Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Centrali nucleari nell’anello di fuoco: il Giappone non insegna all’Asia:

Centrali nucleari nell’anello di fuoco: il Giappone non insegna all’Asia

marzo 18, 2011 Internazionali, Politiche, Progetti

A seguito dell’aggravarsi della situazione in Giappone pubblichiamo il resoconto della nostra corrispondente dall’Indonesia, Marcella Segre, che ha raccolto i piani di sviluppo nucleare dei paesi asiatici.

Immagini dallo tsunami giapponese, Courtesy of Sciaf.org.uk

Lo tsunami in Giappone e i conseguenti rischi di incidente nelle centrali nucleari del paese hanno scatenato dibattiti sulla legittimità di questa fonte energetica in tutta l’Asiail continente attualmente maggiormente in espansione dal punto di vista economico e demografico.

Specialmente nel sud-est asiatico, le ferite dello tsunami del 2004 e dei continui recenti terremoti sono ancora fresche e, appunto, talmente regolari, che stupisce il fatto che molti paesi abbiano in programma la costruzione di centrali nucleari per soddisfare la crescente domanda energetica.

Come riporta Simon Tay, il direttore dell’Istituto per gli Affari Esteri di Singapore, sono infatti molti i paesi asiatici che hanno intrapreso progetti di energia nucleare per assicurarsi sicurezza energetica.

Sopra tutti la Cina, che sta velocizzando i progetti di costruzione di centrali nucleari, soprattutto nelle zone meridionali e a Guangdong. In Cina ci sono già 13 reattori attivi che forniscono circa 11 gigawatt di energia. Per ora non ci sono stati incidenti gravi, ma e’ capitato che ci fossero degli sversamenti, come a Shenzhen l’anno scorso – e il controllo dell’informazione da parte del governo ovviamente non rende facile l’accesso ai dati reali. In futuro, la Cina prevede oltretutto di ampliare la produzione di energia nucleare fino a 40 giga watt entro il 2020.

Nel sud-est asiatico, anche il Vietnam, l’Indonesia e la Thailandia si stanno volgendo verso l’energia nucleare, mentre la Malesia eSingapore si dicono aperti alla possibilità di farne usoMa nessuno di questi paesi ha precedenti esperienze nella generazione di energia nucleare su una scala quale quella cinese. I progetti dei paesi del sud-est asiatico sono perciò di taglia minore, ma si basano su una tabella di marcia molto veloce.

Il Vietnam si e’ impegnato a costruire due centrali entro il 2021, la prima con l’aiuto della Russia e la seconda proprio del Giappone. Ma ci sarebbero altre otto centrali in progettazione.

La Thailandia si prepara alla costruzione della prima centrale nucleare, che dovrebbe essere pronta nel 2020.

Anche l’Indonesia ha in progetto la costruzione di una centrale nucleare per ovviare i frequenti blackout causati dalla mancanza di elettricità dovuti a una domanda energetica in continua crescita. L‘Indonesia, per altro, si trova nel cosiddetto Anello di Fuoco ed e’ quindisoggetta a forti terremoti che possono scatenare tsunami.

Chalid Muhammad, dell’Ong Indonesia Green Institute, ha dichiarato che l’83% dell’Indonesia e’ soggetta a catastrofi ambientali come i terremoti e gli tsunami e che per ragioni di sicurezza il governo dovrebbe concentrarsi sullo sviluppo di centrali energetiche che sfruttino fonti di energia rinnovabile come ad esempio le centrali geotermiche. Centrali più piccole, che sarebbero in grado di soddisfare la domanda energetica interna e che sono molto più sicure delle grandi centrali.

La visione del governo indonesiano e’ però molto diversa. A livello legislativo sono state approvate delle misure che preparano all’avvento del nucleare e sono state svolte delle analisi territoriali preliminari per individuare la zona adatta ad ospitare una centrale. Tra le opzioni ne sono state selezionate due in particolare: la penisola di Muria Giava Orientale e la provincia di Bangka Belitung.

In risposta alle polemiche sulla sicurezza e sul fabbisogno energetico, Hudi Hastowo, il direttore dell’Agenzia Nazionale Indonesiana per l’Energia Atomica, con base a Batam, in un’intervista al Jakarta Post rilasciata dopo gli eventi che hanno scosso il Giappone ha dichiarato che l’energia nucleare e’ una delle soluzioni migliori per risolvere il problema della penuria energetica nel paese e che e’ necessario proiettarsi vent’anni avanti e pensare a come soddisfare la domanda energetica in aumento, diversificando e sfruttando tutte le fonti energetiche a disposizione, compresa quella nucleare.

In un momento in cui si opera per accogliere i profughi e per rimpatriare gli indonesiani dal Giappone, i cittadini si pongono tuttavia legittime domande su eventuali radiazioni che potrebbero propagarsi nel resto del continente, mentre ancora migliaia di persone sono senzatetto a Sumatra a causa dei violenti terremoti dell’anno scorso e ancora si accusano i danni dello tsunami del 2004. Il governo, questa l’accusa, sta dunque impegnando risorse altrimenti impiegabili per sviluppare improbabili programmi nucleari quando, come sostiene Simon Tay, paesi soggetti a terremoti come l’Indonesia dovrebbero considerare maggiormente i problemi legati alla sicurezza. A maggior ragione se si tiene conto che in questi paesi manca del tutto quella cultura della sicurezza che avrebbe potuto salvaguardare meglio il Giappone, ma che ha comunque evitato al paese il caos totale.

Marcella Segre

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende