Home » Aziende »Non-Profit »Pratiche »Progetti » Bio ed equo, nasce il “Manifesto del Solidale Italiano”:

Bio ed equo, nasce il “Manifesto del Solidale Italiano”

ottobre 7, 2014 Aziende, Non-Profit, Pratiche, Progetti

“Non esiste biologico senza giustizia”, ha dichiarato Vincenzo Vizioli, presidente dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica presente a Milano per il lancio del primo Manifesto del Solidale Italiano, firmato Altromercato. Portare in Italia le pratiche del commercio equo e solidale per sostenere i piccoli produttori del nostro paese valorizzandone i prodotti agroalimentari e artigianali è l’obiettivo. Aiab e CGM si sono unite con Slow Food per garantire salari e prezzi equi per chi produce, per chi consuma e per chi costruisce filiere dirette. Una nuova alleanza che si propone di dare un contributo concreto all’economia sociale italiana. Equità, cooperazione, sviluppo e inclusione sociale, retribuzione dignitosa, sostenibilità economica e valore alle produzioni locali, rispetto per l’ambiente, i principi guida.

Ad accompagnare questa novità, la seconda edizione dell’Osservatorio Altromercato del Vivere Responsabile. Duello all’ultimo sangue tra “Etici a prescindere” e i cosiddetti “Eti-che?”. Un italiano su tre, comunque, adotta stili di vita sostenibili. L’Osservatorio si concentra quindi in particolare sulla tendenza degli italiani ad accostarsi a prodotti, servizi e iniziative che promuovono l’uso accorto delle risorse e una limitazione degli sprechi, una più equa ripartizione della ricchezza, grazie anche a relazioni dirette con chi produce e salvaguarda la biodiversità.

Più della metà della popolazione, risulta dalla ricerca, sarebbe inoltre disponibile a pagare un prezzo più alto per prodotti provenienti da agricoltura socialmente e ambientalmente sostenibile (65%) e da aree del Paese sottratte allo spopolamento (60%). Gli esperti concordano sul fatto che vi sia un’ ampia e condivisa sensibilità alle produzioni locali e nazionali, soprattutto in campo agroalimentare. I motivi sono fortemente legati al gusto e alle tradizioni, ma anche alla volontà o al desiderio di “privilegiare l’economia nazionale/locale” come reazione alla crisi, nella speranza inoltre di ottenere prodotti a prezzi migliori. Il consumatore, però, non ha chiari i confini di concetti come Km.0, Bio, Equo, Sostenibile, Eco: tende a confonderli come se fossero aspetti diversi di un medesimo fenomeno.

Una popolazione con una solida base di valori condivisi e disponibile ad assumere comportamenti socialmente responsabili, è comunque la sintesi della fotografia scattata dall’Osservatorio. Oltre 6 italiani su 10 si dimostrano infatti sensibili, a diversi livelli, su temi quali equità, giustizia sociale, tutela dell’ambiente e disponibili, per diversi fattori, a cambiare il proprio stile di vita.
I risultati dipingono tuttavia una società sempre più “tiepida” sui temi dell’equità e della giustizia sociale nelle fasce più giovani, dai 18 ai 35 anni, maggiormente colpita dalla precarietà. Sono quindi gli over 50 i più sensibili ai temi del vivere responsabile.

Tra le buone pratiche e gli stili di vita responsabili, il Commercio Equo e Solidale – identificato dalla maggior parte degli intervistati con valori di tutela dei diritti di donne e bambini (24%), difesa dell’ambiente (23%), trasparenza e responsabilità (17%) – si conferma una delle soluzioni possibili, anche se permane per molti la percezione della difficile reperibilità dei prodotti.

“I risultati della seconda edizione dell’Osservatorio del Vivere Responsabile confermano che il terreno è fertile per portare avanti il nostro nuovo progetto lanciando il filone del Commercio Equo e Solidale italiano – ha commentato Vittorio Rinaldi, presidente di Altromercato – I consumatori si dimostrano infatti consapevoli, informati e sensibili ai valori di equità, responsabilità e solidarietà, che il Commercio Equo e Solidale promuove da decenni, oltre che sempre più attenti a sostenere i prodotti italiani e dell’economia locale. Per questo nei prossimi anni ci impegneremo per la valorizzazione delle produzioni artigianali e agroalimentari italiane, continuando il lavoro con le centinaia di migliaia di contadini ed artigiani con cui cooperiamo in 50 Paesi nel Mondo”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende