Home » Progetti » Donnedamare: il Manifesto per un turismo balneare sostenibile:

Donnedamare: il Manifesto per un turismo balneare sostenibile

marzo 6, 2015 Progetti

È una vera e propria rete di promotori quella che si muove e che si sta rafforzando a favore di un turismo balneare sostenibile, attento alla natura e all’ambiente, consapevole di quanto cultura locale e territorio siano un bene da preservare ed esaltare, alla base della crescita anche economica del nostro Paese. E proprio per fare sistema intorno a questo presupposto condiviso, Donnedamare per l’Impresa Balneare, l’associazione culturale che raggruppa una parte significativa dell’imprenditoria femminile “sensibile” del settore, ha avviato uno studio in collaborazione con CESAB, centro di ricerche interuniversitario in scienze ambientali e biotecnologie, per lo sviluppo sostenibile della ricettività marina.

“Il Manifesto che stiamo divulgando principalmente attraverso il Blog e la pagina di Facebook- spiega Bettina Bolla, la Presidente di Donnedamare- è il risultato di una prima fase di indagine, nasce dall’analisi delle buone pratiche già attuate dagli stabilimenti balneari più attenti e virtuosi e ne è una sintesi”. Nato dal confronto e dalla condivisione tra le diverse realtà del territorio (sono stati coinvolti nell’elaborazione anche l’ UBI, Unione Balneari Italiani e il portale web Eco Spiagge), il decalogo si compone di 10 punti considerati principi fondamentali per una gestione intelligente dei servizi e dei patrimoni marini e si rivolge non solo agli operatori del settore balneare ma anche alle aziende che operano nell’ambito del sistema mare, per fare si che questi impegni si trasformino in una cultura profonda e consapevole di quanti vivono e lavorano sul mare e con il mare.

“Il mare deve essere accessibile a tutti” è il primo comandamento, a cui seguono una gestione degli spazi ecosostenibile perché l’ambiente è di tutti e noi ne siamo semplici custodi, e l’accoglienza, curata ma inevitabilmente sostenibile e accessibile, agli occhi dell’uomo e dell’intero ecosistema. Salvaguardare la natura per il rispetto delle riviere; puntare alla sostenibilità energetica in quanto necessità poiché “L’energia è della natura”, e a quella acustica per il rispetto degli altri e delle “onde di mari e laghi che parlano con la musica”. Secondo il Manifesto, uno sviluppo sostenibile deve prevedere l’uso intelligente e non schiavizzante delle nuove tecnologie, e deve essere in grado di comunicare la cultura e l’unicità dei luoghi, e di sensibilizzare e formare i cittadini, chi  lavora con il mare e chi ne gode la bellezza.

“È stato un lavoro lungo e impegnativo ma questo documento testimonia in pieno la nostra idea di turismo ecosostenibile. Siamo anche molto soddisfatte perché nella lunga collaborazione e nel confronto con CESAB abbiamo potuto rilevare che molte delle nostre aziende già attuano sistematicamente molte delle buone pratiche definite nel Manifesto. Molte delle nostre strutture sono già all’avanguardia soprattutto nella gestione ambientale e nell’attività di formazione e informazione di tutti i nostri ospiti e soprattutto dei bambini sul rispetto del mare e delle spiagge che sono elementi di un ecosistema da tutelare con ogni strumento”.

Aderire al decalogo significa certificare la qualità delle strutture e le best practice che l’operatore attua nella gestione e “ questa prima fase – continua la Presidente- ne seguirà una seconda per l’elaborazione di un albo per stabilimenti balneari ecosostenibili, nella quale il CESAB svolgerà il ruolo di controllo”.

Secondo il Presidente di Eco Spiagge Domenico Marchetti è importante continuare a lavorare  sulla sensibilizzazione di tutti gli operatori del settore, stabilimenti e altre strutture ricettive, ma anche dei turisti, che sempre di più cercano e scelgono la vacanza smart. “I turisti che si presentano presso le nostre strutture senza auto e che quindi hanno viaggiato in bus o treno, ricevono un regalo del valore di oltre 10 euro. Sono lampade a basso consumo, così, oltre ad aver “risparmiato” l’ambiente di uno spostamento più impattante, continueranno a rispettarlo anche al ritorno a casa”. “La nostra associazione – aggiunge Marchetti – lavora dal 2003 per la promozione del turismo sostenibile, a partire dalla Romagna, dove gli stabilimenti organizzavano raccolta differenziata e installavano pannelli fotovoltaici quando ancora se ne parlava pochissimo”.

Il Manifesto, che ha ricevuto il patrocinio di Legambiente e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per la partecipazione ad alcuni eventi nazionali, è stato presentato in occasione del convegno “Legalità e sviluppo sostenibile per le Imprese Turistico Ricettive”, organizzato il 23 febbraio scorso dai Balneari Toscana, a cui tra gli altri hanno partecipato la giornalista di Repubblica Federica Angeli e Angelo Gentili responsabile nazionale del Turismo di Legambiente. “Mi auguro che da questo momento in avanti – commenta Bettina Bolla- il convegno di Carrara rappresenti la chiave di volta per la costruzione di un patto tra concessionari balneari, Legambiente e territori, con la creazione di un albo che permetterà di far emergere le tante realtà buone, ricordando che gli stabilimenti balneari sono presidi dei territori, li raccontano e li tutelano, ne condividono e ne diffondono le tradizioni poiché gestiti da gente del posto. Farebbero la stessa cosa le multinazionali o i grandi gruppi? Fa piacere inoltre sapere – conclude Bolla – che Legambiente è dalla nostra parte poiché ha espresso la chiara volontà di tutelare i piccoli concessionari balneari che preservano l’ambiente”.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende