Home » Progetti »Smart City » Da Torino parte VenTo, la pista ciclabile più lunga d’Italia:

Da Torino parte VenTo, la pista ciclabile più lunga d’Italia

settembre 3, 2012 Progetti, Smart City

Chiamarla semplicemente pista ciclabile sarebbe riduttivo. Nell’idea di coloro che l’hanno progettata, il lungo tracciato che dovrebbe attraversare da un capo all’altro la pianura Padana è una (ciclo)via per lo sviluppo sostenibile. VenTo, il percorso per le due ruote che dovrebbe collegare Venezia a Torino, da mesi è un progetto definito nei minimi dettagli, realizzato da un gruppo di ricercatori del Politecnico di Milano guidati dal coordinatore scientifico Paolo Pileri.

679 km sull’argine del fiume Po, tra la campagna e aree urbanizzate, toccando città d’arte e 15 parchi naturali. Dopo la progettazione, VenTo è entrato nella fase più difficile: trovare i finanziamenti e dare il via ai lavori. I costi, spiega Pileri, responsabile scientifico del progetto e docente al dipartimento di architettura e pianificazione del Politecnico milanese, sono meno di 100 milioni di euro in tre anni. “Su 679 km di tracciato 102 sono già ciclabili. Con una spesa molto bassa, 80 milioni di euro, pari a circa 118 euro al metro, si realizzerebbe la più lunga pista ciclabile italiana e una delle più lunghe ciclabili d’Europa. Un impegno che, se suddiviso tra Stato, 4 regioni e 12 province diverrebbe davvero leggero, circa 7 mln l’anno per le quattro regioni interessate dal suo percorso”. 80 milioni rappresentano “lo 0.01% della spesa pubblica annuale; come il costo di 1-2 km di autostrada, Ma serve l’impegno dello Stato, di 4 regioni, di 12 province, degli enti fluviali, di tutti i Comuni, coordinati da un soggetto unico”.

Soggetto che per adesso non ha ancora un’identità precisa. Un’ipotesi è che a guidare la realizzazione sia  l’Autorità di Bacino del Po, ma anche la città di Torino è molto entusiasta del progetto. VenTo sarà presentata domani pomeriggio nel capoluogo piemontese e, come spiegano dall’amministrazione, l’idea del Comune è di farsi capofila del progetto, guidando gli altri enti locali. “L’idea di collegare Torino con Venezia con un lungo nastro riservato alle biciclette è un sogno che oggi può diventare realtà. La bicicletta sta diventando uno strumento di trasporto sempre più diffuso e Torino si sta attrezzando per diventare una città dei ciclisti. La scelta della nostra città come capolinea del progetto VenTo può essere una straordinaria opportunità, un volano economico importante per la nostra green economy”, spiega l’assessore all’Ambiente del Comune Enzo Lavolta.

Ad alcune pubbliche amministrazioni che si sono appassionate a VenTo (più i Comuni delle Regioni, almeno per adesso), oltre 1.300 adesioni simboliche sono arrivate da singoli cittadini e amministratori, associazioni, sezioni locali della Fiab, sindaci (tra cui Gomito, San Benedetto Po, Casaletto Ceredano). L’intento del team del politecnico è di raccoglierle per fare lobby col governo centrale e quelli regionali e spingere per la realizzazione dell’opera. È una modalità nuova per la ricerca secondo Pileri: «Siamo operatori culturali, non abbiamo soldi per finanziare la ciclovia, ma possiamo far conoscere il più possibile il progetto attraverso il web e Facebook e renderci disponibili a fare incontri territoriali».

Le prospettive di crescita sostenibile per i territori toccati dalla ciclovia sarebbero molto positive, visto che, secondo le proiezioni del Politecnico, il progetto potrebbe generare ben 100 milioni di indotto l’anno solo dai 155.000 turisti stimati, senza parlare della quantità di posti di lavoro che verrebbero creati dalla sua realizzazione, ancora non stimati. I 40.000 km di ciclabili tedesche producono 8 miliardi di indotto all’anno, stabilmente. Sulla Vienna-Passau, lungo il Danubio, circolano 5mila cicloturisti al giorno e l’indotto turistico ed economico nel 2010 è stato di quasi 72 milioni di euro, 92 milioni quello ingenerato, nello stesso anno, dalla ciclovia tedesca lungo l’Elba, mentre i 200 km di ciclovie trentine nel 2011 hanno prodotto 86 milioni di euro. “Centinaia di migliaia – spiega il team del Politecnico – potrebbero essere i nuovi flussi di turisti lungo VenTo, che diverrebbero il motore per tante economie diffuse e per far ripartire la crescita…vere green economy: aziende agricole (14.000 sono quelle attraversate dal progetto), attività ricettive (300 per ora), attività commerciali (2.000) e tanti cittadini (oltre 1,5 milioni)”. Per i quali la lunga ciclovia “sarebbe un’ottima alternativa allo spostamento in macchina tra i paesi vicini, contribuendo ad alleggerire il traffico: quindi effetti benefici non solo per le tasche ma anche per la salute”.

Ma VenTo non si ferma qui e potrebbe crescere collegandosi con altre ciclabili (quella del Brennero-Peschiera-Mantova, la Torino-Nizza, Mantova-Ferrara-Adriatico, etc.) e raddoppiando sulla sponda opposta del Po. Sono infinite le potenzialità. Ancor più se si pensa che il tracciato sarebbe collegato al trasporto ferroviario e alla navigazione fluviale. Diventando un piccolo tassello della megapista transeuropea: “Si realizzerebbe – conclude Pileri –  il corridoio europeo Eurovelo 8 che congiunge Barcellona a Kiev, e il suo pezzo nodale è la valle del Po, che non è assolutamente attrezzata. In Europa non aspettano altro”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende