Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Crescentino scalda i motori: il bioetanolo di seconda generazione è realtà:

Crescentino scalda i motori: il bioetanolo di seconda generazione è realtà

ottobre 14, 2013 Aziende, Pratiche, Progetti

È ormai realtà il sogno italiano dei biocarburanti di seconda generazione. A due anni dalla posa della prima pietra, mercoledì 9 ottobre è stata inaugurata ufficialmente la bioraffineria di Crescentino (VC), il primo impianto al mondo per la produzione di bioetanolo da biomasse non alimentari, di proprietà di Beta Renewables, joint venture tra Biochemtex, società di ingegneria del gruppo Mossi Ghisolfi, il fondo americano TPG (Texas Pacific Group) e il leader mondiale dell’innovazione biotech, la danese Novozymes.

L’innovazione principale di questa bioraffineria sta nelle materie prime che verranno utilizzate per la produzione di bioetanolo: paglia di riso, di cui l’area è ricca, ma anche canna gentile (Arundo Donax), che può essere coltivata su terreni marginali. La sfida dei biocarburanti di seconda generazione sta infatti nel produrre combustibile senza sottrarre spazio alla produzione agricola ad uso alimentare. Guido Ghisolfi, amministratore delegato di Beta Renewables, ci tiene a rassicurare su questo aspetto: «Andiamo ad utilizzare la parte residua delle coltivazioni. Dove ciò non è possibile, andiamo alla ricerca di terreni abbandonati che non producono da almeno dieci anni. E sono tantissimi. L’Italia perde quasi centomila ettari all’anno di terreni. Lo stesso accade in altri Paesi europei». Guido Ghisolfi sottolinea che lo stato di abbandono del terreno verrà certificato: «Nelle trattative con i proprietari dei terreni siamo chiari: se hai un terreno che coltivi non lo vogliamo neanche prendere in considerazione. Per certificare questa situazione ci stiamo accordando con il Ministero dell’Agricoltura affinché prima della firma di un contratto ci sia un certificato ministeriale che attesti lo stato di abbandono del terreno. Non si parte con un progetto da centinaia di milioni di euro di investimento se non si hanno accordi stabili e duraturi. In quest’ottica stiamo inoltre avviando intese molto importanti con le associazioni di categoria. Quest’accordo c’è già in Sardegna e sta diventando realtà anche in Sicilia e in Puglia».

Un altro aspetto innovativo della bioraffineria, sottolineato dall’azienda, risiede nella piattaforma tecnologica impiegata per ottenere il bioetanolo: «L’innovativa tecnologia PROESA® (PROduzione di Etanolo da biomasSA), combinata con gli enzimi Cellic® prodotti da Novozymes, utilizza gli zuccheri presenti nelle biomasse lignocellulosiche per ottenere alcol, carburanti e altri prodotti chimici, con minori emissioni di gas climalteranti e a costi competitivi rispetto alle fonti fossili. PROESA® – secondo i calcoli di Beta Renewables – produce biocarburanti che assicurano una riduzione delle emissioni di gas serra vicina al 90% rispetto all’uso di combustibili di origine fossile, notevolmente superiore alla riduzione raggiunta dai biocarburanti di prima generazione».  Lo stabilimento, inoltre, è totalmente autosufficiente per quanto riguarda i consumi energetici (13MW di energia elettrica prodotti utilizzando la lignina) e non produce reflui derivanti dalla produzione industriale, assicurando un riciclo dell’acqua pari al 100%.

A regime la bioraffineria avrà una capacità produttiva di 75 milioni di litri all’anno di bioetanolo di seconda generazione destinato al mercato europeo. Ma attualmente qual è lo stato dell’arte di questo mercato? «In Europa la prima generazione di biocarburanti copre un mercato di 3 milioni di tonnellate. Il 9 settembre scorso – ha ricordato Guido Ghisolfi – il Parlamento europeo ha fissato per i biocarburanti un target del 2,5% al 2022 sul totale dei consumi (circa 400 milioni di tonnellate di carburanti) da raggiungere attraverso miscelazione. Si è creato de facto un mercato per 9 milioni di tonnellate per questo biocarburante».

Non ci sarà bisogno di nuovi motori per utilizzare il bioetanolo di Crescentino: «Forse in pochi lo sanno – ha ricordato l’amministratore delegato di Beta Renewables – ma le automobili attuali già utilizzano bioetanolo e hanno una tolleranza del 15% sul totale del carburante. La nostra benzina viene infatti già additivata con un prodotto che si chiama ETBE (etil-t-butil-etere) che contiene etanolo. Questo prodotto rappresenta un mercato di circa un milione di tonnellate di prima generazione provenienti principalmente dal Brasile. Prevediamo che in futuro la domanda italiana salirà a tre milioni di tonnellate».

Ma quanto costerà un litro di bioetanolo? «L’etanolo avrà un costo competitivo se il petrolio rimarrà tra i 70 e i 100 dollari al barile – ha spiegato Guido Ghisolfi -. Oggi con il petrolio a 105 dollari al barile, la benzina vale 90 centesimi al litro esentasse. L’etanolo ha un rendimento del 75% rispetto alla benzina. Per paragone occorre vendere l’etanolo al 75% (o meno) del prezzo della benzina. Con la benzina a 90 centesimi è possibile vendere l’etanolo a un prezzo competitivo di 60-62 centesimi». Nel caso il prezzo del petrolio si discostasse da quella forbice? «Nel caso il petrolio salisse, l’etanolo non salirebbe nella stessa maniera. C’è un effetto deflattivo. Se invece il petrolio scendesse sotto i 70 dollari si tenderebbe a comprare solo più benzina. Tuttavia – ha concluso Ghisolfi – le probabilità che scenda sotto quel prezzo allo stato attuale sono poche».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

marzo 20, 2017

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

La Commissione Agricoltura della Camera ha approvato, il 16 marzo, il testo unico sull’agricoltura biologica, da anni atteso dall’intero comparto. Il testo, che sarà trasmesso alle commissioni competenti in sede consultiva per l’espressione del parere di competenza, ha l’obiettivo di mettere ordine e dare valore a un settore in costante crescita e sempre più in [...]

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

marzo 20, 2017

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

“Salva la goccia” 2017 inaugura un nuovo sport: le Olimpiadi della Sostenibilità. Per la Giornata Mondiale dell’Acqua, che si celebra il 22 marzo, la quinta edizione della campagna per il risparmio idrico realizzata da Green Cross Italia chiede a bambini e studenti, insegnanti e cittadini di aderire alla gara anti-spreco. Obiettivo: ridurre i litri che [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende