Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Copernicus, il nuovo programma UE di monitoraggio ambientale:

Copernicus, il nuovo programma UE di monitoraggio ambientale

dicembre 12, 2012 Internazionali, Politiche, Progetti

Presto, grazie a satelliti e sensori terrestri, sarà possibile monitorare in modo organico lo stato di salute dell’ambiente e i fenomeni naturali che avvengono sul pianeta. Fare una diagnosi completa e sistematica, omogenea e non frammentata in mille rilevazioni e studi diversi. La Commissione Europea ha lanciato ieri Copernicus, il nuovo programma di osservazione della Terra che si sostituisce a GMES (Global Monitoring for Environment and Security). L’annuncio è stato dato dal vicepresidente della Commissione Antonio Tajani durante il Consiglio “Competitività” di ieri: “Copernicus ci consente di comprendere appieno il nostro pianeta in evoluzione e di realizzare azioni concrete per migliorare la qualità della vita dei cittadini. Il programma è ormai giunto a maturità e tutti i suoi servizi entreranno presto nella fase operativa”.

In particolare, il nuovo sistema permetterà di monitorare i gas serra responsabili del surriscaldamento globale e dei cambiamenti climatici, gli inquinanti che influenzano la qualità dell’aria, lo strato dell’ozono e i livelli dei raggi UV che raggiungono la terra. Inoltre, spiega la Commissione, Copernicus “permetterà di migliorare la gestione delle risorse naturali, compresi il suolo, l’acqua e le foreste, e non solo in Europa, ma anche in altri continenti come l’Africa”. Analizzando la pressione dell’agricoltura sulle risorse idriche, per esempio, Copernicus potrà aiutare gli enti pubblici e gli agricoltori a migliorare i sistemi di irrigazione. E potrà essere anche il punto di partenza per un’industria della pesca più sostenibile e sana per i consumatori: essendo in grado di analizzare i livelli di fitoplancton, alghe, inquinanti e la temperatura dell’acqua, consentirà identificare le aree più adatte alla pesca e agli allevamenti ittici, ma anche a gestire gli stock ittici e tenere sotto controllo lo stato di salute delle acque. Altre applicazioni riguardano il controllo di situazioni di emergenza: “Copernicus permetterà di proteggere i cittadini dai pericoli, per esempio attraverso il monitoraggio degli incendi e di tutti i disastri, sia ambientali, sia provocati dall’uomo”, spiega la Commissione. Ma la grande mole di informazioni prodotta sarà anche la base da cui partire per “una migliore pianificazione delle città monitorando l’espansione urbana incontrollata e agevolando il flusso dei trasporti”.

Tra gli aspetti che stanno particolarmente a cuore all’Unione Europea c’è la salute dei cittadini, legata in particolare alla qualità dell’aria. “L’inquinamento dell’aria riduce l’aspettativa di vita delle persone in media di oltre otto mesi e nelle città e regioni più inquinate di più di due anni. Gli Stati membri devono adeguarsi velocemente agli standard europei sulla qualità dell’aria e ridurre le emissioni”, ha dichiarato recentemente il commissario all’Ambiente Janez Potočnik. La stessa Commissione ha avviato in questi giorni una consultazione pubblica, rivolta a cittadini e amministratori, sui modi più appropriati per migliorare la qualità dell’aria in Europa. I risultati confluiranno nella revisione globale delle politiche europee sull’argomento prevista per il 2013.

Altro tema che preoccupa molto l’UE è la lotta ai cambiamenti climatici. Il 2020 si avvicina e l’attuazione della strategia di riduzione del 20% di emissioni, raggiungimento del 20% di energia rinnovabile e aumento del 20% dell’efficienza energetica, appare in certi casi in salita, soprattutto per quanto riguarda quest’ultimo aspetto. Nell’ambito di Copernico sono previsti specifici servizi, oggi in fase di sviluppo, in grado di monitorare diversi indicatori climatici come l’aumento della temperatura e del livello del mare, lo scioglimento dei ghiacci, il riscaldamento degli oceani, le situazioni di siccità e le precipitazioni. Grazie al network di satelliti e sensori marini e terrestri, sarà anche possibile elaborare scenari sulle possibili evoluzioni del clima nei prossimi anni.

Ma se il primo obiettivo della Commissione è garantire la sicurezza dei cittadini, il secondo riguarda l’innovazione e l’aumento dell’occupazione. Secondo l’Europa, infatti, Copernicus ha il potenziale per creare fino a 85.000 nuovi posti di lavoro tra il 2015 e il 2030. “Grazie ad una maggiore disponibilità di dati – aggiunge Tajani – il ricorso a tali servizi aumenterà, contribuendo a quella crescita di cui abbiamo tanto bisogno”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende