Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Crescentino scalda i motori: il bioetanolo di seconda generazione è realtà:

Crescentino scalda i motori: il bioetanolo di seconda generazione è realtà

ottobre 14, 2013 Aziende, Pratiche, Progetti

È ormai realtà il sogno italiano dei biocarburanti di seconda generazione. A due anni dalla posa della prima pietra, mercoledì 9 ottobre è stata inaugurata ufficialmente la bioraffineria di Crescentino (VC), il primo impianto al mondo per la produzione di bioetanolo da biomasse non alimentari, di proprietà di Beta Renewables, joint venture tra Biochemtex, società di ingegneria del gruppo Mossi Ghisolfi, il fondo americano TPG (Texas Pacific Group) e il leader mondiale dell’innovazione biotech, la danese Novozymes.

L’innovazione principale di questa bioraffineria sta nelle materie prime che verranno utilizzate per la produzione di bioetanolo: paglia di riso, di cui l’area è ricca, ma anche canna gentile (Arundo Donax), che può essere coltivata su terreni marginali. La sfida dei biocarburanti di seconda generazione sta infatti nel produrre combustibile senza sottrarre spazio alla produzione agricola ad uso alimentare. Guido Ghisolfi, amministratore delegato di Beta Renewables, ci tiene a rassicurare su questo aspetto: «Andiamo ad utilizzare la parte residua delle coltivazioni. Dove ciò non è possibile, andiamo alla ricerca di terreni abbandonati che non producono da almeno dieci anni. E sono tantissimi. L’Italia perde quasi centomila ettari all’anno di terreni. Lo stesso accade in altri Paesi europei». Guido Ghisolfi sottolinea che lo stato di abbandono del terreno verrà certificato: «Nelle trattative con i proprietari dei terreni siamo chiari: se hai un terreno che coltivi non lo vogliamo neanche prendere in considerazione. Per certificare questa situazione ci stiamo accordando con il Ministero dell’Agricoltura affinché prima della firma di un contratto ci sia un certificato ministeriale che attesti lo stato di abbandono del terreno. Non si parte con un progetto da centinaia di milioni di euro di investimento se non si hanno accordi stabili e duraturi. In quest’ottica stiamo inoltre avviando intese molto importanti con le associazioni di categoria. Quest’accordo c’è già in Sardegna e sta diventando realtà anche in Sicilia e in Puglia».

Un altro aspetto innovativo della bioraffineria, sottolineato dall’azienda, risiede nella piattaforma tecnologica impiegata per ottenere il bioetanolo: «L’innovativa tecnologia PROESA® (PROduzione di Etanolo da biomasSA), combinata con gli enzimi Cellic® prodotti da Novozymes, utilizza gli zuccheri presenti nelle biomasse lignocellulosiche per ottenere alcol, carburanti e altri prodotti chimici, con minori emissioni di gas climalteranti e a costi competitivi rispetto alle fonti fossili. PROESA® – secondo i calcoli di Beta Renewables – produce biocarburanti che assicurano una riduzione delle emissioni di gas serra vicina al 90% rispetto all’uso di combustibili di origine fossile, notevolmente superiore alla riduzione raggiunta dai biocarburanti di prima generazione».  Lo stabilimento, inoltre, è totalmente autosufficiente per quanto riguarda i consumi energetici (13MW di energia elettrica prodotti utilizzando la lignina) e non produce reflui derivanti dalla produzione industriale, assicurando un riciclo dell’acqua pari al 100%.

A regime la bioraffineria avrà una capacità produttiva di 75 milioni di litri all’anno di bioetanolo di seconda generazione destinato al mercato europeo. Ma attualmente qual è lo stato dell’arte di questo mercato? «In Europa la prima generazione di biocarburanti copre un mercato di 3 milioni di tonnellate. Il 9 settembre scorso – ha ricordato Guido Ghisolfi – il Parlamento europeo ha fissato per i biocarburanti un target del 2,5% al 2022 sul totale dei consumi (circa 400 milioni di tonnellate di carburanti) da raggiungere attraverso miscelazione. Si è creato de facto un mercato per 9 milioni di tonnellate per questo biocarburante».

Non ci sarà bisogno di nuovi motori per utilizzare il bioetanolo di Crescentino: «Forse in pochi lo sanno – ha ricordato l’amministratore delegato di Beta Renewables – ma le automobili attuali già utilizzano bioetanolo e hanno una tolleranza del 15% sul totale del carburante. La nostra benzina viene infatti già additivata con un prodotto che si chiama ETBE (etil-t-butil-etere) che contiene etanolo. Questo prodotto rappresenta un mercato di circa un milione di tonnellate di prima generazione provenienti principalmente dal Brasile. Prevediamo che in futuro la domanda italiana salirà a tre milioni di tonnellate».

Ma quanto costerà un litro di bioetanolo? «L’etanolo avrà un costo competitivo se il petrolio rimarrà tra i 70 e i 100 dollari al barile – ha spiegato Guido Ghisolfi -. Oggi con il petrolio a 105 dollari al barile, la benzina vale 90 centesimi al litro esentasse. L’etanolo ha un rendimento del 75% rispetto alla benzina. Per paragone occorre vendere l’etanolo al 75% (o meno) del prezzo della benzina. Con la benzina a 90 centesimi è possibile vendere l’etanolo a un prezzo competitivo di 60-62 centesimi». Nel caso il prezzo del petrolio si discostasse da quella forbice? «Nel caso il petrolio salisse, l’etanolo non salirebbe nella stessa maniera. C’è un effetto deflattivo. Se invece il petrolio scendesse sotto i 70 dollari si tenderebbe a comprare solo più benzina. Tuttavia – ha concluso Ghisolfi – le probabilità che scenda sotto quel prezzo allo stato attuale sono poche».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende