Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Centrali nucleari nell’anello di fuoco: il Giappone non insegna all’Asia:

Centrali nucleari nell’anello di fuoco: il Giappone non insegna all’Asia

marzo 18, 2011 Internazionali, Politiche, Progetti

A seguito dell’aggravarsi della situazione in Giappone pubblichiamo il resoconto della nostra corrispondente dall’Indonesia, Marcella Segre, che ha raccolto i piani di sviluppo nucleare dei paesi asiatici.

Immagini dallo tsunami giapponese, Courtesy of Sciaf.org.uk

Lo tsunami in Giappone e i conseguenti rischi di incidente nelle centrali nucleari del paese hanno scatenato dibattiti sulla legittimità di questa fonte energetica in tutta l’Asiail continente attualmente maggiormente in espansione dal punto di vista economico e demografico.

Specialmente nel sud-est asiatico, le ferite dello tsunami del 2004 e dei continui recenti terremoti sono ancora fresche e, appunto, talmente regolari, che stupisce il fatto che molti paesi abbiano in programma la costruzione di centrali nucleari per soddisfare la crescente domanda energetica.

Come riporta Simon Tay, il direttore dell’Istituto per gli Affari Esteri di Singapore, sono infatti molti i paesi asiatici che hanno intrapreso progetti di energia nucleare per assicurarsi sicurezza energetica.

Sopra tutti la Cina, che sta velocizzando i progetti di costruzione di centrali nucleari, soprattutto nelle zone meridionali e a Guangdong. In Cina ci sono già 13 reattori attivi che forniscono circa 11 gigawatt di energia. Per ora non ci sono stati incidenti gravi, ma e’ capitato che ci fossero degli sversamenti, come a Shenzhen l’anno scorso – e il controllo dell’informazione da parte del governo ovviamente non rende facile l’accesso ai dati reali. In futuro, la Cina prevede oltretutto di ampliare la produzione di energia nucleare fino a 40 giga watt entro il 2020.

Nel sud-est asiatico, anche il Vietnam, l’Indonesia e la Thailandia si stanno volgendo verso l’energia nucleare, mentre la Malesia eSingapore si dicono aperti alla possibilità di farne usoMa nessuno di questi paesi ha precedenti esperienze nella generazione di energia nucleare su una scala quale quella cinese. I progetti dei paesi del sud-est asiatico sono perciò di taglia minore, ma si basano su una tabella di marcia molto veloce.

Il Vietnam si e’ impegnato a costruire due centrali entro il 2021, la prima con l’aiuto della Russia e la seconda proprio del Giappone. Ma ci sarebbero altre otto centrali in progettazione.

La Thailandia si prepara alla costruzione della prima centrale nucleare, che dovrebbe essere pronta nel 2020.

Anche l’Indonesia ha in progetto la costruzione di una centrale nucleare per ovviare i frequenti blackout causati dalla mancanza di elettricità dovuti a una domanda energetica in continua crescita. L‘Indonesia, per altro, si trova nel cosiddetto Anello di Fuoco ed e’ quindisoggetta a forti terremoti che possono scatenare tsunami.

Chalid Muhammad, dell’Ong Indonesia Green Institute, ha dichiarato che l’83% dell’Indonesia e’ soggetta a catastrofi ambientali come i terremoti e gli tsunami e che per ragioni di sicurezza il governo dovrebbe concentrarsi sullo sviluppo di centrali energetiche che sfruttino fonti di energia rinnovabile come ad esempio le centrali geotermiche. Centrali più piccole, che sarebbero in grado di soddisfare la domanda energetica interna e che sono molto più sicure delle grandi centrali.

La visione del governo indonesiano e’ però molto diversa. A livello legislativo sono state approvate delle misure che preparano all’avvento del nucleare e sono state svolte delle analisi territoriali preliminari per individuare la zona adatta ad ospitare una centrale. Tra le opzioni ne sono state selezionate due in particolare: la penisola di Muria Giava Orientale e la provincia di Bangka Belitung.

In risposta alle polemiche sulla sicurezza e sul fabbisogno energetico, Hudi Hastowo, il direttore dell’Agenzia Nazionale Indonesiana per l’Energia Atomica, con base a Batam, in un’intervista al Jakarta Post rilasciata dopo gli eventi che hanno scosso il Giappone ha dichiarato che l’energia nucleare e’ una delle soluzioni migliori per risolvere il problema della penuria energetica nel paese e che e’ necessario proiettarsi vent’anni avanti e pensare a come soddisfare la domanda energetica in aumento, diversificando e sfruttando tutte le fonti energetiche a disposizione, compresa quella nucleare.

In un momento in cui si opera per accogliere i profughi e per rimpatriare gli indonesiani dal Giappone, i cittadini si pongono tuttavia legittime domande su eventuali radiazioni che potrebbero propagarsi nel resto del continente, mentre ancora migliaia di persone sono senzatetto a Sumatra a causa dei violenti terremoti dell’anno scorso e ancora si accusano i danni dello tsunami del 2004. Il governo, questa l’accusa, sta dunque impegnando risorse altrimenti impiegabili per sviluppare improbabili programmi nucleari quando, come sostiene Simon Tay, paesi soggetti a terremoti come l’Indonesia dovrebbero considerare maggiormente i problemi legati alla sicurezza. A maggior ragione se si tiene conto che in questi paesi manca del tutto quella cultura della sicurezza che avrebbe potuto salvaguardare meglio il Giappone, ma che ha comunque evitato al paese il caos totale.

Marcella Segre

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende