Home » Eventi »Idee »Progetti » Da punto di partenza a punto di arrivo, come cambiano i rifugi di montagna:

Da punto di partenza a punto di arrivo, come cambiano i rifugi di montagna

marzo 21, 2013 Eventi, Idee, Progetti

Una volta c’erano gli alpinisti, che si muovevano per percorsi impervi e che dopo ore di scalata e esplorazione estrema cercavano riparo in un rifugio. Oggi sono gli escursionisti, che cercano, scoprono, leggono la natura e la cultura della montagna, abbandonando la sfida e il rischio a favore di un’avventura più moderata, bella e intensa ma forse più “facile”.

Così il rifugio cambia ruolo. I rifugi delle Alpi sono strutture di fine ’800 e sono la prima forma di turismo e accoglienza delle nostre montagne. In origine unico punto di partenza di percorsi più o meno controllati, oggi sono un migliaio o forse più (non esistono stime attendibili) e risultano invece essere meta di arrivo delle escursioni di un’utenza nuova, che vive la montagna “in trasversale” e non solo in verticale come faceva chi la arrampicava. ”In trasversale, ci spiega Egidio Bonapace, presidente dellAccademia della Montagna del Trentino, perché chi arriva oggi in un rifugio cerca l’identità della montagna, la testimonianza del gestore, i gusti tipici e i paesaggi mozzafiato, nel tentativo di scoprirne l’essenza a 360 gradi”.

Esigenze diverse quindi rispetto alle originali, che mettono parzialmente in discussione il concetto di rifugio alpino e di cui si discuterà durante il convegno internazionale “Rifugi in divenireorganizzato a Trento il 22 e 23 marzo dall’Accademia della Montagna.

“Cosa sono i rifugio alpini?” si legge nell’invito al convegno. “Punti d’appoggio a bassa quota per alpinisti, struttura di ospitalità  per i turisti della montagna o manufatti incustoditi che ricevono la visita di pochi temerari alpinisti in un anno?” Saper leggere le trasformazioni in corso o già avvenute è indispensabile per poter rispondere alla domanda attuale e per far vivere qualcosa che rischierebbe di diventare museo del passato: “oggi il servizio richiesto è meno spartano – continua Bonapace, che è anche gestore di un rifugio – più confortevole e attrezzato; ma non può snaturare il concetto primordiale di queste strutture, che oltre a dare ospitalità sono anche espressione di identità e cultura nella forma in cui sono state concepite”. Per questo le trasformazioni vanno monitorate e le soluzioni discusse.

Stanze piuttosto piccole e in condivisione come sempre, dunque, ma che garantiscono acqua, che rispettano le normative sulla sicurezza, che si rinnovano a livello tecnologico (basti pensare al nuovo Bivacco Gervasutti presentato da Greenews.info al Workshop IMAGE 2011).

Se l’attenzione alla sostenibilità delle strutture è da sempre priorità dei gestori e dei territori – che da tempo lavorano per l’eliminazione dei generatori a gasolio, per la produzione di energia pulita, per la differenziazione e il riciclo dei rifiuti – oggi il problema che si pone riguarda però la ristrutturazione vera e propria degli edifici di montagna. Aggiornare e riqualificare i servizi offerti, ma senza perdere la condivisione, l’appartenenza e l’essenza.

Come farlo? È meglio ristrutturare o demolire e ricostruire gli edifici di montagna? Integrarli nell’ambiente o costruire strutture avveniristiche “staccate” dalla montagna, come sue protesi? E’ questo il dilemma che sarà affrontato durante il convegno con i rappresentanti delle regioni che si affacciano sulle Alpi e nelle tre mostre aperte fino al 28 marzo, che indagano l’evoluzione degli edifici costruiti in alta montagna. La prima, a cura dell’associazione Cantieri d’Alta Quota ONLUS, intitolata “Rifugi alpini ieri e oggi” si concentra sull’evoluzione storica dei rifugi che costellano le Alpi dalla Francia alla Slovenia; la seconda  presenterà i 24 progetti presentati al concorso bandito nella Provincia di Bolzano nel 2012 per la ristrutturazione dei 3 rifugi di Ponte di Ghiaccio, Vittorio Veneto al Sasso Nero e Pio XII; la terza intitolata “Abitare minimo nelle Alpi” espone  progetti per la realizzazione di una cellula  minima, autonoma, reversibile, dedicata al ricovero temporaneo in alta quota.

“È il primo confronto internazionale organizzato su questa tematica, ci dice il presidente dell’Accademia, e l’obiettivo è quello di elaborare delle linee guida, un codice comune di riferimento a livello alpino”. La situazione al momento è abbastanza eterogenea: se in Svizzera si tentano costruzioni futuristiche, del tutto nuove e innovative, in Italia la tendenza è quella di ristrutturare l’esistente, nonostante sia la soluzione più dispendiosa e spesso problematica, andando avanti nel progresso, per esempio con la banda larga e i bacini di raccolta dell’acqua, ma mantenendo la struttura tradizionale, che nei territori e per la gente di montagna ha fatto la storia. “È necessario garantire l’accessibilità alle strutture, la soddisfazione dei bisogni di chi viene, che deve arrivare bene informata e riconoscendo la differenza tra un albergo e un rifugio ma a cui deve essere offerto un servizio adeguato”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende