Home » Idee »Progetti » Bike Washing Machine & Co. L’avanzata dei prototipi per lavare facendo moto:

Bike Washing Machine & Co. L’avanzata dei prototipi per lavare facendo moto

febbraio 9, 2016 Idee, Progetti

Pedalare o camminare e lavarsi i panni, risparmiando sulla bolletta elettrica e sullo spazio a disposizione in casa. Oggi è possibile fare  il pieno di idee, progetti e prototipi – alcuni sponsorizzati da multinazionali come la Electrolux (come si vede nel loro sito dedicato al concorso per giovani creativi) altri nati dalla libera iniziativa di designers, che hanno pensato e sfornato queste macchine basate sull’energia cinetica umana. Strumenti utilissimi in contesti diversi: zone rurali carenti di fonti energetiche, metropoli e grandi città vittime di continui black out (come accade spesso in India).

Le lavatrici a “trazione umana” che possono far risparmiare sulla bolletta (per essere veramente eco spetta però all’utilizzatore finale usare detersivi a impatto zero) sono nate infatti nei paesi emergenti, non nel “comodo” mondo occidentale. A iniziare dalla Bike Washing Machine, la cyclette che grazie ai pedali produce l’energia necessaria  a lavare i panni, trasformata in prototipo  dallo studente cinese Li Huan e dai suoi colleghi designers  della Dalian Nationalities University. La tecnologia  è semplice: la ruota anteriore funziona da cestello, si caricano i vestiti e via con il lavaggio. In  20 minuti di pedalate il  ciclo  è terminato. Una soluzione economica che permette negli appartamenti sempre più micro delle grandi metropoli di guadagnare spazio e unire alla salutare attività fisica il lavaggio dei panni e, con il tempo, il risparmio sul costo energetico domestico. La pedalata non si limita, per altro, ad assicurare il lavaggio dei panni, ma permette di caricare una batteria e quindi fare scorta di energia.Non è la prima volta che si creano prototipi del genere, ma rispetto ai numerosi tentativi del passato con BWM (è casuale o fa il verso a BMW?) c’è un’evoluzione dal punto di vista tecnico e dell’estetica. Non si hanno ancora notizie di una sua commercializzazione su scala  industriale ma è possibile saperne di più visitando il sito di design Tuvie, dove è pubblicato il progetto.

Il mondo delle lavatrici a pedali non finisce qui. La ricercatrice slovacca Barbora Bobolova è  partita dalla cyclette per immaginare la prima bici con cestello da lavatrice incorporata, che ha preso il nome simile di BIWA (sempre dall’abbreviazione di bicycle  e washing). Il funzionamento è semplice: inseriti i panni sporchi nel cestello, con detersivo ed acqua, via alla pedalata. In questo prototipo che punta ad uno stile di mobilità urbana eco-friendly, dopo due miglia c’è però da cambiare l’acqua sporca con quella pulita e qui sorgono i dubbi sull’impatto zero della BIWA  perché non si può certo disperdere il detersivo nell’ambiente.

Anche  l’ India  ha partorito la sua lavatrice a pedali. Merito di una ragazza di appena 14 anni che con la sua creazione ha pensato di migliorare la qualità della sua vita visto che era destinata ad occuparsi dei panni di tutta la  famiglia  dopo la malattia della madre e del padre.  Ovvero di necessità si fa virtù – dell’originale lavatrice si parla qui -  e la piccola Jose ha ideato la macchina che poi  una piccola officina locale ha costruito trasformando così  in realtà il sogno dell’adolescente.

Cyclette, bici ma pure il  tapis roulant che  produce energia per lavare i panni. L’idea viene sempre da un paese emergente – seppure avanzato – come la Corea del Sud, dove il designer Si Hyeong Ryu ha ideato un sistema che ha partecipato al concorso design lab di Electrolux.  Si tratta un sistema che permette attraverso l’energia cinetica umana di far muovere il cestello e lavare i panni.  Il sistema è più complesso: si riduce la quantità di acqua da utilizzare e il pannello solare permette alla macchina di lavorare anche senza la presenza dell’uomo ed accumulare energia. Insomma una fonte di produzione di energia domestica che in futuro potrà azionare non solo la lavatrice ma pure altri elettrodomestici.

Non mancano quindi i “piani B per il futuro”e gli aggiustamenti artigianali nelle zone povere del pianeta, ma in commercio è già ora possibile comprare qualcosa: come la piccola Drumi che si basa sulla pressione del piede su una leva che aziona il cestello e garantisce il lavaggio della biancheria. La macchina è in vendita a 319 dollari.  In un modo o in un altro si sta aprendo una nuova era.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende