Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Centrali nucleari nell’anello di fuoco: il Giappone non insegna all’Asia:

Centrali nucleari nell’anello di fuoco: il Giappone non insegna all’Asia

marzo 18, 2011 Internazionali, Politiche, Progetti

A seguito dell’aggravarsi della situazione in Giappone pubblichiamo il resoconto della nostra corrispondente dall’Indonesia, Marcella Segre, che ha raccolto i piani di sviluppo nucleare dei paesi asiatici.

Immagini dallo tsunami giapponese, Courtesy of Sciaf.org.uk

Lo tsunami in Giappone e i conseguenti rischi di incidente nelle centrali nucleari del paese hanno scatenato dibattiti sulla legittimità di questa fonte energetica in tutta l’Asiail continente attualmente maggiormente in espansione dal punto di vista economico e demografico.

Specialmente nel sud-est asiatico, le ferite dello tsunami del 2004 e dei continui recenti terremoti sono ancora fresche e, appunto, talmente regolari, che stupisce il fatto che molti paesi abbiano in programma la costruzione di centrali nucleari per soddisfare la crescente domanda energetica.

Come riporta Simon Tay, il direttore dell’Istituto per gli Affari Esteri di Singapore, sono infatti molti i paesi asiatici che hanno intrapreso progetti di energia nucleare per assicurarsi sicurezza energetica.

Sopra tutti la Cina, che sta velocizzando i progetti di costruzione di centrali nucleari, soprattutto nelle zone meridionali e a Guangdong. In Cina ci sono già 13 reattori attivi che forniscono circa 11 gigawatt di energia. Per ora non ci sono stati incidenti gravi, ma e’ capitato che ci fossero degli sversamenti, come a Shenzhen l’anno scorso – e il controllo dell’informazione da parte del governo ovviamente non rende facile l’accesso ai dati reali. In futuro, la Cina prevede oltretutto di ampliare la produzione di energia nucleare fino a 40 giga watt entro il 2020.

Nel sud-est asiatico, anche il Vietnam, l’Indonesia e la Thailandia si stanno volgendo verso l’energia nucleare, mentre la Malesia eSingapore si dicono aperti alla possibilità di farne usoMa nessuno di questi paesi ha precedenti esperienze nella generazione di energia nucleare su una scala quale quella cinese. I progetti dei paesi del sud-est asiatico sono perciò di taglia minore, ma si basano su una tabella di marcia molto veloce.

Il Vietnam si e’ impegnato a costruire due centrali entro il 2021, la prima con l’aiuto della Russia e la seconda proprio del Giappone. Ma ci sarebbero altre otto centrali in progettazione.

La Thailandia si prepara alla costruzione della prima centrale nucleare, che dovrebbe essere pronta nel 2020.

Anche l’Indonesia ha in progetto la costruzione di una centrale nucleare per ovviare i frequenti blackout causati dalla mancanza di elettricità dovuti a una domanda energetica in continua crescita. L‘Indonesia, per altro, si trova nel cosiddetto Anello di Fuoco ed e’ quindisoggetta a forti terremoti che possono scatenare tsunami.

Chalid Muhammad, dell’Ong Indonesia Green Institute, ha dichiarato che l’83% dell’Indonesia e’ soggetta a catastrofi ambientali come i terremoti e gli tsunami e che per ragioni di sicurezza il governo dovrebbe concentrarsi sullo sviluppo di centrali energetiche che sfruttino fonti di energia rinnovabile come ad esempio le centrali geotermiche. Centrali più piccole, che sarebbero in grado di soddisfare la domanda energetica interna e che sono molto più sicure delle grandi centrali.

La visione del governo indonesiano e’ però molto diversa. A livello legislativo sono state approvate delle misure che preparano all’avvento del nucleare e sono state svolte delle analisi territoriali preliminari per individuare la zona adatta ad ospitare una centrale. Tra le opzioni ne sono state selezionate due in particolare: la penisola di Muria Giava Orientale e la provincia di Bangka Belitung.

In risposta alle polemiche sulla sicurezza e sul fabbisogno energetico, Hudi Hastowo, il direttore dell’Agenzia Nazionale Indonesiana per l’Energia Atomica, con base a Batam, in un’intervista al Jakarta Post rilasciata dopo gli eventi che hanno scosso il Giappone ha dichiarato che l’energia nucleare e’ una delle soluzioni migliori per risolvere il problema della penuria energetica nel paese e che e’ necessario proiettarsi vent’anni avanti e pensare a come soddisfare la domanda energetica in aumento, diversificando e sfruttando tutte le fonti energetiche a disposizione, compresa quella nucleare.

In un momento in cui si opera per accogliere i profughi e per rimpatriare gli indonesiani dal Giappone, i cittadini si pongono tuttavia legittime domande su eventuali radiazioni che potrebbero propagarsi nel resto del continente, mentre ancora migliaia di persone sono senzatetto a Sumatra a causa dei violenti terremoti dell’anno scorso e ancora si accusano i danni dello tsunami del 2004. Il governo, questa l’accusa, sta dunque impegnando risorse altrimenti impiegabili per sviluppare improbabili programmi nucleari quando, come sostiene Simon Tay, paesi soggetti a terremoti come l’Indonesia dovrebbero considerare maggiormente i problemi legati alla sicurezza. A maggior ragione se si tiene conto che in questi paesi manca del tutto quella cultura della sicurezza che avrebbe potuto salvaguardare meglio il Giappone, ma che ha comunque evitato al paese il caos totale.

Marcella Segre

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende