Home » Progetti » CSR manager, portatori di sostenibilità in azienda:

CSR manager, portatori di sostenibilità in azienda

gennaio 21, 2011 Progetti

Courtesy of Giovy81.splinder.comLa sostenibilità entra in azienda, e lo fa dai piani alti. Secondo una ricerca effettuata dal CSR Manager Network Italia, presentata ieri  in occasione del Forum CSR Abi, i manager d’azienda sono sempre più convinti che la sostenibilità di un’impresa sia un aspetto strategico, di primaria importanza per il suo successo.

Non solo fare soldi, dunque, ma farli rispettando l’ambiente e il benessere dei dipendenti. E’ possibile? L’indagine, focalizzata sul settore delle risorse umane, ha preso in considerazione due figure, che sempre più si confrontano e dialogano: gli HR manager, responsabili del personale, e i CSR manager, direttamente responsabili delle politiche di sostenibilità dell’impresa. Sono proprio questi ultimi che stanno lentamente cambiando il volto delle aziende, rendendole più attente non solo alla salute dei lavoratori, ma anche all’impatto sull’ambiente, alla tutela della biodiversità come asset, al rapporto col territorio come tramite verso gli stakeholders. Se infatti, com’è emerso dalla ricerca, gli HR manager prediligono interventi di carattere sociale a favore dei dipendenti, per la riduzione dello stress, la conciliazione famiglia-lavoro e l’occupabilità, sono i CSR manager a considerare più positivamente le azioni che migliorano le performance ambientali dell’azienda.

Le imprese che elaborano Piani di Sostenibilità e si danno obiettivi ambiziosi sono sempre più numerose. Ecco alcune esperienze significative emerse dall’incontro romano:

Terna, principale proprietaria della rete di trasmissione dell’energia elettrica in Italia, sta cercando di ridurre l’impatto ambientale delle infrastrutture, attraverso l’«interramento dei cavi», le «razionalizzazioni» e la «conversione di elettrodotti esistenti a una tensione superiore». Per il rispetto della biodiversità, Terna ha installato dei dissuasori, dispositivi che segnalano la presenza di cavi elettrici agli uccelli in volo. Sempre per limitare il fenomeno della morte degli uccelli per collisione con le linee elettriche, sono stati anche siglati accordi con il Wwf per uno «sviluppo sostenibile della rete elettrica». L’azienda ha poi avviato una ricerca, in collaborazione con Lipu, «per studiare la reale interazione degli uccelli con le linee elettriche ad alta ed altissima tensione», mentre con l’associazione Ornis Italia è nato il progetto Nidi sui tralicci. Ma soprattutto l’azienda ha avviato un piano di sviluppo per la riduzione delle emissioni del sistema elettrico di tutto il paese.

UniCredit, il colosso bancario presente in 22 paesi europei, ha assunto pubblicamente alcuni impegni legati alla lotta al cambiamento climatico. L’azienda si è impegnata a tagliare del 30% le emissioni di gas serra rispetto al 2008, con l’obiettivo intermedio del  meno 15% entro il 2012. Il gruppo ha anche lanciato una serie di iniziative per una formazione ecologica del personale, come Green Box, una piattaforma intranet di informazione sulle tematiche ambientali. Altro punto importante è il mobility management sostenibile: i dipendenti sono incoraggiati a usare i treni, piuttosto che gli aerei, per i viaggi di lavoro, mentre le auto aziendali sono tutte a ridotto impatto ambientale.

Etica Sgr, società di gestione del risparmio del gruppo Banca Popolare Etica, chiede alle aziende su cui investe una serie di garanzie dal punto di vista ambientale: per esempio «razionalizzare l’acqua usata nei cicli produttivi e minimizzare gli sprechi e l’inquinamento delle falde acquifere». Per quanto riguarda le aziende che gestiscono risorse idriche, la società «chiederà che siano rese note le politiche volte al controllo del livello delle tariffe e che nei bilanci siano evidenziati gli investimenti effettuati per migliorare la gestione del ciclo dell’acqua».

Unipol, grande gruppo assicurativo e bancario, ha adottato un Piano di sostenibilità, con una serie di obiettivi da realizzare entro il 2012. Tra questi, la riduzione dei consumi energetici e idrici delle filiali, dei consumi dei materiali da ufficio e l’aumento della raccolta differenziata. Unipol si è anche riproposta di comprare pc e stampanti con certificazioni sociali-ambientali, limitare le emissioni inquinanti derivanti da viaggi aziendali, migliorare gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti, sviluppare l’approccio alla sostenibilità nel rapporto con i fornitori.

Veronica Uliveri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende