Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Datemi un pallet e vi solleverò il mondo. Intervista a Primo Barzoni:

Datemi un pallet e vi solleverò il mondo. Intervista a Primo Barzoni

ottobre 21, 2010 Aziende, Pratiche, Progetti

Primo BarzoniIl re del Salone del Gusto 2010 è lui. La sua impronta è ovunque negli stand della fiera. Anche se non produce cibo, ma si limita a movimentarlo, nel modo più sano, giusto e pulito possibile, come vuole Slow Food. Primo Barzoni, presidente di Palm SpA quest’anno ha letteralmente invaso Terra Madre e il Salone di Torino con i suoi greenpallet, di cui sabato presenterà il disciplinare e che, al termine della fiera, torneranno nel ciclo produttivo grazie a Lavazza e Mapei

Per ridurre l’impatto dell’evento, tutte le bancarelle, gli stand del mercato e altre aree espositive del Salone del Gusto saranno infatti allestite con i Greenpallet®, progettati secondo i principi dell’eco-design, realizzati con legname certificato FSC e PEFC e accompagnati dall’etichetta AssoSCAI, l’Associazione per lo Sviluppo della Competitività Ambientale di Impresa.

Barzoni, a capo, insieme agli altri sette fratelli, di un’azienda che da falegnameria in provincia di Mantova, è diventata, in pochi decenni, il leader del pallet in Italia, è riuscito dunque in un’altra – più signficativa – impresa, che qualche anno fa sarebbe potuta sembrare semplicemente irrealizzabile, se non folle: trasformare il supporto principale di ogni logistica aziendale, il “bancale”, invisibile al consumatore, non solo in un elemento di riduzione del proprio impatto ambientale, ma anche in un oggetto di design, per formare i bambini delle scuole e allestire gli stand di manifestazioni fieristiche e grandi eventi.

L'approccio sistemico di Palm e Slow food, Courtesy of Palm SpAD) Come è nata la partnership con il Salone del Gusto?

R) Sono, da tempo, un frequentatore del Salone e tre anni fa abbiamo avuto dei contatti con Slow Food: i loro presidi sono stati i primi a lavorare alla sostenibilità degli imballaggi dei prodotti e quest’anno parteciperemo anche noi alla premiazione dei migliori. Palm porta avanti un percorso parallelo, aiutando la riduzione della carbon footprint di filiera, che nel nostro caso ha raggiunto il -18% rispetto al 2007. Qualche anno fa abbiamo iniziato a lavorare anche sull’allestimento sostenibile degli spazi nudi in fiera, a Ecomondo e al Sana. In quei casi si trattava di pallet di recupero, che però non a tutti piace. Al Salone del Gusto di quest’anno presentiamo invece, per la prima volta, un approccio diverso: abbiamo coinvolto due nostri clienti storici, Lavazza e Mapei, che reimmetteranno nel ciclo produttivo i quasi 10.000 pallet nuovi, utilizzati per allestire 7.000 mq. di stand.

D) Ma che giro fa solitamente un pallet? Lo spieghi a chi non è del settore.

R) L’azienda ci commissiona un certo quantitativo di pallet, che vengono prodotti e inviati al cliente, il quale li usa per consegnare la merce alla grande distribuzione. Qui si crea a volte il “buco nero” dell’illegalità: 4/5 pallet su 10 non ritornano all’azienda – nè i propri nè quelli equivalenti, dello stesso formato (che è standard per garantire l’intercambiabilità). Così si perde la tracciabilità, con il rischio che un pallet utilizzato per trasportare bidoni di prodotti chimici, magari velenosi, venga poi usato da un produttore biologico, creando una contaminazione del prodotto e un pericolo per la salute. Il nostro pallet è interamente tracciato e arriva da boschi e foreste certificate e fornitori che aderiscono alla carta Valore Sociale. Il 25% del legno è recuperato inoltre da pioppeti entro i 70 km.

D) Per capire meglio l’impatto di questa filiera ci può dare qualche dato?

R) L’Italia è il terzo produttore in Europa, con 200 milioni di pallet all’anno. Palm ne fabbrica circa 2 milioni e mezzo, in 1.200 modelli diversi, perchè seguiamo la logica dell’ecodesign, ovvero li progettiamo insieme al cliente secondo le particolari esigenze di prodotto, di portata, movimentazione e del mercato di destinazione.  

D) E quali merci trasportate?

R) Un po’di tutto, alimentari, ceramiche, prodotti di vetrerie e del settore edile e chimico, parti meccaniche, caslinghi, abiti, arredamenti… Il settore food è quello più sensibile al tema dell’ecosostenibilità perchè è quello con maggiori obblighi nei confronti del consumatore. Per questo siamo molto attenti agli sviluppi dell’approccio sistemico del professor Bistagnino, nato intorno a Slow Food e all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, che cercano di educare il consumatore a una nuova e più organica concezione del cibo. Il disciplinare del greenpallet, che presenteremo sabato, vi si avvicina attraverso i concetti di pulito, sicuro e salubre. Quando si pensa a un prodotto, bisogna pensare subito a tutta la catena di fornitura. Quindi non cercare un packaging dopo averlo creato, ma progettare subito tutta la catena, dalla produzione, all’imballaggio, al trasporto alla dismissione.

Andrea Gandiglio 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende