Home » Normative »Progetti » Confagricoltura: l’opportunità del biogas “fatto bene”:

Confagricoltura: l’opportunità del biogas “fatto bene”

ottobre 6, 2011 Normative, Progetti

«Il biogas è una grossa opportunità per le aziende agricole e la sua crescita, se ben governata, non danneggerà il alcun modo il settore». Mancano poche settimane allo scadere del termine per la stesura dei decreti attuativi sugli incentivi alle rinnovabili in vigore dal 2013, e Confagricoltura lancia un messaggio: si facciano interventi per la crescita delle rinnovabili, che integrandosi con le aziende agricole generino un reddito integrativo per l’impresa, creando nuovi posti di lavoro e senza togliere spazio alle produzioni food.

Difficile però ignorare le polemiche degli ultimi mesi, che hanno visto partecipi la Lega Nord, sul fronte politicoe associazioni come Slow Food, che si dichiarano contro «impianti speculativi», soprattutto se alimentati con colture dedicate piuttosto che con scarti e liquami. «Il problema è stato presentato in modo distorto, provocando allarmismi», sottolinea Ezio Veggia, vicepresidente di Confagricoltura e responsabile per le Politiche agro energetiche. Secondo Confagricoltura, infatti, «più di un quarto degli impianti agro-zootecnici (a maggio 2011 erano 391, ndr) non utilizza materia prima agricola in senso stretto (biomasse da coltivazioni dedicate), ma solo deiezioni», e «poco meno del 60% utilizza la codigestione di effluenti zootecnici, sottoprodotti agroindustriali e colture dedicate». Gli impianti alimentati esclusivamente con colture dedicate sono «sicuramente meno del 15%».

Un altro capitolo della questione riguarda le superfici necessarie a realizzare e alimentare gli impianti. L’accusa è che «la terra deve servire solo a produrre il pane». Attualmente, secondo l’organizzazione degli agricoltori, sono utilizzati per il biogas poco più di 60.000 ettari coltivati a mais, circa il 6% delle superfici coltivate a granturco in Italia.  Gli obiettivi di crescita al 2020 sono ambiziosi: «Il  piano d’azione nazionale per le energie rinnovabili – spiega Veggia – prevede il raggiungimento al 2020 di una potenza installata di 1.200 MWe da biogas. Un traguardo conseguibile utilizzando circa 200.000 ettari, corrispondenti a meno del 2% della superficie agricola italiana utilizzata». Quasi un quinto della superficie a risposo, che «oscilla intorno a 1 milione di ettari». A cui vanno aggiunti, fa notare Veggia, «quelle aree produttive, pari a 300.000 ettari, una volta destinate alla coltivazione di barbabietole da zucchero e tabacco».

Confagricoltura ammette la possibilità che si creino «situazioni di squilibrio a danno degli allevatori». Ipotesi che già oggi preoccupano gli allevatori, soprattutto quelli di aree come la Pianura Padana. Problemi legati sostanzialmente a un aumento dei prezzi dei terreni in vendita e in affitto e dei mangimi, che in parte si sono già presentati in zone particolarmente vocate all’allevamento, come la Provincia di Cremona.

Insieme alla Cia e alle associazioni della filiera agro energetica, Confagricoltura ha stilato una serie di proposte per uno sviluppo equilibrato del settore, contenute nel documento “Il biogas fatto bene”. Proposta principale, proprio per «ridurre i fenomeni di competizione per l’uso del suolo agricolo» è la soglia di autonomia del 70%: «L’autorizzazione – spiega Veggia – deve essere data solo a chi ha almeno il 70% delle materie prime per far funzionare l’impianto». Altre proposte riguardano la fissazione delle tariffe, in modo da premiare i comportamenti virtuosi dell’azienda che «chiude il proprio ciclo produttivo energetico con il riutilizzo del calore per attivare nuove produzioni e del digestato (cioè il residuo del processo di digestione anaerobica di scarti vegetali e liquami, ndr) per la fertilizzazione dei propri terreni».

L’obiettivo su cui puntare, dice Donato Rotundo, responsabile Ambiente di Confagricoltura, è «lo sviluppo dei piccoli impianti per l’autoconsumo». E sempre nell’ottica dell’autosufficienza energetica, Confagricoltura sottolinea l’importanza di incentivare il mini-eolico, che «si adatta molto bene all’inserimento nelle aziende agricole». Per quanto riguarda invece il fotovoltaico, secondo l’organizzazione è necessario intervenire perché «sia data maggiore diffusione agli impianti su terreni abbandonati».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

marzo 20, 2017

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

La Commissione Agricoltura della Camera ha approvato, il 16 marzo, il testo unico sull’agricoltura biologica, da anni atteso dall’intero comparto. Il testo, che sarà trasmesso alle commissioni competenti in sede consultiva per l’espressione del parere di competenza, ha l’obiettivo di mettere ordine e dare valore a un settore in costante crescita e sempre più in [...]

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

marzo 20, 2017

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

“Salva la goccia” 2017 inaugura un nuovo sport: le Olimpiadi della Sostenibilità. Per la Giornata Mondiale dell’Acqua, che si celebra il 22 marzo, la quinta edizione della campagna per il risparmio idrico realizzata da Green Cross Italia chiede a bambini e studenti, insegnanti e cittadini di aderire alla gara anti-spreco. Obiettivo: ridurre i litri che [...]

Remedia chiude la raccolta 2016 di rifiuti elettronici a +68%

marzo 17, 2017

Remedia chiude la raccolta 2016 di rifiuti elettronici a +68%

Remedia, il principale sistema collettivo italiano per la gestione ecosostenibile di tutte le tipologie di RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), pile e accumulatori e impianti fotovoltaici, ha comunicato di aver chiuso i dati 2016 con un grande risultato: una raccolta di oltre 67.000 tonnellate di rifiuti elettronici, con un incremento di più del [...]

Torino firma la “Dichiarazione di Siviglia” sull’economia circolare

marzo 17, 2017

Torino firma la “Dichiarazione di Siviglia” sull’economia circolare

Oltre sessanta amministrazioni locali europee hanno aderito alla Dichiarazione di Siviglia, il documento, presentato mercoledì 15 marzo nella città spagnola, che ha l’obiettivo di promuovere politiche di economia circolare all’interno delle città. La firma è stata apposta durante la conferenza “Jornada de Economía Circular. El compromiso de las ciudades”, promossa dalla Federazione dei Comuni e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende