Home » Internazionali »Politiche »Progetti » Copernicus, il nuovo programma UE di monitoraggio ambientale:

Copernicus, il nuovo programma UE di monitoraggio ambientale

dicembre 12, 2012 Internazionali, Politiche, Progetti

Presto, grazie a satelliti e sensori terrestri, sarà possibile monitorare in modo organico lo stato di salute dell’ambiente e i fenomeni naturali che avvengono sul pianeta. Fare una diagnosi completa e sistematica, omogenea e non frammentata in mille rilevazioni e studi diversi. La Commissione Europea ha lanciato ieri Copernicus, il nuovo programma di osservazione della Terra che si sostituisce a GMES (Global Monitoring for Environment and Security). L’annuncio è stato dato dal vicepresidente della Commissione Antonio Tajani durante il Consiglio “Competitività” di ieri: “Copernicus ci consente di comprendere appieno il nostro pianeta in evoluzione e di realizzare azioni concrete per migliorare la qualità della vita dei cittadini. Il programma è ormai giunto a maturità e tutti i suoi servizi entreranno presto nella fase operativa”.

In particolare, il nuovo sistema permetterà di monitorare i gas serra responsabili del surriscaldamento globale e dei cambiamenti climatici, gli inquinanti che influenzano la qualità dell’aria, lo strato dell’ozono e i livelli dei raggi UV che raggiungono la terra. Inoltre, spiega la Commissione, Copernicus “permetterà di migliorare la gestione delle risorse naturali, compresi il suolo, l’acqua e le foreste, e non solo in Europa, ma anche in altri continenti come l’Africa”. Analizzando la pressione dell’agricoltura sulle risorse idriche, per esempio, Copernicus potrà aiutare gli enti pubblici e gli agricoltori a migliorare i sistemi di irrigazione. E potrà essere anche il punto di partenza per un’industria della pesca più sostenibile e sana per i consumatori: essendo in grado di analizzare i livelli di fitoplancton, alghe, inquinanti e la temperatura dell’acqua, consentirà identificare le aree più adatte alla pesca e agli allevamenti ittici, ma anche a gestire gli stock ittici e tenere sotto controllo lo stato di salute delle acque. Altre applicazioni riguardano il controllo di situazioni di emergenza: “Copernicus permetterà di proteggere i cittadini dai pericoli, per esempio attraverso il monitoraggio degli incendi e di tutti i disastri, sia ambientali, sia provocati dall’uomo”, spiega la Commissione. Ma la grande mole di informazioni prodotta sarà anche la base da cui partire per “una migliore pianificazione delle città monitorando l’espansione urbana incontrollata e agevolando il flusso dei trasporti”.

Tra gli aspetti che stanno particolarmente a cuore all’Unione Europea c’è la salute dei cittadini, legata in particolare alla qualità dell’aria. “L’inquinamento dell’aria riduce l’aspettativa di vita delle persone in media di oltre otto mesi e nelle città e regioni più inquinate di più di due anni. Gli Stati membri devono adeguarsi velocemente agli standard europei sulla qualità dell’aria e ridurre le emissioni”, ha dichiarato recentemente il commissario all’Ambiente Janez Potočnik. La stessa Commissione ha avviato in questi giorni una consultazione pubblica, rivolta a cittadini e amministratori, sui modi più appropriati per migliorare la qualità dell’aria in Europa. I risultati confluiranno nella revisione globale delle politiche europee sull’argomento prevista per il 2013.

Altro tema che preoccupa molto l’UE è la lotta ai cambiamenti climatici. Il 2020 si avvicina e l’attuazione della strategia di riduzione del 20% di emissioni, raggiungimento del 20% di energia rinnovabile e aumento del 20% dell’efficienza energetica, appare in certi casi in salita, soprattutto per quanto riguarda quest’ultimo aspetto. Nell’ambito di Copernico sono previsti specifici servizi, oggi in fase di sviluppo, in grado di monitorare diversi indicatori climatici come l’aumento della temperatura e del livello del mare, lo scioglimento dei ghiacci, il riscaldamento degli oceani, le situazioni di siccità e le precipitazioni. Grazie al network di satelliti e sensori marini e terrestri, sarà anche possibile elaborare scenari sulle possibili evoluzioni del clima nei prossimi anni.

Ma se il primo obiettivo della Commissione è garantire la sicurezza dei cittadini, il secondo riguarda l’innovazione e l’aumento dell’occupazione. Secondo l’Europa, infatti, Copernicus ha il potenziale per creare fino a 85.000 nuovi posti di lavoro tra il 2015 e il 2030. “Grazie ad una maggiore disponibilità di dati – aggiunge Tajani – il ricorso a tali servizi aumenterà, contribuendo a quella crescita di cui abbiamo tanto bisogno”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende