbiamo certificato sette edifici, tra i quali ci sono il Padiglione dell’Esposizione Universale di Fiori a Venlo, in Olanda, e l’Auditorium de L’Aquila progettato da Renzo Piano e inaugurato a ottobre. Per il 2013, contiamo di arrivare a 20-25 edifici certificati: la maggior parte si trovano in Trentino, ma stiamo lavorando su costruzioni in Emilia Romagna, in cui l’aspetto dell’antisismicità è molto sentito, e sul Lago di Garda”. Primi passi per sostenere una “filiera foresta legno” fondamentale per l’economia trentina: “Sul nostro territorio, abbiamo ogni anno un milione di metri cubi di ricrescita del bosco, di cui la metà sono utilizzabili perché si trovano in zone accessibili facilmente”. Partendo da questo presupposto, gli obiettivi di Arca escono dall’ambito legato strettamente alla certificazione, per abbracciare un’idea di green economy: “Vogliamo valorizzare il legname e ricreare figure professionali legate alla lavorazione del legno, ma anche gestire il bosco, che è in continua espansione, evitando azioni di disboscamento. Il progetto ha anche lo scopo di creare una filiera di imprese che costruiscono edifici in legno, porte, serramenti, macchinari per altre aziende”.

Le case di legno sono una nicchia in fase di espansione: il valore del mercato europeo dell’edilizia sostenibile in legno è di 8 miliardi di euro; in Italia le strutture in legno sono 5.000 e ogni 12 nuovi edifici, uno è realizzato in legno.

Proprio gli operatori del settore hanno giocato in Arca un ruolo importante: “Due ani e mezzo fa, coinvolgendo alcuni docenti dell’Università di Trento e lo stesso Ivalsa, abbiamo messo a punto le regole per il protocollo Arca. Dopo, abbiamo avviato una serie di test su dieci edifici di nove imprese. L’obiettivo era capire se i parametri stabiliti in teoria erano applicabili concretamente. Puntiamo molto anche sulla formazione: da giugno a dicembre 2012 abbiamo tenuto corsi sul sistema Arca per 200 professionisti”.

Ai benefici economici di creare una filiera del legno, si aggiungono quelli ambientali ed energetici garantiti da costruzioni in legno, materiale che, spiega Arca, costituisce una “reale e concreta alternativa all’edilizia tradizionale, rispetto alla quale si differenzia per le maggiori prestazioni e per l’ottimo rapporto qualità/prezzo”. La performance energetica è infatti molto migliore di quella del cemento, visto che una parete in legno di 35 centimetri ha prestazioni doppie rispetto a un muro tradizionale. “Una casa in legno raggiunge la classe energetica B senza bisogno di isolanti”, sottolinea Casotto.  Aspetto che si riflette sui consumi energetici: mentre un edificio tradizionale consuma in un anno dai 150 ai 160 Kilowattora per metro quadrato, il fabbisogno di una casa in legno va dai 10 ai 20 Kwh annui per metro quadro. Anche i vantaggi ambientali sono molto positivi. “Il legno è una risorsa rinnovabile: per costruire una casa di 120 metri quadrati basta un’ora di ricrescita del bosco trentino”, continua l’amministratore di Arca. Ogni metro cubo di cemento sostituito da uno di legno, spiega Arca, riduce di più di una tonnellata le emissioni di CO2 in atmosfera. Costruire un edificio di tre piani in legno equivale a tagliare l’anidride carbonica prodotta in un anno da 2.600 auto. Ma il protocollo di certificazione è in evoluzione e l’obiettivo è di trasformarlo per garantire edifici sempre più sostenibili: “Vogliamo puntare sempre più sulle case passive, cioè a saldo energetico zero, e sull’utilizzo di materiali a basse o zero emissioni, che per adesso sono una caratteristica facoltativa”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende