Home » Idee »Progetti » Cosa succederebbe con 4° in più:

Cosa succederebbe con 4° in più

gennaio 8, 2010 Idee, Progetti

Courtesy of Met OfficeLasciato alle spalle il tiepido summit di Copenhagen, il dibattito sulle conseguenze legate ai cambiamenti climatici e al surriscaldamento globale continua.

Chi volesse toccare con mano i risultati delle ricerche scientifiche condotte dallo UK Met Office Hadley Centre, uno degli istituti di ricerca climatologica del Servizio Meteorologico Britannico, può consultare la mappa interattiva qui sotto per comprendere gli effetti che deriverebbero da un innalzamento della temperatura media terrestre pari a 4°C.

Secondo il modello HadCM3 del Met Office gli effetti del riscaldamento globale non sarebbero uniformi per tutto il pianeta e si articolerebbero in differenti tipologie . La mappa, dunque, consente di selezionare uno o più tipi di effetto dell’aumento di temperatura, con la possibilità di concentrarsi su specifiche aree geografiche e accedere a informazioni aggiuntive sui relativi studi scientifici.

Come funziona la mappa?

In basso sono indicati, con diversi colori, i tipi di effetto che l’utente può scegliere di evidenziare sulla mappa: incendi, agricoltura, risorse idriche, innalzamento dei mari, ecosistemi marini, siccità, ghiacci permanenti, cicloni tropicali e picchi di temperature. Selezionando la tipologia compariranno sulla mappa dei cerchi del medesimo colore che individuano le aree geografiche dove il fenomeno, secondo gli studi, si andrà a verificare. Inoltre, cliccando sui piccoli segni ”+” ai margini del cerchio è possibile leggere ulteriori informazioni e dati sul fenomeno.

Come specificato sul sito del Governo inglese Act on Co2Penhagen (dal sottotitolo: The UK’s ambition for a global deal on climate change, che letto oggi genera un amaro sorriso), è bene sapere che i dati riportati non considerano le capacità di adattamento delle regioni interessate e, per quanto riguarda i dati sulla popolazione, si riferiscono alle proiezioni effettuate dall’IPCC (International Panel on Climate Change). Infine, i valori preceduti da “Up to” sono ad indicare la peggiore delle ipotesi considerata dal modello.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende