Home » Impressioni di viaggio »Progetti »Rubriche » Da grande voglio diventare un “Conservation Hero”:

Da grande voglio diventare un “Conservation Hero”

Anna SavageLa famigliarità con gli animali alla Disney, si sa, è di casa. La conservazione della biodiversità, però, è qualcosa di più complesso che dar vita a simpatici personaggi dei fumetti. E’ un obiettivo ambizioso e la ricerca d’avanguardia, condotta nel parco a tema Disney’s Animal Kingdom, in Florida, costituisce un esempio concreto dell’impegno di Walt Disney Company nel preservare l’ambiente e la fauna selvatica per le generazioni future.

La dottoressa Anne Savage, biologa della conservazione, è l’anima ecologica del Walt Disney World Resortdi Orlando, nonché testimonial del “Proyecto Titi“, definito da lei stessa “un progetto per la conservazione a lungo termine“. Anne ci tiene infatti a distinguere gli investimenti “facili” (quick and easy) dagli investimenti “strutturati” che, al contrario dei primi, possono avere un impatto reale e continuativo. Dalle sue parole capisco subito che quando si parla di conservazione bisogna essere, prima di tutto, pazienti.

Sono passati oltre trent’anni dal giorno in cui lei ha iniziato ad occuparsi - prima per studio e poi per lavoro - della salvaguardia dei cosiddetti Cotton-Top Tamarin, i più piccoli primati al mondo. Ancora studentessa all’Università del Wisconsin, a diciannove anni, non poteva sapere che un corso di psicologia tenuto da un primatologo e un progetto di ricerca dello zoo di Milwaukee, sarebbero state le due scintille che avrebbero cambiato la sua vita professionale.

Il suo progetto di ricerca sugli orangotanghi le fece conoscere da vicino, per le prima, volta i Cotton Top. Fu amore a prima vista. Anne ricorda questo incontro come il momento in cui si accese la passione per lo studio e la salvaguardia delle specie rare, che l’ha condotta, in seguito, a sviluppare un nuovo concetto di conservazione.

Agli esordi del Proyecto Tití la neolaureata Savage svolge in Colombia, con il suo team, il primo censimento di Cotton-top Tamarin della storia, che diventa presto il più grande studio di biologia sul campo mai effettuato nel paese sudamericano. I dati sono allarmanti e dimostrano l’emergenza e l’urgenza di un’azione immediata contro l’incombente rischio di estinzione. Oggi questi primati sopravvivono nella regione nord-occidentale del paese e i continui sforzi per proteggere il loro habitat naturale (la foresta tropicale) sono più che mai essenziali per garantirne la sopravvivenza futura. Spiega Savage: “è possibile allevare in cattività specie in pericolo, ma quando si parla di conservazione, e soprattutto di una conservazione a lungo termine, bisogna andare ben oltre. Ciò che abbiamo fatto noi è creare imprenditori ambientali.”

Il concetto si capisce entrando nel suo ufficio, dove una biologa di fama mondiale – di quelle che si immaginano, con camice bianco, nei più prestigiosi laboratori di ricerca - porta avanti il suo lavoro “dietro le quinte” con piglio manageriale. Qui percepisco anche la mia reale distanza (da abitante di città di un paese occidentale) dalla natura selvaggia del terzo mondo. È ancora un esempio di Anne ad aprirmi gli occhi: “quando non si ha cibo per sostentare le proprie famiglie, l’ambiente non è certamente una priorità. Posso assicurarti che l’obiettivo della tua giornata sarebbe piuttosto quello di cacciare qualcosa per cena. Ecco perché l’economia, nei paesi in via di sviluppo, è un fattore importante per la conservazione”.Abbiamo iniziato dalle scuole, in primo luogo educando le persone, spiegandogli cose per noi basilari come l’incredibile rarità delle piccole scimmie che vedono ogni giorno arrampicarsi sugli alberi. Per loro i Cotton-top Tamarin erano animali comuni, come per noi americani lo sono gli scoiattoli. E’ stato emozionante dover spiegare che il loro villaggio è in realtà l’unico posto al mondo dove è possibile incontrarne uno in libertà!”. Si capisce che per Anne Proyecto Tití non è solo il suo progetto, ma una diversa filosofia di vita, “una famiglia, una squadra, una comunità”.

Alle spalle di questo progetto c’è il Disney Worldwide Conservation Fund, che fin dagli esordi della Savage alla Disney, nel 1997, ha costituito la principale fonte di finanziamento. Esempio concreto- anche se poco noto all’estero - di come la Disney sostenga e finanzi centinaia di organizzazioni nel mondo con l’obiettivo di tutelare, a lungo termine, la fauna selvatica e i suoi habitat. Stando al 2009 il fondo ha finanziato più di 14 milioni di dollari per la gestione dei programmi di conservazione in più di 100 paesi.

Ma anche i visitatori dei parchi tematici possono diventare “Conservation Heros” acquistando una spilla con una donazione libera, anche solo di un centesimo. La Walt Disney Company, come in una delle sue favole, raddoppia ogni donazione occupandosi di coprire i costi legati ad ogni transazione e facendo sì che il 100% delle donazioni sia diretto esclusivamente agli sforzi di conservazione.

Il Proyecto Tití è uno di questi progetti, ma è soprattutto un esempio di rispetto reciproco con la comunità locale colombiana. Continua ancora Anne: “abbiamo pensato alle donne insegnando loro a creare, con l’aiuto di artigiani locali, le Eco-Mochilas e ad essere leader facendo business. Siamo partiti dalle basi, spiegando anche solo come aprire un conto in banca e risparmiare”. “Oggi sono molto orgogliosa di vedere queste donne, un tempo spaventate e terrorizzate ad aprire bocca, diventare fiere del loro lavoro, del loro guadagno e dei loro investimenti nella comunità, parlandone davanti ad intere platee.”

Le Eco-Mochilas, i frutti del loro lavoro, sono delle borse cucite a maglia riciclando i sacchetti di plastica, commercializzate in Colombia ed esportate a livello internazionale. Il Proyecto Tití ha così favorito, oltre la conservazione di una specie a rischio estinzione, la creazione di una cooperativa di donne, la ASOARTESANAS, fornendo occupazione a trecento persone. L’intera comunità del villaggio di Los Limites è oggi coinvolta nella preparazione dei sacchetti di plastica per la lavorazione. Ci vogliono infatti circa 100-120 sacchetti di plastica per fare una Eco-Mochila, con un risultato di più di 1,5 milioni di sacchetti di plastica finora riciclati. Un impatto positivo per l’ambiente e per la salute della fauna selvatica e della popolazione locale che ha generato, al contempo, un vantaggio economico diretto per la comunità.

Un nuovo modello di responsabilità sociale d’impresa a cui contribuisce, insieme alla dottoressa Savage, un team di oltre 600 professionisti tra scienziati, specialisti nella cura degli animali, veterinari ed educatori, uniti dall’obiettivo di sensibilizzare le migliaia di visitatori dei parchi Disney alla conservazione. Come sostiene Tom Staggs, presidente di Walt Disney Parks and Resorts Worldwide, basta seguire l’insegnamento del visionario Walt e “instaurare un senso di parentela con la Terra e tutti i suoi abitanti.”

Nicole Cutrufo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

“Green Grain”: al parco CollinaPo di Torino un meeting e una mostra tra ecologia e design

ottobre 12, 2017

“Green Grain”: al parco CollinaPo di Torino un meeting e una mostra tra ecologia e design

GREEN GRAIN, è un meeting interdisciplinare dedicato alle buone pratiche ambientali ed ecologiche, in programma oggi nella sede del Parco CollinaPo a Cascina Le Vallere, e inserito nel calendario City of Design della Città di Torino, nell’ambito del World Design Congress WDO 2017. L’appuntamento intende proporre un confronto le realtà pubbliche del comprensorio metropolitano torinese “Riserva di [...]

“Immondezza”, presentato a Milano il nuovo documentario di Mimmo Calopresti

ottobre 9, 2017

“Immondezza”, presentato a Milano il nuovo documentario di Mimmo Calopresti

Ci sono tanti modi per raccontare il Sud Italia, le sue bellezze, le sue risorse ma anche le difficoltà e le tante sfide quotidiane. Il regista Mimmo Calopresti ha deciso di farlo partendo, questa volta, da una prospettiva ambientale. Così è nato “Immondezza“, il nuovo documentario dell’autore calabrese di “Preferisco il rumore del mare”, che [...]

Coordinamento Agenda 21: gli enti locali chiedono concretezza e focus sulle città

ottobre 6, 2017

Coordinamento Agenda 21: gli enti locali chiedono concretezza e focus sulle città

«La Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile è una tappa importante per l’Italia, ma alla fine la declinazione concreta poi si fa sui territori e nelle nostre città: è qui che ogni giorno siamo impegnati a disegnare politiche pubbliche che contemplino gli obiettivi di Agenda 2030 e a sviluppare con fatica azioni e progettualità che [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende