Home » Aziende »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Arca: il primo sistema di certificazione per la casa di legno:

Arca: il primo sistema di certificazione per la casa di legno

Tutto è iniziato nel 2007 da un edificio in legno di sette piani, diventato famoso in tutto il mondo per aver resistito a un terremoto di magnitudo 7,2 della scala Richter e a un incendio di oltre un’ora, simulati in Giappone. La casa era stata realizzata dall’Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree (Ivalsa) del CNR, con il sostegno della Provincia di Trento, nell’ambito del progetto Sofie (Sistema costruttivo Fiemme). Da quello che sembrava un punto di arrivo è iniziato un lungo percorso per la valorizzazione della filiera del legno trentina e la creazione di un vero e proprio sistema di certificazione per edifici in legno. Arca (Architettura Comfort Ambiente), presentato all’ultima edizione di Made Expo a Milano, è stato il primo protocollo – e ad oggi l’unico – pensato ad hoc per costruzioni con struttura portante in legno. Con un’altra particolarità: è gestito da una società pubblica nata in seno all’Agenzia Trentina per lo Sviluppo, facente capo alla Provincia.

“Per metterlo a punto – spiega Mauro Casotto, amministratore di Arca Casa Legno Srl – ci siamo rifatti al sistema LEED, adottato dalla Provincia per la costruzione degli edifici pubblici, aggiungendo altri elementi, per esempio la possibilità di avere crediti aggiuntivi se il legname proviene da non più di 350 chilometri dal luogo di costruzione della casa. Per quanto riguarda gli aspetti relativi alle performance sismiche, energetiche e acustiche, abbiamo fatto riferimento alla normativa vigente, cercando però di alzare un po’ l’asticella: il nostro obiettivo è quello di certificare le ‘Ferrari’ dell’edilizia in legno”.

I marchi Arca sono quattro, e rappresentano altrettante diverse fasce qualitative: Green, Silver, Gold, Platinum. Per ottenere la certificazione, l’edificio deve rispettare nove prerequisiti obbligatori, raggruppati in tre categorie: prestazioni tecniche (sicurezza antisismica, resistenza al fuoco, efficienza energetica, isolamento acustico, permeabilità all’aria), gestione dell’edificio (regole della qualità costruttiva, piano di manutenzione), sostenibilità (legno certificato, programma di progettazione integrata). Ad essi si aggiungono una serie di caratteristiche facoltative, che danno all’edificio un credito aggiuntivo: ventilazione meccanica controllata, polizza assicurativa postuma decennale, materiali basso emissivi (obbligatori se la costruzione è di tipo scolastico o medico/sanitario). A ognuno dei tredici indicatori è associato un punteggio massimo: per avere il marchio Green è sufficiente raggiungere 31 punti (36 nel caso di scuole, ambulatori e ospedali), mentre per raggiungere il Platinum bisogna arrivare almeno a 80. “Certifichiamo anche singole componenti, come serramenti, porte, pannelli, e presto scale e tetti”, aggiunge Casotto.

“Ad oggi – continua l’amministratore di Arca Casa Legno – abbiamo certificato sette edifici, tra i quali ci sono il Padiglione dell’Esposizione Universale di Fiori a Venlo, in Olanda, e l’Auditorium de L’Aquila progettato da Renzo Piano e inaugurato a ottobre. Per il 2013, contiamo di arrivare a 20-25 edifici certificati: la maggior parte si trovano in Trentino, ma stiamo lavorando su costruzioni in Emilia Romagna, in cui l’aspetto dell’antisismicità è molto sentito, e sul Lago di Garda”. Primi passi per sostenere una “filiera foresta legno” fondamentale per l’economia trentina: “Sul nostro territorio, abbiamo ogni anno un milione di metri cubi di ricrescita del bosco, di cui la metà sono utilizzabili perché si trovano in zone accessibili facilmente”. Partendo da questo presupposto, gli obiettivi di Arca escono dall’ambito legato strettamente alla certificazione, per abbracciare un’idea di green economy: “Vogliamo valorizzare il legname e ricreare figure professionali legate alla lavorazione del legno, ma anche gestire il bosco, che è in continua espansione, evitando azioni di disboscamento. Il progetto ha anche lo scopo di creare una filiera di imprese che costruiscono edifici in legno, porte, serramenti, macchinari per altre aziende”.

Le case di legno sono una nicchia in fase di espansione: il valore del mercato europeo dell’edilizia sostenibile in legno è di 8 miliardi di euro; in Italia le strutture in legno sono 5.000 e ogni 12 nuovi edifici, uno è realizzato in legno.

Proprio gli operatori del settore hanno giocato in Arca un ruolo importante: “Due ani e mezzo fa, coinvolgendo alcuni docenti dell’Università di Trento e lo stesso Ivalsa, abbiamo messo a punto le regole per il protocollo Arca. Dopo, abbiamo avviato una serie di test su dieci edifici di nove imprese. L’obiettivo era capire se i parametri stabiliti in teoria erano applicabili concretamente. Puntiamo molto anche sulla formazione: da giugno a dicembre 2012 abbiamo tenuto corsi sul sistema Arca per 200 professionisti”.

Ai benefici economici di creare una filiera del legno, si aggiungono quelli ambientali ed energetici garantiti da costruzioni in legno, materiale che, spiega Arca, costituisce una “reale e concreta alternativa all’edilizia tradizionale, rispetto alla quale si differenzia per le maggiori prestazioni e per l’ottimo rapporto qualità/prezzo”. La performance energetica è infatti molto migliore di quella del cemento, visto che una parete in legno di 35 centimetri ha prestazioni doppie rispetto a un muro tradizionale. “Una casa in legno raggiunge la classe energetica B senza bisogno di isolanti”, sottolinea Casotto.  Aspetto che si riflette sui consumi energetici: mentre un edificio tradizionale consuma in un anno dai 150 ai 160 Kilowattora per metro quadrato, il fabbisogno di una casa in legno va dai 10 ai 20 Kwh annui per metro quadro. Anche i vantaggi ambientali sono molto positivi. “Il legno è una risorsa rinnovabile: per costruire una casa di 120 metri quadrati basta un’ora di ricrescita del bosco trentino”, continua l’amministratore di Arca. Ogni metro cubo di cemento sostituito da uno di legno, spiega Arca, riduce di più di una tonnellata le emissioni di CO2 in atmosfera. Costruire un edificio di tre piani in legno equivale a tagliare l’anidride carbonica prodotta in un anno da 2.600 auto. Ma il protocollo di certificazione è in evoluzione e l’obiettivo è di trasformarlo per garantire edifici sempre più sostenibili: “Vogliamo puntare sempre più sulle case passive, cioè a saldo energetico zero, e sull’utilizzo di materiali a basse o zero emissioni, che per adesso sono una caratteristica facoltativa”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende