Home » Internazionali »Nazionali »Politiche »Progetti » Carbon Disclosure Project: pagella verde per le città europee:

Carbon Disclosure Project: pagella verde per le città europee

Dopo la deludente conclusione della Conferenza di Rio+20, in cui i governi del mondo non hanno preso impegni precisi, appare evidente come un futuro sostenibile e low carbon sarà possibile solo con una spinta “dal basso”, che coinvolga cittadini, aziende ed enti locali. In questo comune sforzo per il cambiamento, un ruolo di assoluto rilievo viene svolto dalle città: metà della popolazione mondiale abita nelle città, dove viene consumato circa il 60-80% dell’energia. Il Carbon Disclosure Project ha chiesto alle città europee di rispondere a un questionario sulle strategie riguardanti la riduzione delle emissioni di CO2, i rischi e le opportunità legate ai cambiamenti climatici: in Europa hanno risposto 22 città, tra cui tre italiane – Roma, Milano e Oristano.

I risultati delle risposte sono stati analizzati nel nuovo report “Seven Climate Change Lessons from the Cities of Europe”, presentato oggi dal Carbon Disclosure Project (CDP) e da Accenture presso lo Spazio Europa della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. La pagella europea si può definire, con piacere, molto buona, dato che tutte le città che hanno risposto hanno un obiettivo preciso di taglio della CO2: dal -20% di Roma al 2020, a Londra che punta al -80% entro il 2050. Copenhagen poi sta addirittura  lavorando all’abbattimento totale del 100% della CO2 entro il 2025. “Le città europee detengono la leadership in questo ambito e applicano best practice nella gestione del cambiamento climatico a livello locale” sottolinea Conor Riffle, responsabile del Programma per le Città del CDP.

Non si tratta solo di dichiarazioni politiche di intenti, ma di piani declinati nel breve e lungo termine e facilmente verificabile nel tempo. “E’ un grande patrimonio di conoscenza che si sta creando e che potrà portare nuova consapevolezza”, ha dichiarato Danilo Troncarelli di Accenture. Le azioni intraprese per la riduzione della CO2 sono infatti identificate e ben programmate nel tempo. Ben 18 città su 22 agiscono sul tema della sostenibilità dei trasporti; 15 hanno un piano per rendere energicamente più efficienti gli edifici; 10 hanno introdotto standard di certificazione degli edifici. Un altro aspetto fondamentale che appare nel report, è la percezione dei rischi fisici connessi ai cambiamenti del clima: 18 città su 22 dichiarano di affrontare rischi significativi derivanti dal clima, che vanno dal rischio di piogge intense e onde di calore (73%), all’aumento del livello del mare (45%) e rischio di alluvioni (27%).

Ma le città europee mostrano anche una crescente consapevolezza delle opportunità che possono nascere da un modello che riesca a coniugare sostenibilità e competitività economica, per creare occasioni di sviluppo collegate alla green economy e alla necessità di innovazione tecnologica. Il 60% delle città intervistate pensano che la loro strategia in materia di clima porterà allo sviluppo di nuovi settori di business: a questo riguardo, le città che stanno avendo più successo nelle azioni di riduzione della CO2 sono proprio quelle che sono riuscite a coinvolgere il settore privato con accordi volontari, con forme di partnership; a volte le partnership partono dalla trasformazione di una piccola parte della città, con la creazione di eco-district.

L’importanza del reporting ambientale e del confronto tra le città appare chiara: “Abbiamo reso le informazioni disponibili per gli tutti gli stakeholders, dal governo ai cittadini, – ha spiegato Steven Tebbe, Europe Managing Director del Carbon Disclosure Project – “Pensiamo che la disponibilità dei dati sia essenziale per la regolamentazione, la definizione di incentivi economici e anche per la pressione sociale e morale. Il nostro scopo è quello di mettere in connessione investitori, città e cittadini.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende