Home » Eventi »Idee »Progetti » Da punto di partenza a punto di arrivo, come cambiano i rifugi di montagna:

Da punto di partenza a punto di arrivo, come cambiano i rifugi di montagna

marzo 21, 2013 Eventi, Idee, Progetti

Una volta c’erano gli alpinisti, che si muovevano per percorsi impervi e che dopo ore di scalata e esplorazione estrema cercavano riparo in un rifugio. Oggi sono gli escursionisti, che cercano, scoprono, leggono la natura e la cultura della montagna, abbandonando la sfida e il rischio a favore di un’avventura più moderata, bella e intensa ma forse più “facile”.

Così il rifugio cambia ruolo. I rifugi delle Alpi sono strutture di fine ’800 e sono la prima forma di turismo e accoglienza delle nostre montagne. In origine unico punto di partenza di percorsi più o meno controllati, oggi sono un migliaio o forse più (non esistono stime attendibili) e risultano invece essere meta di arrivo delle escursioni di un’utenza nuova, che vive la montagna “in trasversale” e non solo in verticale come faceva chi la arrampicava. ”In trasversale, ci spiega Egidio Bonapace, presidente dellAccademia della Montagna del Trentino, perché chi arriva oggi in un rifugio cerca l’identità della montagna, la testimonianza del gestore, i gusti tipici e i paesaggi mozzafiato, nel tentativo di scoprirne l’essenza a 360 gradi”.

Esigenze diverse quindi rispetto alle originali, che mettono parzialmente in discussione il concetto di rifugio alpino e di cui si discuterà durante il convegno internazionale “Rifugi in divenireorganizzato a Trento il 22 e 23 marzo dall’Accademia della Montagna.

“Cosa sono i rifugio alpini?” si legge nell’invito al convegno. “Punti d’appoggio a bassa quota per alpinisti, struttura di ospitalità  per i turisti della montagna o manufatti incustoditi che ricevono la visita di pochi temerari alpinisti in un anno?” Saper leggere le trasformazioni in corso o già avvenute è indispensabile per poter rispondere alla domanda attuale e per far vivere qualcosa che rischierebbe di diventare museo del passato: “oggi il servizio richiesto è meno spartano – continua Bonapace, che è anche gestore di un rifugio – più confortevole e attrezzato; ma non può snaturare il concetto primordiale di queste strutture, che oltre a dare ospitalità sono anche espressione di identità e cultura nella forma in cui sono state concepite”. Per questo le trasformazioni vanno monitorate e le soluzioni discusse.

Stanze piuttosto piccole e in condivisione come sempre, dunque, ma che garantiscono acqua, che rispettano le normative sulla sicurezza, che si rinnovano a livello tecnologico (basti pensare al nuovo Bivacco Gervasutti presentato da Greenews.info al Workshop IMAGE 2011).

Se l’attenzione alla sostenibilità delle strutture è da sempre priorità dei gestori e dei territori – che da tempo lavorano per l’eliminazione dei generatori a gasolio, per la produzione di energia pulita, per la differenziazione e il riciclo dei rifiuti – oggi il problema che si pone riguarda però la ristrutturazione vera e propria degli edifici di montagna. Aggiornare e riqualificare i servizi offerti, ma senza perdere la condivisione, l’appartenenza e l’essenza.

Come farlo? È meglio ristrutturare o demolire e ricostruire gli edifici di montagna? Integrarli nell’ambiente o costruire strutture avveniristiche “staccate” dalla montagna, come sue protesi? E’ questo il dilemma che sarà affrontato durante il convegno con i rappresentanti delle regioni che si affacciano sulle Alpi e nelle tre mostre aperte fino al 28 marzo, che indagano l’evoluzione degli edifici costruiti in alta montagna. La prima, a cura dell’associazione Cantieri d’Alta Quota ONLUS, intitolata “Rifugi alpini ieri e oggi” si concentra sull’evoluzione storica dei rifugi che costellano le Alpi dalla Francia alla Slovenia; la seconda  presenterà i 24 progetti presentati al concorso bandito nella Provincia di Bolzano nel 2012 per la ristrutturazione dei 3 rifugi di Ponte di Ghiaccio, Vittorio Veneto al Sasso Nero e Pio XII; la terza intitolata “Abitare minimo nelle Alpi” espone  progetti per la realizzazione di una cellula  minima, autonoma, reversibile, dedicata al ricovero temporaneo in alta quota.

“È il primo confronto internazionale organizzato su questa tematica, ci dice il presidente dell’Accademia, e l’obiettivo è quello di elaborare delle linee guida, un codice comune di riferimento a livello alpino”. La situazione al momento è abbastanza eterogenea: se in Svizzera si tentano costruzioni futuristiche, del tutto nuove e innovative, in Italia la tendenza è quella di ristrutturare l’esistente, nonostante sia la soluzione più dispendiosa e spesso problematica, andando avanti nel progresso, per esempio con la banda larga e i bacini di raccolta dell’acqua, ma mantenendo la struttura tradizionale, che nei territori e per la gente di montagna ha fatto la storia. “È necessario garantire l’accessibilità alle strutture, la soddisfazione dei bisogni di chi viene, che deve arrivare bene informata e riconoscendo la differenza tra un albergo e un rifugio ma a cui deve essere offerto un servizio adeguato”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende