Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Così parlò Rudolf Steiner. Il 29° Convegno di Agricoltura Biodinamica:

Così parlò Rudolf Steiner. Il 29° Convegno di Agricoltura Biodinamica

novembre 17, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

La Vialla Casa-ConfortoRudolf Steiner, fondatore dell’agricoltura biodinamica, lo diceva già nel 1924. «Gli alimenti sono innanzi tutto cibo per la mente. E oggi basta vedere come si ammala il cervello a causa dei veleni che ci sono nell’aria, nell’acqua, nel cibo. Insomma, se mangiamo male, pensiamo male».

Bandino Lo Franco è invece il titolare, con i due fratelli, dell’Azienda Agricola La Vialla a Castiglion Fibocchi (Arezzo), che ospiterà, da oggi al 21 novembre, il 29° Convegno di Agricoltura Biodinamica.

Apriamo subito una piccola parentesi. Che cos’è di preciso questo tipo di agricoltura? E’ un metodo di coltivazione fondato sulla visione spirituale del filosofo austriaco Rudolf Steiner, che ingloba in sé tutti i principi dell’agricoltura biologica. E’ basata sulla visione di un unico ecosistema che comprende il suolo, le piante, gli animali e l’uomo, e su pratiche sostenibili. Tra queste, c’è l’utilizzo di preparati naturali, che migliorano la fertilità del terreno e rafforzano le piante.

Il convegno si aprirà stamattina con un incontro all’Università di Bologna, per poi spostarsi in Toscana. Tra i partecipanti, ci sono agricoltori, studiosi ed esperti italiani e stranieri. Tema di quest’anno è la situazione, da molti definita «drammatica», di agricoltori, terreni, paesaggio. La crisi è pesante, trovare canali commerciali non è facile per le aziende, l’ambiente è quasi al collasso. Per questo è stato scelto un titolo chiaro e inequivocabile: “SOS agricoltura”. Gli argomenti degli incontri saranno diversi. Primo tra tutti il paesaggio: «L’agricoltura deve avere anche un ruolo nella sua salvaguardia, che poi ha effetti positivi sulla biodiversità, ma anche sul turismo. La biodinamica pone molta attenzione a questo», spiega Franco Pedrini, presidente dell’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica, che organizza il convegno. Si parlerà anche di come questo sistema di coltivazione possa offrire delle soluzioni alla crisi: «L’agricoltura biodinamica rispetta il principio dell’autosufficienza, cercando di produrre in azienda concimi organici. Inoltre, la terra è più morbida e di conseguenza i mezzi agricoli più piccoli: così riusciamo a limitare anche l’impatto ambientale», continua. Ma questo tipo di coltivazione ha anche un impatto positivo sull’occupazione: «Le aziende biodinamiche hanno bisogno di più manodopera, e quindi creano posti di lavoro», continua Pedrini, titolare in provincia di Firenze dell’Azienda Agricola San Cristoforo, che produce cereali, frutta, ortaggi, pane, pasta, vino e olio.

Durante gli incontri, spiega Aldo Paravicini, titolare di Cascine Orsine e consigliere dell’associazione, si affronterà anche il problema dell’accesso dei giovani alla terra: «Da noi è molto difficile, servirebbero forme fiscali che agevolino l’avvio di nuove aziende agricole». E si parlerà anche dei Fondi Pac (la Politica Agricola Comune dell’Unione Europea): «Secondo noi i fondi UE andrebbero distribuiti con più criterio, stando attenti alla qualità e alla scelta culturale delle aziende». La cultura, appunto. Tutto, in fondo, sottolinea Pedrini, gira intorno a questo: «Dietro l’agricoltura deve esserci anche la cultura. Ormai, invece, il lavoro nei campi è stato svuotato di contenuti culturali e viene tenuto in vita con i contributi».

Ma non tutto è perduto. A Castiglion Fibocchi arriveranno diversi agricoltori da tutta Italia per raccontare la loro esperienza biodinamica, la loro scelta culturale. Realtà diverse, aperte al futuro, che sono la dimostrazione di come un’azienda che rispetta i principi di Rudolf Steiner possa andare avanti e crescere. Ne è un esempio la già citata La Vialla, gestita dai tre fratelli Lo Franco, che esporta, in tutta Europa, Chianti, olio,La Vialla, Courtesy of Veronica Uliviericonserve, marmellate, miele e pecorino. L’azienda, biologica dagli anni Ottanta e biodinamica dal 2000, ha un’estensione di oltre mille ettari e un agriturismo biodinamico al 100%: «Solo il sale e lo zucchero vengono da fuori, il resto lo produciamo noi».

Al convegno ci sarà anche Mario Rosario Rizzi, titolare dell’Azienda Erboristica Flora, in provincia di Pisa, che dal 1989 produce oli essenziali, tisane, cosmetici, prodotti fitoterapici con materie prime di qualità, quando è possibile biodinamiche. Ma questo non è un semplice laboratorio erboristico: «E’ importante che il benessere passi in primo luogo da noi. Per questo la mensa aziendale serve solo alimenti biologici e biodinamici e per tutti i miei dipendenti pago periodicamente massaggi con i nostri oli essenziali». Flora organizza corsi di Aromaterapia e pubblica, dall’anno scorso, l’Aromatario, una rivista trimestrale che può essere richiesta gratuitamente via internet. E in costante crescita è anche l’azienda pugliese Cefalicchio, vicino a Barletta. Fabrizio Rossi, agronomo, ha iniziato ad occuparsi di biodinamico all’inizio degli anni Novanta e col tempo all’oliveto si sono aggiunti una cantina, un albergo, un ristorante e infine anche una piccola spa, gestiti dalla sua famiglia. I progetti per il futuro non sono finiti: «Vorremmo costruire un piccolo frantoio aziendale e dedicarci anche all’allevamento, in modo da produrre da soli il concime e realizzare un’azienda a ciclo chiuso». Proprio come predicava Rudolf Steiner.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende