Home » Progetti » Donnedamare: il Manifesto per un turismo balneare sostenibile:

Donnedamare: il Manifesto per un turismo balneare sostenibile

marzo 6, 2015 Progetti

È una vera e propria rete di promotori quella che si muove e che si sta rafforzando a favore di un turismo balneare sostenibile, attento alla natura e all’ambiente, consapevole di quanto cultura locale e territorio siano un bene da preservare ed esaltare, alla base della crescita anche economica del nostro Paese. E proprio per fare sistema intorno a questo presupposto condiviso, Donnedamare per l’Impresa Balneare, l’associazione culturale che raggruppa una parte significativa dell’imprenditoria femminile “sensibile” del settore, ha avviato uno studio in collaborazione con CESAB, centro di ricerche interuniversitario in scienze ambientali e biotecnologie, per lo sviluppo sostenibile della ricettività marina.

“Il Manifesto che stiamo divulgando principalmente attraverso il Blog e la pagina di Facebook- spiega Bettina Bolla, la Presidente di Donnedamare- è il risultato di una prima fase di indagine, nasce dall’analisi delle buone pratiche già attuate dagli stabilimenti balneari più attenti e virtuosi e ne è una sintesi”. Nato dal confronto e dalla condivisione tra le diverse realtà del territorio (sono stati coinvolti nell’elaborazione anche l’ UBI, Unione Balneari Italiani e il portale web Eco Spiagge), il decalogo si compone di 10 punti considerati principi fondamentali per una gestione intelligente dei servizi e dei patrimoni marini e si rivolge non solo agli operatori del settore balneare ma anche alle aziende che operano nell’ambito del sistema mare, per fare si che questi impegni si trasformino in una cultura profonda e consapevole di quanti vivono e lavorano sul mare e con il mare.

“Il mare deve essere accessibile a tutti” è il primo comandamento, a cui seguono una gestione degli spazi ecosostenibile perché l’ambiente è di tutti e noi ne siamo semplici custodi, e l’accoglienza, curata ma inevitabilmente sostenibile e accessibile, agli occhi dell’uomo e dell’intero ecosistema. Salvaguardare la natura per il rispetto delle riviere; puntare alla sostenibilità energetica in quanto necessità poiché “L’energia è della natura”, e a quella acustica per il rispetto degli altri e delle “onde di mari e laghi che parlano con la musica”. Secondo il Manifesto, uno sviluppo sostenibile deve prevedere l’uso intelligente e non schiavizzante delle nuove tecnologie, e deve essere in grado di comunicare la cultura e l’unicità dei luoghi, e di sensibilizzare e formare i cittadini, chi  lavora con il mare e chi ne gode la bellezza.

“È stato un lavoro lungo e impegnativo ma questo documento testimonia in pieno la nostra idea di turismo ecosostenibile. Siamo anche molto soddisfatte perché nella lunga collaborazione e nel confronto con CESAB abbiamo potuto rilevare che molte delle nostre aziende già attuano sistematicamente molte delle buone pratiche definite nel Manifesto. Molte delle nostre strutture sono già all’avanguardia soprattutto nella gestione ambientale e nell’attività di formazione e informazione di tutti i nostri ospiti e soprattutto dei bambini sul rispetto del mare e delle spiagge che sono elementi di un ecosistema da tutelare con ogni strumento”.

Aderire al decalogo significa certificare la qualità delle strutture e le best practice che l’operatore attua nella gestione e “ questa prima fase – continua la Presidente- ne seguirà una seconda per l’elaborazione di un albo per stabilimenti balneari ecosostenibili, nella quale il CESAB svolgerà il ruolo di controllo”.

Secondo il Presidente di Eco Spiagge Domenico Marchetti è importante continuare a lavorare  sulla sensibilizzazione di tutti gli operatori del settore, stabilimenti e altre strutture ricettive, ma anche dei turisti, che sempre di più cercano e scelgono la vacanza smart. “I turisti che si presentano presso le nostre strutture senza auto e che quindi hanno viaggiato in bus o treno, ricevono un regalo del valore di oltre 10 euro. Sono lampade a basso consumo, così, oltre ad aver “risparmiato” l’ambiente di uno spostamento più impattante, continueranno a rispettarlo anche al ritorno a casa”. “La nostra associazione – aggiunge Marchetti – lavora dal 2003 per la promozione del turismo sostenibile, a partire dalla Romagna, dove gli stabilimenti organizzavano raccolta differenziata e installavano pannelli fotovoltaici quando ancora se ne parlava pochissimo”.

Il Manifesto, che ha ricevuto il patrocinio di Legambiente e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per la partecipazione ad alcuni eventi nazionali, è stato presentato in occasione del convegno “Legalità e sviluppo sostenibile per le Imprese Turistico Ricettive”, organizzato il 23 febbraio scorso dai Balneari Toscana, a cui tra gli altri hanno partecipato la giornalista di Repubblica Federica Angeli e Angelo Gentili responsabile nazionale del Turismo di Legambiente. “Mi auguro che da questo momento in avanti – commenta Bettina Bolla- il convegno di Carrara rappresenti la chiave di volta per la costruzione di un patto tra concessionari balneari, Legambiente e territori, con la creazione di un albo che permetterà di far emergere le tante realtà buone, ricordando che gli stabilimenti balneari sono presidi dei territori, li raccontano e li tutelano, ne condividono e ne diffondono le tradizioni poiché gestiti da gente del posto. Farebbero la stessa cosa le multinazionali o i grandi gruppi? Fa piacere inoltre sapere – conclude Bolla – che Legambiente è dalla nostra parte poiché ha espresso la chiara volontà di tutelare i piccoli concessionari balneari che preservano l’ambiente”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende