Home » Progetti » CSR manager, portatori di sostenibilità in azienda:

CSR manager, portatori di sostenibilità in azienda

gennaio 21, 2011 Progetti

Courtesy of Giovy81.splinder.comLa sostenibilità entra in azienda, e lo fa dai piani alti. Secondo una ricerca effettuata dal CSR Manager Network Italia, presentata ieri  in occasione del Forum CSR Abi, i manager d’azienda sono sempre più convinti che la sostenibilità di un’impresa sia un aspetto strategico, di primaria importanza per il suo successo.

Non solo fare soldi, dunque, ma farli rispettando l’ambiente e il benessere dei dipendenti. E’ possibile? L’indagine, focalizzata sul settore delle risorse umane, ha preso in considerazione due figure, che sempre più si confrontano e dialogano: gli HR manager, responsabili del personale, e i CSR manager, direttamente responsabili delle politiche di sostenibilità dell’impresa. Sono proprio questi ultimi che stanno lentamente cambiando il volto delle aziende, rendendole più attente non solo alla salute dei lavoratori, ma anche all’impatto sull’ambiente, alla tutela della biodiversità come asset, al rapporto col territorio come tramite verso gli stakeholders. Se infatti, com’è emerso dalla ricerca, gli HR manager prediligono interventi di carattere sociale a favore dei dipendenti, per la riduzione dello stress, la conciliazione famiglia-lavoro e l’occupabilità, sono i CSR manager a considerare più positivamente le azioni che migliorano le performance ambientali dell’azienda.

Le imprese che elaborano Piani di Sostenibilità e si danno obiettivi ambiziosi sono sempre più numerose. Ecco alcune esperienze significative emerse dall’incontro romano:

Terna, principale proprietaria della rete di trasmissione dell’energia elettrica in Italia, sta cercando di ridurre l’impatto ambientale delle infrastrutture, attraverso l’«interramento dei cavi», le «razionalizzazioni» e la «conversione di elettrodotti esistenti a una tensione superiore». Per il rispetto della biodiversità, Terna ha installato dei dissuasori, dispositivi che segnalano la presenza di cavi elettrici agli uccelli in volo. Sempre per limitare il fenomeno della morte degli uccelli per collisione con le linee elettriche, sono stati anche siglati accordi con il Wwf per uno «sviluppo sostenibile della rete elettrica». L’azienda ha poi avviato una ricerca, in collaborazione con Lipu, «per studiare la reale interazione degli uccelli con le linee elettriche ad alta ed altissima tensione», mentre con l’associazione Ornis Italia è nato il progetto Nidi sui tralicci. Ma soprattutto l’azienda ha avviato un piano di sviluppo per la riduzione delle emissioni del sistema elettrico di tutto il paese.

UniCredit, il colosso bancario presente in 22 paesi europei, ha assunto pubblicamente alcuni impegni legati alla lotta al cambiamento climatico. L’azienda si è impegnata a tagliare del 30% le emissioni di gas serra rispetto al 2008, con l’obiettivo intermedio del  meno 15% entro il 2012. Il gruppo ha anche lanciato una serie di iniziative per una formazione ecologica del personale, come Green Box, una piattaforma intranet di informazione sulle tematiche ambientali. Altro punto importante è il mobility management sostenibile: i dipendenti sono incoraggiati a usare i treni, piuttosto che gli aerei, per i viaggi di lavoro, mentre le auto aziendali sono tutte a ridotto impatto ambientale.

Etica Sgr, società di gestione del risparmio del gruppo Banca Popolare Etica, chiede alle aziende su cui investe una serie di garanzie dal punto di vista ambientale: per esempio «razionalizzare l’acqua usata nei cicli produttivi e minimizzare gli sprechi e l’inquinamento delle falde acquifere». Per quanto riguarda le aziende che gestiscono risorse idriche, la società «chiederà che siano rese note le politiche volte al controllo del livello delle tariffe e che nei bilanci siano evidenziati gli investimenti effettuati per migliorare la gestione del ciclo dell’acqua».

Unipol, grande gruppo assicurativo e bancario, ha adottato un Piano di sostenibilità, con una serie di obiettivi da realizzare entro il 2012. Tra questi, la riduzione dei consumi energetici e idrici delle filiali, dei consumi dei materiali da ufficio e l’aumento della raccolta differenziata. Unipol si è anche riproposta di comprare pc e stampanti con certificazioni sociali-ambientali, limitare le emissioni inquinanti derivanti da viaggi aziendali, migliorare gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti, sviluppare l’approccio alla sostenibilità nel rapporto con i fornitori.

Veronica Uliveri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende