Home » Progetti » CSR manager, portatori di sostenibilità in azienda:

CSR manager, portatori di sostenibilità in azienda

gennaio 21, 2011 Progetti

Courtesy of Giovy81.splinder.comLa sostenibilità entra in azienda, e lo fa dai piani alti. Secondo una ricerca effettuata dal CSR Manager Network Italia, presentata ieri  in occasione del Forum CSR Abi, i manager d’azienda sono sempre più convinti che la sostenibilità di un’impresa sia un aspetto strategico, di primaria importanza per il suo successo.

Non solo fare soldi, dunque, ma farli rispettando l’ambiente e il benessere dei dipendenti. E’ possibile? L’indagine, focalizzata sul settore delle risorse umane, ha preso in considerazione due figure, che sempre più si confrontano e dialogano: gli HR manager, responsabili del personale, e i CSR manager, direttamente responsabili delle politiche di sostenibilità dell’impresa. Sono proprio questi ultimi che stanno lentamente cambiando il volto delle aziende, rendendole più attente non solo alla salute dei lavoratori, ma anche all’impatto sull’ambiente, alla tutela della biodiversità come asset, al rapporto col territorio come tramite verso gli stakeholders. Se infatti, com’è emerso dalla ricerca, gli HR manager prediligono interventi di carattere sociale a favore dei dipendenti, per la riduzione dello stress, la conciliazione famiglia-lavoro e l’occupabilità, sono i CSR manager a considerare più positivamente le azioni che migliorano le performance ambientali dell’azienda.

Le imprese che elaborano Piani di Sostenibilità e si danno obiettivi ambiziosi sono sempre più numerose. Ecco alcune esperienze significative emerse dall’incontro romano:

Terna, principale proprietaria della rete di trasmissione dell’energia elettrica in Italia, sta cercando di ridurre l’impatto ambientale delle infrastrutture, attraverso l’«interramento dei cavi», le «razionalizzazioni» e la «conversione di elettrodotti esistenti a una tensione superiore». Per il rispetto della biodiversità, Terna ha installato dei dissuasori, dispositivi che segnalano la presenza di cavi elettrici agli uccelli in volo. Sempre per limitare il fenomeno della morte degli uccelli per collisione con le linee elettriche, sono stati anche siglati accordi con il Wwf per uno «sviluppo sostenibile della rete elettrica». L’azienda ha poi avviato una ricerca, in collaborazione con Lipu, «per studiare la reale interazione degli uccelli con le linee elettriche ad alta ed altissima tensione», mentre con l’associazione Ornis Italia è nato il progetto Nidi sui tralicci. Ma soprattutto l’azienda ha avviato un piano di sviluppo per la riduzione delle emissioni del sistema elettrico di tutto il paese.

UniCredit, il colosso bancario presente in 22 paesi europei, ha assunto pubblicamente alcuni impegni legati alla lotta al cambiamento climatico. L’azienda si è impegnata a tagliare del 30% le emissioni di gas serra rispetto al 2008, con l’obiettivo intermedio del  meno 15% entro il 2012. Il gruppo ha anche lanciato una serie di iniziative per una formazione ecologica del personale, come Green Box, una piattaforma intranet di informazione sulle tematiche ambientali. Altro punto importante è il mobility management sostenibile: i dipendenti sono incoraggiati a usare i treni, piuttosto che gli aerei, per i viaggi di lavoro, mentre le auto aziendali sono tutte a ridotto impatto ambientale.

Etica Sgr, società di gestione del risparmio del gruppo Banca Popolare Etica, chiede alle aziende su cui investe una serie di garanzie dal punto di vista ambientale: per esempio «razionalizzare l’acqua usata nei cicli produttivi e minimizzare gli sprechi e l’inquinamento delle falde acquifere». Per quanto riguarda le aziende che gestiscono risorse idriche, la società «chiederà che siano rese note le politiche volte al controllo del livello delle tariffe e che nei bilanci siano evidenziati gli investimenti effettuati per migliorare la gestione del ciclo dell’acqua».

Unipol, grande gruppo assicurativo e bancario, ha adottato un Piano di sostenibilità, con una serie di obiettivi da realizzare entro il 2012. Tra questi, la riduzione dei consumi energetici e idrici delle filiali, dei consumi dei materiali da ufficio e l’aumento della raccolta differenziata. Unipol si è anche riproposta di comprare pc e stampanti con certificazioni sociali-ambientali, limitare le emissioni inquinanti derivanti da viaggi aziendali, migliorare gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti, sviluppare l’approccio alla sostenibilità nel rapporto con i fornitori.

Veronica Uliveri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende