Home » Eventi »Green Economy »Idee »Progetti » Da Workshop IMAGE 2015 i “sette pilastri” per conciliare attività produttive ed ecoturismo:

Da Workshop IMAGE 2015 i “sette pilastri” per conciliare attività produttive ed ecoturismo

ottobre 22, 2015 Eventi, Green Economy, Idee, Progetti

A volte non servono grandi forum o meeting internazionali, ma bastano 50 “operatori del settore”, riuniti in una sala per qualche ora, per definire, in maniera semplice e pragmatica, cosa fare. E’ successo venerdì 16 ottobre a Torino, dove un gruppo di imprenditori, manager, professionisti, docenti universitari e rappresentanti dell’associazionismo e degli enti locali è stato chiamato a confrontarsi sul tema dell’ecoturismo, nella quinta edizione del Workshop Nazionale I.MA.G.E. Esperienze concrete, di chi lavora quotidianamente in un mercato dalle potenzialità enormi, ma ancora in buona parte inespresse. Perché, come ha ricordato in apertura l’ex Ministro dell’Agricoltura e dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, “in Italia si dice sempre che agricoltura e ambiente sono una priorità, ma poi non si fa nulla. Stesso discorso vale per il turismo e, ancor più, per l’ecoturismo: tutti lo invocano ma si vedono pochi fatti”. O fatti incoerenti e anacronistici, come il decreto Sblocca Italia, che autorizza nuove trivellazioni petrolifere sia nell’entroterra che a pochi chilometri dalle coste italiane.

Uno degli obiettivi del Workshop è stato quello di tradurre in azioni possibili queste “priorità”. E in particolare capire come conciliare le attività produttive con l’ecoturismo che, per generare sul territorio una ricchezza sostenibile e duratura ha bisogno di svilupparsi insieme alla tutela delle risorse naturali, paesaggistiche e culturali – sia nel senso immateriale delle tradizioni locali che in quello materiale dell’enogastronomia e delle architetture.

La chiave di volta è la riforma della fiscalità in senso ecologico, richiamata da Davide Mercati, di Aboca – caso più unico che raro di un’azienda farmaceutica con sede in 1.000 ettari di bosco e campi coltivati a biologico, sulle colline intorno ad Arezzo. Fiscalità ecologica significa ridurre gli oneri a carico dei produttori virtuosi, che generano meno “esternalità” e ribaltarli su chi inquina e crea, dunque, un danno ambientale e di salute alla collettività. Che, negli anni, diventa anche un costo economico per lo Stato (maggiorazione delle spese sanitarie, bonifiche ecc.). Questa rivoluzione – già timidamente tentata dagli ex ministri Clini e Passera negli anni scorsi e mai compresa dal Parlamento – deve essere opera del legislatore, ma necessita di un’azione di pressing e corretta informazione che dovrebbe partire dalle imprese stesse, dalla “società civile” e dai media. Questi ultimi per far comprendere al pubblico, innanzitutto, che non si tratta di “nuove tasse”, ma di uno spostamento, per portare le aziende più virtuose dal punto di vista ambientale ad essere più competitive.

Secondo punto fondamentale – sollevato da Michele Pagani, della Regione Liguria (che ha vissuto, negli anni del boom, l’esplosione del turismo di massa con la conseguente speculazione edilizia), e ripreso da Marco Moretti di Ecoturismo Report – è quello dei numeri. L’ecoturismo, così come le attività produttive che vogliano realmente definirsi sostenibili, non possono seguire un modello di crescita infinita, ma hanno un “limite di rottura” che non va oltrepassato e che va controbilanciato puntando sulla qualità piuttosto che sulla quantità.

Una buona convivenza tra attività produttive ed ecoturismo è solitamente ottenuta anche quando le aziende sono parte di un processo di filiera locale e, in qualche modo, dipendono dal territorio e dalle sue risorse naturali. Questo legame porta, generalmente, ad essere più rispettosi nei confronti dell’ambiente circostante e a sentirsi parte di una comunità a cui “rendere conto” (gli stakeholders).

Determinante è poi l’aspetto di integrazione paesaggistica, come ha ricordato Ferruccio Capitani di AIAPP, l’associazione nazionale degli architetti paesaggisti che, nel 2016, avrà a Torino il proprio Congresso Mondiale. Basti pensare che i “capannoni” delle Langhe sono stati il maggior impedimento durante la candidatura UNESCO, tanto che oggi – racconta Gianfranco Comaschi, dell’Associazione per la Tutela del Patrimonio Vitivinicolo di Langhe, Roero, Monferrato – sono già stati avviati progetti pilota per la rimozione delle strutture prefabbricate e il loro riciclo come materiale per la manutenzione dei manti stradali. Ma una buona regola, per il futuro, sarebbe anche quella di potenziare l’”archeologia industriale” e il recupero, attraverso intelligenti ristrutturazioni, di edifici esistenti con valore storico e testimoniale, come suggerisce il protocollo GBC Historic Building. I casi in Italia e in Europa non mancano e si è visto come queste stesse strutture, una volta riportate in vita e rifunzionalizzate, possano diventare ulteriore driver di un turismo legato alla cultura materiale del territorio. Va da sé che dove si costruisca, invece, ex novo, le architetture delle attività produttive debbano seguire i più rigorosi precetti di integrazione paesaggistica e utilizzo prevalente di materiali locali e della tradizione. Avere delle fabbriche “belle” non è utopia, è già successo in passato (prevalentemente tra la fine dell’Ottocento e l’inizio Novecento), grazie all’orgoglio e alla sensibilità di imprenditori illuminati.

L’aspirazione alla bellezza (oggetto di un recente disegno di legge avanzato da Legambiente) è, del resto, segno di civiltà, e dovrebbe diventare oggetto di educazione, a partire dalle scuole primarie fino alla formazione continua di manager e imprenditori, che – aggiunge Pecoraro Scanio – “non possono più limitarsi alle discipline gestionali, ma devono saper integrare, nella propria visione, le valutazioni di carattere ambientale e il rispetto del capitale naturale”.

Se, infine, si parla di produzioni agricole, è evidente che la conciliazione con le esigenze di un territorio a vocazione ecoturistica non possa che passare attraverso la conversione a metodi biologici e biodinamici, che mantengano la fertilità del suolo, la biodiversità e le produzioni autoctone, come i casi rappresentati in sala – tra i tanti esempi virtuosi in Italia – dalle aziende agricole albesi Tenuta Ca’ du Russ (promotrice del progetto Liberanatura nel comune di Castellinaldo) e Casa Scaparone.

Sono dunque sette i “pilastri”, individuati nel corso del 5° Workshop IMAGE, che vengono consegnati alla riflessione degli operatori del settore: fiscalità ecologica, crescita qualitativa più che quantitativa, valorizzazione e inserimento nelle filiere locali, integrazione nel paesaggio, recupero delle architetture industriali esistenti, educazione ambientale e formazione continua, produzioni agricole biologiche e biodinamiche. Gli organizzatori del meeting torinese provvederanno ora, grazie alla collaborazione con la Fondazione Univerde, a trasformarli in una campagna di sensibilizzazione che coinvolga e renda partecipi del cambiamento il mondo imprenditoriale e gli ordini professionali, ma anche i decisori politici ai vari livelli.

Le prossime iniziative verranno diffuse attraverso i social networks con l’hashtag #7pilastriecoturismo.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende