Home » Eventi »Idee »Progetti » Da punto di partenza a punto di arrivo, come cambiano i rifugi di montagna:

Da punto di partenza a punto di arrivo, come cambiano i rifugi di montagna

marzo 21, 2013 Eventi, Idee, Progetti

Una volta c’erano gli alpinisti, che si muovevano per percorsi impervi e che dopo ore di scalata e esplorazione estrema cercavano riparo in un rifugio. Oggi sono gli escursionisti, che cercano, scoprono, leggono la natura e la cultura della montagna, abbandonando la sfida e il rischio a favore di un’avventura più moderata, bella e intensa ma forse più “facile”.

Così il rifugio cambia ruolo. I rifugi delle Alpi sono strutture di fine ’800 e sono la prima forma di turismo e accoglienza delle nostre montagne. In origine unico punto di partenza di percorsi più o meno controllati, oggi sono un migliaio o forse più (non esistono stime attendibili) e risultano invece essere meta di arrivo delle escursioni di un’utenza nuova, che vive la montagna “in trasversale” e non solo in verticale come faceva chi la arrampicava. ”In trasversale, ci spiega Egidio Bonapace, presidente dellAccademia della Montagna del Trentino, perché chi arriva oggi in un rifugio cerca l’identità della montagna, la testimonianza del gestore, i gusti tipici e i paesaggi mozzafiato, nel tentativo di scoprirne l’essenza a 360 gradi”.

Esigenze diverse quindi rispetto alle originali, che mettono parzialmente in discussione il concetto di rifugio alpino e di cui si discuterà durante il convegno internazionale “Rifugi in divenireorganizzato a Trento il 22 e 23 marzo dall’Accademia della Montagna.

“Cosa sono i rifugio alpini?” si legge nell’invito al convegno. “Punti d’appoggio a bassa quota per alpinisti, struttura di ospitalità  per i turisti della montagna o manufatti incustoditi che ricevono la visita di pochi temerari alpinisti in un anno?” Saper leggere le trasformazioni in corso o già avvenute è indispensabile per poter rispondere alla domanda attuale e per far vivere qualcosa che rischierebbe di diventare museo del passato: “oggi il servizio richiesto è meno spartano – continua Bonapace, che è anche gestore di un rifugio – più confortevole e attrezzato; ma non può snaturare il concetto primordiale di queste strutture, che oltre a dare ospitalità sono anche espressione di identità e cultura nella forma in cui sono state concepite”. Per questo le trasformazioni vanno monitorate e le soluzioni discusse.

Stanze piuttosto piccole e in condivisione come sempre, dunque, ma che garantiscono acqua, che rispettano le normative sulla sicurezza, che si rinnovano a livello tecnologico (basti pensare al nuovo Bivacco Gervasutti presentato da Greenews.info al Workshop IMAGE 2011).

Se l’attenzione alla sostenibilità delle strutture è da sempre priorità dei gestori e dei territori – che da tempo lavorano per l’eliminazione dei generatori a gasolio, per la produzione di energia pulita, per la differenziazione e il riciclo dei rifiuti – oggi il problema che si pone riguarda però la ristrutturazione vera e propria degli edifici di montagna. Aggiornare e riqualificare i servizi offerti, ma senza perdere la condivisione, l’appartenenza e l’essenza.

Come farlo? È meglio ristrutturare o demolire e ricostruire gli edifici di montagna? Integrarli nell’ambiente o costruire strutture avveniristiche “staccate” dalla montagna, come sue protesi? E’ questo il dilemma che sarà affrontato durante il convegno con i rappresentanti delle regioni che si affacciano sulle Alpi e nelle tre mostre aperte fino al 28 marzo, che indagano l’evoluzione degli edifici costruiti in alta montagna. La prima, a cura dell’associazione Cantieri d’Alta Quota ONLUS, intitolata “Rifugi alpini ieri e oggi” si concentra sull’evoluzione storica dei rifugi che costellano le Alpi dalla Francia alla Slovenia; la seconda  presenterà i 24 progetti presentati al concorso bandito nella Provincia di Bolzano nel 2012 per la ristrutturazione dei 3 rifugi di Ponte di Ghiaccio, Vittorio Veneto al Sasso Nero e Pio XII; la terza intitolata “Abitare minimo nelle Alpi” espone  progetti per la realizzazione di una cellula  minima, autonoma, reversibile, dedicata al ricovero temporaneo in alta quota.

“È il primo confronto internazionale organizzato su questa tematica, ci dice il presidente dell’Accademia, e l’obiettivo è quello di elaborare delle linee guida, un codice comune di riferimento a livello alpino”. La situazione al momento è abbastanza eterogenea: se in Svizzera si tentano costruzioni futuristiche, del tutto nuove e innovative, in Italia la tendenza è quella di ristrutturare l’esistente, nonostante sia la soluzione più dispendiosa e spesso problematica, andando avanti nel progresso, per esempio con la banda larga e i bacini di raccolta dell’acqua, ma mantenendo la struttura tradizionale, che nei territori e per la gente di montagna ha fatto la storia. “È necessario garantire l’accessibilità alle strutture, la soddisfazione dei bisogni di chi viene, che deve arrivare bene informata e riconoscendo la differenza tra un albergo e un rifugio ma a cui deve essere offerto un servizio adeguato”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende