Home » Aziende »Green Economy »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Blue is the new green: il Gruppo Bolloré sbarca in Italia con il car sharing elettrico. Ed è solo l’inizio…:

Blue is the new green: il Gruppo Bolloré sbarca in Italia con il car sharing elettrico. Ed è solo l’inizio…

Grande evento, ieri, al Politecnico di Torino, per la presentazione di Blue Torino, il primo car sharing in Italia di Blue Solutions, l’azienda del gruppo francese Bolloré, che punta sulla mobilità 100% elettrica, grazie alle Bluecar sviluppate negli anni scorsi insieme a Pininfarina.

Un investimento iniziale di 4 milioni di euro, nella città sabauda – che, precisa il sindaco Piero Fassino, “diventeranno 13 milioni a regime” – per arrivare a 150 auto e 250 colonnine di ricarica entro un anno dall’attivazione del servizio.

Il core business è però nelle batterie LMP® (Litio-Metal-Polimeri), una tecnologia innovativa sviluppata dal Gruppo Bolloré, che non soffre variazioni climatiche e offre una sicurezza di utilizzo superiore alle batterie a elettrolita liquido, grazie ad una stabilità termica molto più elevata, che evita i surriscaldamenti. La batteria è, inoltre, tra le poche sul mercato ad avere una capacità energetica di 30 kw/h, che garantisce un’autonomia di 250 km in ambienti urbani.

Un nuovo competitor, dunque, sul mercato delle auto “sostenibili”? “Non è nostra intenzione fare competizione ai costruttori di automobili – spiega a Greenews.info, Serge Amabile, presidente di Bluetorinonon è il nostro mestiere”. Niente vendite dunque ai privati? “Potremmo valutare le flotte aziendali, per chi fosse interessato…”. E il bus esposto nel cortile del Politecnico? “E’ il nostro 6 metri elettrico per il servizio pubblico. Non è previsto per il momento a Torino, ma se gli amministratori pubblici ne facessero richiesta…”. Amabile lascia intendere che gli sviluppi dei loro prodotti e servizi sono potenzialmente molto ampi, come del resto facilmente intuibile in un Gruppo che fa della diversificazione dei settori e dell’investimento in innovazione la ricetta vincente di un fatturato da 11 miliardi di euro l’anno. Basta sfogliare le pagine del sito Blue Solutions per imbattersi nel Bluebus, il Bluetram, la Blueboat e la Bluesummer, simpatica versione cabriolet della Bluecar (che, a mio parere, strizza un po’ l’occhio ai francesi nostalgici della vecchia Renault 4 Frog…).

Dopo l’inaugurazione della prima stazione di ricarica torinese, in Corso Duca degli Abruzzi, davanti al Politecnico – alla presenza di Marie Bolloré, Direttore Amministrativo del Gruppo, del Ministro dei Trasporti Graziano Delrio e del sindaco Piero Fassino – la giornata dedicata al “Futuro della Mobilità Sostenibileè proseguita con un workshop (non meno interessante per capire il futuro della mobilità) sulle nuove sfide della logistica urbana.

E’stato Delrio a mettere il dito in una piaga nazionale mai curata, ricordando che “l’Italia perde ogni anno 40/60 miliardi di euro per inefficienze nella logistica e carenza nelle infrastrutture“. “Lo dico qui al Politecnico – ha ammesso il ministro – luogo di intelligenze, di cui la politica, onestamente, ha fatto scarso uso…“. Il futuro, dunque, è ancora tutto da costruire e passa attraverso la visione europea dei “corridoi” Nord-Sud ed Ovest-Est, dove le città di Novara e Verona avranno un ruolo determinante come punti di intersezione.

La mobilità, del resto, ha ricordato il rettore Marco Gilli, è uno dei grandi temi dei bandi europei Horizon 2020. E anche in questo campo il Gruppo Bolloré non intende farsi trovare impreparato. La direttrice marketing di Blue Solutions, Sandrine Ressayre, ha infatti presentato un’altra delle declinazioni del mondo sempre più Blue, il progetto Bluedistrib, per la gestione, con mezzi elettriciça va sans dire, della logistica urbana dell’ultimo miglio, attualmente in sperimentazione in alcuni quartieri parigini. Bluedistrib potrebbe veramente essere una novità disruptive per il commercio di prossimità: il 42% dei francesi vorrebbe infatti acquistare e ritirare la spesa e altri prodotti da commercianti di fiducia e negozi di quartiere, ma il limite, oggi, è dato dagli orari di apertura e dai tempi di ordine e rifornimento, che fanno vincere, ovviamente, la grande distribuzione. Questo non succederebbe se, in giro per la città, fossero accessibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, mini-depositi dove consegnare e ritirare la merce, con semplici carte magnetiche. E il mondo è sempre più Blue…

Andrea Gandiglio

Leggi anche l’articolo nella sezione Green News di Tuttogreen su LaStampa.it


 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende