Home » Aziende »Non-Profit »Pratiche »Progetti » Bio ed equo, nasce il “Manifesto del Solidale Italiano”:

Bio ed equo, nasce il “Manifesto del Solidale Italiano”

ottobre 7, 2014 Aziende, Non-Profit, Pratiche, Progetti

“Non esiste biologico senza giustizia”, ha dichiarato Vincenzo Vizioli, presidente dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica presente a Milano per il lancio del primo Manifesto del Solidale Italiano, firmato Altromercato. Portare in Italia le pratiche del commercio equo e solidale per sostenere i piccoli produttori del nostro paese valorizzandone i prodotti agroalimentari e artigianali è l’obiettivo. Aiab e CGM si sono unite con Slow Food per garantire salari e prezzi equi per chi produce, per chi consuma e per chi costruisce filiere dirette. Una nuova alleanza che si propone di dare un contributo concreto all’economia sociale italiana. Equità, cooperazione, sviluppo e inclusione sociale, retribuzione dignitosa, sostenibilità economica e valore alle produzioni locali, rispetto per l’ambiente, i principi guida.

Ad accompagnare questa novità, la seconda edizione dell’Osservatorio Altromercato del Vivere Responsabile. Duello all’ultimo sangue tra “Etici a prescindere” e i cosiddetti “Eti-che?”. Un italiano su tre, comunque, adotta stili di vita sostenibili. L’Osservatorio si concentra quindi in particolare sulla tendenza degli italiani ad accostarsi a prodotti, servizi e iniziative che promuovono l’uso accorto delle risorse e una limitazione degli sprechi, una più equa ripartizione della ricchezza, grazie anche a relazioni dirette con chi produce e salvaguarda la biodiversità.

Più della metà della popolazione, risulta dalla ricerca, sarebbe inoltre disponibile a pagare un prezzo più alto per prodotti provenienti da agricoltura socialmente e ambientalmente sostenibile (65%) e da aree del Paese sottratte allo spopolamento (60%). Gli esperti concordano sul fatto che vi sia un’ ampia e condivisa sensibilità alle produzioni locali e nazionali, soprattutto in campo agroalimentare. I motivi sono fortemente legati al gusto e alle tradizioni, ma anche alla volontà o al desiderio di “privilegiare l’economia nazionale/locale” come reazione alla crisi, nella speranza inoltre di ottenere prodotti a prezzi migliori. Il consumatore, però, non ha chiari i confini di concetti come Km.0, Bio, Equo, Sostenibile, Eco: tende a confonderli come se fossero aspetti diversi di un medesimo fenomeno.

Una popolazione con una solida base di valori condivisi e disponibile ad assumere comportamenti socialmente responsabili, è comunque la sintesi della fotografia scattata dall’Osservatorio. Oltre 6 italiani su 10 si dimostrano infatti sensibili, a diversi livelli, su temi quali equità, giustizia sociale, tutela dell’ambiente e disponibili, per diversi fattori, a cambiare il proprio stile di vita.
I risultati dipingono tuttavia una società sempre più “tiepida” sui temi dell’equità e della giustizia sociale nelle fasce più giovani, dai 18 ai 35 anni, maggiormente colpita dalla precarietà. Sono quindi gli over 50 i più sensibili ai temi del vivere responsabile.

Tra le buone pratiche e gli stili di vita responsabili, il Commercio Equo e Solidale – identificato dalla maggior parte degli intervistati con valori di tutela dei diritti di donne e bambini (24%), difesa dell’ambiente (23%), trasparenza e responsabilità (17%) – si conferma una delle soluzioni possibili, anche se permane per molti la percezione della difficile reperibilità dei prodotti.

“I risultati della seconda edizione dell’Osservatorio del Vivere Responsabile confermano che il terreno è fertile per portare avanti il nostro nuovo progetto lanciando il filone del Commercio Equo e Solidale italiano – ha commentato Vittorio Rinaldi, presidente di Altromercato – I consumatori si dimostrano infatti consapevoli, informati e sensibili ai valori di equità, responsabilità e solidarietà, che il Commercio Equo e Solidale promuove da decenni, oltre che sempre più attenti a sostenere i prodotti italiani e dell’economia locale. Per questo nei prossimi anni ci impegneremo per la valorizzazione delle produzioni artigianali e agroalimentari italiane, continuando il lavoro con le centinaia di migliaia di contadini ed artigiani con cui cooperiamo in 50 Paesi nel Mondo”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende