Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Datemi un pallet e vi solleverò il mondo. Intervista a Primo Barzoni:

Datemi un pallet e vi solleverò il mondo. Intervista a Primo Barzoni

ottobre 21, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Primo BarzoniIl re del Salone del Gusto 2010 è lui. La sua impronta è ovunque negli stand della fiera. Anche se non produce cibo, ma si limita a movimentarlo, nel modo più sano, giusto e pulito possibile, come vuole Slow Food. Primo Barzoni, presidente di Palm SpA quest’anno ha letteralmente invaso Terra Madre e il Salone di Torino con i suoi greenpallet, di cui sabato presenterà il disciplinare e che, al termine della fiera, torneranno nel ciclo produttivo grazie a Lavazza e Mapei

Per ridurre l’impatto dell’evento, tutte le bancarelle, gli stand del mercato e altre aree espositive del Salone del Gusto saranno infatti allestite con i Greenpallet®, progettati secondo i principi dell’eco-design, realizzati con legname certificato FSC e PEFC e accompagnati dall’etichetta AssoSCAI, l’Associazione per lo Sviluppo della Competitività Ambientale di Impresa.

Barzoni, a capo, insieme agli altri sette fratelli, di un’azienda che da falegnameria in provincia di Mantova, è diventata, in pochi decenni, il leader del pallet in Italia, è riuscito dunque in un’altra – più signficativa – impresa, che qualche anno fa sarebbe potuta sembrare semplicemente irrealizzabile, se non folle: trasformare il supporto principale di ogni logistica aziendale, il “bancale”, invisibile al consumatore, non solo in un elemento di riduzione del proprio impatto ambientale, ma anche in un oggetto di design, per formare i bambini delle scuole e allestire gli stand di manifestazioni fieristiche e grandi eventi.

L'approccio sistemico di Palm e Slow food, Courtesy of Palm SpAD) Come è nata la partnership con il Salone del Gusto?

R) Sono, da tempo, un frequentatore del Salone e tre anni fa abbiamo avuto dei contatti con Slow Food: i loro presidi sono stati i primi a lavorare alla sostenibilità degli imballaggi dei prodotti e quest’anno parteciperemo anche noi alla premiazione dei migliori. Palm porta avanti un percorso parallelo, aiutando la riduzione della carbon footprint di filiera, che nel nostro caso ha raggiunto il -18% rispetto al 2007. Qualche anno fa abbiamo iniziato a lavorare anche sull’allestimento sostenibile degli spazi nudi in fiera, a Ecomondo e al Sana. In quei casi si trattava di pallet di recupero, che però non a tutti piace. Al Salone del Gusto di quest’anno presentiamo invece, per la prima volta, un approccio diverso: abbiamo coinvolto due nostri clienti storici, Lavazza e Mapei, che reimmetteranno nel ciclo produttivo i quasi 10.000 pallet nuovi, utilizzati per allestire 7.000 mq. di stand.

D) Ma che giro fa solitamente un pallet? Lo spieghi a chi non è del settore.

R) L’azienda ci commissiona un certo quantitativo di pallet, che vengono prodotti e inviati al cliente, il quale li usa per consegnare la merce alla grande distribuzione. Qui si crea a volte il “buco nero” dell’illegalità: 4/5 pallet su 10 non ritornano all’azienda – nè i propri nè quelli equivalenti, dello stesso formato (che è standard per garantire l’intercambiabilità). Così si perde la tracciabilità, con il rischio che un pallet utilizzato per trasportare bidoni di prodotti chimici, magari velenosi, venga poi usato da un produttore biologico, creando una contaminazione del prodotto e un pericolo per la salute. Il nostro pallet è interamente tracciato e arriva da boschi e foreste certificate e fornitori che aderiscono alla carta Valore Sociale. Il 25% del legno è recuperato inoltre da pioppeti entro i 70 km.

D) Per capire meglio l’impatto di questa filiera ci può dare qualche dato?

R) L’Italia è il terzo produttore in Europa, con 200 milioni di pallet all’anno. Palm ne fabbrica circa 2 milioni e mezzo, in 1.200 modelli diversi, perchè seguiamo la logica dell’ecodesign, ovvero li progettiamo insieme al cliente secondo le particolari esigenze di prodotto, di portata, movimentazione e del mercato di destinazione.  

D) E quali merci trasportate?

R) Un po’di tutto, alimentari, ceramiche, prodotti di vetrerie e del settore edile e chimico, parti meccaniche, caslinghi, abiti, arredamenti… Il settore food è quello più sensibile al tema dell’ecosostenibilità perchè è quello con maggiori obblighi nei confronti del consumatore. Per questo siamo molto attenti agli sviluppi dell’approccio sistemico del professor Bistagnino, nato intorno a Slow Food e all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, che cercano di educare il consumatore a una nuova e più organica concezione del cibo. Il disciplinare del greenpallet, che presenteremo sabato, vi si avvicina attraverso i concetti di pulito, sicuro e salubre. Quando si pensa a un prodotto, bisogna pensare subito a tutta la catena di fornitura. Quindi non cercare un packaging dopo averlo creato, ma progettare subito tutta la catena, dalla produzione, all’imballaggio, al trasporto alla dismissione.

Andrea Gandiglio 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

maggio 4, 2018

Nasce il Circular Economy Network: Italia al secondo posto in Europa per riciclo

A giugno verrà approvato in via definitiva il pacchetto europeo sull’economia circolare e già oggi nasce il Circular Economy Network, l’osservatorio della circolarità in Italia creato dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da un gruppo di 13 aziende e associazioni di impresa che vanno dai consorzi di riciclo alle industrie di bioplastiche, dalle acque [...]

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

maggio 4, 2018

Bike Pride e Brompton sfilano per Torino a favore del ciclismo urbano

Domenica 6 maggio 2018, al Parco del Valentino di Torino torna protagonista la bicicletta con due importanti eventi dedicati al mondo del ciclismo urbano: la IX edizione del “Bike Pride”, la tradizionale parata annuale di biciclette organizzata dall’Associazione Bike Pride Fiab Torino, e la V edizione del Brompton World Championship, un evento dedicato agli appassionati [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende