Home » Aziende »Green Economy »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Blue is the new green: il Gruppo Bolloré sbarca in Italia con il car sharing elettrico. Ed è solo l’inizio…:

Blue is the new green: il Gruppo Bolloré sbarca in Italia con il car sharing elettrico. Ed è solo l’inizio…

Grande evento, ieri, al Politecnico di Torino, per la presentazione di Blue Torino, il primo car sharing in Italia di Blue Solutions, l’azienda del gruppo francese Bolloré, che punta sulla mobilità 100% elettrica, grazie alle Bluecar sviluppate negli anni scorsi insieme a Pininfarina.

Un investimento iniziale di 4 milioni di euro, nella città sabauda – che, precisa il sindaco Piero Fassino, “diventeranno 13 milioni a regime” – per arrivare a 150 auto e 250 colonnine di ricarica entro un anno dall’attivazione del servizio.

Il core business è però nelle batterie LMP® (Litio-Metal-Polimeri), una tecnologia innovativa sviluppata dal Gruppo Bolloré, che non soffre variazioni climatiche e offre una sicurezza di utilizzo superiore alle batterie a elettrolita liquido, grazie ad una stabilità termica molto più elevata, che evita i surriscaldamenti. La batteria è, inoltre, tra le poche sul mercato ad avere una capacità energetica di 30 kw/h, che garantisce un’autonomia di 250 km in ambienti urbani.

Un nuovo competitor, dunque, sul mercato delle auto “sostenibili”? “Non è nostra intenzione fare competizione ai costruttori di automobili – spiega a Greenews.info, Serge Amabile, presidente di Bluetorinonon è il nostro mestiere”. Niente vendite dunque ai privati? “Potremmo valutare le flotte aziendali, per chi fosse interessato…”. E il bus esposto nel cortile del Politecnico? “E’ il nostro 6 metri elettrico per il servizio pubblico. Non è previsto per il momento a Torino, ma se gli amministratori pubblici ne facessero richiesta…”. Amabile lascia intendere che gli sviluppi dei loro prodotti e servizi sono potenzialmente molto ampi, come del resto facilmente intuibile in un Gruppo che fa della diversificazione dei settori e dell’investimento in innovazione la ricetta vincente di un fatturato da 11 miliardi di euro l’anno. Basta sfogliare le pagine del sito Blue Solutions per imbattersi nel Bluebus, il Bluetram, la Blueboat e la Bluesummer, simpatica versione cabriolet della Bluecar (che, a mio parere, strizza un po’ l’occhio ai francesi nostalgici della vecchia Renault 4 Frog…).

Dopo l’inaugurazione della prima stazione di ricarica torinese, in Corso Duca degli Abruzzi, davanti al Politecnico – alla presenza di Marie Bolloré, Direttore Amministrativo del Gruppo, del Ministro dei Trasporti Graziano Delrio e del sindaco Piero Fassino – la giornata dedicata al “Futuro della Mobilità Sostenibileè proseguita con un workshop (non meno interessante per capire il futuro della mobilità) sulle nuove sfide della logistica urbana.

E’stato Delrio a mettere il dito in una piaga nazionale mai curata, ricordando che “l’Italia perde ogni anno 40/60 miliardi di euro per inefficienze nella logistica e carenza nelle infrastrutture“. “Lo dico qui al Politecnico – ha ammesso il ministro – luogo di intelligenze, di cui la politica, onestamente, ha fatto scarso uso…“. Il futuro, dunque, è ancora tutto da costruire e passa attraverso la visione europea dei “corridoi” Nord-Sud ed Ovest-Est, dove le città di Novara e Verona avranno un ruolo determinante come punti di intersezione.

La mobilità, del resto, ha ricordato il rettore Marco Gilli, è uno dei grandi temi dei bandi europei Horizon 2020. E anche in questo campo il Gruppo Bolloré non intende farsi trovare impreparato. La direttrice marketing di Blue Solutions, Sandrine Ressayre, ha infatti presentato un’altra delle declinazioni del mondo sempre più Blue, il progetto Bluedistrib, per la gestione, con mezzi elettriciça va sans dire, della logistica urbana dell’ultimo miglio, attualmente in sperimentazione in alcuni quartieri parigini. Bluedistrib potrebbe veramente essere una novità disruptive per il commercio di prossimità: il 42% dei francesi vorrebbe infatti acquistare e ritirare la spesa e altri prodotti da commercianti di fiducia e negozi di quartiere, ma il limite, oggi, è dato dagli orari di apertura e dai tempi di ordine e rifornimento, che fanno vincere, ovviamente, la grande distribuzione. Questo non succederebbe se, in giro per la città, fossero accessibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, mini-depositi dove consegnare e ritirare la merce, con semplici carte magnetiche. E il mondo è sempre più Blue…

Andrea Gandiglio

Leggi anche l’articolo nella sezione Green News di Tuttogreen su LaStampa.it


 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende